Novità della imminente stagione sciistica

Mancano meno di due mesi all’inizio della stagione invernale 2018/2019 e nella Ski Area Passo San Pellegrino si lavora a pieno ritmo per mettere a punto le ultime novità e accogliere al meglio gli sciatori che da inizio dicembre si riverseranno sulle piste di Falcade e Passo San Pellegrino.

La novità più importante riguarda l’offerta family: è stato infatti rinnovato e ampliato il campo scuola di Le Buse, facilmente raggiungibile in cabinovia da Falcade, con una nuova sciovia, un lungo tapis roulant e un’ampia area primi passi dove far pratica e sperimentare in totale sicurezza le prime emozionanti discese.

Con questa importante opera di restyling la Ski Area San Pellegrino si candida ad essere uno tra i comprensori sciistici del Dolomiti Superski più adatti ai principianti e a coloro che vogliono rifinire la propria tecnica prima di lanciarsi su piste più impegnative. Per chi vuole imparare a sciare la Ski Area San Pellegrino dispone anche di 2 campi scuola a Passo San Pellegrino, tutti situati in posizione soleggiata e attrezzati di lunghi tappeti mobili e facili discese con archi e coni, 3 scuole sci con maestri multilingue e di grande esperienza, 2 parchi gioco dove i bambini possono trascorrere momenti indimenticabili fatti di giochi, sorrisi, favole e tanto divertimento e diversi percorsi tematici con curve, salti, gobbe e tratti cronometrati per mettere alla prova le proprie abilità tecniche.

Restando nell’ambito delle piste da sci, durante l’estate La VolatA è stata interessata da ulteriori migliorie con l’obiettivo di aumentare la sicurezza degli atleti e dare maggiore spettacolarità alle manifestazioni agonistiche che avranno luogo nel corso dell’inverno tra cui gli attesissimi Campionati del Mondo Junior di Sci Alpino in programma a Febbraio 2019.

Un’altra grande novità riguarda infine i turisti che non sciano, per i quali, sempre a Le Buse, sono stati creati dei nuovi sentieri panoramici da fare a piedi o con le ciaspe alla scoperta delle tracce e delle orme che gli animali lasciano sulla neve.

 

Francesca ATC

Il radicchio IGP protagonista di una sfida culinaria tra studenti

Studenti tra i fornelli, per vincere il “Radicchio d’argento 2018”. Torna, per la 15esima edizione, il concorso gastronomico che punta a coinvolgere i giovani in un progetto di valorizzazione dei prodotti locali.

Il 27 ottobre, all’hotel Due Torri di Verona, i giovani allievi di 5 scuole alberghiere, 3 del Nord Italia e una austriaca, potranno sfidarsi presentando piatti a base di radicchio di Verona IGP. Le pietanze saranno valutate da una giuria di esperti del settore enogastronomico e non solo, perché saranno giudicati anche l’impiattamento e la creatività. E la ricetta dovrà essere presentata in tre lingue: italiano, inglese e tedesco.

Prima della sfida in cucina si terrà, invece, una tavola rotonda dedicata a “L’arte in tavola, futuro e giovani”. Al convegno, che inizierà alle ore 10, prenderanno parte chef, blogger di settore ed esperti.

Il concorso è organizzato dall’associazione Pro Loco Carpanea Casaleone, in collaborazione con il Consorzio Radicchio IGP Verona, il Consorzio per la tutela formaggio Monte Veronese, la Confraternita del radicchio veneto.

L’appuntamento è stato presentato dall’assessore alle Attività economiche Francesca Toffali, insieme alla presidente del Consorzio per la tutela del radicchio di Verona IGP Cristiana Furiani, al presidente dell’associazione Pro Loco Carpanea Mauro Accordi, al direttore dell’hotel Due Torri Silvano De Rosa e ad alcuni giurati.

