“Cappellacci in centro” riapre le porte dell’antico palazzo di Stella de’ Tolomei

“Cappellacci in Centro” è il titolo della rassegna gastronomica in programma nelle serate del venerdì e del sabato da venerdì 30 settembre fino a sabato  29 ottobre 2022 (dalle 20 in poi) nella sede della Contrada di Santa Maria in Vado, via Cammello 13-15, a Ferrara.

“L’evento – ha sottolineato il presidente  della Contrada Giovanni Bellini portando i saluti anche del vicesindaco e assessore al Palio Nicola Lodi – è alla sua 7.a edizione autunnale ed è un’iniziativa di grande importanza per la vitalità della contrada anche in questo periodo dell’anno lontano dalla scadenza del Palio. Viene creata così un’occasione estremamente aggregativa, che dà la possibilità di visitare la casa di Stella de’ Tolomei: il palazzo trecentesco di cui siamo custodi e affidatari nel cuore antico della città”.
Il presidente dell’Ente Palio Nicola Borsetti ha quindi ricordato che “le dieci serate di un’iniziativa di questo tipo offrono un momento che è culinario ma anche di valore storico. La manifestazione consente di avvicinarsi alla cultura del Palio e alla sua storia attraverso una delle sue contrade, attraendo anche visitatori esterni e con la possibilità di intercettare simpatizzanti che ne portino avanti i colori e la storia”.

L’Osteria dell’Unicorno, giunta alla settima edizione nella sua veste autunnale, torna con la proposta che ha riscosso grande successo nel 2020 e 2021: “Cappellacci in Centro”.
Con questa iniziativa della Contrada di Santa Maria in Vado, vogliamo celebrare il piatto tipico ferrarese che potrà essere gustato, insieme ad altre gustose pietanze, con i condimenti più classici e qualche proposta accattivante della nostra cucina. Il tutto nella splendida cornice di Casa di Stella de’ Tolomei, sede della contrada, nel centro storico di Ferrara.
Completamente gestita dai volontari della contrada, col patrocinio del Comune di Ferrara e dell’Ente Palio città di Ferrara, “Cappellacci in Centro” sarà a disposizione della cittadinanza per tutti i cinque fine settimana nelle date: 30 settembre e 1, 7, 8, 14, 15, 21, 22, 28 e 29, ottobre 2022.

La contrada ringrazia per il sostegno tutti gli sponsor che hanno voluto contribuire alla realizzazione di questo evento: Strade Consulting, Torrefazione La Brasiliana e AVIS Comunale Ferrara.

Alessandro Zangara

Prima edizione della “Festa della Pizza e della Birra” a Porotto

Al campo sportivo di Porotto (Ferrara) sede dell’associazione sportiva X Martiri, continua fino a domenica 4 settembre per tutte le sere e il fine settimana 9, 10, 11 settembre, la prima edizione della “Festa della Pizza e della Birra”.

Sarà possibile gustare le pizze di ogni tipo grazie alla collaborazione della pizzeria Ars at Labor di Ferrara che le preparerà e cucinerà all’istante. Il menù, per chi non desidera mangiare la pizza, è vario: è possibile trovare primi (cappellacci e tortellini), hamburger, patatine, varie bevande e non potevano mancare tanti tipi di birra da gustare in compagnia.

I più piccoli potranno trovare il “Villaggio dei gonfiabili” e per i più grandicelli sono a disposizione i campi da calcetto .

Ricco il programma musicale che allieterà tutte le serate. 

– giovedì 1 settembre – Tarm 3bute
– venerdì 2 settembre – M. Bergamini – Carichi sospesi
– sabato 3 – Chiara Scaglianti Freakndo band,
– domenica 4 – COSKA
– venerdì 9 – Lato sadico
– sabato 10 – Bopers band S.A.L. duo
– domenica 11 – Daiana Ashfield ” Drag Queen Show”.

