La Stagione Estiva del Teatro Carlo Felice di Genova

Proseguono gli appuntamenti estivi 2018 del Teatro Carlo Felice, dedicati al pubblico genovese e non, con concerti, danza, opere e tournée e la grande novità di portare l’Opera all’aperto nella suggestiva cornice dell’Arena del Mare-Porto Antico di Genova, un’iniziativa che permette di valorizzare tanti giovani cantanti, prevalentemente genovesi.

Oggi, lunedì 2 luglio, alle ore 19.00, in occasione delle Celebrazioni del 20° anniversario della città di Astana – Kazakistan, presso l’Astana Opera House, Orchestra e Coro del Teatro Carlo Felice si uniranno all’ Orchestra e Coro dell’Opera di Astana diretta da Alan Buribayev, con la partecipazione del soprano Angel Blue e del tenore Medet Chotabayev, per eseguire la composizione Solemn Ode Shine Astana di Karl Jenkins.

Dal 3 al 7 luglio al Teatro Carlo Felice sarà la volta della 3° edizione dello Stage Internazionale “Genova in Danza”, l’appuntamento per tutti gli appassionati che ha portato a Genova allievi da tutta Italia e dal Mondo impegnati in danza classica, contemporanea, moderna e tap dance. A coronamento, domenica 8 luglio alle ore 9.30 e alle 16.00, il Concorso finale, un’occasione unica per esibirsi sul prestigioso palcoscenico del Teatro Carlo Felice.

Sabato 14 luglio alle ore 20.15 a Portofino in Piazza Martiri dell’Olivetta, si svolgerà il Concerto per l’inaugurazione della Filiale a Portofino della Banca Passadore. A dirigere l’Orchestra del Teatro Carlo Felice, sarà la bacchetta di Giuseppe Acquaviva, che, oltre ad essere il Direttore Artistico, questa volta ricopre per il Teatro Carlo Felice anche il ruolo di Direttore d’Orchestra. Il programma, interpretato dalla soprano Serena Gamberoni ed il tenore Fabio Armiliato, prevede musiche di Geoges Bizet, Giacomo Puccini, Claude François /Paul Anka, Harold Arlen, Gardel–Piazzolla, John Kander /Fred Ebb, Nino Rota, Ernesto De Curtis, Leonard Bernstein, George Gershwin, Leo Chiosso/Fred Buscaglione.

Sempre Sabato 14 luglio alle ore 20.30 al Teatro Carlo Felice, torna a Genova Roberto Bolle, con il suo ROBERTO BOLLE and FRIENDS, Gala di cui non è solo interprete, ma anche direttore artistico. Lo spettacolo verrà anticipato mercoledì 13 luglio come evento privato in esclusiva per Banca Passadore.

A fine luglio l’opera approderà all’Arena del Mare-Porto Antico di Genova, nell’ambito della rassegna “Ti Porto all’Opera”, un originale palcoscenico sul mare dove il 26 e 28 luglio, alle ore 21.15, andrà in scena Madama Butterfly di Giacomo Puccini diretta da Alvise Casellati, ed il 27 e 29 luglio, sempre alle ore 21.15, Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini diretto da Daniel Smith, Direttore Principale Ospite del Teatro Carlo Felice, con l’Orchestra ed il Coro del Teatro Carlo Felice diretto da Franco Sebastiani.

Mercoledì 1° agosto – ore 21.30 a Cervo – Sagrato dei Corallini in Piazza S. Giovanni Battista, in occasione del 55° Festival Internazionale di Musica da Camera, in collaborazione con il FAI – sez. Liguria, il Quintetto di Fiati dell’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova eseguirà musiche di W.A. Mozart, G. Rossini e F. Poulenc. Protagonisti Flavio Alziati al flauto, Corrado Orlando al clarinetto, Guido Ghetti all’oboe, Luigi Tedone al fagotto, Natalino Ricciardo al corno e Valentina Messa al pianoforte.

Il 27 e 29 agosto alle ore 20.00 presso il Cankarjev Dom, con il sostegno del Ministero degli Esteri Italiano, la Fondazione Teatro Carlo Felice è invitata al Festival di Lubiana 2018 in Slovenia con l’Opera Rigoletto, melodramma in tre atti di Giuseppe Verdi, su libretto di Francesco Maria Piave.