“È fondamentale porre l’attenzione e incentivare l’uso dei nostri prodotti locali – ha detto Toffali -, eccellenze del territorio che non solo devono essere valorizzate in cucina ma anche conosciute per poi essere utilizzate. Ecco perché è bello che i giovani siano coinvolti anche in percorsi di formazione che li porti a riscoprire le tradizioni venete e veronesi”.

 

Roberto Bolis

 

 

 

Le Stagioni di Joseph Haydn inaugurano i concerti pomeridiani della IUC del ciclo pomeridiano del sabato nell’Aula Magna della Sapienza

Orchestra del XVIII Secolo, foto Annelies van der Vegt

Questo “oratorio profano” del 1801 è il punto d’arrivo della musica del Settecento ed allo stesso tempo il punto di partenza dell’Ottocento e può essere visto come il simbolico passaggio di testimone tra l’anziano Haydn e il giovane Beethoven. È uno dei massimi esiti del classicismo musicale, ma fu molto amato dai romantici, che vi riconoscevano il loro stesso amore per la natura: “Le stagioni” infatti sono ricche di descrizioni sonore della natura – e in questo ricordano Vivaldi – e soprattutto sono permeate dal senso della comunione dell’uomo con la natura. I protagonisti sono tre contadini: Simon (basso), ricco d’anni e d’esperienza, e i giovani fidanzati Hanne (soprano) e Lukas (tenore). Il coro dà voce di volta in volta ai contadini, ai cacciatori e alla gente del villaggio.

L’inglese Marcus Creed, con la sua esperienza internazionale come direttore d’orchestra e come maestro di coro, è un interprete ideale del repertorio sinfonico-corale. Ha partecipato a tutti i principali festival europei quali Salisburgo, Lucerna ed Edimburgo, collaborando con complessi ed orchestre celeberrimi quali Berliner Philharmoniker, Akademie für Alte Musik, Berlin Staatsoper e Berlin Staatskapelle.

L’Orchestra del XVIII Secolo – fondata nel 1981 dal leggendario Frans Brüggen, che ne fu il direttore principale fino alla sua scomparsa nel 2014 – è uno storico rappresentante del moderno ritorno agli strumenti originali e alle prassi esecutive d’epoca: è tuttora insuperabile nel campo delle esecuzioni storicamente informate. È composta da musicisti di oltre venti nazionalità ed effettua regolarmente tournée in ogni continente. L’orchestra è basata ad Amsterdam, come Cappella Amsterdam, con cui collabora regolarmente: questo coro è rinomato per l’assoluta purezza e la totale omogeneità del suono e per l’intonazione perfetta.

Con loro un cast vocale internazionale, formato da tre dei migliori specialisti di questo repertorio. Il soprano belga Ilse Eerens canta regolarmente nei principali teatri d’opera europei (Vienna, Parigi, Londra, Bruxelles, Roma) e con grandi orchestra sinfoniche (Filarmonica di Berlino, Tokyo Metropolitan Orchestra e praticamente tutte le principali orchestre di Francia e Germania). Il tenore olandese Marcel Beekman ha un repertorio che va dal barocco ai nostri giorni e si esibisce in Europa, Usa, vicino ed estremo oriente e in Sud Africa, con grandi direttori quali William Christie, Frans Brüggen, Christophe Rousset, Sir Simon Rattle e Daniele Gatti. Il basso-baritono tedesco André Morsch è attivo nei principali teatri opera europei e svolge anche un’intensa attività concertistica con prestigiose orchestre sinfoniche ed ensemble di musica antica, tra cui Royal Concertgebouw Orchester di Amsterdam, Gewandhausorchester di Lipsia, Tonhalle Orchester di Zurigo, Beethoven Orchester di Bonn, Les Talens Lyriques e Les Arts Florissants.