Gli organizzatori (Asd X Martiri , Presidente Samuel Zaccarini , Vice Presidente Ennio Bizzarri e il DS Riccardo Alberani) raccomando la prenotazione al numero 348/0817973

Alessandro Zangara

Al via il festival Acido Acida a Ferrara

Al Chiostro di Santa Maria della Consolazione (Via Mortara, Ferrara) siamo ormai ai preparativi finali: Acido Acida, festival delle birre britanniche (e non solo), apre infatti a Ferrara oggi, 1 settembre, alle 18. Fino a domenica 4 sarà così possibile degustare le creazioni di diversi birrifici che il festival propone in esclusiva per l’Italia, e più in generale birre non presentate in altri contesti: tra questi i britannici Pastore – in esclusiva europea, con birrai presenti – e Solvay Society, l’irlandese Lough Gill con la loro Nitro Stout spillata all’irlandese, e “pezzi introvabili” di KernelDeya e Cloudwater. Da ricordare anche il Refettorio Chimay (aperto da venerdì a domenica dalle 16 alle 18), con una verticale di cinque versioni della Chimay Grande Resèrve invecchiata in botte anch’essa in esclusiva direttamente dall’abbazia; Wine Side Story, progetto del birrificio sloveno Reservoir Dogs che unisce birra e Ribolla Gialla; nonché la presenza di sidri da diversi Paesi europei, presentati da Marco Manfrini con Oak City Cider e Leno Klandestino.

“Ferrara sempre più internazionale, una città ricca di eventi e sempre attiva – ha sottolineato nel corso dell’incontro di presentazione l’assessore comunale Travagli -. Non nascondo che mi fa enorme piacere che a settembre si continuino a programmare iniziative di alto livello e ringrazio tutti gli organizzatori e collaboratori per questo impegno importante e gravoso. In questo caso si tratta anche di far conoscere un luogo molto bello come il complesso del Chiostro di Santa Maria della Consilazione, specialmente apprezzato dai turisti italiani e stranieri oltre che dai ferraresi, un modo efficace per promuovere la nostra città ben oltre i suoi confini”.

Per facilitare la fruizione, il festival sarà come di consueto diviso in sezioni: Camra Area (dedicato alle birre della tradizione inglese), Birrifici Inglesi, Bottaia, ospiti italiani, ospiti internazionali, Ferrara Craft Beer City, e il già citato Refettorio Chimay. A questi si aggiunge l’area ristorazione, gestita anche quest’anno dal Rione Santo Spirito.

Gli organizzatori hanno ricordato che non ci sono più limiti di capienza dovuti al Covid, ma soltanto quelli normalmente stabiliti per il Chiostro. Una volta arrivati al chiostro di Santa Maria della Consolazione, sarà sufficiente ritirare il proprio ordine già pronto evitando la coda avendo l’ingresso garantitoL’entrata si conferma gratuita; i gettoni in loco saranno venduti al prezzo di 1.50 euro l’uno, e le degustazioni da 150 ml avranno un prezzo variabile a seconda della tipologia di birra. Confermata anche la possibilità di utilizzare un bicchiere delle precedenti edizioni, in un’ottica antispreco, senza acquistare il kit.

Acido Acida aspetta quindi appassionati di birra e turisti al chiostro di Santa Maria della Consolazione, in via Mortara 98 a Ferrara, dall’1 al 4 settembre (giovedì dalle 18 alle 24, venerdì sabato e domenica dalle 12 alle 24). Tutte le informazioni e l’elenco completo dei birrifici partecipanti sono disponibili sulla pagina Facebook di Acido Acida, all’indirizzo mail ilmololive@libero.it e al numero 320 2174940.

Alessandro Zangara

“Sagra del pinzino e dell’arrosticino” al Centro Rivana Garden di Ferrara

Al Centro Rivana Garden di Ferrara i buoni sapori della tradizione tornano ad abbracciare la solidarietà con la settima edizione della ‘Sagra del pinzino e dell’arrosticino’. Curata come sempre dall’Associazione ‘Nati​ con​ la calzamaglia’, in collaborazione con lo stesso Centro Rivana e il patrocinio del Comune di Ferrara, la manifestazione benefica prenderà il via con tre serate d’apertura del ristorante venerdì 26, sabato 27 e domenica 29 agosto dalle 19, per poi proseguire da mercoledì 31 agosto a domenica 11 settembre tutte le sere, sempre dalle 19, anche con servizio di asporto. Il ricavato andrà ancora una volta al progetto ‘Colibrì’ con cui l’associazione ‘Nati con la calzamaglia’ da tempo si propone di offrire un aiuto concreto e mirato a minori con bisogni particolari segnalati dagli assistenti sociali dell’Asp.

Il programma e gli obiettivi della Sagra sono stati presentati dal vice sindaco di Ferrara Nicola Lodi, dal presidente dell’associazione ‘Nati con la Calzamaglia’ Marco Malossi, dal presidente dell’associazione Rivana Garden Enrico Daniele Malossi, con il vicepresidente vicario Michele Fiore e la tesoriera dell’associazione Laura Ferrarese, e dalla presidente della Fondazione Dalla Terra alla Luna Mariella Ferri.

