“Rigoletto” al Teatro Carlo Felice fino al 29 dicembre 2017

Fino al prossimo 29 dicembre, al Teatro Carlo Felice di Genova va in scena “Rigoletto”, una delle più note e amate opere verdiane che il Teatro Carlo Felice propone all’inizio della Stagione 2017-2018.

Il melodramma in tre atti di Giuseppe Verdi, su libretto di Francesco Maria Piave, capolavoro drammaturgico rappresentato per la prima volta l’11 marzo 1851 al Teatro la Fenice di Venezia, trae il soggetto dal dramma in cinque atti Le roi s’amuse di Victor Hugo, ed è talmente originale e innovativo, per i tempi, che non fu compreso subito da tutta la critica. Il pubblico, invece, si dimostrò più lungimirante e decretò all’opera un immediato, grande successo.

Francesco Ivan Ciampa si alternerà con Dorian Wilson (22, 23, 27 e 29), a dirigere l’Orchestra e il Coro del Teatro Carlo Felice. I tre cast che si alterneranno sono di tale rilievo da poter essere considerati tutti un primo cast.

La regia è nuovamente affidata, come nel Rigoletto del 2013, al baritono Rolando Panerai, leggenda vivente dell’opera italiana, proprio come era accaduto nel novembre 2011 con il dittico Campanello (Donizetti) e Gianni Schicchi (Puccini), opera in cui spiccava anche come interprete principale. Panerai in questa edizione firma anche le scene, realizzando per il Carlo Felice,  un nuovo allestimento. I costumi sono disegnati da Regina Schrecker, stilista affermatissima nel campo della moda italiana e da oltre una decina d’anni approdata al teatro, che abilmente ha adattato il profilo dei costumi a questo particolare nuovo Rigoletto. Le luci sono di Luciano Novelli e la coreografia è curata da  Giovanni Di Cicco.

Anche quest’anno Crédit Agricole Carispezia, memore del successo riscosso dall’evento dello scorso 15 dicembre 2016 in occasione della prima dell’opera “Traviata”, ha deciso di sostenere l’opera “Rigoletto”, primo titolo lirico nel cartellone 2017/2018.

 

 

Rigoletto

Melodramma in tre atti di Francesco Maria Piave

Musica di Giuseppe Verdi

Direttore

Francesco Ivan Ciampa

Dorian Wilson (22, 23, 27 e 29)

Regia e scene

Rolando Panerai

Costumi

Regina Schrecker

Coreografia

Giovanni Di Cicco

Luci

Luciano Novelli

Personaggi e interpreti:

Duca di Mantova

Massimiliano Pisapia (22)

Celso Albelo (23,27,29)

Rigoletto

Amartuvshin Enkhbat (22)

Carlos Álvarez (23,27,29)

Gilda

Leonor Bonilla (22)

Serena Gamberoni (23,27,29)

Sparafucile

Mihailo Šljivić (22,23,27,29)

Maddalena

Kamelia Kader (22,23,27,29)

Orchestra del Teatro Carlo Felice

Coro del Teatro Carlo Felice

Maestro Franco Sebastiani

Repliche

Venerdì 22 (20.30F.A.), Sabato 23 (20.30 L), Mercoledì 27 (20.30 F.A), Sabato 29 (13.30F.A.).

 

Marina Chiappa

 

 

 

Il CTB mette in scena il dramma armeno

 

 

 

 (tutte le foto sono di Umberto Favretto)

Tra le nuove produzioni del CTB di Brescia, la bella commedia “Una bestia sulla luna”, in co-produzione con Fondazione Teatro Due di Parma. In scena fino al prossimo 11 dicembre al Teatro Santa Chiara “Mina Mezzadri” di Brescia, dove lo spettacolo ha debuttato in prima nazionale lo scorso 21 novembre, “Una bestia sulla luna” tratta il dramma armeno prima e dopo la prima guerra mondiale, quando il governo turco, ancora oggi restio ad ammetterlo, ha ordinato a centinaia di persone di lasciare la propria casa e la propria terra per andare lontano, trovando la morte sia per stenti e fatica, sia per uccisione da parte delle forze armate e di polizia turche. Molto è stato fatto e ancora si sta mettendo in atto affinché quella tragedia, ispirazione nazista per l’eliminazione successiva del “problema ebraico”, non rimanga soltanto una testimonianza considerata di parte o addirittura fittizia. Andrea Chiodi, regista del lavoro su testo di Richard Kalinoski, con una leggerezza che unica porta alla vera riflessione, è riuscito nell’intento di alzare il velo su persone dimenticate. Di origini turche e di tradizione ebraica, Chiodi ha vissuto profondamente il testo teatrale e lo ha fatto suo come solo si può con una vera partecipazione umana, oltre che professionale. I protagonisti sono Elisabetta Pozzi nel ruolo di Seta e Fulvio Pepe nel ruolo di Aram Tomasian.

