Rapporto di Amnesty International sulle Filippine

In un rapporto diffuso oggi, Amnesty International ha denunciato che l’ondata di omicidi di polizia scatenati tre anni fa dall’assassina campagna contro la droga del presidente delle Filippine Rodrigo Duterte continua a distruggere vite umane e a devastare intere comunità.
L’organizzazione per i diritti umani ha sollecitato le Nazioni Unite ad avviare immediatamente un’indagine sulle gravi violazioni dei diritti umani e sui possibili crimini contro l’umanità commessi nel contesto della “guerra alla droga”.
Le forze di polizia operano nella totale impunità uccidendo persone delle zone più povere delle Filippine i cui nomi compaiono su “liste di sorvegliati” redatte al di fuori di qualsiasi procedura giudiziaria.
Il governo filippino ha riconosciuto almeno 6600 uccisioni da parte della polizia ma molte migliaia di altri omicidi commessi da sconosciuti sarebbero probabilmente collegati alle forze di polizia.
Dopo il trasferimento di una serie di alti funzionari di polizia dalla regione metropolitana di Manila, l’epicentro della campagna di omicidi è ora la provincia di Bulacan, nella regione di Luzon centrale.
Il presidente Duterte ha più volte difeso la “guerra alla droga” parlando di “criminali” la cui uccisione è “giustificabile”.
Il rapporto odierno aggiorna una precedente ricerca pubblicata da Amnesty International nel gennaio 2017, dalla quale era emerso che la polizia prendeva sistematicamente di mira le persone più povere e indifese del paese mettendo loro addosso le “prove”, assoldando sicari, rubando i beni personali delle persone uccise e falsificando rapporti ufficiali.
Amnesty International ha esaminato 20 casi, in cui sono state uccise 27 persone, avvenuti nella provincia di Bulacan tra maggio 2018 e aprile 2019.
“Essere poveri nelle Filippine di Duterte è molto pericoloso: per finire assassinati basta un’accusa non provata di uso, acquisto o vendita di droga. Ovunque ci siamo recati per svolgere le nostre ricerche abbiamo incontrato gente terrorizzata. La paura è ora penetrata a fondo nel tessuto sociale del paese”, ha dichiarato Nicholas Bequelin, direttore per l’Asia orientale e sudorientale di Amnesty International.
Molti omicidi, lo stesso modello
In ciascuna operazione di polizia esaminata da Amnesty International, la polizia ha citato la stessa giustificazione preconfezionata: una retata di spacciatori in cui si è costretti a ricorrere alla forza letale a causa della reazione armata dei fermati.
Le famiglie delle vittime e i testimoni oculari hanno smentito questa versione dei fatti sostenendo che la vittima non aveva mai avuto un’arma o era troppo povera per possederne una; oppure che essa prima era finita nel nulla e, a cadavere rinvenuto, era stata immediatamente definita uno spacciatore.
Secondo un’esperta della scientifica consultata da Amnesty International, i rapporti ufficiali della polizia non rispettano gli standard minimi di plausibilità: “Sono uno uguale all’altro. Più che rapporti, sembrano dei facsimile”.
In un caso la polizia ha affermato che Jovan Magtanong, 30 anni e padre di tre figli, aveva aperto il fuoco contro gli agenti e che sulla scena del crimine erano stati trovati un sacchetto contenente droga e una pistola calibro 38. I testimoni oculari hanno descritto tutta un’altra scena: quando è stato chiamato alla porta di casa e poi colpito stava dormendo insieme ai suoi bambini, non aveva una pistola e non si drogava da oltre un anno.
Dalle liste dei sorvegliati alle liste della morte

Nella maggior parte dei casi esaminati da Amnesty International, i nomi delle persone uccise erano inclusi in liste di sorvegliati per motivi di droga compilate dalle autorità al di fuori di qualsiasi procedura giudiziaria.
È su queste liste che la polizia si basa per compiere arresti o uccidere. I funzionari locali, sono sotto pressione per mostrare risultati attraverso la raccolta dei nomi di presunti “consumatori”, “spacciatori”, “finanziatori” e “protettori” nella loro zona di competenza. Secondo Amnesty International, queste liste sono illegali, ingiustificabili e inverosimili e costituiscono un’ulteriore prova dell’accanimento del governo contro le comunità povere e marginalizzate.
Gli attivisti per i diritti umani, i funzionari locali e altre persone ascoltate da Amnesty International hanno confermato che non c’è modo per essere tolti da queste liste, che dunque creano un sistema di sorveglianza e rischio permanenti.
“Il governo Duterte ha creato una lotteria mortale in cui le autorità possono manipolare e controllare le liste, a prescindere se le persone elencate siano o meno consumatori o spacciatori. È un sistema ingordo e cinico che premia l’obbedienza cieca e l’assassinio”, ha commentato Bequelin.
Le responsabilità della polizia
L’enorme incremento delle uccisioni illegali nella provincia di Bulacan è stato preceduto da una serie di trasferimenti ai vertici della polizia. Comandanti precedentemente in servizio nella regione metropolitana di Manila, in cui precedentemente si contava il maggior numero di vittime, sono stati promossi a incarichi più elevati nella provincia e in tutta la regione di Luzon centrale.
Uno di loro è l’Alto sovrintendente Chito Bersaluna, capo della polizia della città di Caloocan quando, nell’agosto 2017, venne ucciso il 17enne Kian delos Santos. A seguito dell’attenzione suscitata dal caso, Bersaluna è stato posto per un certo periodo in “congedo amministrativo” e tre suoi sottoposti sono stati condannati.
È giunto il momento di un’indagine delle Nazioni Unite
Con la sola eccezione degli agenti condannati per l’omicidio di Kian delos Santos, le autorità filippine non hanno svolto indagini credibili per processare i responsabili delle uccisioni illegali e delle esecuzioni extragiudiziali nel contesto delle operazioni di contrasto alla droga.
Il nuovo rapporto di Amnesty International va ad aggiungersi alle sempre più numerose prove che le violazioni dei diritti umani commesse durante la “guerra alla droga” costituiscono crimini contro l’umanità.
Finora il governo delle Filippine ha cercato di respingere ogni tentativo di indagare a livello internazionale. Quando, nel febbraio 2018, il Tribunale penale internazionale ha lanciato un esame preliminare della situazione, il presidente Duterte ha subito annunciato che il paese si sarebbe ritirato dallo Statuto del tribunale, cosa poi accaduta nel marzo 2019.
Il rapporto di Amnesty International mette anche in evidenza la clamorosa inadeguatezza dei programmi di riabilitazione e dei trattamenti antidroga. Il contrario di ciò che servirebbe, per ridurre i rischi e i danni associati all’uso di droghe e soprattutto per porre fine all’attuale campagna di violenza e paura.
L’organizzazione per i diritti umani ha chiesto al Consiglio delle Nazioni Unite sui diritti umani di avviare immediatamente un’indagine indipendente, imparziale ed efficace sulle violazioni commesse durante la “guerra alla droga”, inclusi i crimini di diritto internazionale.
Analogamente, Amnesty International chiede all’ufficio della Procuratrice del Tribunale penale internazionale di accelerare l’esame della situazione e aprire una piena e completa indagine.
Il rapporto è online all’indirizzo:
https://www.amnesty.it/filippine-la-guerra-alla-droga-ha-fatto-almeno-6600-morti-amnesty-international-sollecita-uninchiesta-delle-nazioni-unite/