Aula Magna dell’Università La Sapienza, Città Universitaria – Palazzo del Rettorato

Piazzale Aldo Moro 5, Roma

 

Mauro Mariani (anche per le foto)

 

KUM! Ad Ancona “Curare, educare, governare”

La Cattedrale di San Ciriaco

La seconda edizione del festival KUM!, che ha la direzione scientifica dello psicoanalista Massimo Recalcati, si svolge ad Ancona da venerdì 19 a domenica 21 ottobre. Organizzato da Comune di Ancona – Assessorato alla Cultura con la collaborazione dell’Assessorato ai servizi sociali e alle Politiche educative – con il contributo della Regione Marche e della Fondazione Cariverona, e il coordinamento organizzativo dell’associazione culturale Esserci, con Jonas Onlus, ha il coordinamento scientifico del filosofo Federico Leoni (www.kumfestival.it).

La manifestazione vuole essere un luogo aperto di riflessione, finora assente in Italia, sul tema della cura e delle sue diverse pratiche. Il sottotitolo Curare, Educare, Governare – i tre mestieri impossibili secondo Freud – amplia il campo della riflessione e sottolinea la difficoltà e l’ambiguità del curare e del prendersi cura. La settecentesca Mole Vanvitelliana di Anconadiviene così palcoscenico per il dialogo non solo di specialisti della clinica – psicoanalisti, psichiatri, medici, pedagogisti – ma anche di filosofi, storici, scrittori, teologi che hanno, in forme diverse, una presa diretta sul tema della cura dei differenti volti della sofferenza: del malato, della Polis, della Terra e di noi stessi. Ancona diviene così la città in cui i temi del welfare, della politica sanitaria, del disagio, della cura e delle sue possibili declinazioni filosofiche e sociali vengono trattati in modo multidisciplinare, con un linguaggio chiaro e accessibile per un pubblico eterogeneo per età e formazione.

La Mole Vanvitelliana

KUM! si lega a doppio filo con la sua location, la Mole Vanvitelliana, che sorge su un’isola artificiale all’interno del porto ed è nata come lazzaretto: una metaforica linea di continuità tra la terraferma e il mare aperto,un luogo nato per la cura, anzi per la sua madre naturale, la prevenzione.

Il tema del 2018 èRisurrezioni.

«Nella parola KUM! è contenuto il grande tema del rinnovamento della vita laddove la vita pare morta, finita, gettata in uno scacco fatale. È la parola che Dio rivolge a Giona e Gesù a Lazzaro: Alzati! Ne abbiamo fatto la parola chiave delle pratiche della cura» spiegano Massimo Recalcati e Federico Leoni «In questo secondo anno di KUM! è il mistero contenuto in questa parola a riunirci: è possibile rialzarsi quando l’esperienza della caduta, della malattia, del fallimento, della catastrofe appare senza rimedio? È possibile una vita dopo la morte, tema caro alle religioni, ma è possibile ridare vita ad una vita che sembrava perduta, ricostruire una città che è stata distrutta, ritrovare un popolo che sembrava privato di ogni forma di identità, restituire un volto umano alla vita dopo l’esperienza dell’orrore? Nella grande metafora cristiana della resurrezione è in gioco la forza della vita che resiste alla tentazione della morte e della distruzione. Ma anche l’evento della sorpresa che accompagna il “miracolo” dell’uscita dal sepolcro. Ebbene non sono proprio questa resistenza e questa sorpresa – intesi laicamente – al centro di ogni avventura di cura? Certamente possono apparire esemplari alcuni casi ritenuti senza speranza che, nel corso di una cura, risorgono contraddicendo i protocolli e le previsioni prognostiche più nefaste. Può accadere con bambini colpiti da malattie rare, con giovani afflitti da patologie mentali gravi, con studenti ritenuti dall’istituzione scuola senza speranza, con territori e città che hanno fatto esperienza – solo apparentemente irreversibile – della distruzione. Ma più in generale la resistenza alla distruzione e la sorpresa della vita che non cede alla morte, accompagnano anche i passi quotidiani della nostra esperienza più comune: testimoniare che non tutto è morte, non tutto è devastazione, non tutto è destinato a finire, che risorgere è un compito della vita».