 

Siamo nel 1921, negli Stati Uniti, a Milwaukee precisamente. Aram ha appena visto la sua sposa. È Seta, ragazzina quindicenne conosciuta in fotografia e sposata tre mesi prima per procura. Fuggito dal genocidio armeno, ora vuole sposare una persona del suo popolo, come lui scampata miracolosamente alla morte. Vissuta in orfanotrofio, Seta è grata per essere stata salvata dalla morte e dalle pulci, dalla fame e dal terrore di vedere ancora il carceriere al quale sua sorella si era concessa per salvarla dalla violenza. L’incontro tra i due è buffo, tra una bambola di pezza, unico ricordo della madre, e un quadro di famiglia dove, però, i personaggi ritratti sono senza testa. L’uomo, per introdurre la ragazza nel suo nuovo ruolo di moglie, le legge la Bibbia, con solennità e convinzione, mentre la ragazzina si chiede perché, dato che lei capisce benissimo la situazione e lei la Bibbia la sapeva leggere anche da sola, come faceva al nonno per conciliargli il sonno. Quindi la situazione è tragicomica, con la giovane che si nasconde sotto il tavolo e vuole scappare e Aram che non si capacita di avere un impiastro simile tra i piedi, proprio lui che aveva speso un sacco di soldi in mazzette per permetterle di arrivare in America.

Aram vuole rifarsi una vita ma, evidentemente, la vita non ne vuole sapere di rendergli le cose facili solo perché lui è un sopravvissuto, un armeno ingiustamente perseguitato e che ora cerca di essere americano, quindi nuovo, scevro di quei problemi lasciati un Europa. Quindi, nel racconto di una tragedia che si dipana sotto gli occhi degli spettatori con la leggerezza della situazione spesso comica, ecco che la verità emerge con la sua drammatica pesantezza, con la sua drammatica e lucida voglia di continuare ad esistere, ma senza rinunciare al ricordo. Alla bambola di pezza, sempre di pezza e sempre sdrucita anche se con i vestitini nuovi; al quadro di famiglia, anche se ogni tanto è meglio coprirlo e non farlo vedere nella sua sconvolgente e allo stesso tempo ridicola mutilazione, tanto simile a quella delle persone vere. Il racconto è in prima persona da parte di Vincenzo, Vincent (Alberto Mancioppi), nel 1995. La coppia, infatti, non poteva avere figli, così un giorno Seta accoglie in casa un giovane italiano povero e nelle stesse condizioni in cui si era trovata lei. Aram è fotografo di professione, vivono in una bella casa dignitosamente e, quindi, è normale volere aiutare l’orfanello (il bravissimo attore Luigi Bignone), sbandato da quando la madre è ricoverata in un ospedale psichiatrico. Il dramma si ripropone, dunque, sotto altra forma e in altri anni, tanto come ora, oggi, quando non tutti vedono nello stesso modo il dramma di un tempo sulla faccia di persone nuove. Il ricordo dell’Armenia e delle tradizioni di un popolo, di un popolo che non c’era più, viene quindi raccontato su vari piani narrativi di passato e presente, di vita e di memoria, di oggi e di ieri, di necessità di vivere e di continuare a farlo, malgrado tutto. Le nuove opportunità della vita non possono lasciare il passo alla melanconia, alla disperazione, e la testardaggine che dimostra Aram è la sofferenza fatta riscatto, prepotentemente, sempre, anche quando il cuore è a pezzi.

Ne risulta un lavoro interessante, coinvolgente e bello, come solo la bellezza della verità di cui ci si fa carico può essere.

In scena a Brescia fino all’11 dicembre, da non perdere.

 

Alessia Biasiolo

 

I due gentiluomini di Verona a Brescia

Continua la bella rassegna del CTB di Brescia con la commedia “Una bestia sulla luna”, in scena al Teatro Santa Chiara cittadino, ma pubblichiamo nuovamente l’articolo su “I due gentiluomini di Verona” che non risulta sul sito per problemi tecnici.

La stagione del CTB, Centro Teatrale Bresciano, riapre con la messa in scena della commedia “I due gentiluomini di Verona”, opera giovanile di William Shakespeare assolutamente contemporanea e adatta al nostro tempo. La scelta del regista Giorgio Sangati è stata quella di studiare il Bardo e di attualizzarlo con giovanotti che sono ora come un tempo carichi di voglia di nuovo, di un pizzico di romanticismo, di “stupidera” come comunemente si chiama e di tanto di nuovo che li fa sembrare assolutamente uguali a quelli di un tempo.