“Al direttivo e ai volontari del centro Rivana – ha dichiarato il vice sindaco Lodi – va il nostro ringraziamento e il nostro sostegno per aver saputo continuare, nonostante le molte difficoltà di questi ultimi anni, dal Covid, al rincaro delle bollette fino all’ultima alluvione di pochi giorni fa, a mantenere in piedi una struttura di questa entità, che da sempre è punto di riferimento per la zona di via Bologna e che con l’associazione Nati con la calzamaglia è sempre in prima linea sul fronte del sociale. La sagra rappresenta un’ottima occasione per raccogliere fondi da destinare alla beneficenza concreta per bambini con particolari necessità indicati dall’Asp e la partecipazione della fondazione Dalla Terra alla luna rende questa manifestazione davvero imperdibile”.

Nel menù della Sagra a farla da padroni saranno i pinzini ferraresi e gli arrosticini, ma non mancheranno anche i cappellacci, i taglieri di salumi, i fritti e tante altre specialità. A preparare e a servire i dolci saranno poi i ragazzi della fondazione Dalla Terra alla Luna che si occupa di giovani con disturbi dello spettro autistico e che, come spiegato da Mariella Ferri “ripeterà l’esperienza già proposta con successo lo scorso anno e frutto della formazione ricevuta dai ragazzi in ambito culinario”.  

Principi indiscussi della sagra sono i pinzini tradizionali ferraresi e gli arrosticini. Un’abbinata straordinaria che ha fruttato lo scorso anno oltre 9.000 presenze. Lo scorso anno è stato un record dopo l’altro: sono stati arrostiti 35mila arrosticini, fritti oltre 700 chili ​ di​ pinzini e cotti oltre 250 chili​ di​ cappellacci. Ma il menù prevede taglieri​ di​ salumi (è previsto anche un tagliere di salumi ferraresi), piade, salsiccia e fagioli e fritti​ di​ ogni tipo. Tutto questo si può gustare al ristorante (al chiuso, anche in caso​ di​ pioggia), ​all’aperto presso il giardino del Centro Rivana o portando a casa, grazie al nostro servizio da asporto. Il Ristorante e il servizio da asporto sono aperti dalle ore 19.00.

“Nati con la Calzamaglia” da anni porta avanti il “Progetto Colibrì”, che nasce per portare aiuto e contribuire alle spese riguardanti specifici bisogni di bambini appartenenti a nuclei familiari in difficoltà.

Alessandro Zangara

“Calici d’Estate” a Ferrara

Cinque giorni dedicati al buon vino e alle degustazioni con produttori e selezioni estive delle cantine d’Italia tornano a Ferrara con la manifestazione “Calici d’Estate”. Per la sua terza edizione, la rassegna a cura di FEshion Eventi e patrocinata dal Comune di Ferrara si svolgerà in una nuova location lungo canale del Po di Volano, in via Darsena a Ferrara nelle serate di mercoledì 27, giovedì 28, venerdì 29, sabato 30 e domenica 31 luglio 2022 con orario 18-22.

Diversi produttori di vini, alcune proposte gastronomiche e degustazioni a bordo di un battello in navigazione, alla scoperta di una Ferrara “nascosta”!
Dalle 19 alle 23:30 dal mercoledì al sabato e dalle 18 alle 22 di Domenica, vi aspettiamo all’info point, per acquistare il ticket e prender parte alla degustazione.
Acquistando il ticket sul sito www.feshioneventi.it/prodotto/calici-destate-2022/ in prevendita, costerà solamente 10€ invece che 12€ e comprenderà:
– 1 porta calice con un calice (calice con cauzione)
– 10 Soli D’oro con cui scegliere uno o due tra i piatti proposti (tra cui antipasti, primi piatti e dolci) e due o tre calici di vino a scelta tra le cantine presenti.
* Ogni piatto ha valore di 2,3 o 4 soli d’oro
* Ogni dolce ha valore di 1-2 soli d’oro
* Ogni calice ha valore di 1, 2 o 3 soli d’oro in base all’etichetta
Non dovete far altro che comporre la vostra degustazione preferita!
Ad accompagnare il tutto ci sarà musica al vivo e dj set a cura di Radio Bruno.
Degustazioni in battello:
– Mercoledì 27 Luglio ore 20:00: Differenze di affinamento dei vini rossi, i tannini: come riconoscerli? a cura del Sommelier Marco Simoni e ONAV Ferrara
– Sabato 30 Luglio ore 20:00: I terpeni: cosa sono e come distinguerli a cura del Sommelier Marco Simoni e ONAV Ferrara
– Domenica 31 Luglio ore 20:00: Antociani e Flavoni: cosa sono? a cura del Sommelier Marco Simoni e ONAV Ferrara
Prenotazioni per degustazioni in battello al seguente link:
https://feshioneventi.it/prodotto/calici-destate-2022/
Per info: http://www.feshioneventi.it