KUM! 2017

Il festival prevede oltre 40 incontri con più di 60 relatori ed è organizzato in sezioni: le Lectio, con importanti nomi della filosofia,della psicoanalisi, della letteratura edella medicina; i Dialoghie le Conversazionisu temi salienti del mondo della cura; i Ritratti digrandi pensatori; le Letture; Lo sguardo di Ippocrate; la Psicologia da tècon letture e pensieri sui grandi classici della psicoanalisi, davanti a una tazza fumante di infuso; gli Aperitivi filosofici; A cena con l’autore; Cineocchio; la Presentazione.

KUM! si chiude con un evento speciale nel foyer della Mole, per festeggiare questa seconda edizione e scoprire insieme le anticipazioni dell’edizione 2019. In programma musica dal vivo, aperitivo e dance floor.

Tutti gli appuntamenti sono gratuiti e liberi fino ad esaurimento posti, ma per gli incontri più attesi è possibile assicurarsi un posto con una donazione di 20 € al festival, con la quale si riceve una KUM!Card, la fidelity degli amici di KUM!

I possessori della card hanno diritto a prenotare un posto riservato agli incontri che preferiscono tra quelli prenotabili: sul sito www.kumfestival.itla lista degli incontri e le modalità di iscrizione.

 

Delos (anche per le foto)

Biodiversità in fiera e in tavola a Brisighella

Arrosto di Mora romagnola

A Brisighella paesaggio e buon cibo sono un connubio che da sempre caratterizza il Borgo medioevale in provincia di Ravenna, uno dei Borghi più belli d’Italia. Una valorizzazione che passa anche attraverso i tanti eventi di carattere enogastronomico e di valorizzazione del territorio che nel corso dell’anno qui vengono organizzati. A fine ottobre, ad esempio, è in programma un doppio appuntamento che avrà come protagonisti Mora Romagnola, Agnellone e Castrato, ma anche calanchi, gessi ed olivi.

Mora romagnola, foto di Fabio Liverani, allevamento di Mario Guaducci

Si parte domenica 21 ottobre con la Sagra della porchetta di Mora romagnola e Fiera delle biodiversità”. La Mora Romagnola è un pregiato suino nero. Maiale antico, di diretta derivazione dal progenitore di molti maiali europei, il sus celticus, che arrivò da queste parti con le invasioni barbariche nel IV e V secolo d.C adattandosi perfettamente ai nostri habitat, per secoli ha rappresentato un fondamento dell’economia agricola rurale. Basti pensare che le dimensioni dei boschi si misuravano con il numero di suini che erano in grado di nutrire. Purtroppo la richiesta di carni e di razze sempre più precoci portò la Mora Romagnola all’oblio e quasi alla sua estinzione. Comunque il fascino di questa razza e il ricordo della gran qualità e gusto degli insaccati da essa ricavati non cessò mai di battere nel cuore degli uomini di Romagna. Uno di questi, Mario Lazzari di Faenza, all’alba degli anni ’80 si mise in testa di recuperare questa razza e quindi iniziò con passione la ricerca degli ultimi esemplari sperduti. Oggi, grazie a lui, all’APA di Ravenna, al Copaf e agli altri allevatori che hanno saputo apprezzare il valore delle carni e la sua ragione di vita nel contesto territoriale e culturale, la Mora Romagnola è salva ed è conosciuta, diffusa e molto apprezzata per la qualità delle sue carni. Oggi la capitale di questa maiale autoctono è Brisighella, che per tutta la giornata di domenica 21 mette in mostra i suoi esemplari più significativi e dove sarà possibile degustarne i pregiati salumi e le saporite carni nei ristoranti del paese e nello Stand allestito per l’occasione, oltre che a poter fare acquisti nel mercatino dei prodotti tipici.