Amnesty International Italia

Lo scienziato iraniano Ahmadreza Djalali ha bisogno di aiuto

Accompagnata da una delegazione di Amnesty International Italia, Vida Merhannia, la moglie di Ahmadreza Djalali, lo scienziato in prigione in Iran da tre anni e due mesi e da quasi due anni in attesa dell’esecuzione per l’accusa fabbricata di “spionaggio”, ha incontrato lo scorso 6 giugno il presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico.
Ahmadreza Djalali, ricercatore esperto in Medicina dei disastri, di riconosciuto prestigio internazionale, ha trascorso alcuni anni anche in Italia, collaborando con l’Università del Piemonte Orientale.
Vida Merhannia, che vive in Svezia con i due figli nati dalla coppia, ha descritto al presidente Fico le drammatiche condizioni di salute del marito, che in carcere ha perso decine di chili di peso e non riceve cure adeguate e che, per salvaguardare la propria dignità, ha recentemente rifiutato di essere portato in ospedale ammanettato e con la divisa da prigioniero.
All’incontro ha preso parte anche Luca Ragazzoni, collega dell’Università del Piemonte Orientale, che ha sottolineato il fondamentale contributo di Ahmadreza Djalali nel campo della ricerca sulla medicina dei disastri, non solo a livello nazionale ma per l’intera comunità scientifica mondiale.
Al presidente Fico Vida Merhannia ha parlato di un disperato bisogno di aiuto, rivolgendogli un appello affinché le istituzioni italiane possano intraprendere un’azione incisiva ed efficace per salvare la vita del marito.

 

L’appello per salvare Ahmadreza Djalali dalla pena di morte è online qui:

https://www.amnesty.it/appelli/iran-ricercatore-universitario-rischia-la-pena-morte/

 

Amnesty International Italia

Greta Thunberg e “Venerdì per il futuro” premio “Ambasciatore della Coscienza” di Amnesty International