Non sono dunque i telefoni cellulari e i pc che fanno la differenza. Gli adolescenti sono sempre alla ricerca di sé, di un punto di riferimento, di scoprire la vita, di trovare l’anima gemella. Andavano dietro alle donzelle con libri di poesie alla mano nella Verona un po’ provinciale, per trovarsi catapultati d’improvviso a Milano, alla corte del Duca, per volontà paterna di farne degli uomini. Verona dalle alte mura austere, pronte a difenderli e a proteggerli come le gonne della madre o i timori del padre di smarrirli, è tanto diversa dalla Milano dalle luci sfolgoranti, dove alla corte del Duca c’è la bella Silvia di cui non si può fare altro che innamorarsene. I principi inculcati dalla migliore educazione di corte e di credo, si piega ai voleri della carne e della politica e, allora, alla donna bella e fiera, colta e disinvoltamente disinibita si sacrificano l’amor cortese e l’amore fraterno per il migliore amico.

 

Lo scontro non può che essere nella vita, nella ricerca di un perché e di un motivo che faccia uscire dal circolo vizioso delle scelte altrui che, apparentemente, sono i propri sentori; scelte anche poggianti sul tradimento, sull’abbandono dei principi fondanti dell’essere uomo. Dunque ecco che sulla scena compaiono i giullari, quelle comparse che Shakespeare saprà rendere magistrali mano a mano che scriverà commedie e che ora rappresentano quanto di più convincente c’è in teatro a parte… il cane. Secondo Sangati il cane è la vera star, ma tanto la giudica da subito anche il pubblico, perché alla sua apparizione si alza un mormorio inconfondibile di approvazione. Il cane è assolutamente indifferente a quanto accade agli uomini, ai loro giri tortuosi di parole e di sentimenti. È indifferente alla povera Giulia, la fidanzata di uno dei due gentiluomini, Proteo, che raggiungerà a Milano l’amato sotto le mentite spoglie di un ragazzo, unico modo per poter viaggiare sola e poter controllare le gesta di lui. È indifferente agli stessi protagonisti, Proteo e Valentino, legati da profonda amicizia che sfiora il rapporto sentimentale e che sono pronti a uccidersi per Silvia. Il cane porta la vita in teatro anche dal punto di vista stretto del termine, dato che si comporta come se niente e nessuno lo toccasse minimamente: si gratta, si accuccia, osserva indifferente il pubblico e rimane altrettanto immobile durante lo scroscio di applausi a lui rivolti. Immobile come la scelta di fare restare uno dei protagonisti in scena durante l’intervallo, a significare anche con quella performance tanto semplice quanto complessa, che la vita non si ferma mentre tutti vanno a prendersi una pausa caffè.

 

(la compagnia, foto di Umberto Favretto)

La vita continua e prosegue il suo percorso di silenzi, di non detti, di parole e di grida, di sofferenza più o meno silente fino a quando non ci si rende conto di quanto si è perso senza l’amico migliore, senza l’amata, senza l’apporto di chi sembra inferiore o viene trattato come tale: Svelto, Lancillotto, i banditi a cui si lega Valentino. La commedia sperimentale del genio di Stratford-upon-Avon diventa un’ottima produzione del CTB con il Teatro Stabile del Veneto-Teatro Nazione, con un finale tutto meno che scontato. In scena ottimo il cast, anche se alcuni dialoghi avrebbero dovuto essere più snelli, lasciando il lirismo alle movenze. Ottimi i secondi ruoli, soprattutto per la capacità di ciascuno di impersonare un carattere, più che un ruolo.

Da vedere.

(foto di scena fornite dal CTB)

 

Alessia Biasiolo

 

 

 

 

 

“Canto alla città” a Brescia

“Un percorso d’ascesa, difficile ma pur sempre un cammino verso la conoscenza”, così Lucilla Giagnoni, interprete e ideatrice della nuova produzione CTB Centro Teatrale Bresciano, racconta l’idea originaria di Canto alla città, che sarà in scena il prossimo 29 e 30 novembre alle ore 20.30 presso il Teatro Sociale (Via F. Cavallotti, 20) di Brescia.

Un progetto dedicato alle città, ai luoghi che ognuno vive ogni giorno. Alle città Lucilla Giagnoni dedica un canto, come i cento della Commedia di Dante, testo da cui tutto lo spettacolo trae origine. Dopo aver lasciato “la selva oscura” dell’incipit, è dalla seconda cantica, quella del Purgatorio – forse la più umana – che il viaggio inizia. Un percorso di conoscenza, aspro, irto e pieno di insidie attraverso cui l’uomo è guidato dalla Poesia: è infatti Virgilio a indicare la via che condurrà al cielo. Nella dicotomia terra-cielo si chiarisce l’intento dello spettacolo. Indagare e ragionare sulla tensione che si genera dalla costrizione dell’uomo a vivere nella condizione orizzontale terrena, l’uomo che ha invece in sé una scintilla di divino e che cerca nell’altezza, nella verticalità, un rapporto col cielo, con il trascendente – con il noumeno che ha in sé. L’arte diventa così mezzo per attingere al sovrasensibile. Essa è uno strumento profondamente umano, come il Teatro, che nell’antichità veniva costruito a metà tra il mercato, zona ribassata della città, e la zona spirituale dell’acropoli, solitamente collocata su di un’altura.

