Settant’anni della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo

All’importante anniversario, Amnesty International, che trae dalla Dichiarazione il suo mandato, ha dedicato con altre associazioni un libro intitolato “In arte DUDU”, sostanzialmente la Dichiarazione Universale dei Diritti umani illustrata da giovani artisti italiani, un’illustrazione per ognuno dei 30 articoli che compongono l’importante documento, nato dopo la tragica e sanguinosa seconda guerra mondiale.

Gli artisti sono Alessio-B, Alessio Bolognesi, Tony Gallo, Psiko, Marco Mei, Federica Carioli, Giusy Guerriero, Alessandra Carloni, Brome, Zentequerente, Artax, Eliana Albertini, Phobos, Anita Barghigiani, Centocanesio, Riccardo Buonafede, Federica Manfredi, Stefano Reolon, Cristina Chiappinelli, Flavia Fanara, Giulia Quagli, Alberto Cristini, Violetta Carpino, Herschel & Svarion, Ivano Petrucci, Camilla Garofano, Miriam Serafin.

Un volume curato come un albo illustrato e particolarmente adatto a tutti, non soltanto per conoscere e studiare la Dichiarazione, quanto per comprenderla e, soprattutto, riflettervi. Ad ogni artista sono dedicate tre pagine: una per l’opera vera e propria a colori, e due in cui l’opera diventa sfondo e altro modo per vederla: sfuocata, in penombra, in dissoluzione, in nascita a seconda di come si vuole e si può interpretare quell’articolo della Dichiarazione. Le pagine si prestano per essere scritte o meditate, con un vuoto che, finalmente, crea spazio alla mente e permette di volare al di sopra dei segni scritti, al di sopra delle stesse parole, per generare vita e vitalità ad un documento che non ha 70 anni, non è lettera morta, non è finito in una rilegatura da mettere in bella linea nello scaffale. Cadiamo nel testo e diventiamo un po’ i bambini all’articolo 1, volenterosi di disegnare il mondo, ma anche la testa dalla quale, anziché i capelli, nasce un albero. Colori e dissoluzione, sfumature e tinte forti, in tratti tutti ben disegnati che offrono l’occasione di conoscere ottimi disegnatori, artisti del disegno che mai come oggi ha un’importante funzione sociale.

La Dichiarazione va fatta conoscere a tutti, dai bambini agli adulti e soprattutto agli adulti che arrivano nel nostro Paese da altri in cui non sempre i Diritti dell’Uomo vengono rispettati. Abbiamo tutti il dovere di conoscere nel profondo ogni articolo per trasmetterlo come cultura sulla quale non discutere, in nome del rispetto di ogni cultura e ideologia, perché se la cultura e l’ideologia non conosce e, soprattutto non rispetta, la Dichiarazione stessa, non bisogna porre tempo in mezzo: si deve mettere in atto ogni mezzo, coerente e democratico, per farla diventare parte della persona e parte dell’essere. Ma se non sappiamo nemmeno cos’è? E a cosa serve? E a cosa è servita? Bisogna aiutare le associazioni come Amnesty International, che operano da ben prima di tanti fatti di cronaca recenti, perché ci sia davvero una coscienza umana universale, come da DUDU vuole.

“In arte DUDU”, a cura di Melania Ruggini e Michele Lionello, un progetto dell’Associazione Voci per la Libertà, 2018

Alessia Biasiolo

 

Evviva i diritti!