L’attivista per il clima Greta Thunberg e il movimento studentesco dei “Venerdì per il futuro” sono stati nominati Ambasciatori della coscienza per il 2019 da Amnesty International.
“Col nostro massimo riconoscimento intendiamo celebrare persone che hanno mostrato di avere grande leadership e coraggio nella difesa dei diritti umani. Non mi vengono in mente premiati migliori di Greta Thunberg e del movimento che ha organizzato gli scioperi del venerdì per il clima”, ha dichiarato Kumi Naidoo, segretario generale di Amnesty International.
“Siamo onorati e commossi dalla determinazione con i giovani attivisti di ogni parte del mondo ci stanno obbligando a confrontarci con la realtà della crisi climatica. Ogni giovane che prende parte ai Venerdì per il futuro rappresenta ciò che significa agire con la propria coscienza. Sono loro a ricordarci che abbiamo più potere di quello che immaginiamo e che possiamo avere un ruolo nella protezione dei diritti umani di fronte alla catastrofe climatica”, ha aggiunto Naidoo.
Il premio Ambasciatore della coscienza è stato istituito nel 2002 per riconoscere l’impegno di singoli e gruppi che hanno promosso la causa dei diritti umani agendo con la propria coscienza, sfidando l’ingiustizia e usando il loro talento per ispirare altre persone. La denominazione del premio trae ispirazione dalla poesia “Dalla Repubblica della coscienza”, del poeta irlandese Seamus Heaney.
Tra i precedenti vincitori figurano Nelson Mandela, Malala Yousafzai, Harry Belafonte, Ai Weiwei, i Gruppi giovanili dell’Africa centrale e occidentale, Angélique Kidjo, il movimento dei popoli nativi del Canada, Alicia Keys e Colin Kaepernick.
Un movimento di giovani determinati a cambiare il mondo
Il movimento dei “Venerdì per il futuro” è stato promosso da Greta Thunberg, la ragazza svedese che nell’agosto 2018 ha deciso di saltare la scuola ogni venerdì per protestare di fronte al parlamento del suo paese fino a quando non avesse intrapreso azioni più serie per contrastare il cambiamento climatico.
L’iniziativa di Greta per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla crisi del clima è diventata rapidamente globale. Oltre un milione di studenti di ogni parte del mondo ha preso parte all’ultimo sciopero dei “Venerdì per il futuro” del 24 maggio. Manifestazioni si sono svolte in oltre 100 paesi.
“È un grande onore ricevere il premio Ambasciatore della coscienza di Amnesty International a nome dei Venerdì per il futuro. Questo non è un premio per me, è un premio per tutti. È incredibile vedere quante persone si sono mobilitate e sapere che ciò per cui stiamo lottando sta avendo un impatto”, ha dichiarato Greta Thunberg
“Agire secondo la propria coscienza vuol dire che tu lotti per qualcosa che pensi sia giusto. È qualcosa che appartiene a tutti coloro che fanno parte del movimento: noi abbiamo il dovere di cercare di migliorare il mondo. La clamorosa ingiustizia contro cui dobbiamo lottare è che le persone del sud del mondo sono quelle che sono e saranno le più colpite dal cambiamento climatico pur essendo quelle meno responsabili”, ha proseguito Greta Thunberg.
Una crisi dei diritti umani
Mentre la crisi del clima è solitamente avvertita attraverso l’impatto che ha sul nostro ambiente naturale, le devastanti conseguenze sulle persone – ora e in futuro – ne fanno anche una questione urgente di diritti umani. Il cambiamento climatico evidenzia ed esaspera le attuali ineguaglianze e i suoi effetti continuano a crescere e a peggiorare, portando rovina a questa e alle future generazioni.
Secondo Amnesty International, la mancanza d’azione dei governi nei confronti del cambiamento climatico può essere considerata la più grande violazione intergenerazionale dei diritti umani della storia.
“Diritti umani e crisi climatica vanno di pari passo. Non possiamo trovare soluzioni per i primi senza risolvere la seconda. Il cambiamento climatico significa impossibilità di nutrirsi coi prodotti della terra, abitazioni a rischio e salute in pericolo. I governi hanno il dovere di proteggersi. Perché allora non stanno facendo nulla per impedire al cambiamento climatico di devastare le nostre vite?”, ha chiesto Greta Thunberg.
Amnesty International chiede agli stati di fare di più sul clima e di farlo nel rispetto dei diritti umani. Una delle azioni più decisive potrebbe essere quella di coinvolgere le persone più a rischio – come i bambini e i giovani – nei tentativi di affrontare e mitigare gli effetti del cambiamento climatico, fornendo loro tutte le informazioni necessarie, educandoli a partecipare alle discussioni in modo costruttivo e facendoli partecipare ai processi decisionali che li riguardano.
“A volte mi sento davvero triste perché alcune delle persone cui cerco di parlare non mi stanno a sentire. Alcune ci insultano, altre pensano che facciamo politica, altri ci ignorano del tutto o ci dicono che non riusciremo a portare a termine ciò che abbiamo iniziato. Ma posso assicurare che siano realmente determinati a farlo, perché in gioco c’è il nostro futuro”, ha detto Kananura Irene, un’attivista ugandese dei “Venerdì per il futuro”.
I giovani attivisti dei “Venerdì per il futuro” ora chiedono agli adulti di seguirli. Venerdì 20 settembre, alla vigilia del Vertice delle Nazioni Unite per agire sul clima, gli attivisti lanceranno una settimana di azione con uno sciopero globale per il clima. Amnesty International sostiene la loro richiesta affinché anche gli adulti aderiscano allo sciopero e mostrino solidarietà.
“I giovani si sentono dire spesso che sono i leader di domani. Sono felice che Greta Thunberg e gli attivisti dei Venerdì per il futuro abbiano ignorato quel messaggio. Se aspettano fino a domani, non c’è alcun futuro per nessuno di noi. Hanno già dimostrato di essere i leader di oggi e ora è il momento che gli adulti li seguano”, ha concluso Naidoo.

Amnesty International Italia

Amnesty International analizza la situazione dei diritti umani negli stati del Medio Oriente e dell’Africa del Nord nel 2018