Gianluca Marcianò dirigerà l’Orchestra e il Coro del Teatro Carlo Felice. Il cast sarà composto dal celebre baritono Leo Nucci, nel ruolodel buffone di corte Rigoletto; Marina Monzò sarà Gilda, sua amatissima figlia; Celso Albelo vestirà i panni del libertino Duca di Mantova; Dario Russo quello del sicario Sparafucile; e Anastasia Boldyreva sarà la sua avvenente sorella Maddalena.

La regia è affidata, come nel Rigoletto del 2013, al baritono Rolando Panerai, leggenda vivente dell’opera italiana, i costumi sono disegnati da Regina Schrecker, stilista affermata nel campo della moda italiana e da oltre una decina d’anni approdata al teatro, la coreografia è curata da Giovanni Di Cicco e l’Allestimento è del Teatro Carlo Felice.

 

Marina Chiappa

 

 

 

Don Pasquale per ragazzi al Teatro Carlo Felice

Venerdì 4 maggio alle ore 11.00, al Teatro Carlo Felice di Genova, andrà in scena “Don Pasquale” di Gaetano Donizetti, una riduzione per ragazzi  su progetto Operaland a cura di Fabiola Di Blasi e Luca Baracchini.

Direttore d’Orchestra Giorgio Bruzzone

Regia Luca Baracchini

Scene e video Accademia Ligustica di Belle Arti

Assistente alla regia e movimenti mimici  Fabiola di Blasi

Costumi del Teatro Carlo Felice  a cura di Pasquale Napolitano

Personaggi e interpreti principali:

Norina Paola Santucci

Don Pasquale Claudio Ottino

Dottor Malatesta Ricardo Crampton

Ernesto Manuel Pierattelli

In collaborazione con il Liceo coreutico Statale G. Gobetti

Orchestra del Teatro Carlo Felice

Produzione Fondazione Teatro Carlo Felice in collaborazione con Associazione OperaLand

 

 

Marina Chiappa

 

 

 

 

 

“L’ Elisir d’amore” al Teatro Carlo Felice

Domenica 19 marzo alle ore 20.30, con repliche fino a martedì 28 marzo, al Teatro Carlo Felice di Genova, dopo l’ultima edizione del 2014, andrà in scena “L’Elisir d’amore”, opera in due atti di Gaetano Donizetti. Sul podio a dirigere l’Orchestra e il Coro del Teatro Carlo Felice, il giovanissimo Daniel Smith con il duplice ruolo di Direttore d’Orchestra e Ambasciatore Culturale dell’Australia in Italia.

Un allestimento storico del Teatro Carlo Felice presentato per la prima volta nel 1994, amatissimo dalla critica e dal pubblico, conquistati fin dal debutto per l’umorismo raffinato della regia di Filippo Crivelli e dall’atmosfera a metà tra la favola e il cartone animato delle scenografie realizzate dall’ineguagliabile genovese Lele Luzzati, scomparso nel gennaio del 2007. I  variopinti costumi sono di Santuzza Calì e le luci sono firmate dai Luciano Novelli.

Protagonista, un cast straordinario come il baritono Roberto De Candia (Alfonso Antoniozzi) nel ruolo del simpatico ciarlatano Dulcamara, il soprano Serena Gamberoni (Benedetta Torre) vestirà i panni della bella e capricciosa Adina, il tenore Francesco Meli (Roberto Iuliano) sarà l’impacciato e languido Nemorino, Marta Calcaterra la villanella Giannetta, Federico Longhi (Michele Patti) il tronfio Belcore.

Il celebre melodramma giocoso composto da Donizetti nel 1832, in soli 14 giorni, su libretto di Felice Romani, è ritenuto, insieme al Don Pasquale e al Barbiere di Siviglia, uno dei massimi esempi di opera comica ottocentesca per la sapiente miscela tra buffo e lirico.

La storia, ricca di intrighi e di malintesi, è quella dell’ingenuo Nemorino che, innamorato di Adina, fa di tutto per conquistarla mentre lei sta per sposare Belcore, sergente dell’esercito. Nemorino si fa convincere dal dottor Dulcamara ad acquistare un magico filtro d’amore – in realtà semplice vino rosso – che dovrebbe aiutarlo nell’impresa. Avendo bisogno di denaro per comprare altro elisir, Nemorino è costretto ad arruolarsi nella compagnia di Belcore, suscitando il turbamento di Adina che si decide quindi a confessargli il proprio affetto. Belcore accetta la sconfitta d’amore, convinto di trovare presto un’altra giovane da corteggiare, mentre Dulcamara decanta le lodi del suo potentissimo elisir.