Il viaggio di Lucilla Giagnoni è un racconto che muove da certezze antiche e poetiche per contestualizzarsi nel presente attraverso la presenza sul palcoscenico delle orchestre delle città che ospitano lo spettacolo. A Brescia sarà infatti la musica dell’Orchestra di fiati del Conservatorio Luca Marenzio di Brescia, diretta da Giovanni Sora, a dare voce alla città. Esito del campus estivo condotto appositamente per lo spettacolo, l’orchestra – composta da 55 allievi dei corsi tradizionali e accademici dell’istituto – eseguirà un programma che comprende musiche di Eric Witacre, Ottorino Respighi, Gordon Jacob, Eric Satie, Gustav Hölst, Joan Pachelbel e Ralph Waugan.

Lo spettacolo è di e con Lucilla Giagnoni, l’allestimento fonico è di Paolo Pizzimenti, le luci di Massimo Violato, le musiche sono eseguite dal vivo dall’Orchestra di fiati del Conservatorio Luca Marenzio di Brescia diretta da Giovanni Sora.

Lo spettacolo prodotto dal CTB Centro Teatrale Bresciano è inserito nella Stagione di Prosa2017/2018 che è realizzata grazie al sostegno dalla Fondazione ASM e del Gruppo A2A di Brescia.

 

Véronica Verzeletti

 

Programma Teatro Camploy Stagione 2017/2018

Continuerà a Verona il programma teatrale del Teatro Camploy con la Compagnia Giorgio Totola dal 25 al 26 novembre con la commedia “Come si rapina una banca” di Samy Fayad. Brillante e a tratti surrealista, il testo narra le vicende di una povera famiglia napoletana, il cui capofamiglia, Agostino Capece, per riscattare il proprio destino che non gli ha consentito di avere successo nella vita, decide di rapinare una banca. Una storia divertente di contrasti tra la ricchezza di un mondo che corre e la miseria di chi è rimasto indietro.

Proseguirà la compagnia La Bugia, il 2 e 3 dicembre, con “Il pranzo è servito” di Elena Merlo. La vicenda è ambientata in una Nizza immersa in scoppiettanti atmosfere charleston, nel salotto bene di Madame Gigi, esperta botanica e non solo… Ci sono segreti che si possono rivelare solo la sera prima del matrimonio: segreti che passano di madre in figlia e che svelano il magico mondo dell’amore. Ma se una madre distrattamente dimentica di parlare con la figlia e quest’ultima parte serena ed ingenua per il viaggio di nozze e se in questo frangente nulla accade…

Dal 9 al 10 dicembre, la compagnia Artefatto è in scena con ”El derby de Verona” di Fabrizio Piccinato. Gino Bruseghin vive una vita sospesa tra l’amore per il calcio e quello per la propria famiglia, in un equilibrio che viene spezzato dall’arrivo a casa sua del fratello, lo sfaccendato Silvio. Da questo momento in poi la vita non sarà più la stessa in casa Bruseghin. Una divertente commedia che parla di amore in tutte le sue forme: l’amore romantico, quello per la famiglia, l’amore per il proprio lavoro e ovviamente l’amore per il calcio.

La compagnia Tabula Rasa propone dal 16 al 17 dicembre “Il servitore di due padroni” di Carlo Goldoni. Beatrice, giovane donna di Torino, parte per Venezia vestendo i panni del fratello, alla ricerca del proprio amante che ne ha causato la morte. Con lei viaggia il servo Truffaldino che, per soddisfare il suo smodato appetito, finirà per servire due padroni e ingarbugliare la vicenda fino al parossismo. Un classico ancora attuale che colpisce con la struggente umanità di personaggi ridicoli consumati da ansie e sentimenti, e ancora tanto simili a noi. Ipazia dal 6 al 7 gennaio rappresenta “Moby Dick (ritorno a Nantucket)” un adattamento di William Jean Bertozzo dal celebre romanzo di Malville. La poesia, la musica e il racconto si intrecciano nella rappresentazione teatrale della caccia alla Balena Bianca. La voce di Ishmael, unico sopravvissuto, ci accompagna in questa avventura di mare e ci porta a conoscere Achab, Starbuck, Queequeg… e soprattutto l’immenso cetaceo. Cos’è l’ignoto? Perché ciò che è sconosciuto ci inquieta e, talvolta, ci attira verso un nuovo viaggio? A volte crediamo di riconoscere alcuni segni…