Nel 2018 la vergognosa compiacenza della comunità internazionale verso le massicce violazioni dei diritti umani negli stati del Medio Oriente e dell’Africa del Nord ha incoraggiato i governi a commettere spaventose violazioni dei diritti umani e dato loro la sensazione che non verranno mai chiamati a risponderne alla giustizia.
Lo ha dichiarato Amnesty International pubblicando la sua analisi sui diritti umani negli stati del Medio Oriente e dell’Africa del Nord nel 2018.
L’analisi illustra come le autorità di tutta la regione abbiano spudoratamente portato avanti brutali campagne repressive per stroncare il dissenso e colpire manifestanti, società civile e oppositori politici, spesso col tacito sostegno di alleati potenti.
La sconvolgente uccisione di Jamal Khashoggi nell’ottobre 2018 ha provocato un oltraggio senza precedenti a livello globale, costringendo l’Arabia Saudita a indagare e addirittura spingendo alcuni stati a prendere decisioni raramente viste in passato, come la sospensione della fornitura di armi al paese da parte di Danimarca e Finlandia. Tuttavia gli alleati-chiave come Stati Uniti, Regno Unito e Francia non hanno fatto nulla del genere e nel complesso la comunità internazionale non ha dato seguito alle richieste delle organizzazioni per i diritti umani per un’indagine indipendente delle Nazioni Unite, in grado di fornire giustizia.
“C’è voluto l’omicidio a sangue freddo di Khashoggi all’interno di un consolato perché una manciata di stati maggiormente responsabili sospendessero i trasferimenti di armi a un paese che guida una coalizione responsabile di crimini di guerra e che ha contribuito alla catastrofe umanitaria dello Yemen.
Eppure, neanche la condanna globale per quell’omicidio è stata seguita da azioni concrete per assicurarne i responsabili alla giustizia”, ha dichiarato Heba Morayef, direttrice regionale per il Medio Oriente e l’Africa del Nord di Amnesty International.
“Per tutto il 2018 negli stati del Medio Oriente e dell’Africa del Nord migliaia di dissidenti e manifestanti pacifici hanno subito spudorate violazioni dei diritti umani di un livello scioccante, nel silenzio assordante della comunità internazionale”, ha aggiunto Morayef.
L’analisi di Amnesty International denuncia che nel 2018 il giro di vite nei confronti del dissenso e della società civile si è significativamente intensificato in Arabia Saudita, Egitto e Iran, tre stati emblematici dell’inadeguatezza della risposta internazionale a clamorose violazioni dei diritti umani da parte dei governi.
In Iran le manifestazioni, costanti durante tutto l’anno, sono state soppresse violentemente e migliaia di persone sono state arrestate e imprigionate. Tuttavia l’Unione europea, che ha in corso un dialogo sui diritti umani con questo stato, è rimasta muta.
Nel corso del 2018 Danimarca, Finlandia, Norvegia e Olanda hanno sospeso le forniture di armi alla coalizione guidata dall’Arabia Saudita. Al contrario Stati Uniti, Regno Unito e Francia hanno proseguito, tra gli altri, a esportare armi che hanno consentito alla coalizione di colpire civili, scuole e ospedali in Yemen, in violazione del diritto internazionale. Sul piano interno, in Arabia Saudita è proseguito il giro di vite contro gli attivisti della società civile e uomini e donne protagonisti di campagne sui diritti delle donne sono stati imprigionati e sottoposti a torture.
Stati come la Francia e gli Stati Uniti hanno continuato a fornire armi anche all’Egitto, che le ha impiegate a scopo di repressione interna nell’ambito di un massiccio giro di vite sui diritti umani. Mai come oggi nella sua storia recente, l’Egitto è diventato un luogo pericoloso in cui esprimere critiche.
Gli Stati Uniti si sono impegnati a fornire a Israele aiuti militari nei prossimi 10 anni per un valore di 38 miliardi di dollari, nonostante l’impunità di cui beneficiano le forze israeliane e il gran numero di violazioni dei diritti umani che esse continuano a commettere nei Territori occupati palestinesi.
Secondo il Centro palestinese per i diritti umani, l’anno scorso nella Striscia di Gaza le forze israeliane hanno ucciso almeno 180 manifestanti, tra cui 35 minorenni, nel corso delle proteste per il diritto al ritorno dei rifugiati. Il Consiglio Onu dei diritti umani ha istituito una commissione d’inchiesta ma Israele ha rifiutato di cooperare e le pressioni perché collaborasse sono state scarse se non nulle.
“Ancora una volta gli alleati dei governi della regione hanno messo i loro lucrosi accordi economici, la cooperazione in tema di sicurezza e le forniture di armi per miliardi di dollari prima dei diritti umani, alimentando le violazioni e creando un clima in cui i governi si sentono ‘intoccabili’ e al di sopra della legge”, ha commentato Philip Luther, direttore delle ricerche sul Medio Oriente e sull’Africa del Nord di Amnesty International.
“È giunto il momento che il mondo segua il cammino di Danimarca, Finlandia, Norvegia e Olanda che hanno sospeso le forniture di armi alla coalizione guidata dall’Arabia Saudita e dato il chiaro segnale che violare i diritti umani ha evidenti conseguenze”, ha aggiunto Luther.
Amnesty International sta chiedendo a tutti gli stati di sospendere immediatamente la vendita o il trasferimento di armi sia a tutte le parti coinvolte nel conflitto dello Yemen che a Israele fino a quando non vi sarà più il concreto rischio che tali armi potranno essere usate per compiere o facilitare gravi violazioni del diritto internazionale dei diritti umani o del diritto internazionale umanitario.
L’organizzazione sta anche sollecitando tutti gli stati a dare maggiore sostegno ai meccanismi internazionali atti ad assicurare la giustizia alle vittime, come le inchieste dell’Onu sulle uccisioni a Gaza, sulle violazioni nello Yemen e su quelle in Siria così come il Tribunale penale internazionale.
La sfrenata repressione del dissenso
L’assenza di iniziative giudiziarie in tutta la regione ha significato che le autorità hanno avuto mano libera per incarcerare chi aveva espresso critiche pacifiche, limitare le attività della società civile e ricorrere ad arresti arbitrari, imprigionamenti e uso eccessivo della forza contro manifestanti che rivendicavano i loro diritti.
Amnesty International ha definito il 2018 in Iran come “l’anno della vergogna”. Le autorità hanno arrestato, spesso in modo arbitrario, oltre 7000 tra manifestanti, studenti, giornalisti, ambientalisti, attivisti, lavoratori, difensori dei diritti umani. Tra coloro che hanno pagato un prezzo elevato per il loro attivismo, le donne che hanno protestato contro la prassi abusiva e discriminatoria dell’obbligo d’indossare il velo.
In Arabia Saudita le autorità hanno arrestato e incriminato persone che avevano espresso critiche, accademici e difensori dei diritti umani. Nel mese di maggio almeno sono state arrestate, senza essere formalmente accusate, almeno otto difensore dei diritti delle donne che avevano svolto campagne per l’abolizione del divieto di guida per le donne e del sistema del tutore maschile. Praticamente tutte le persone che difendono i diritti umani in Arabia Saudita sono ora dietro le sbarre o in esilio.