Una storia per raccontare ai bambini come sono nati, cosa sono e a cosa servono i Diritti Umani, cioè ciò che contraddistingue ognuno di noi, di cui siamo depositari e che ognuno è chiamato non solo a conoscere, ma anche a difendere. Ecco allora che una maestra decide di parlarne e si materializzano i motivi per cui un bambino è diverso, ha il diritto di esserlo e come si deve fare per rispettarlo. Infatti, rispetto a queste tematiche, si è sempre pronti a identificare come diverso, bisognoso di aiuto e di comprensione, della solidarietà di ciascuno, colui o colei che arriva da un altro Paese, che ha caratteristiche differenti, come il colore della pelle, un diverso modo di vestire, eccetera. Più complicato è accettare, invece, che il diverso sia esattamente come noi, bianco, cattolico, con lo stesso colore di capelli, ma con un modo di fare, di pensare, di vivere diverso. Forse soltanto perché più estroverso o più introverso, perché dotato per lo studio o perché dotato per la lettura, il disegno, lo sport, la musica. La persona identificata come uguale, non depositaria di necessità di bontà e umanità, per la società deve essere uguale alla massa, avere lo stesso WhatsApp, il telefonino, non eccellere, non diventare capace di fare sentire massa la massa. Altrimenti diventa oggetto di bullizzazione anche da parte di coloro che meno sembrerebbero atti ad essere o diventare bulli. È sottile la linea scolastica, in un mondo scuola in cui l’insegnante è sovraccaricato di doveri, ma non ha poteri. Deve controllare che non si utilizzi il telefono cellulare in classe, ma non può nemmeno toccarlo se lo vede in mano ad un discente. E così via. La società odierna non fa altro che spostare l’attenzione all’altro: gli altri devono fare, gli altri devono essere responsabili, gli altri se ne devono occupare e fare carico. Quindi ben venga l’idea, con un agile libro facilmente leggibile sia a casa che in classe, sia da soli che letto da nonni e genitori ad alta voce (magari fosse vero!) di sottolineare come si è arrivati a tanto diritto, ma come siano troppe le persone che pensano al diritto come a tutt’altro rispetto a quello che è. Alessandra Sala inventa allora una trama particolarmente adatta ai bambini e consiglio di leggerla, soprattutto come sussidio didattico. Ben congegnata, la storia conduce i bambini nel loro mondo fatto di immagini, dove non manca un tocco di fiabesco e dove la fantasia non è preconfezionata, come purtroppo sono abituati adesso.

Il testo è impreziosito da illustrazioni a fumetti di Laura Penone.

Alessandra Sala: “Evvai coi Diritti!”, Paoline, Milano, 2018, pagg. 160; euro 13.00

 

Alessia Biasiolo

 

Padre Pino Puglisi. Un supereroe rompiscatole

Si definiva proprio così, padre Puglisi: un rompiscatole. Nel senso che si era presentato a dei ragazzi con delle scatole in mano e le aveva rotte. Rompeva gli schemi di chi pensava di sapere tutto della vita, di averla impostata per sé sulla falsariga di quella che si vedeva intorno, vissuta da gente abituata ad usare gli altri. Per soldi, per lavori anche non legali, per perpetuare quello che, in Sicilia soprattutto, già il Gattopardo aveva detto che non doveva cambiare mai. Anzi, sì, cambiare, ma affinché tutto rimanesse come prima, immutato.

L’abitudine all’omertà, a quel non dire che è tanto più velenoso quanto più appartiene al vissuto quotidiano: non dire la verità, non parlare con il vicino, anche delle più futili cose viste o sentite, così non si sa, così c’è il torbido che, prima o poi, fa comodo a tutti. Poi ci sono le persone, quelle con le P maiuscole. Puglisi di P ne aveva addirittura quattro: padre, Pino, Puglisi, prete. Qualcosa che proprio non andava: prete. E uno di quelli che non assomiglia affatto, neanche lontanamente, neanche quando potrebbe fare più comodo, a don Abbondio. Puglisi ci vedeva benissimo e capiva il suo mondo, la sua gente, da dentro, per averla vissuta. Per avere condiviso le stesse paure, le stesse tragedie, le stesse omertà, anche quelle più innocue.

E ha cambiato il mondo. Da martire. Lasciandoci la vita, ma cambiando. Innanzitutto se stesso, come sempre bisogna fare. Poi, pian piano, i ragazzi accanto a lui e poi sempre più gente che si è abituata a fidarsi, a credere in lui e nella speranza. Poi la speranza è stata uccisa. Ricordo di avere visto in televisione l’intervista all’assassino. Conclusasi con l’affermazione di avere ucciso un santo e di doverci convivere. Con un sorriso, il suo, rimasto dentro e che non si è cancellato più.

Secondo la storia di Puglisi raccontata da Pappalardo in questo agile volume, se gli avessero dato la possibilità di parlare, di fare entrare i suoi assassini in casa, per bere un caffè, si sarebbero capiti. Almeno capiti, prima dello sparo. In realtà penso che tutti abbiano capito benissimo, al punto da ritenere il prete pericoloso più di qualsiasi altra cosa. Lui avrebbe cambiato davvero il suo pezzo di mondo, ci stava riuscendo e anche bene. Lui aveva il dono della parola e della Parola, ancora due P, e sapeva quanto contava, quanto poteva essere efficace. Parlare, al posto di stare zitti. Leggere il Vangelo e metterlo in pratica, anche morendo. Per lasciare la terra irrorata di sangue fertile, fervente e vivo ancora. Risuonano le parole dei tentatori in “Assassinio nella cattedrale”: un sacerdote morto sarebbe rimasto per sempre, nella gloria degli altari; chiunque, per quanto grande, si dimentica prima o poi, mentre un santo no, è perenne memoria, potenza sopra qualsiasi potenza umana. Ed avevano ragione: padre Puglisi vive ancora con il suo insegnamento che siamo noi. Un libro utile soprattutto per fare conoscere la figura del prete “supereroe” ai giovani.