Alessandro Zangara

Al Mura Festival Gin&Jazz e molto altro

Prosegue il ricco programma di musica, sport e tanto buon cibo alla manifestazione ideata e promossa dal Comune di Verona, nei quartieri di San Zeno, Veronetta, Borgo Trento e Torricelle, nel contesto della cinta magistrale, patrimonio dell’Unesco.

Tante saranno le novità anche in ambito culinario, con Celestino Food Truck che propone pizza fritta, parmigiana burger e arancini di riso, per un viaggio in Sicilia, e le deliziose croccanti proposte di Siamo Fritti. Ritorna Arts burger con i suoi incredibili panini alla carne e i coloratissimi burritos di Branchie. L’area food truck è attiva dal martedì alla domenica dalle 18 alle 24.

Martedì 26 luglio appuntamento con “Listen & Buy incontra Vinili su Tela”, con i dj selettori Toni Franchi e Marco Roldo, accompagnati dall’artista Stephanie Ocean Ghizzoni e le sue opere d’arte live.

Mercoledì 27, alle 21, ritorna “Gin ’n’ Jazz”, con il Trio Lorenzo Conte al basso, Joe Clemente alla chitarra e Nelide Bandello alla batteria, con un repertorio dedicato alle sonorità caratteristiche del “Guitar Trio”, riscoprendo i grandi artisti ed il repertorio che hanno segnato la storia della musica Jazz sorseggiando aromatici Gin Tonic.

Giovedì 28 luglio, alle 21, appuntamento con il format Storyteller, ospiti Timothy Cavicchini e Fabio Casarotti. Una serata all’insegna della passione per le band rock, da sempre mission del cantante veronese, in tour questa con la sua gang per tutta la penisola con uno show suddiviso in tre formazioni, duo, trio e band.

Venerdì 29 luglio, alle 21.30, sul palco del freak stage i Cactus Quillers in Tex Mex & Spaghetti western, Cristiano Mecchi, alla voce/cajon, Diego Dalkodo alla chitarra/voce/ovetto quiller, Andrea Veronesi alla chitarra/basso/guitarron/voce/fischio e Giordano Sartoretti alla tromba/flicorno/voce/effetti. Tromba, cajon e chitarre alla messicana al servizio di brani di Johnny Cash, Eddie Cochran ed Elvis. Ma anche Ennio Morricone Rolling Stones e Oliver Onions, tutto ben rinfrescato da tequila senza sale né limone.

A partire da sabato 30 luglio alle 17.30 al via il Festival Buskers con Ludica Circocon, numerose performance di artisti di strada che animeranno il pomeriggio con la loro meravigliosa arte. Alla sera, dalle 21.30, il concerto sul freak stage di Ska-J. Il Festival riprende domenica, sempre dalle 17.30, con i performer e si chiude alle 20.30 con l’appuntamento di “Aperitivi al tramonto 100 note in rosa”.

Sport per tutte le età e per tutti gusti al Bastione di San Bernardino: il pilates con Silvia Barbieri il lunedì sera alle 19.15 e il mercoledì alle 13.15. Il giovedì, alle 18.45, sempre con Barbieri attività di pilates/tone up. Lunedì e martedì alle 19, il venerdì alle 13.30 e il sabato alle 11, e martedì anche alle 7, appuntamento con yoga Vinyasa, il mercoledì sera alle 18.30 con Odaka Yoga e sempre mercoledì alle 19 con il Anukalana Yoga di Eleonora. Jumping fitness con Pierpaolo Savio la domenica alle 11, e alle 11.30 Pilates e stretching posturale.

Tutto il calendario di appuntamenti e attività – in continuo aggiornamento – è consultabile al sito www.murafestival.it

L’ingresso all’area della manifestazione è sempre gratuito.