Giovedì 11 e venerdì 12 gennaio la compagnia Granbadò propone il musical“Notti d’oriente” di Alberto Bronzato. Un ragazzo di strada, orfano, ladro per necessità s’imbatte in una principessa ribelle, fuggita dal palazzo reale per vivere il mondo comune e tentare di evitare un matrimonio combinato. Aladin e Jasmine si rincorreranno a lungo, ostacolati dal perfido Visir e aiutati dalla magia del frizzante Genio. Lo spettacolo conserva tutti gli elementi della storia di Aladino e la lampada magica, arricchito da vivaci musiche, canzoni e coreografie.

Prosegue la compagnia Zeropuntoit che è in scena dal 13 al 14 gennaio con “S.E.L.F. Control (mantenete la calma)” di Andrea Girardi. Una coppia di sposi si trova, inconsapevolmente e suo malgrado, coinvolta in una serie di fatti sconvenienti e segreti. A complicare l’intreccio in una travolgente sequenza da vaudeville, dalla portinaia saccente alla madre invadente, dal datore di lavoro irreprensibile al poliziotto vizioso, tutti faranno letteralmente impazzire i nostri protagonisti, mettendone a prova la lucidità, fino al colpo di scena finale. Dal 18 al 19 gennaio la compagnia Einaudi-Galilei che propone, nel centenario della Grande Guerra, due atti unici di Borislav Varga, segnati da amara ironia, raccolti sotto il titolo“Dalla giusta parte”. Nel primo un party borghese rivela, sotto la dorata crosta delle chiacchiere da salotto, un mondo di prevaricazioni e omertà. Nel secondo atto un marito e una moglie che vivono in una casa di campagna sotto le bombe di una guerra eterna vedono, a guerra finita, che il nuovo confine passa proprio in mezzo alla loro proprietà…

Dal 20 al 21 gennaio è in scena Verbavolant con “Le baruffe in famegia” di Giacinto Gallina. Momolo vive a Venezia con cinque donne in casa: la madre Rosa, la moglie Emilia, la zie Orsolina e Nene e la domestica Bettina. Tra suocera e nuora nascono i classici dissapori che scandiscono la vita di una famiglia medio borghese, descritti con molta ironia. I dispetti e i pettegolezzi si sprecano e nascono infiniti malintesi, offese e minacce che coinvolgono tutti i personaggi in una divertente e irresistibile “baruffa”.

Dal 27 al 28 gennaio La Formica propone “Aspettando Godot” di Samuel Beckett. Per interpretare questo classico, la regia colloca i personaggi in una cornice metateatrale su un polveroso palcoscenico evocatore di mondi e di ruoli, veri o falsi, vissuti e non, riflesso di una realtà non più decifrabile perché priva di punti di riferimento. Come due naufraghi, Vladimiro ed Estragone cercheranno sui loro volti truccati il segno magico del Prospero della tempesta shakespeariana, per entrare nell’incantesimo di una sublime interpretazione.

La Compagnia Dell’Arca rappresenta dal 3 al 4 febbraio “That’s not amore” di Valerio Bufacchi, Tiziana Crociani e Arianna Errico. Sullo sfondo del grande sogno americano e del boom economico, si snodano le vicende di donne e uomini alle prese con gli stereotipi dei ruoli. A New York approda nei mitici anni ’60, Barbara, una giovane di origini italiane che con il suo libro “Abbasso l’amore” offre alle donne una ricetta per l’emancipazione. Come si inserisce l’amore in tutto questo? Un fardello o la carta vincente?

Lavanteatro propone il 10 e 11 febbraio”Una moglie… spiritosa” adattamento di Gigi Filippini da Noël Coward. Sarebbe il solito triangolo se non fosse che “l’altra” è l’ex-moglie morta da tempo che riappare come fantasma e con una mal celata gelosia nei confronti della nuova moglie. Un susseguirsi di divertenti gags, colpi di scena, battute ed equivoci dovuti al fatto che solo lui vede e sente l’ex moglie morta, mentre la moglie viva è sempre più esasperata dalla situazione. Una commedia brillante che ci fa sorridere della vita e dei paradossi di un matrimonio.