Salumi di Mora romagnola

La domenica successiva, 28 ottobre, le carni che si potranno assaporare saranno quelle ovine nel corso della “Sagra dell’agnellone e del castrato Q.C.”. Il programma della sagra prevede l’esposizione di ovini e caprini, la mostra-mercato dei prodotti tipici e dell’artigianato locale e l’immancabile stand gastronomico dove sarà possibile degustare prelibate pietanze e grigliate con le carni di agnellone e di castrato. Le carni sono ottenute da agnelloni e castrati prodotti tipici della tradizione contadina locale che oggi sono allevati secondo un Disciplinare di Produzione. Per quanto riguarda l’agnellone, gli animali devono avere un’età compresa tra i 70 e i 180 giorni con peso vivo tra i 25 e i 50 kg. Le carni devono avere un colore rosa o rosa scuro. Il colore del grasso deve essere bianco o bianco crema senza tendere al giallo. Il castrato, invece, ha un’età di macellazione compresa tra i 5 e i 12 mesi di vita, con il peso vivo compreso tra i 40 e i 100 kg. Le carni devono avere un colore rosa scuro. Anche in questo caso il colore del grasso deve essere bianco o bianco crema senza tendere al giallo.

 

Ma visitare Brisighella significa anche scoprire, oltre al Borgo, una terra immersi in uno scenario naturale ancora intatto, fatto di campi coltivati, secolari uliveti, allevamenti allo stato semibrado, aree protette e riserve naturali. Per scoprire tutto il territorio, nelle due domeniche delle sagre sono in programma anche delle escursioni sulle colline con visita guidata tra gli olivi secolari e degustazione di Olio D.O.P. e prodotti tipici. Per gli amanti della Mountain Bike, invece, sempre domenica 21 ci sarà l’E-bike experience Brisighella, una pedalata “turistica escursionistica” adatta a tutti grazie alla messa a disposizione di biciclette mtb con pedalata assistita.

 

Pierluigi Papi (anche per le foto)

“The wife”. Bellissimo film al femminile

Una donna che ha dedicato la vita al marito e alla famiglia, annullandosi per lui. L’amore che giustifica tutto, ma sempre la donna che sopporta e supporta senza troppa considerazione. Prova ne sia che non riceve la giusta riprova dell’amore del marito in pubblico e che viene ripetutamente tradita, estremo gesto di mancanza di rispetto della donna che si ha accanto. E che è fautrice del successo come uomo. In questo caso la moglie è Joan Castleman (Glenn Close), la compagna di vita di Joe (Jonathan Pryce) e madre di David (Max Irons). Joe è uno scrittore del quale, in flashback efficaci e asciutti, Joan si è innamorata quand’era suo professore all’università, sposato e padre di una figlia. Lascerà la famiglia per lei, mentre la ex moglie ringrazierà nel tempo di averla liberata da un peso morto, che aspettava tutto in mano, dalle calze al caffè alle pillole quando sarà più anziano. Un bambinone che, per qualche ideuccia mal spesa, pensa gli sia tutto dovuto. Joan è la vera artefice del suo successo, del suo essere scrittore. Della vittoria del premio più ambito, il Nobel per la Letteratura. Le scene sono magistrali e il copione adatto ad una Glenn Close bravissima, come sempre, ma particolarmente attenta al ruolo attuale. Compassata, seria, ma incapace di nascondere tutte le emozioni; magistrale nella sua rabbia repressa e nello sfogo che ne fa, così come nella chiusa, vera e verosimile. Tra tutti, a cercare di scalzare il muro omertoso familiare, Nathaniel Bone (Christian Slater) che viene pagato dalla sua casa editrice per scrivere la biografia di Castleman e che già ha indagato a lungo su quelle che lui crede verità nascoste e delle quali vorrebbe conferme da Joan e Daniel. Un film equilibrato, sincero, in cui si ha la sensazione ad ogni inquadratura che la donna sia protagonista e a tutto tondo, non a pezzetti, come spesso capita, indagando su un aspetto o su un altro della psicologia femminile. Qui, sono proprio i silenzi e Joan che fanno emergere e mettere in risalto il senso profondo di tutto quanto si ha dentro: scelte, famiglia, timori, timidità, mancanza di un’autostima adatta ad affrontare quelle che una scrittrice le prospetta come sicure disfatte.