Roberto Bolis

Torna MangiaFexpo lungo il fiume nel cuore di Ferrara

Dopo il grande successo dei primi due eventi dell’estate 2022, “Uain” e “Rio Latino”, arriva nella splendida location del Lungofiume Nuova Darsena di Ferrara, l’ottava edizione di MANGIAFEXPO, evento dedicato alla ristorazione di Ferrara e Provincia organizzata dall’Associazione Culturale Ugualetrentadue ETS, con il supporto di Dodicieventi di Stefano Zobbi. L’evento è Patrocinato dal Comune di Ferrara, con il supporto di Confesercenti Ferrara e con l’affiancamento a Visit Ferrara. Saranno 12 le aree di ristorazione, per l’occasione saranno 12 ormeggi, che per 4 settimane, dal 28 giugno al 24 luglio 2022, allieteranno i nostri palati con tante proposte, da quelle della tradizione a quelle più gourmet.

“Ringrazio gli organizzatori per questa importante iniziativa collocata nel nuovo spazio cittadino della Darsena che promuove il nostro territorio dal punto di vista culturale e imprenditoriale con eccellenze culinarie – ha affermato nel corso della conferenza stampa l’assessore Angela Travagli. È una bella occasione per associare cultura e cibo Ringrazio anche Marco Simoni per aver accettato di presentare il 6 luglio in questo contesto significativo per la città l’iniziativa di presentazione del docufilm dedicato a un vino delle nostre terre”. 

Sarà definito mano a mano un calendario di iniziative aggiornate sul sito dell’evento alla voce “iniziativa” e fra queste spicca certamente l’evento accennato: mercoledì 6 luglio alle 20 è infatti in programma una serata istituzionale che vedrà protagonista la prima proiezione Italiana del docufilm diretto e realizzato da Marco Simoni, un’opera che tra la fine di giugno e i primi giorni di luglio verrà trasmesso in prima TV su un canale cinese dedicato all’agroalimentare italiano e prodotto dalla redazione Italo-cinese Wine Channel s.r.l. Il Docufilm girato tra Ferrara e Comacchio nel febbraio scorso è stato dedicato al progetto di valorizzazione dell’antico vitigno autoctono ferrarese Russiola salvato dall’estinzione da una squadra di lavoro di cui lo stesso Simoni fa parte con Cantina Mattarelli oltre all’azienda Colombi e Fogli. Oltre al progetto Russiola il Docufilm metterà in luce uno spaccato a 360* del settore agroalimentare ferrarese e comacchiese.

In ordine di numerazione, partendo dall’entrata della rotonda Darsena/Corso Isonzo, sono collocati:
Ormeggio 1 – Osteria degli Ulivi, con proposte pugliesi e cucina mediterranea
Ormeggio 2 – Castello di Fossadalbero, con Cucina Insolita, Pesce e tanto altro
Ormeggio 3 – Koisushi, con Sushi e cibo orientale
Ormeggio 4 – Trattoria La Romantica – il Tipico e il Moderno
Ormeggio 5 – Orco Bacco – Tapas di Carne, Pesce e Champagne
Ormeggio 8 – Big Hop – Birre Artigianali e Arrosticini Abruzzesi
Ormeggio 9 – Street Burger Gourmet, Hamburgheria Artigianale e Birra Artigianale
Ormeggio 10 – Nonna Ines, Pasta Fresca, Tradizione e Gastronomia
Ormeggio 11 – Fraschetta a Roma se magna così, Cucina Romana
Ormeggio 12 – XI Comandamento, Hamburgheria e Birra
Ormeggio 13 – Lungofiume, Cocktail & Wine
Ormeggio 14 – Balebuste, Fresche note estive

Sul sito ufficiale di MangiaFexpo sarà possibile vedere e consultare i Menù di tutti i ristoranti e attraverso il QR CODE che sono collocati in giro per l’evento e in tutti i gazebo della ristorazione.

Tante le iniziative corollario della manifestazione, che permetteranno di mettere in luce il fiume e le attività del territorio.

Alessandro Zangara

Le Piazze dei Sapori festeggiano 20 anni

La grande festa della tradizione enogastronomica taglia l’importante traguardo dei vent’anni. E, per l’occasione, dopo l’edizione straordinaria realizzata lo scorso anno a settembre a causa del Covid, la manifestazione ‘Le Piazza dei Sapori’ torna ad animare la città nella prima settimana di maggio, dal 5 all’8, con un lungo weekend di eventi in piazza Bra e via Roma.