Dal 17 al 18 febbraio Gli Insoliti Noti propone“Nuda proprietà” di Donato De Silvestri. A causa del dissesto economico di una banca, un’anziana signora della classe media si ritrova indebitata e “rapinata” di tutti i suoi averi. Consigliata da un amico, segretamente innamorato di lei, decide di vendere la nuda proprietà dell’appartamento gravato da un mutuo. I tentativi di vendita mettono in gioco una serie di personaggi emblematici del nostro tempo: giovani coppie, disoccupati, voucheristi… Il tutto permeato dall’atmosfera di un misterioso giallo su cui indaga un rude e astuto ispettore.

I’ Aseni del borgo dal 24 al 25 febbraio porta in scena ”No se cata chiete” di I’ Aseni del Borgo. La vicenda si svolge un giorno d’estate in una pensioncina di montagna dove il meritato relax dei villeggianti viene disturbato da un turista di passaggio. Nel tentativo di rifuggire la routine, i protagonisti fanno i conti con l’adattamento ai ritmi della vacanza e col miraggio della tranquillità tanto agognata. Tra teatro dell’assurdo e varietà, in un susseguirsi di battute e giochi di parole, emerge però che la quiete una volta raggiunta spesso non ci appaga…

Continua dal 3 al 4 marzo la compagnia La Pocostabile con “I Rusteghi” di Carlo Goldoni. In scena quattro donne accanto ai quattro fieri, ruvidi e compiaciuti protagonisti: tre mogli e una figlia da maritare, duttili e vitali, pronte ad impegnarsi per migliorare la situazione inutilmente rigida. Goldoni guarda con simpatia agli eccessi di quei “selvadeghi” e all’astuzia generosa delle donne che riusciranno a dar vita ad un armistizio durevole e a una valida intesa. La regia sottolinea le diversità dei tipi e della vicenda con ritmo, musiche originali e scenografie adeguate.

Il 10 e 11 marzo è il turno del G.A.D. Renato Simoni con“Nero come un canarino” di Aldo Nicolaj. Che in questa commedia ne accadano di tutti i colori non è un modo di dire. È un noir? Sì, se non altro per quello smog diffuso con generosità tale da far annerire perfino i canarini. Ma è per caso un giallo? Senza dubbio data la consistente quantità di cadaveri… Un tocco di rosa? Delicatissimo, con vaghe screziature argentate… Il verde? Certo, di ecologia si parla. Quanto all’indaco, nessuno sa bene di che razza di colore si tratti, mentre le sfumature di grigio le lasciamo a chi vuole osare di più…

Estravagario, dal 17 al 18 marzo, presenta Colazione da Occhiobello (anche da asporto)” di Carlo Saglia, nell’adattamento di Silvino Gonzato. La storia è ambientata in una pasticceria di un piccolo paese della provincia veneta. Lo zucchero delle paste, dopo una serie di clamorosi eventi, diventerà per molti, amaro e velenoso. Un variegato mix di battute e gags, le differenti inflessioni dialettali e il ritmo incalzante rendono lo spettacolo divertente ma non privo di spunti di riflessione su una realtà fin troppo presente nelle attuali cronache.

La Nuova Filodrammatica Partenopea porta dal 22 al 23 marzo ”Non ti pago” di Eduardo De Filippo. Lo spettacolo evoca con ironia una delle più morbose manie della gente di Napoli e non solo: il gioco del lotto. Nel testo scritto e rappresentato in piena seconda guerra mondiale, l’autore vuole scaricare la tensione del momento facendo emergere progressivamente dalla commedia la risata come un rifugio che sembra sicuro, lontano dalla tragicità del momento. Per attuarlo riprende gli eroi assurdi ma divertentissimi delle prime farse e recupera gli umori, i sapori e gli estri del teatro della sua giovinezza.

Dal 24 al 25 marzo è la volta di Armathan con“Così è se vi pare” di Luigi Pirandello. Un gruppo di grotteschi personaggi si riunisce nel salotto del Consigliere Agazzi per scoprire cosa si nasconda dietro il misterioso comportamento del signor Ponza e di sua suocera, la signora Frola, da poco giunti in paese. Un gioco al massacro in cui i due, colpevoli solo di essere vivi e di provare sentimenti, sono perseguitati da persona spietate, gelose forse di questa intensità emotiva che a loro non appartiene più. Alla fine, come dice Pirandello, riecheggia solo il suono melanconico di una risata.

Dal 7 all’8 aprile la compagnia Gino Franzi presenta “La guerra da tre soldi” di Alberto Rizzi. Lo spettacolo racconta in modo grottesco gli effetti della grande guerra nelle retrovie dove, in una sala, viene allestito uno spettacolo per i fanti che tornano dal fronte. Attraverso una carrellata di personaggi e una voce narrante, è sottolineata l’assurdità del conflitto che invece di risolvere i problemi, ne crea di ben più gravi. Accompagnamento di musiche dal vivo eseguite al pianoforte da Matteo Valerio.