Non c’è posto nel panorama editoriale per una donna, si sente ripetere Joan da ragazza, eppure è stata lei a vincere il Nobel.

E il finale del film lo sancisce senza equivoci né scampi.

Da non perdere.

“The wife”, adattato dall’omonimo romanzo di Meg Wolitzer, nei cinema.

 

Alessia Biasiolo

 

 

Passeggiata per santuari 4. Roma

La madre di tutte le chiese è san Giovanni in Laterano, a Roma. Appena viene eletto un nuovo Papa, egli si deve recare in questa bellissima chiesa per prenderne possesso, essendo la cattedrale di Roma, di cui il Papa è vescovo. Accanto alla chiesa c’è il Palazzo del Laterano, sede del vicario del Papa, della curia e degli uffici pastorali della diocesi di Roma. L’interno della basilica è dominato dal ciborio monumentale che sovrasta l’altare maggiore, dietro al quale c’è un mosaico dorato del 1291; il ciborio dovrebbe custodire le reliquie di Pietro e Paolo, mentre per altri, reliquie preziose sono in altri altari. Si tratta di un pezzo della tavola dove san Pietro aveva celebrato la messa e il legno su cui Gesù aveva celebrato l’ultima cena. La chiesa è lunga 130metri, suddivisa in cinque navate. Nella navata centrale sono presenti le statue dei dodici apostoli, con un soffitto dorato a cassettoni. In questa basilica venne aperta la prima porta santa nel 1423, durante il Giubileo di quell’anno, indetto da papa Martino V. Qui c’è anche un frammento di affresco di Giotto che raffigura papa Bonifacio VIII, il papa che indisse il primo Giubileo della storia, nel 1300. L’antica porta trecentesca oggi è chiusa da una lastra di bronzo di Floriano Bodini, discepolo di Messina, collocata tra gli stipiti durante il Giubileo del 2000. La Scala Santa si trova dall’altro lato della Piazza del Laterano: una scala di 28 gradini che si percorre soltanto in ginocchio, secondo la devozione portati a Roma da sant’Elena, madre dell’imperatore Costantino, nel 326. Dovrebbero essere i gradini del palazzo di Pilato, percorsi da Cristo durante il suo calvario. Salita la Scala Santa si arriva alla Cappella dei Papi, il Sancta santorum, dove si prega l’immagine del Santissimo, filo conduttore di tutta la visita alla basilica laterana. Bellissima anche la facciata della chiesa realizzata da Alessandro Galilei nel 1732, dove troneggia la statua di Cristo Risorto.

Da San Giovanni in Laterano si può andare a visitare la basilica di San Pietro, ammirando le 284 colonne doriche sormontate da 140 statue di santi che compongono la piazza del Bernini. Lo spazio era stato pensato per le celebrazioni e studiato come un abbraccio a tutti coloro che arrivano nella chiesa madre della cristianità. Splendore del Barocco, l’interno della basilica è ricco di opere d’arte. L’altare della Cattedra di Pietro con la famosa vetrata dello Spirito Santo; il baldacchino con le colonne tortili di Bernini che protegge l’altare delle celebrazioni sopra la tomba di Pietro, raggiungibile scendendo una scalinata. Famosa anche la statua di San Pietro in Cattedra, pare di Arnolfo di Cambio, con il piede consunto dalla devozione dei fedeli che la toccano passandovi davanti. E forse ancor più famosa è la stata della “Pietà” di Michelangelo, completata dallo stesso quando aveva solo 23 anni. Nella chiesa si trova anche la tomba di Giovanni Paolo II. La cupola di San Pietro, detta il cupolone dai romani, è enorme. 42 metri di diametro, 130 di altezza, progettata da Michelangelo che qui lavorò fino alla morte, avvenuta nel 1564. La cupola è stata finita nel 1593.

 

Alessia Biasiolo