Oltre 50 le aziende della gastronomia tricolore coinvolte, per una edizione tutta dedicata al made in Italy. Gli espositori presenti, selezionati tra centinaia di imprese del settore, promuoveranno in piazza Bra il meglio delle loro produzioni attraverso le tradizionali bancarelle. Via Roma, per il primo anno, entra a far parte delle location dell’evento, ospitando l’area degustazione. Piazza Bra sarà dedicata solo all’ampia esposizione dei prodotti.

L’iniziativa è promossa da Confesercenti Verona con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, dell’Ente Nazionale del Turismo italiano ENIT, dalla Regione Veneto e dal Comune e dalla Provincia di Verona.

Le Piazza dei Sapori. Vent’anni di successi, che hanno visto 2.360.000 presenze, 1.606 aziende coinvolte 1.000 studenti coinvolti nel progetto Teatro Ghiotto, 750 laboratori del gusto, 2 sfilate di moda, 700 spettacoli musicali e culturali, 19 progetti sviluppati a promozione turistica, produttiva, culturale.

Edizione 2022. Oltre agli allestimenti realizzati in piazza Bra e via Roma, una speciale area tematica di promozione del territorio, con l’esposizione di prodotti e laboratori, sarà realizzata dalle aziende di Coldiretti all’interno del Mercato Coperto all’Ex Macello nel quartiere Filippini.

Le aziende agricole aderenti proporranno dei workshop di birra e vino accompagnati da salumi e formaggi locali, alle ore 12 e 13, per la birra e alle 14 e 15, per il vino.

Per la promozione della veronesità, inoltre, è stato inserito uno stand dedicato ai vini veronesi e alla ristorazione tipica locale. Per quest’ultima, nella brochure ufficiale della manifestazione è stata inserita anche una sezione contenente l’indicazione dei ristoranti che sono insigniti della targa Ristorante Tipico di Verona.

Altri eventi

Venerdì 6 maggio alle ore 17.30 al Liston12, con il partner La Feltrinelli, vi sarà la presentazione del libro “Cucina Essenziale” di Francesca Giovannini ideatrice di The Bluebird Kitchen.

Sabato 7 maggio alle ore 16, premiazione del Guardiano del Gusto 2022.

Domenica 8 maggio la città sarà invasa dai Cosplay, le mascotte di Prezzemolo, Tunk, Baldo e Pradabella, che saranno a disposizione dei visitatori per farsi una foto e alle 15 ci sarà il taglio della torta per festeggiare i vent’anni.

Ogni giorno all’Infopoint sarà presente il personale dell’Associazione 800 sorrisi che presenterà il progetto condiviso con Confesercenti Verona a favore dei bambini ospiti delle pediatrie oncologiche. I volontari saranno a disposizione per il truccabimbi e lo zucchero filato, attività per raccolta fondi a favore del progetto. Informazioni sulla manifestazione sul sito www.lepiazzedeisapori.com.

“Un’edizione speciale per molti punti di vista – sottolinea l’assessore –, che oltre a festeggiare l’importante traguardo raggiunto, i vent’anni di manifestazione, riconferma, dopo le difficoltà organizzative attraversate a causa del Covid, il grande ritorno di un degli eventi più attesi e apprezzati da cittadini e turisti. Una vetrina straordinaria per l’enogastronomia, che valorizzare l’ampia offerta di prodotti del nostro territorio e non solo. Vi è una grande necessità di promozione per una filiera produttiva che negli ultimi due anni è stata duramente colpita dalle diverse difficoltà gestionali collegate alla pandemia. Il prossimo fine settimana sarà davvero una grande festa per tutti, per ricominciare finalmente a pieno regime”.

“L’appuntamento – spiegato Torluccio – è molto atteso e abbiamo da mesi messo in moto la macchina organizzativa per prepararlo in tutta sicurezza, anche grazie al supporto dell’amministrazione comunale, in un momento importante di ripresa come questo. Pensiamo che il rilancio del turismo, partendo da quello di prossimità, possa e debba partire proprio da eventi come questo. Siamo fortemente convinti che fare squadra con gli altri attori della città creando iniziative di qualità sia la chiave di volta per rendere Verona ancora più attrattiva nel settore turistico, le cui ricadute positive interessano trasversalmente tutti gli altri comparti”.