Sponsor principale dell’ opera, sarà Latte Tigullio Centro latte Rapallo già supporter per la Stagione Artistica e Stagione Young 2016-2017.

 

Numerose le attività collaterali organizzate intorno all’opera:

Lunedì 13 marzo – ore 17.30 – Libreria Feltrinelli

Incontro con gli artisti – ospiti: Filippo Crivelli (regista)

A cura del musicologo compositore Massimo Pastorelli

Venerdì 17 marzo ore 15.30 prova aperta esclusivamente riservata agli studenti organizzati in sede scolastica.

Sabato 18 marzo al Teatro Carlo Felice, nel I foyer, laboratori creativi in collaborazione con il museo Luzzati: “Costruire un boccascena a tema Luzzati”, le modalità di partecipazione saranno rese note a breve.

26 marzo – 2 aprile – settimana dei teatri   previste diverse iniziative mirate:

lunedì 27 marzo, giornata mondiale dei teatri, visite guidate gratuite al contenitore teatro e all’allestimento dell’opera e alle colorate scene di Luzzati. Le visite sono previste alle ore 9, 10, 11, e 12. Prenotazione obbligatoria.

Domenica 26 marzo ore 15.30 e martedì 28 marzo ore 20.30 prezzi promozionali per la settimana dei teatri.

Martedì 28 marzo alle ore 11.00 al Teatro Carlo Felice, in scena “Gli elisir di Dulcamara” breve storia dell’imbroglio, di e con il Musicattore® Luigi Maio. Spettacolo a pagamento con prenotazione obbligatoria, nell’ambito della stagione YOUNG del Teatro Carlo Felice.

L’ELISIR D’AMORE Melodramma in due atti di Felice Romani Musica di Gaetano Donizetti
Direttore Daniel Smith

Regia Filippo Crivelli Scene Lele Luzzati Costumi Santuzza Calì Luci

Luciano Novelli

 

Assistente alla regia

Luca Baracchini

Assistente ai costumi

Paola Tosti

 

Personaggi e interpreti :

 

Adina

Serena Gamberoni (19, 22, 26, 28)

Benedetta Torre

 

Nemorino

Francesco Meli (19, 22, 26, 28)

Roberto Iuliano

 

Belcore

Federico Longhi (19, 22, 26, 28)

Michele Patti

 

Dulcamara

Roberto De Candia (19, 22, 26, 28)

Alfonso Antoniozzi

 

Giannetta

Marta Calcaterra

 

Allestimento Fondazione Teatro Carlo Felice Orchestra e Coro del Teatro Carlo Felice Maestro del Coro Franco Sebastiani

Maestro ai recitativi Sirio Restani

 

Repliche

marzo 2017: Martedì 21 marzo (15.30 G), Mercoledì 22 marzo   (20.30 B),

Sabato 25 marzo (15.30 F), Domenica 26 marzo (15.30 C),

Martedì 28 marzo (20.30 L).
 

Marina Chiappa

Ludovico Maria Chierici. Alla Sala delle Grida del Palazzo della Borsa e nel foyer del Teatro Carlo Felice di Genova

La mostra ”Ludovico Maria Chierici. Un fotografo genovese di primo ‘900” voluta dalla Fondazione Ansaldo che ne ha recentemente acquisito l’intero archivio fotografico e organizzata con la collaborazione della Fondazione Teatro Carlo Felice, si sviluppa attraverso due separati percorsi.

Il primo è collocato presso la Sala delle Grida del Palazzo della Borsa, che Camera di Commercio ha voluto anche in questa occasione mettere a disposizione della Fondazione Ansaldo in virtù di una collaborazione che dura da anni, ed è costituito da circa 80 fotografie scattate fra il 1908 e il 1916, suddivise in cinque temi: Genova, il Porto di Genova, Il Mare bagna Genova, La Riviera di Levante, il Mondo di Chierici; sono immagini fresche che, scattate con una macchina fotografica stereoscopica Verascope, mostrano la formazione autodidatta di un Chierici molto giovane ma sono testimonianze importanti per la storia genovese e preziose immagini della vita di inizio secolo, con vedute cittadine o paesaggi dove le persone appaiono come comparse secondarie senza essere messe in posa.