Le autorità egiziane hanno inasprito la repressione ai danni dei dissidenti alla vigilia delle elezioni presidenziali. Nel corso dell’anno hanno arrestato almeno 113 persone per l’espressione pacifica di opinioni critiche e adottato nuove norme per ridurre ulteriormente al silenzio gli organi d’informazione indipendenti. Due donne sono state arrestate per aver denunciato le molestie sessuali via Facebook: una di loro, Amal Fathy, si è vista confermare in appello una condanna a due anni di carcere.
In Iraq le forze di sicurezza hanno ucciso e arrestato manifestanti. In Marocco decine di persone sono state condannate a lunghe pene detentive per aver preso parte a manifestazioni.
Negli Emirati Arabi Uniti e in Bahrein i noti attivisti Ahmed Mansour e Nabil Rajab sono stati condannati rispettivamente a 10 e cinque anni per aver espresso opinioni sui social media.
In Algeria, attivisti e blogger sono stati presi di mira per aver criticato su Facebook le politiche governative.
Le autorità di Giordania, Libano e Palestina hanno a loro volta arrestato arbitrariamente attivisti e altre persone che avevano espresso critiche nei confronti delle autorità o per aver preso parte a manifestazioni pacifiche.
“In tutti gli stati del Medio Oriente e dell’Africa del Nord i governi hanno mostrato un’impressionante intolleranza nei confronti dei diritti alla libertà di espressione, di associazione e di manifestazione pacifica. Coloro che sono scesi in strada per sfidare l’oppressione e che hanno osato esprimere critiche hanno pagato un prezzo elevato. Alcuni stanno scontando anni di carcere solo per aver espresso le loro opinioni, vittime di sentenze ridicolmente pesanti imposte dai governi per intimidire gli attivisti”, ha commentato Morayef.
La sofferenza delle popolazioni nei conflitti armati
Le continue forniture di armi ai governi della regione da parte della comunità internazionale e la mancata sollecitazione, da parte di quest’ultima, di procedimenti giudiziari nei confronti dei responsabili di crimini contro l’umanità e ulteriori violazioni dei diritti umani hanno avuto un impatto devastante e duraturo nel tempo.
In Libia, Siria e Yemen anche nel 2018 sono stati commessi crimini di guerra e altre gravi violazioni del diritto internazionale dei diritti umani. Anche se gli scontri armati in Iraq e Siria sono diminuiti, il livello di sofferenza delle popolazioni civili è rimasto elevato.
L’occupazione militare israeliana ha proseguito a infliggere sofferenza ai palestinesi della Cisgiordania e di Gaza. Le politiche israeliane di espansione degli insediamenti illegali e l’incessante blocco nei confronti di Gaza hanno costituito gravi violazioni del diritto internazionale.
In Siria le forze governative hanno continuato a commettere crimini di guerra e crimini contro l’umanità e sia Russia che Cina hanno contribuito a ostacolare l’accertamento delle responsabilità. Le ricerche di Amnesty International hanno rivelato che centinaia di civili sono stati uccisi e migliaia feriti dalla coalizione guidata dagli Usa nel corso dell’offensiva per cacciare il gruppo armato Stato islamico da Raqqa, anche a seguito di attacchi che hanno violato il diritto internazionale umanitario. Tanto in Siria quanto in Libia le forze della coalizione sono state lente nel riconoscere e dare spiegazioni sulle vittime civili causate dalle loro operazioni militari.
Per quanto riguarda lo Yemen, mentre alcuni stati europei hanno sospeso i trasferimenti di armi ad Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, altri come Stati Uniti, Regno Unito e Francia hanno proseguito a inviare forniture militari del valore di miliardi di dollari, alcune delle quali sono state usate per commettere violazioni del diritto internazionale umanitario durante il conflitto.
In Libia il mancato sollecito da parte della comunità internazionale alla richiesta di istituire, all’interno del Consiglio Onu dei diritti umani, meccanismi efficaci di accertamento delle responsabilità ha incoraggiato le parti in conflitto a commettere ulteriori violazioni nel completo disprezzo del diritto internazionale.
“Da troppo tempo l’assenza di pressioni internazionali per assicurare che le parti in conflitto che commettono crimini di guerra e altre violazioni dei diritti umani siano chiamate a risponderne ha consentito agli autori di atrocità di rimanere impuniti. E invece i procedimenti giudiziari sono fondamentali non solo per assicurare giustizia alle vittime di tali crimini ma anche per contribuire a evitare che il ciclo infinito di violazioni prosegua e causi ulteriori vittime”, ha sottolineato Luther.
Spiragli di speranza per i diritti umani
Tra le massicce repressioni e violazioni dei diritti umani che hanno contrassegnato il 2018, vanno segnalati alcuni piccoli miglioramenti nei campi dei diritti delle donne e delle persone Lgbti.
Nel Maghreb sono entrate in vigore leggi per contrastare la violenza sulle donne e la Palestina ha seguito il cammino di altri stati abolendo la norma che consentiva alle persone sospettate di stupro di evitare la condanna sposando le loro vittime.
In Arabia Saudita è stato finalmente annullato il divieto di guida per le donne, anche se coloro che avevano svolto campagne proprio per questo obiettivo sono state arrestate.
Sebbene le relazioni omosessuali restino un reato nella regione, vanno segnalate due piccole vittorie per i diritti delle persone Lgbti negli stati in cui la mobilitazione della società civile è stata particolarmente forte: in Tunisia è stata presentata una proposta di legge per decriminalizzare le relazioni tra persone dello stesso sesso e in Libano un tribunale ha stabilito che il sesso tra persone omosessuali consenzienti non è un reato.
In un contesto regionale contrassegnato dall’impunità, quegli stessi due stati hanno fatto passi avanti per accertare le responsabilità per le violazioni dei diritti umani del passato: in Libano, dopo anni di campagne della società civile, il parlamento ha approvato una legge che istituisce una commissione d’inchiesta sulle migliaia di sparizioni avvenute durante la guerra civile, mentre in Tunisia la Commissione per la verità e la dignità è riuscita a superare i ripetuti tentativi delle autorità di ostacolarne il lavoro.
“Di fronte a uno scenario di schiacciante repressione, alcuni governi hanno fatto piccoli passi avanti. Questi miglioramenti sono il risultato del coraggioso lavoro dei difensori dei diritti umani del Medio Oriente e dell’Africa del Nord e sono un tributo nei confronti di coloro che mettono regolarmente a rischio la loro libertà per opporsi alla tirannia e per far sapere a coloro che hanno il potere che si stanno piantando semi concreti di cambiamento per gli anni a venire”, ha concluso Morayef.