 

Marco Pappalardo: “Padre Pino Puglisi”, Paoline, Milano, 2018, pagg. 112; euro 11,90

Alessia Biasiolo

 

Ti aspetto da Ilaria

Un romanzo adatto a tutti, quello proposto da Maria Luisa Catalano per i tipi Paoline. Intorno ad una storia di vita e ad una stanza, si inanellano aspettative, timori, un’adolescenza complicata dalla malattia, il senso dell’amicizia e della solidarietà. Tra gli attori della storia, la figura di un prete come non si raccontano spesso, tanto che si pensa non esistano più, se non nei telefilm. Un prete che si occupa di catechesi, di processioni, di un gruppo di ragazzi, di portare da mangiare ai poveri, ma anche di andare a trovare Ilaria. E di mandarci anche qualcun altro. Ilaria ha bisogno di parlare, di parlare di sé, della sua storia tanto assurda che, quando si trova in ospedale, scopre essere normale, anche di altri. Sta male, viene quasi accusata di non voler mangiare, di essere anoressica. Invece subisce il trapianto di intestino, cure e tanto dolore. In tutto questo, l’amore dei genitori, la madre che diventa la sua infermiera personale, tanto da lasciare il lavoro per questo. L’amore del padre, della sorella, di chi le diventa amico. Davanti all’indifferenza e al dolore di chi conosceva e che non si è più fatto vedere. Difficile la malattia. Perché chi va a trovare un malato lo vede per qualche minuto, per alcune ore. Mentre la malattia resta, il dolore continua, l’alimentazione forzata e l’impossibilità di camminare, costretti su una sedia a rotelle, anche. La storia di Ilaria insegna gli attimi, tutti quanti così importanti. Ilaria non giudica e vive l’attimo dell’amicizia come un dono. Racconta la sua storia per farla diventare un libro, grazie alla penna di Maria Luisa, per raccontare le ingiustizie, la scarsa assistenza domiciliare, l’indifferenza di alcuni medici e l’abnegazione di altri. Il racconto dà luce alla parola, quella determinante per noi esseri umani, che ci contraddistingue e ci determina. Ci permette di dire chi siamo. E se noi diciamo chi siamo, anche gli altri possono imparare chi sono. Sopra tutto la Fede, un dono che Ilaria accetta e arricchisce con la propria esperienza esistenziale, senza omettere la rabbia, senza omettere di ringraziare per tutto ciò, anche di piccolo e bello, ha.

Un libro che si legge in fretta, ma che sa rimanere dentro.

 

Maria Luisa Catalano: “Ti aspetto da Ilaria”, Paoline, Milano, 2018, pagg. 208, euro 14.00

 

Alessia Biasiolo

 

 

“L’arte di produrre Arte. Competitività e innovazione nella Cultura e nel Turismo”

Terzo volume di una collana che si occupa de “L’Arte di produrre Arte”, “Competitività e innovazione nella Cultura e nel Turismo” fornisce un’immagine della dimensione e delle dinamiche dell’Industria Culturale e Creativa (ICC) italiana in confronto con quella di altri Paesi europei, indagando in modo particolare il comparto dell’industria culturale legato all’innovazione.

Il tema dell’innovazione, al centro di questo Rapporto riguarda quella prodotta dalla rivoluzione informatica e dalla diffusione del digitale che ha modificato sia le modalità di produrre e consumare cultura, sia il rapporto fra domanda e offerta nel settore turistico. Il volume fornisce indicazioni e riflessioni volti a migliorare le politiche pubbliche e a contribuire a rendere il tessuto imprenditoriale italiano legato alla ideazione, produzione e diffusione di contenuti culturali e creativi più solido e competitivo.

L’indagine realizzata dall’Associazione Civita sulle Industrie Culturali e Creative (ICC), al fine di procedere ad un confronto internazionale e porre in evidenza i cambiamenti strategici in atto nei principali paesi europei (Germania, Francia, Spagna e Regno Unito), ha utilizzato le definizioni di ICC e di occupazione culturale totale date dall’Eurostat che sono in linea con quelle di altre istituzioni internazionali come l’Unesco.