Il secondo, monotematico, è collocato invece presso il foyer del Teatro Carlo Felice e raggruppa circa quaranta immagini degli spettacoli rappresentati in quel teatro negli anni fra il 1935 ed il 1941. Si tratta di fotografie che hanno la peculiarità di essere state scattate senza flash ma solo con l’ausilio delle luci di scena e riportano visivamente l’aspetto scenografico degli spettacoli melodrammatici di opere di Gioacchino Rossini, Giuseppe Verdi o Richard Wagner, solo per citarne alcuni.

Le fotografie esposte alla Sala delle Grida sono assolutamente inedite mentre quelle presenti al Carlo Felice furono già oggetto di una mostra, tenutasi sempre al Carlo Felice circa 25 anni fa.

La mostra, con ingresso libero, sarà aperta al pubblico alla Sala delle Grida fino al 19 Febbraio con orario 10-19 mentre la parte espositiva collocata presso il foyer del Carlo Felice rimarrà aperta fino al 6 Marzo e sarà visitabile negli orari di apertura del teatro.

Ludovico Maria Chierici (1886-1965) è un fotografo amatore genovese attivo dal primo Novecento, negli anni in cui il dibattito sulla fotografia italiana come tecnica e arte si fa sempre più vivace e inizia a coinvolgere sia fotografi professionisti che amatori. Inizia a fotografare giovanissimo tra il 1901 e il 1902, quando ancora è uno studente che frequenta il Reale Istituto Tecnico di Genova “Vittorio Emanuele II”. Le sue grandi passioni sono la musica, la fotografia e la cinematografia e sarà un amico di famiglia, Adriano Santamaria, fotografo amatore, a dargli i primi insegnamenti di tecnica, permettendogli di utilizzare la sua camera oscura. Figura di spicco nel panorama genovese, Ludovico Maria Chierici è stato membro dell’Associazione Fotografica Ligure e proprietario dalla metà degli anni Quaranta del negozio di fotografia Speich, rinominato poi “F.lli Chierici Fotografia – Cinematografia” con sede inizialmente in piazza della Meridiana e poi in via Roma.

Il Fondo Chierici, oggi conservato presso la Fondazione Ansaldo con sede in Villa Cattaneo dell’Olmo a Genova, sarà oggetto nei prossimi mesi di una completa digitalizzazione e tutte le immagini saranno rese fruibili in rete sul sito http://www.fondazioneansaldo.it; un progetto che fa parte della mission di tutela, gestione e valorizzazione del patrimonio archivistico della Fondazione Ansaldo, capace di regalare alla città di Genova un’ulteriore arco di storia fatto di immagini.

 

Marina Chiappa

 

Salvatore Accardo al Teatro Carlo Felice per l’Istituto Gaslini

Giovedì 21 aprile alle ore 20.30 la prestigiosa cornice del Teatro Carlo Felice di Genova ospiterà un importante evento benefico a favore dell’Istituto Giannina Gaslini con un concerto straordinario dell’Orchestra da Camera Italiana diretta dal grande violinista Salvatore Accardo, con un programma che prevede l’esecuzione di famose pagine per violino e orchestra d’archi di J. S. Bach, Pablo de Sarasate e P.I. Čajkovskij.

“E’ questa un’importante occasione non solo per la raccolta di fondi per il nostro Istituto – ha commentato Pietro Pongiglione, presidente del Gaslini – ma anche una preziosa opportunità di comunicazione e di relazione con istituzioni, mondo economico, culturale e media. Siamo certi che la città risponderà all’invito e saprà, come sempre, essere vicina al suo ospedale per bambini. Ringrazio di cuore il Maestro Accardo per la sua generosità e sensibilità. Sono felice e orgoglioso di poterlo ascoltare e incontrare in questa bellissima occasione”.

Nascere pretermine oggi offre speranze di vita impensabili fino a solo 20 anni fa: il monitoraggio dell’encefalo nei prematuri nati a poco più di 23 settimane permette di individuare tutte le accortezze assistenziali, nutrizionali e farmacologiche necessarie per far maturare questo meraviglioso e complesso organo fuori dal grembo materno.