Trixtragos dal 14 al 15 aprile porta in scena“Aladin e le magiche notti d’oriente” di Neil Ceschi. Liberamente tratto da “Le mille e una notte”, questo musical immerge lo spettatore nelle atmosfere incantate, e a tratti inquietanti, dell’ammaliante leggenda di Aladino e del suo spumeggiante Genio della lampada. Il teatro nel teatro contamina la storia con la tecnica delle scatole cinesi. Intramontabili musiche accompagnano “con un po’ di follia e un pizzico di magia” attraverso quel mondo incantato che è proprio dei sogni.

Dal 19 al 20 aprile la compagnia A Filo d’Arte rappresenta “Romeo e Giulietta”. In questa libera trasposizione del testo shakespeariano il sentimento, la rabbia e il dolore dei due amanti veronesi viene raccontato senza caratterizzazioni temporali. Ogni adolescente è Romeo e Giulietta. Tutto quello che i giovanissimi protagonisti chiedono al cinico e conformista mondo che li circonda è di essere compresi nella ingenuità, tenerezza e devastante follia che caratterizza la loro età. La tragedia si chiude con le parole del Principe “Tutti siamo colpevoli”.

Conclude Modus Vivendi dal 21 al 22 aprile con “Mogli e buoi” di Adriano Mazzucco. Una commedia ricca di personaggi caricaturali che racconta l’insanabile rivalità fra due borghi, uno situato in collina e l’altro in riva al lago, proponendo una riflessione sui pregiudizi e sulla possibilità di superarli. Ogni abitante è fieramente convinto della superiorità del proprio paese, ma l’amore che sboccia tra un ragazzo di Montalto e una ragazza di Borgolino porterà una ventata di aria fresca e arriverà a scalfire l’arrugginita e ottusa contrapposizione.

 

Roberto Bolis

Notre-Dame de Paris al Teatro Carlo Felice di Genova il 23 e 24 novembre

Dopo le importanti trasferte del Carlo Felice in Kazakhstan e in Oman, il Ministero della Cultura Kazako, a conclusione dell’Expo 2017, ha scelto Genova come unica tappa di una tournée internazionale del balletto Notre-Dame de Paris; coprodotto dal Teatro dell’Opera di Astana e Les Ballets Roland Petit Foundation, con i costumi di Yves Saint Laurent, è in scena al lirico genovese Giovedì 23 novembre alle ore 20.30 con repliche il 24 novembre (15.30 e 20.30).

Notre-Dame de Paris, tratto dal romanzo di Victor Hugo, il più famoso autore romantico francese, con la sua trama fortemente popolare debuttò sul palcoscenico del Palais Garnier nel 1965. Il risultato vincente fu la collaborazione di un gruppo di celebrità: il più popolare coreografo francese, Roland Petit, che fu anche il primo interprete del ruolo di Quasimodo, il celebre stilista di grido Yves Saint Laurent, il rinomato compositore Maurice Jarre e il famoso regista e scenografo di cinema e teatro René Allio. Da allora questa originale creazione dal taglio grottesco, imbevuto di plasticità moderna, accentua la bellezza perfetta del balletto classico. La dura realtà e la triste fantasia si intrecciano in questo spettacolo di monumentalità tragica che, quasi subito dopo la prima rappresentazione, si è imposto stabilmente in repertorio diventando un classico indiscusso nel mondo della coreografia contemporanea.

In preparazione allo spettacolo, in collaborazione con l’Associazione Teatro Carlo Felice, lunedì 20 novembre alle ore 17.30 presso l’Auditorium Eugenio Montale, si terrà la conferenza illustrativa “Notre-Dame de Paris – capolavoro di Petit “ a cura di Francesca Camponero.

 

Notre-Dame de Paris

Balletto in 2 atti

Musica di Maurice Jarre

Libretto e Coreografia di Roland Petit

Tratto dal romanzo di Victor Hugo

Prima rappresentazione all’Opéra di Parigi: 11 dicembre 1965

Prima al Teatro dell’Opera di Astana: 24-25 giugno 2016

Coproduzione Teatro dell’Opera di Astana e Les Ballets Roland Petit Foundation

Responsabile della Produzione del Balletto – Luigi Bonino

Costumi – Yves Saint Laurent

Scene – René Allio

Assistente alla Produzione – Gillian Whittingham

Direttore – Arman Urazgaliyev

Ripresa Costumi – Philippe Binot

Luci e Coordinatore alla Produzione – Jean-Michel Desire

Assistente alla Ripresa Costumi– Arassel Dosmuratova

Direttore Artistico della Compagnia di Balletto del Teatro dell’Opera di Astana – Altynai Asylmuratova, Artista Emerito di Russia