“Creiamo iniziative che facciano vivere il tessuto economico e sociale scaligero – dichiara il presidente Bissoli –, ecco perché sono moltissimi gli eventi collaterali che vedono la collaborazione di molteplici soggetti e non si parla di semplice evento di mostra-mercato, conferma di questo ne sono anche i patrocini nazionali ricevuti”.

“Amia sarà “green partner” della manifestazione – sottolinea il presidente Tacchella –. Una collaborazione all’insegna del rispetto dell’ecosistema, di un corretto riciclo dei materiali, dello sviluppo sostenibile. Saremo presenti con un nostro stand, dove sarà distribuito materiale informativo, gadgets a tema, tra i quali l’utile portacenere tascabile in plastica, locandine e brochure. Sia durante, che alla fine dell’evento, sarà inoltre potenziato il servizio e verranno posizionati contenitori aggiuntivi per rifiuti, in previsione della massiccia affluenza di turisti e visitatori”.

Roberto Bolis

Food&Book 2022

Un Festival con ospiti internazionali quello che si preannuncia per la ottava edizione di Food&Book, la Cultura del cibo, il cibo nella cultura. Così saranno la chef ucraina Olia Hercules e la chef russa Alissa Timoskina le ospiti d’onore della Cena di gala del Festival Food&Book, in programma il 13 maggio a Montecatini Terme al Castello la Querceta sede dell’istituto alberghiero di Montecatini Terme. In loro onore i piatti verranno preparati da altre due  chef femminili, Silvia Baracchi del ristorante stellato “Il Falconiere” di Cortona e Federica Continanza dell’ Home Restaurant “Casa Grazia” di San Gimignano.

Alissa e Olia hanno recentemente ottenuto, dalla guida “The World Best 50 Restaurants”, il prestigioso riconoscimento “Chiampions of Change” assegnato ogni anno ai protagonisti della gastronomia che guidano il cambiamento positivo della società. A pochi giorni dallo scoppio della guerra in Ucraina, hanno inoltre dato vita a “CookforUkraine“, lanciando un appello a tutto il mondo della ristorazione per unirsi ad invocare la fine della guerra. Sempre nella giornata del 13 maggio, Alissa e Olia interverranno nello stabilimento termale liberty “Le Tamerici”,  in occasione dell’apertura del festival, esattamente dopo la “Lectio Magistralis” inaugurale tenuta dallo storico inglese Donald Sassoon e dedicata a “La cultura che unisce”, Sassoon, autore di saggi di successo quali La Cultura degli Europei e il recentissimo Il trionfo ansioso. Storia globale del Capitalismo, è tra i numerosi illustri ospiti attesi alle antiche Terme Tettuccio di Montecatini. Il tema scelto per la Lectio Magistralis è di particolare attualità in questo momento storico in cui rullano i tamburi della guerra che soverchiano le voci dei poeti, degli scrittori e degli artisti.

Tantissimi gli appuntamenti in programma nel week end con scrittori, chef, attori che daranno vita a presentazione di libri, performance gastronomiche, “Cene con lo scrittore” e “Piatto con lo Chef” nei migliori ristoranti e hotel di Montecatini; da non perdere nel week end Bererosa la più grande degustazione con centinaia di etichette di vini rosati. Spazio anche per i più piccoli con animazioni da parte della Libreria Quattro Zecchini nel bel parco delle Terme Tettuccio.

“Con queste partecipazioni – ha dichiarato Sergio Auricchio, organizzatore del Festival, puntiamo quest’anno a dare un taglio internazionale alla manifestazione in una delle capitali del Liberty; al contempo abbiamo deciso in questa particolare edizione, che torna dopo due anni di assenza per cause pandemiche, di valorizzare il mestiere delle chef femminili, con questo speciale doppio omaggio nella cena di gala”.

“Dopo Chicco Cerea, Aimo e Nadia Moroni, Gualtiero Marchesi, Ezio Santin e Gennaro Esposito – continua Luigi Franchi, direttore del festival – si arricchisce l’Albo d’Oro di Food&Book con le due chef Hercules e Timoskina, simbolo di come anche la cucina sia una cultura che unisce.”

“La presenza di queste due gradite ospiti che verranno da Londra nella nostra città oltre a dare un tocco di internazionalità   all’evento – conclude Alessandro Sartoni,  Assessore alla Cultura del Comune di Montecatini Terme – porterà attenzione in positivo sul drammatico tema che da oltre due mesi è sotto gli occhi di tutti e che speriamo presto venga superato da una nuova stagione di pace in Europa”.