Facendo ricorso ai dati ufficiali, si rilevano risultati meno positivi di quelli derivanti da molte delle indagini empiriche condotte in Italia. A fronte di un puntare sul terziario e sulla cultura considerata universalmente nostro vanto, ci sono pochi investimenti, e spesso è l’attività personale a fare la differenza, a fronte di riduzione delle risorse economiche e umane.

Nell’ampissimo nostro patrimonio culturale, sono moltissimi gli spazi non utilizzati per far crescere il settore e la sua importanza per l’economia nazionale e lo sviluppo locale.

Ad esempio, a proposito di occupazione culturale totale (comprensiva sia degli occupati nelle imprese dell’ICC che di tutti coloro che svolgono una funzione culturale e creativa nel settore pubblico, nel terzo settore o in uno degli altri settori dell’economia), l’indagine rileva che nel 2015 in Italia, è stata di poco superiore alle 614mila unità con un significativo aumento (+3,7%) rispetto al 2011; confrontando il dato italiano con quello di altri Paesi europei si rileva che in Germania sono circa il doppio di quelli italiani e nel Regno Unito circa l’84% in più.

L’importanza dell’ICC per l’economia di un Paese è stata analizzata sulla base di differenti indicatori. Prendendo in considerazione il contributo dell’occupazione culturale a quella totale di ciascun Paese, si ricava sia che gli altri Paesi europei fanno meglio dell’Italia, sia che l’importanza dell’ICC per tutte le economie nazionali considerate è piuttosto modesta.

Il valore più elevato è quello del Regno Unito dove nel 2015 il cultural employment contribuisce per il 3,6% alla creazione dell’occupazione totale del Paese. Il peso occupazionale dell’insieme delle attività culturali e creative è in Italia pari al 2,7%, in linea con il dato della Francia, ma inferiore a quello rilevato per la media dell’Europa a 28 (2,9%).

L’indagine ha provato a dare una risposta ad una domanda di fondo che trae origine dai dati quantitativi ufficiali: se non è la dimensione economica, quali sono le ragioni che rendono il settore culturale e creativo strategico per le economie nazionali e territoriali?

Le principali sono due.

La prima è che in tutti i Paesi l’occupazione culturale ha subito meno gli effetti della crisi.

La capacità delle industrie culturali e creative di reagire meglio agli shock negativi dei contesti, è stata diversa da Paese e Paese. Pur se in Italia, la domanda di cultura è diminuita meno di altre, la reazione del settore alla crisi ha messo in evidenza che è necessario innovare di più e allargare il mercato (interno ed estero) dei prodotti culturali ideati e realizzati in loco.

La seconda è ancora più importante dal punto di vista economico.

La rivoluzione informatica sta modificando in maniera significativa il modo di produrre cultura, consentendo di scomporre i processi produttivi, nonché di delocalizzare quelle a minor valore aggiunto. Con la scomposizione e delocalizzazione del ciclo, il mercato dei prodotti culturali e creativi si estende, assumendo una dimensione sempre più internazionale. I pochi dati ancora a disposizione rivelano che il mercato mondiale è cresciuto nell’ultimo decennio a ritmi elevati. L’export di cultural good (i prodotti culturali destinati al consumo finale) ha superato i 212 miliardi di dollari e nel periodo 2009-2013 è cresciuto del 42,5%. A queste cifre bisogna aggiungere poi l’export dei servizi culturali, di più difficile rilevazione statistica. Il dato disponibile (2012) e limitato ai Paesi più industrializzati, valuta a poco più di 100 miliardi di dollari l’export di questi servizi che per i Paesi europei e per gli USA è più elevato di quello dei cultural good.

Si tratta di dati consistenti e la nascita di un network internazionale di scambio dei prodotti intermedi per il settore culturale e creativo crea grandi potenzialità di sviluppo per l’intera industria in quanto i suoi prodotti rappresentano input per molti altri processi produttivi. Potenziando (qualitativamente e quantitativamente) le reti di interconnessione il settore potrà offrire un vantaggio competitivo a se stesso e alle attività collegate. Per l’Italia, che già presenta un saldo positivo negli scambi internazionali, si aprirebbero grandi possibilità per gli scambi internazionali di cultural good e di prodotti intermedi e di conseguenza si potenzierebbe la capacità del settore di creare reddito e occupazione qualificata.