L’incasso della serata contribuirà a dotare il reparto di Patologia e Terapia Intensiva Neonatale di due monitor per il rilevamento della anidride carbonica con metodo non invasivo, e una sonda particolare che permetterà lo studio dei flussi cerebrali nei neonati prematuri.

Sul sito http://www.gaslinionlus.it nei giorni successivi al Concerto verranno comunicati, per trasparenza, i dati economici della serata.

 

Marina Chiappa

“Lo schiaccianoci” al Teatro Carlo Felice

Giovedì 3 dicembre, alle ore 20.30, il secondo appuntamento con la danza del Teatro Carlo Felice prosegue con il Balletto dell’Opera Nazionale di Riga, che porterà in scena il celebre balletto “Lo Schiaccianoci” di Pëtr Il’ič Čajkovskij (repliche il 4, 5 e 6 dicembre).

Il balletto fantastico, rappresentato per la prima volta il 6 dicembre 1892 al Teatro Mariinskij di Pietroburgo, in vista del Natale, è ispirato alla favola di Hoffmann, Der Nussknacker und Mausekönig (Schiaccianoci e il re dei topi), nella riduzione per bambini di Alexandre Dumas padre. Il libretto è di Ivan Vsevoložskij, allora direttore dei Teatri Imperiali, le coreografie del più grande coreografico dell’Ottocento, Marius Petipa. Čajkovskij ha scritto per Schiaccianoci una musica di trasparenza mozartiana, ricca di humor, ma anche eterea e dolcissima, perfetta per accompagnare il sogno di una bimba addormentata sotto l’albero di Natale che, in sogno, vive mille avventure. Le danze che si susseguono sono tutte celeberrime: la “Danza della fata confetto”, la “Danza russa”, la “Danza cinese”, fino all’amatissimo “Valzer dei fiori”. Con Petipa lavorò Lev Ivanov, che affrontò soprattutto il problema di far danzare uno stuolo di piccoli allievi della scuola di danza in scene come il “Valzer dei fiocchi di neve”, che prevede la presenza di sessantaquattro ballerine in tutù bianco.

La coreografia e la messa in scena di questa versione sono curate da Aivars Leimanis (dalla produzione originale di Vasilij Vajnonen) che dal 1993 ricopre la carica di  direttore artistico del Balletto dell’Opera Nazionale di Riga e che, nel 2003, è stato  insignito della medaglia dell’Ordine delle tre stelle, uno dei più importanti riconoscimenti lettoni.

La Compagnia che si incarica di farci sognare il grande inverno del Nord, fondata nel 1992,  affonda le sue radici nella migliore tradizione della scuola di balletto russa passata di generazione in generazione, dando i natali a vere e proprie star del balletto, quali Mikhail Baryshnikov, Maris Liepa e Aleksandr Godunov, tutti nati e formati a Riga.

La partitura di Pëtr Il’ìč Čajkovskij è affidata ad un artista di rilievo, Farhads Stade, che dirigerà l’Orchestra del Teatro Carlo Felice.

 

Marina Chiappa

Concerto aperitivo al Teatro Carlo Felice

Domenica 8 febbraio alle ore 11.00 appuntamento con i Concerti Aperitivo della domenica mattina nel Primo Foyer, con l’Orchestra del Teatro Carlo Felice e l’esibizione al violino di Ara Malikian.

Un musicista straordinariamente comunicativo, capace da solista di trascinare il pubblico  in un mondo di invenzioni  e di emozioni, un vero e proprio fuoriclasse del palcoscenico.

Malikian salta, balla, si inginocchia, si stende suonando il suo strumento con maestria inimitabile e conferendo al concerto una teatralità intenzionalmente distante dalla rigida compostezza delle usuali esecuzioni di musica classica, fino a coinvolgere attivamente il pubblico nella performance.

In programma “Le mie prime quattro stagioni” di Antonio Vivaldi, con testo di Marisol Rozo e la voce recitante di Tony Contartese.

In maniera semplice, la parola introduce e facilita la comprensione della musica in modo che il pubblico entri in un’avventura e il concerto si trasformi in una fantastica esperienza musicale tanto per bambini, quanto per adulti.

L’iniziativa dei concerti aperitivo conferma l’attenzione di un pubblico genovese sempre più attento e desideroso di novità culturali, abbinate anche alla possibilità di ascoltare della buona musica sorseggiando un aperitivo nel primo foyer, ambiente suggestivo e raffinato a cura di Mentelocale.

Marina Chiappa