Amnesty International Italia

Robot killer

Più di tre persone su cinque in 26 paesi si oppongono allo sviluppo dei robot killer, armi autonome in grado di individuare e uccidere obiettivi senza l’intervento umano. È questo il risultato di un sondaggio commissionato nel 2018 dalla Campaign to Stop Killer Robots.
Il sondaggio, condotto da Ipsos MORI, ha evidenziato che:
– nei 26 paesi oggetto dell’indagine del 2018, oltre tre persone su 5 (61%) sono contrarie allo sviluppo di sistemi di armi autonome letali;
– due terzi (66%) di coloro che si oppongono alle armi autonome letali sono particolarmente preoccupati che “si oltrepassi una linea morale e che le macchine siano autorizzate ad uccidere”;
– oltre la metà (54%) delle persone contrarie hanno espresso preoccupazione perché queste armi non potrebbero essere ritenute responsabili e processate per le loro azioni;
– rispetto a un’indagine quasi identica svolta in 23 paesi nel gennaio 2017, in cui il 56% degli intervistati si era dichiarato contrario alle armi autonome letali, l’opposizione è in crescita;
– oltre la metà degli intervistati contrari ai robot killer sono in Cina (60%), Russia (59%), Regno Unito (54%), Francia (59%) e Stati Uniti (52%).
La Campaign to Stop Killer Robots è una coalizione globale di Ong, tra cui Amnesty International, impegnata per mettere al bando tutte le armi completamente autonome.
Il sondaggio mostra che gli stati che si oppongono al divieto di impiegare robot killer non sono assolutamente in sintonia con l’opinione pubblica. Essi invece dovrebbero proteggere le persone dalla miriade di rischi che i robot killer pongono e non lanciarsi in una nuova corsa agli armamenti che potrebbe avere conseguenze terribili.
C’è ancora tempo, sebbene non molto, per fermare lo sviluppo e la proliferazione di armi totalmente autonome. I governi dovrebbero tenere conto dei risultati di questo sondaggio e avviare con la massima urgenza negoziati per un nuovo trattato che vieti queste orribili armi. È l’unico modo per garantire il rispetto del diritto internazionale e rispondere alle preoccupazioni etiche e di sicurezza che riguardano il fatto di delegare a delle macchine il diritto di vita o di morte.
Amnesty International chiede il divieto totale dello sviluppo, della produzione e dell’impiego di sistemi di armamento totalmente autonomi, in considerazione dei gravi rischi che presentano per i diritti umani, il diritto umanitario e la sicurezza. L’impiego di armi autonome senza un controllo umano significativo ed efficace violerebbe il diritto alla vita e altri diritto umani, oltre a creare un vuoto in materia di responsabilità se, una volta dispiegate, queste armi fossero in grado di prendere decisioni autonome sull’uso della forza letale.

Attualmente 28 Stati sono favorevoli alla messa al bando delle armi totalmente autonome. Austria, Brasile e Cile hanno ufficialmente proposto l’avvio di un negoziato urgente su uno “strumento giuridico vincolante che garantisca un controllo umano significativo sulle funzioni cruciali dei sistemi di armamento autonomi”.
In occasione della riunione annuale della Convenzione sulle armi convenzionali del novembre 2018 a Ginevra, una minoranza di Stati ha invocato la procedura del consenso per respingere progressi diplomatici importanti. In quella occasione Russia, Israele, Corea del Sud e Stati Uniti hanno dichiarato che non appoggeranno negoziati per un nuovo trattato.
I risultati del sondaggio mostrano che oltre la metà degli intervistati in Russia (59%) e negli Stati Uniti (52%) sono contrari ai “robot killer”. Oltre la metà delle persone si sono dichiarate contrarie alle armi autonome in Cina (60%), in Corea del Sud (74%) e nel Regno Unito (54%), tra i principali paesi di produzione e sviluppo di questa tecnologia.
Il sondaggio realizzato da Ipsos MORI è stato commissionato dalla Campaign to Stop Killer Robots e si è svolto nel dicembre 2018. La dimensione del campione era tra 500 e 1000 persone per ogni paese.
Per maggiori informazioni: https://www.stopkillerrobots.org/

Amnesty International Italia

Aasia Bibi libera

Accogliendo con favore la decisione della Corte suprema del Pakistan di confermare la sentenza di assoluzione per Aasia Bibi, la contadina cristiana condannata a morte nel 2010 per blasfemia, Rimmel Mohydin, responsabile delle campagne di Amnesty International sull’Asia meridionale, ha rilasciato questa dichiarazione:
“Aasia Bibi deve finalmente tornare in libertà e il suo incubo deve finire. Dopo nove anni dietro le sbarre per un reato non commesso, è difficile considerare il verdetto di oggi come una sorta di giustizia. Ma almeno questo le dovrebbe consentire di riunirsi con la sua famiglia e di cercare riparo in uno stato di sua scelta”.
“Le autorità pachistane devono respingere e indagare sui tentativi di intimidire la Corte suprema. Devono proteggere le minoranze religiose, i giudici e gli altri rappresentanti del governo da ogni minaccia di violenza”.
“Il vergognoso ritardo nel ripristinare i diritti di Aasia Bibi rende ancora più necessario l’annullamento, nei tempi più rapidi possibili, delle leggi sulla blasfemia e di ogni altra norma che discrimini le minoranze religiose e ponga le loro vite a rischio”.
Alla fine di ottobre del 2018 la Corte suprema aveva assolto Aasia Bibi da ogni accusa e ordinato il suo rilascio immediato. Di fronte alle proteste e alle minacce di parte dell’opinione pubblica, il governo aveva fatto un passo indietro, impedendo ad Aasia Bibi di lasciare il paese fino a quando la Corte suprema non avesse esaminato la richiesta di revisione del caso. Da allora, la donna era rimasta sotto protezione.
Le leggi sulla blasfemia sono vaghe, generiche e coercitive. Vengono usate per prendere di mira le minoranze religiose, compiere atti di violenza e perseguire vendette private. Le persone accusate, spesso sulla base di prove inesistenti, fanno fatica a veder riconosciuta la loro innocenza mentre gruppi di facinorosi minacciano le forze di polizia, i testimoni, i procuratori, gli avvocati e i giudici.