Interpreti principali

Esmeralda

Aigerim Beketayeva, Lavoratore Onorario del Kazakhstan

Madina Basbayeva, Lavoratore Onorario del Kazakhstan

Quasimodo

Bakhtiyar Adamzhan

Rustem Seitbekov, Lavoratore Onorario del Kazakhstan

Frollo

Arman Urazov

Serik Nakyspekov

Phoebus

Olzhas Tarlanov

Yerkin Rakhmatullayev

Compagnia di Balletto del Teatro dell’Opera di

Orchestra e Coro del Teatro Carlo Felice

Repliche

Venerdì 24 novembre – 15.30 – 20.30

 

Marina Chiappa

West Side Story al Carlo Felice di Genova

Giovedì 19 ottobre il Teatro Carlo Felice aprirà la propria stagione artistica con West Side Story di Leonard Bernstein, Jerome Robbins, Arthur Laurents e Stephen Sondheim, lo spettacolo che ha rivoluzionato la storia della musica. Nella stagione teatrale del centenario della nascita di Leonard Bernstein, il musical più famoso di Broadway torna in scena in un’edizione rinnovata ma fedele all’originale.

West Side Story è una co-produzione del Teatro Carlo Felice e W.E.C. – World Entertainment Company; un sodalizio significativo fra una Fondazione Lirico-Sinfonica e un’azienda privata che opera nel settore del grande intrattenimento; due entità molto diverse, unite nella proposta di un nuovo progetto stimolante.

Questo grande allestimento, creato esclusivamente per il Carlo Felice, vedrà la regia di Federico Bellone (Viale del Tramonto, A qualcuno piace caldo, Mary Poppins della Disney) e le coreografie originali di Jerome Robbins riprodotte da Fabrizio Angelini.

L’Orchestra e il Coro del Teatro Carlo Felice, diretti da Wayne Marshall, interpreteranno le indimenticabili melodie e i coinvolgenti ritmi della partitura di Bernstein; il cast del musical comprende numerosi artisti di altissimo livello tra i quali spiccano Luca Giacomelli Ferrarini (Tony), Veronica Appeddu (Maria), Simona Di Stefano (Anita), Giuseppe Verzicco (Riff) e Salvatore Maio (Bernardo).

Wayne Marshall – organista, direttore d’orchestra e pianista inglese – è un interprete celebre delle opere di George Gershwin, Leonard Bernstein, Duke Ellington e di altri compositori del ventesimo secolo americano. Ha inciso l’integrale delle opere di Gershwin per pianoforte e orchestra con la Symfoniorkester Aalborg, in qualità di direttore e solista al pianoforte. Marshall è ospite fisso della BBC Proms di Londra e nel 1999 ha suonato con la BBC Big Band per un omaggio a Duke Ellington.

Una storia d’amore ma anche un action thriller, West Side Story è tutto questo, un amore sfortunato tra due giovani, Tony e Maria, la cui felicità è distrutta dall’odio tra le due bande rivali alle quali appartengono: i Jets e gli Sharks, il tutto ambientato nella giungla urbana della New York degli anni Cinquanta. Il musical conobbe un ulteriore successo anche nella sua versione per il grande schermo: l’omonimo film con Natalie Wood vinse 10 premi Oscar, 3 Golden Globe e il Grammy Award per la colonna sonora. Adattamento del celebre Romeo e Giulietta di Shakespeare, il capolavoro di Bernstein unisce ritmi travolgenti di mambo e samba con melodie affascinanti che sono rimaste nella memoria collettiva quali “Maria”, “America”, “I Feel Pretty” e “Tonight”.

Leonard Bernstein, grandissimo direttore d’orchestra nonché compositore, ha saputo trovare in questo lavoro il giusto connubio tra linguaggio popolare e stile colto, creando un capolavoro che travalica i generi e le generazioni.

West Side Story in lingua originale, con dialoghi in italiano andrà in scena dal 19 al 29 ottobre 2017.

Per le attività collaterali:

giovedì 12 ottobre: in concomitanza con la prova di assieme prevista è stato organizzato un “Open day” sul titolo così strutturato:

Ore 15.30 – 16.30 : 1° Accesso gratuito da parte del pubblico interessato ad assistere alla prova

Ore 17.00 – 18.00 : 2° Accesso gratuito da parte del pubblico interessato per assistere alla prova.

Sabato 14 ottobre, ore 16.00 – Auditorium E.Montale

Conferenza illustrativa a cura di Lorenzo Costa

in collaborazione con l’Associazione Amici del Carlo Felice e del Conservatorio N.Paganini

lunedì 16 ottobre, ore 17.30- Libreria Feltrinelli

incontro con il Cast – a cura del musicologo-compositore Massimo Pastorelli

 

Cristina Atzori, Marina Chiappa