Tra le tante partecipazioni alla rassegna, si segnalano gli scrittori Gaetano Savatteri, Marco Vichi, Leonardo Gori, Veit Heinichen, Raffaele Nigro, Roberta Deiana, Franco Faggiani, Roberta D’Ancona, Sandra Ianni, Franco Poggianti, Bruno Damini, il poeta Claudio Damiani, gli chef Renato Bernardi, Stefano CallegaroMarcello Leoni Claudia Fraschini.

Tra le ultime novità si segnala anche la partecipazione dello chef e scrittore Andy Luotto, che oltre a presentare il suo ultimo libro Cotto in Coccio, l’astronauta e il contadino, si esibirà in uno showcase culinario a tema.

Si ricorda infine che l’ingresso per partecipare agli incontri in programma nella Sala Portoghesi è gratuito e che le Terme sono ubicate a poca distanza dalle strutture alberghiere. Grazie alle convenzioni del festival con gli hotel di Montecatini Terme è possibile soggiornare in duplex in hotel 4 stelle a 38 euro a persona.

Montecatini Terme è facilmente raggiungibile in treno da Firenze e da Viareggio. Per chi parte da Roma, sono stati organizzati due pullman, in partenza rispettivamente venerdì 13 e sabato 14 mattina, con ritorno domenica 15.

Il Festival Food&Book (www.foodandbook.it) è organizzato da Agra Editrice Srl in collaborazione con il mensile “Leggere:tutti” (www.leggeretutti.it) con il patrocinio del Comune di Montecatini Terme e la collaborazione della Istituto Alberghiero Martini e Terme di Montecatini.

Elisabetta Castiglioni

“Calici d’autunno”, tre giorni dedicati al buon vino e a sfiziosità gastronomiche

Per appassionati e buongustai l’appuntamento nel fine settimana sarà in piazza Castello a Ferrara: venerdì 19, sabato 20 e domenica 21 novembre 2021 si terrà infatti una nuova edizione di “Calici d’Autunno“, manifestazione di degustazione eno-gastronomica itinerante organizzata da “FEshion eventi”. Tre giorni quindi dedicati al buon vino e all’assaggio di sfiziosità gastronomiche, grazie alla partecipazione di diversi produttori di vini e a numerose cantine italiane. Saranno infatti protagonisti tredici cantine, sessanta etichette di vini provenienti da diverse zone d’Italia (Toscana, Marche, Sardegna, Veneto, Puglia, Emilia Romagna, Campania, Valdobbiadene, Conegliano) e alcune aziende gastronomiche che proporranno interessanti degustazioni da poter abbinare. L’iniziativa si avvale del supporto di AIS Ferrara e del patrocinio del Comune di Ferrara.

La manifestazione si svolgerà dalle 19.30 alle 24 di venerdì 19 novembre, dalle 19 alle 24 di sabato 20 novembre e dalle 18 alle 22 di domenica 21 novembre, con punto di riferimento l’info point di piazza Castello, per acquistare il ticket e prender parte alla degustazione. Il ticket ha un costo di 12€ e comprende: un portacalice, un calice di vetro, un antipasto, un piatto, un dolce e tre calici di vino a scelta tra circa 60 etichette. Non si dovrà fare altro che comporre la propria degustazione preferita.

L’evento si svolgerà nel massimo rispetto dall’attuale normativa vigente con l’attuazione di tutti i protocolli relativi all’emergenza Covid, evitando assembramenti ed invitando i partecipanti ad occupare i posti a sedere messi a disposizione nell’area ristoro, allestita in piazza. L’evento sostiene la Green Mobility: grazie alla collaborazione con Trenitalia Tper sarà possibile acquistare il ticket al prezzo di 9€ invece di 12€ se si raggiungerà Ferrara con un treno regionale Trenitalia Tper. Basterà esibire il biglietto all’info point.

Le cantine presenti:Terre Gaie, La Querce, De Riz, Albamocco, Pettyrosso, Maffione, Nero del Bufalo, Pezzalunga, Castiglia, Di Mio, Cantina Sacco, Venciu, La Pescinella. Le aziende: Love Gargano, Corte Vittoria. Capricci di Meggiolaro, Romagna Street Food, GROM, Over Street Food, Tuscany Brothers, Sapori di Valeggio, AD Food Eventi Porchetta di Ariccia, Bar Grillo. Gli sponsor: Agenzia Assicurativa Generali Baluardi e Concessionaria Stracciari.

Alessandro Zangara