Amnesty International Italia

Le cose da scoprire, i perché di una civiltà

Leggiamo il parere personale di un viaggiatore.

L’attrazione è fortissima, e non ce ne accorgiamo subito, perché il fascino della cultura araba è veramente coinvolgente. Ho visitato quasi tutti i Paesi arabi dal 1980 e sono riuscito a penetrare la cultura che a noi italiani e europei risulta così difficile da comprendere. Per questi e altri motivi che cercherò di illustrare in questo breve articolo, la civiltà che circonda la nostra Europa, è spesso guardata da noi con quella superficialità da primi della classe. Ricordo bene invece, come il mio professore di arabo, un marocchino serio e preparato, un giorno dopo le prime difficoltà nello studio delle prime lezioni, mi disse: “Se vuoi capire la lingua araba, devi pensare al contrario”. E aveva ragione! Ho avuto molta fortuna nella ricerca di capire gli usi e i costumi di questa etnia che si estende praticamente dall’Iraq e dall’Arabia Saudita fino al Regno Alawita del Marocco affacciato sull’Oceano Atlantico. Così sono riuscito ad entrare nelle case e a carpire la fiducia di molti locali, che altrimenti non avrebbero raccontato ad un europeo sperduto le loro tradizioni cui sono legatissimi e che fino a pochi anni fa, venivano tramandate oralmente. Insomma, come si dice, avevo perfettamente il polso della situazione. Gli Arabi non sono tutti Musulmani (si pensi all’Iraq dove c’era il Patriarcato Caldeo o al Libano dove esiste ancora oggi un Patriarca Cristiano-Maronita). Se prendiamo invece in esame propriamente i musulmani, ci accorgiamo che  questi sono riusciti ad islamizzare diverse parti dell’Asia e dell’Africa con alcune comunità che si sono insediate dove non ti aspetteresti di incontrarle, ad esempio in alcune città della lontana Colombia  in Venezuela e, perché no, nel più grande Paese musulmano del mondo, l’Indonesia. Andando in giro  nei mercatini e parlando nei caffè, ho avuto molte occasioni di riuscire ad ottenere tante informazioni che mi hanno aiutato nei viaggi successivi a capire immediatamente le situazioni in cui mi sono venuto a trovare. In questo modo, sono riuscito ad approfondire la conoscenza di un mondo così bello e allo stesso tempo così complesso. Da subito, ci si accorge che la maggior parte delle idee del sociale e del culturale ha una stretta relazione con il motivo religioso che diventa il leít-motiv.

Non vi è festa, momento della giornata, circostanza sociale, politica o culturale che non abbia questi legami.

Per questo motivo, se pensiamo al Califfato, non dobbiamo di certo soffermarci all’odierna rappresentazione dello Stato islamico (Daesh in arabo) L’Isis infatti, si è autoproclamato califfato, ed erano almeno 90 anni che non sentivamo questa parola: l’ultimo califfato fu abolito nel 1924 da Mustafa Kemal Ataturk in Turchia. Lo Stato a cavallo fra Siria e Iraq, ci viene spesso presentato in maniera superficiale con poche informazioni e qualche volta distorte ad arte. La capacità di seduzione del Califfato contemporaneo è coinvolgente in particolare per quanti si lasciano ammaliare dalla promessa di un ordine ottenuto attraverso la coercizione e la violenza. Il vero Califfo negli anni di massimo splendore del califfato, fu invece, un personaggio mitico ma realmente esistito nell’antica Mesopotamia Harùn Al-Rasheed protagonista delle Mille e una notte il quale, regnò a Bagdad nei secoli di massimo splendore del grande Califfato. La società in questi anni così importanti, era divisa in quattro classi:

– gli Arabi musulmani, che detenevano il potere;

– i Mawali, cioè gli infedeli convertiti all’Islam;

– i Dhimmi, adepti di altre religioni tollerate dal Corano, che godevano della protezione dei musulmani in cambio del pagamento di un tributo;

– da ultimi, gli schiavi.

Quindi c’era una convivenza pacifica e regolamentata nei minimi dettagli. Ricordo di aver proposto negli anni Novanta a un editore un libro su queste tematiche, ma la poca lungimiranza, lo ha fatto optare per un cortese rifiuto. Detto per inciso, erano gli anni Novanta quando in Algeria venivano sterminate intere famiglie a colpi di scimitarra e di coltello. Non era propriamente la festa del montone la più grande ricorrenza musulmana che ricorda il sacrificio di Abramo, fermato all’ultimo momento da Dio che riconoscendo la sua fede, ha voluto salvare la vita dell’unico figlio tanto atteso dal Patriarca e da sua moglie Rebecca. Molti non conoscono per esempio che la famiglia araba è matriarcale, anche se è sempre l’uomo a contare e a decidere come avveniva ai tempi di Gesù. Molti credendo di offrire un gesto di galanteria, allungano la mano ad una donna, che viene sistematicamente ritirata da quest’ultima non per scortesia, ma solo perché è la mano di un estraneo che non fa parte della famiglia. Ricordo a tal proposito la sorpresa di una dirigente parzialmente velata, incontrata in un hotel importante vicino Muskat la capitale dell’Oman, poiché non avevo allungato la mano come era consuetudine dello straniero di turno, e le ho spiegato che questo mi era stato insegnato durante una delle mie esperienze in Marocco. Per questi e altri motivi, un’Europa sonnolenta e superficiale ha lasciato correre molto tempo prima di accorgersi con grande sorpresa di aver ospitato il suo assassino in casa. D’altronde, la parola assassino, deriva proprio dall’arabo e precisamente da una tribù detta per l’appunto assassini. Le cose sono state preparate con molta cura e senza fretta, metodo tipico degli arabi che non hanno mai fretta e aspettano il momento opportuno per passare all’azione. Quante persone, sapevano con esattezza il significato del termine talebano? Molti lo utilizzavano a sproposito e comunque in contesti sbagliati. Talebano deriva propriamente dalla parola araba talib che significa nient’altro che studente. Ho potuto incontrare personalmente ragazzi e ragazze che mi chiedevano un visto per andare in Italia, ma alla domanda su cosa volessero fare una volta arrivati nel nostro Bel Paese, rispondevano: “Non lo so”. La mia replica era sempre la stessa, “Allora rimani in Marocco!”. Di certo i bombardamenti degli europei e degli americani, hanno contribuito ad inasprire il clima, ma i viaggi in Italia Belgio Francia e Spagna avevano spesso, per non dire quasi sempre, un unico scopo, quello di inserire nella società il migrante e quindi di fare in modo che fosse pronto al momento opportuno per l’azione preparata secondo i dettami del Corano e sotto la guida dei cosiddetti fratelli guida, cioè gli Iman. Ricordo bene quando tutto questo è iniziato, ne parlavo con gli amici anche di una certa cultura e questi mi rispondevano: “Sei esagerato!”. Certo l’uomo che ascolta le notizie e legge i giornali è di sicuro informato, ma non riesce ad avere il polso della situazione come chi sta vivendo queste esperienze direttamente, quindi non può comprendere lo svolgimento di fatti che risultano a lui così lontani. A tal proposito, non va dimenticato che la Guerra Santa o jihad che dir si voglia, è un dovere! Vi siete mai chiesti perché il testo sacro preveda di avere fino a quattro mogli? Bene, chi faceva la guerra erano gli uomini e naturalmente, molti morivano, per cui era previsto che il fratello o il cugino o il miglior amico si prendesse cura della donna rimasta vedova. Inoltre, la conquista in nome di Allah è un’azione collettiva. La jihad, nella sua forma di guerra santa, risponde a tre requisiti, scrive lo storico Jean Flori:

– essere condotta in nome di una religione con la promessa di essere ricompensati dopo la morte in battaglia;

– essere una guerra di conquista al fine di stabilire la legge islamica;

– essere proclamata da un’autorità religiosa.

Oltre a queste tradizioni, sono da ricordare un dettame sempre del Corano, che prescrive di pregare 5 volte al giorno con una serie di minuziosi consigli, per esempio se sei in viaggio e non hai la direzione de La Mecca, pregherai più a lungo, una volta arrivato a casa. Tutto ciò per aiutare soprattutto le popolazioni sedentarie a mettere in funzione la peristalsi intestinale. Per questo motivo, è vietata la carne di maiale e il vino, dal momento che l’Islam è nato in una zona della terra dove gran parte è deserto e quindi le temperature sono calde durante tutto l’anno, non certo per paura che, come poteva avvenire una volta, il maiale trasmettesse un parassita come la tenia.  Se chiederete ad un musulmano perché la preghiera in moschea si fa il venerdì, riceverete le risposte più variegate, dal fatto che il Profeta si sia inchinato per la prima volta proprio il venerdì al fatto che, siccome gli ebrei pregano il sabato, non ci sarebbero dovute essere sovrapposizioni. Purtroppo sappiamo bene come è andata a finire!

Come molti sappiamo, il Ramadan è il mese del digiuno, ma alcune persone ne sono esenti, come gli ammalati e naturalmente i guerrieri. Fra l’altro questo mese dell’anno Islamico è sempre stato il più fecondo, per alcune ragioni importanti. La diminuzione fino a due ore di lavoro che può essere applicata a chi non mangia e non beve assolutamente dall’alba al tramonto e una fecondità senza confronti negli altri mesi del calendario lunare.

Quante persone fino a qualche anno fa conoscevano l’arabo ed erano quindi in grado di capire i sermoni carichi di violenza che venivano pronunciati senza controllo nella preghiera ad Allah nel giorno sacro proprio il venerdì? Quante persone sono state in grado di dire no alla conversione all’Islam tollerante, senza un background adeguato? E da ultimo, quanti si sono lasciati convertire dalla rete, dove fino a poco tempo fa non c’era un controllo capillare come oggi?

Possiamo fare come con gli Ebrei un concordato? O diventerebbe un Islam-concordato e poi una sola parola, Islam? A tal proposito, quanti sono informati che il terreno concesso per l’edificazione di una Moschea non verrà più restituito allo stato perché vengono applicate alcune clausole che prevedono come quel terreno sarà parte della comunità islamica tollerante per sempre?

Ancora, siamo sicuri che i nostri fratelli Musulmani ci vogliano convertire solo per andare dritti in Paradiso? Quanto siamo consapevoli che, comunque convertiti, saremo sempre dei convertiti, e quindi Musulmani di serie B?

L’Islam, dicono i cosiddetti Musulmani moderati, è una religione di pace, ma come mai allora dopo Mohamed l’Unico Profeta l’Inviato, nominati i quattro Califfi in ossequio al numero magico, sì proprio il quattro, subito uno di loro venne ucciso? Infatti così l’Islam si è subito diviso in Sanniti, circa il novanta per cento, e gli sciiti seguaci di Alì che sono preminenti in Siria Iran e Iraq, all’incirca il 10 per cento. Sempre a proposito di conversione all’unica Fede, cui saremo tutti prima o poi chiamati a obbedire, non deve stupire il fatto che l’Islam si compirà quando verrà pregato ai quattro angoli della terra, cioè dappertutto. Quindi poche illusioni sugli insegnamenti del testo Sacro dei Musulmani che, come è affermato dagli Iman, non è interpretabile, poiché alla fine saremo chiamati, obtorto collo, ad una conversione collettiva o ad una morte sicura, per infedeltà o apostasia. Il progetto è quello di istituire un califfato in Iraq e in tutto l’Oriente. Per riuscire in tal modo a controllare e governare questa entità. Così si potrà estendere la legge islamica in ogni continente. Per restaurare infine il potere e la gloria dell’Islam sunnita. Quello delle armate del Profeta.

 

Bruno Bertucci