Per l’Italia tutto ciò richiede un cambiamento delle politiche di sostegno al settore che devono puntare a sviluppare competenze e know-how che permettano alle imprese e alle attività di localizzarsi nelle attività a più alto valore aggiunto. Il sostegno deve essere ad ampio spettro, non solo finanziario, ed investire le attività formative, una più stretta collaborazione tra pubblico-privato, la definizione di standard e regolamentazioni internazionali e, insieme, rafforzare il ruolo di istituzioni che preservano il know-how e i contratti.

In misura ancora maggiore la rivoluzione digitale ha reso attrattivo per nuove fasce di fruitori (il “turista creativo”) sia il consumo delle tradizionali attività culturali (dalle performing art alle visite museali) che quelle attività legate alla cultura di un territorio (dalla moda al design, dall’artigianato all’industria del gusto) o all’industria della comunicazione e dell’audiovisivo (ad esempio il cineturismo).

Il Rapporto rileva, dunque, una tendenza di crescita per tali turismi creativi potenzialmente capace di sostenere l’economia di aree del Paese che non fanno parte degli attuali attrattori turistici. Se il mercato di sbocco dei beni e dei servizi culturali non è più costituito solo da “consumatori” nazionali ma da “buyer internazionali” di beni e servizi intermedi, risulta quanto mai necessario incrementare la competitività delle imprese dell’ICC rispetto a questi nuovi acquirenti.

Efficaci politiche di sostegno devono, pertanto, puntare ad una più stretta collaborazione tra pubblico e privato, tra scuola e impresa oltre che ad incentivare l’innovazione dei processi di istruzione e formazione relativi alle professioni richieste dall’ICC.

Il volume, ricerca interessante e complessa, presenta molti spunti per coloro che operano nel settore, ma anche per studenti e ricercatori, nonché per le persone che amano la cultura e vogliono documentarsi meglio su ciò che significa realmente dal punto di vista economico, non sottovalutando l’aspetto di marginalità che spesso assume negli interessi collettivi e anche politici, quando invece dovrebbe essere davvero utilizzata come un bene aziendale (dell’azienda Italia), pur se trattata con i guanti di velluto di chi sa quanto sia un bene prezioso.

 

Pietro Antonio Valentino (a cura di): “L’arte di produrre Arte. Competitività e innovazione nella Cultura e nel Turismo”, Marsilio Editori,Venezia, 2017, pagg. 308.

 

A.B.

Don Lorenzo Milani

Spesso le grandi figure della Storia rimangono nascoste oppure, e questo è ben peggio, vengono osteggiate in tutti i modi possibili anche dalle persone dalle quali meno ci si aspetterebbe ostacoli. Ora, di lui tutti parlano bene, oppure dicono la verità potendolo descrivere per quello che in realtà era, ma con l’accezione della qualità, invece che del difetto.

Carlo Maria Martini, ad esempio, scrisse: “Una personalità così ricca e così provocatoria”; oppure papa Francesco lo definisce “un grande educatore italiano, che era un prete: don Lorenzo Milani!”. “Sai come andava quando ero ancora a Firenze? Ero così solo che non potevo dormire allora vagavo per la città finché arrivavo a sedere sulla ringhierona di piazzale Michelangelo”, scriveva ad un amico. Infatti, il giovane Milani voleva diventare pittore e seguì quella strada con impegno, scegliendo i maestri e l’Accademia di Brera; sembrava un ragazzo inquieto, che stesse cercando la sua via, ma del resto molti giovani sono così. Il libro che racconta la gioventù di colui che diverrà universalmente noto come don Milani è interessante, privo di frivolezze, e porta a conoscere nel profondo l’uomo che diventerà prete e un prete che insegnerà a imparare a centinaia di ragazzi e meno ragazzi, portandoli alla licenza elementare o alla licenza media, per offrire loro una prospettiva di lavoro e di avanzamento di vita. La celeberrima scuola di Barbiana si avvarrà anche di alcuni maestri che il giovane aveva conosciuto nella sua vita, tra cui Staude.

Hans-Joachim Staude era stato anche un grande musicista e colui al quale Maja Einstein aveva lasciato il suo pianoforte Bluthner, donatole dal fratello Albert, quando dovette lasciare la casa toscana a causa delle leggi razziali italiane. La madre di don Lorenzo scriverà alla vedova: “Lorenzo che in Staude ha avuto il suo primo maestro. Maestro di serietà, di coscienza, di quella ricerca dell’assoluto nel bene e nel bello che poi ha portato Lorenzo sulla sua strada”.

Strada che prendeva avvio nel 1941, in un periodo così difficile per ciascuno e così complesso per poter trovare se stessi, eppure, Staude aveva scritto ad Albert Einstein che faceva quello che sentiva e si impuntava a farlo sempre. Penso che questo sia stato il vero insegnamento per Lorenzo Milani, ciò che gli ha tracciato la strada per fare quello che sentiva senza dare retta a nessuno. Difficile. Ma non impossibile, da quanto hanno tracciato di vita i personaggi di cui scriviamo. Nell’agosto 1941 Lorenzo si iscrive all’Accademia di Brera che tuttavia lascerà ben presto per un diverbio con un maestro, continuando a dipingere nel suo studio privato. Nel frattempo, la situazione della famiglia non era affatto rosea, perché si erano convertiti al cattolicesimo per non incorrere nelle leggi del momento, ma era comunque pericoloso essere cristiani solo sulla carta. Così i coniugi Milani, del resto già non praticanti dell’ebraismo, decisero di sposarsi in chiesa e di fare battezzare i figli, in modo da metterli al riparo da eventuali inasprimenti politici. Andando a trovare il figlio a Brera, la madre Alice Weiss conobbe la professoressa di Arte Sacra dell’Accademia, Eva Tea, la vera artefice della conversione di Lorenzo. Sarà la sua passione e determinazione, una ricerca che doveva mettere a punto, insomma sarà Eva a portare Lorenzo sulla strada che lo condurrà a decidere di diventare prete, come sarà.

Un uomo che ha fatto della sua determinazione, forse della sua cocciutaggine, un capolavoro per tanti.

Sarà “L’artista che trovò Dio”.

 

Valentina Alberici: “Lorenzo Milani”, Paoline, Milano, 2017, euro 22,00

 

Alessia Biasiolo

 

Buon anno con il sorriso

È racchiuso in un libro di Giuliano Guerra, edito Paoline, “Il sorriso”; lo troviamo in un volume di facile lettura per cercare di entrare nell’ampio mondo del sorriso interiore e delle sue manifestazioni esteriori più note, da quelle vere a quelle false.

Penso che sia un’ottima lettura per iniziare bene l’anno. Infatti: “Non c’è persona al mondo che non desideri vivere in modo felice, nella salute, nel benessere, nell’abbondanza. Perché non sentirci in diritto di condurre un’esistenza nella gioia, nella serenità, nell’armonia […]? Dobbiamo liberarci dalla prigionia dei nostri condizionamenti mentali che ci incatenano nei sensi di colpa, nei vissuti di impotenza e nell’incapacità a reagire alla sofferenza. […] Le persone illuminate che hanno raggiunto una profonda pace interiore, […] ci invitano a farlo e si offrono con umiltà, con semplicità e senza alcuna forzatura per guidarci nel cammino che conduce alla gioia di esistere e al saper portare nel mondo dinamiche di pace e di amore”.

Così afferma l’Autore riferendosi a vari testi sacri e a varie storie di cui l’umanità è costellata non solo per portare la pace al di fuori di noi, e oggi, Giornata Mondiale della Pace è l’occasione propizia per ricordarlo, ma soprattutto dentro di noi, in quel vivere tra noi e noi che appartiene al nostro personale bagaglio esistenziale e alla nostra meta di vita. Il sorriso spesso ci è negato, per una svariata serie di motivazioni, e continuare a perseguirlo anche quando molte persone o fatti intorno a noi vogliono cancellarcelo, non è semplice.

Nella vita umana non c’è niente di peggio di apparire persone serene ed equilibrate per generare invidie e gelosie, quasi la serenità del prossimo ricadesse sui singoli altri come un macigno. Meglio pensare che tutti abbiamo lati negativi o problemi che attanagliano l’esistenza, così da non sentirsi tanto fuori dal normale. Ricordo una vecchia collega di lavoro che era così felice di sapere che tutti avevano qualche guaio da gioirne e, allo stesso tempo, avere la scusa per non affrontare davvero i propri problemi. Molte persone sono così e forse lo siamo un po’ tutti.

Il volume di Guerra, medico e psicoterapeuta che ha creato una struttura nei pressi di Sirmione (Brescia) dove le persone possono ritrovare o trovare il proprio percorso esistenziale, può essere molto utile, attraverso semplici esempi di esperienze personali o di casi emblematici nei quali riconoscersi e conoscersi.

 

Giuliano Guerra: “Il sorriso”, Paoline, Milano, 2017, pagg. 208; euro 15,00

 

Alessia Biasiolo