Gli scienziati al Festival della Mente di Sarzana

Per la XIX edizione del Festival della Mente di Sarzana, in programma dal 2 al 4 settembre, sono attesi 28 relatori – fra cui diversi scienziati – che rifletteranno sul tema del movimento: un concetto del quale anche la scienza si è spesso occupata, dal movimento delle cellule a quello dell’acqua. 

Gli esseri umani sono abitati da trilioni di cellule in movimento, ma anche da alcune domande esistenziali: Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo? (E dove ceneremo questa sera?), che danno il titolo al dialogo fra Carlo Alberto Redi, biologo e accademico dei Lincei, e Manuela Monti, dottore di ricerca in Bioingegneria e bioinformatica, in programma sabato 3 settembre alle 12.15 al cinema Moderno. I due biologi si confronteranno su questi interrogativi con l’aiuto delle scienze della vita.

Carlo Alberto Redi è presidente del Comitato Etica della Fondazione Umberto Veronesi, già ordinario di Zoologia all’Università di Pavia e socio onorario della Società genetica del Cile. Manuela Monti è ricercatrice all’Università di Pavia, dove svolge ricerche sul differenziamento delle cellule staminali e sulla ovogenesi in collaborazione con istituti di ricerca in USA e Giappone. Insieme, i due relatori hanno pubblicato DNA. La vita in tre miliardi di lettere, (Carocci, 2019) e Prepararsi al futuro. Cronache dalle scienze della vita (Il Mulino, 2022).

Sempre sabato 3 settembre, alle 14.45, il fisico Giulio Boccaletti terrà l’incontro Fermi, mentre l’acqua attorno scorre. Boccaletti, che si è occupato di sicurezza idrica con governi e istituzioni internazionali, spiegherà il modo in cui il movimento dell’acqua ha influenzato le società umane nel corso dei millenni. 

Giulio Boccaletti è ricercatore onorario alla Smith School di Oxford e Senior Fellow del Centro Euro-Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici. Dopo essersi laureato in fisica a Bologna, ha conseguito un dottorato a Princeton. È stato ricercatore all’MIT, socio di McKinsey & Company a New York e Londra, e Chief Strategy Officer di The Nature Conservancy, la più grande organizzazione ambientale al mondo con sede a Washington e operazioni in più di 40 paesi. Nel 2014 il World Economic Forum di Davos lo ha nominato Young Global Leader per il suo lavoro sull’acqua, che nel 2020 è stato oggetto del documentario di PBS H2O: The Molecule That Made Us. Il suo libro Acqua. Una biografia (Mondadori, 2022), tradotto in varie lingue, è stato selezionato come uno dei migliori libri del 2021 da The Economist

Domenica 4 settembre alle 12, la biochimica Adriana Albini, collaboratrice scientifica all’IRCCS Istituto Europeo di Oncologia (IEO) indicata fra le 100 donne più influenti al mondo secondo la BBC, salirà sul palco del Teatro degli Impavidi per parlare di prevenzione delle patologie cardiovascolari e oncologiche nell’incontro Stile di vita e movimento per una vita sana. La lotta contro il cancro è sempre più costosa, generando disuguaglianze nell’accesso alle cure. Occorre dunque un cambio di strategia che si basi, piuttosto, su una maggiore consapevolezza e su uno stile di vita più sano.

Adriana Albini è docente di Patologia generale all’Università Milano Bicocca. È stata responsabile del Laboratorio di Biologia vascolare e Angiogenesi IRCCS MultiMedica di Milano e direttrice scientifica di MultiMedica Onlus. Per la sua riconosciuta attività di ricerca, nel 2018 è stata la prima italiana ad essere eletta nel Board of Directors della American Association for Cancer Research (AACR), una delle più antiche e prestigiose associazioni oncologiche mondiali per la quale, dal 2021, è anche responsabile del Cancer Prevention Working Group (CPWG). 

Tra gli scienziati anche il neuropsichiatra infantile e psicoterapeuta Stefano Benzoni, con l’incontro La salute mentale dei nostri figli in un mondo imprevedibile, in programma domenica 4 settembre alle 14.45. Benzoni, docente presso la Facoltà di Psicologia dell’Università Bicocca di Milano, approfondirà il tema della salute mentale dei giovani: pandemie e catastrofi, infatti, hanno contribuito a puntare i riflettori sul problema. Al di là degli allarmismi pubblici, qual è la situazione attuale e quali strategie applicare per affrontare questa sfida? 

Stefano Benzoni, che si occupa di pratiche collaborative e partecipative nell’ambito della salute mentale per la Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, è autore di L’infanzia non è un gioco. Paradossi e ipocrisie dei genitori di oggi (Laterza, 2013) e Figli fragili (Laterza 2019).

Delos

L’Aperossa

Torna a ronzare L’APEROSSA, la manifestazione ideata e organizzata dall’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico volta a promuovere ed integrare esperienze, luoghi e storie di contesti da valorizzare.

Dal 13 al 18 settembre si svolgerà negli spazi adiacenti alla Centrale Montemartini di Roma un ricco programma culturale che prevede proiezioni, concerti ed esplorazioni con un calendario diviso per fasce, dalle ore 17 a mezzanotte.

Si inizierà con il “CinemaLab”, laboratorio di archeologia cinematografica per ragazzi, a cura dei ricercatori AAMOD, destinato ad un pubblico dagli 8 ai 14 anni e con la rassegna cinematografica “Dal film al libro”, dedicata alle pellicole del catalogo AAMOD che gli studenti del Triennio in Graphic Design e Art Direction del campus di Roma di NABA, Nuova Accademia di Belle Arti hanno scelto per l’elaborazione e creazione di volumi grafici, che verranno presentati e discussi dagli stessi ragazzi prima della proiezione dei titoli. 

Nel tardo pomeriggio spazio alle visite guidate al Museo della Centrale Montemartini con “Un giorno al Museo”, a cura dell’Associazione Vita Romana, tramite approfondimenti  sull’arte del mosaico e sulla trasformazione urbanistica della città. Altri itinerari outdoor saranno invece quelli proposta in “Esplora”, con passeggiate organizzate dall’associazione culturale Marmorata169 che proporrà sei attraversamenti urbani tra le strade del quadrante Testaccio-Ostiense-Garbatella tra storia, architettura e letteratura.

Dalle 21 l’Aperossa srotolerà il suo schermo cinematografico con una serie di film documentari. Tra i titoli in programma La macchina delle immagini di Alfredo C. di Roland Sejko, los Zuluagas di Flavia Montini, Onderadicali di Gianfranco Pannone, Les mains libres di  Ennio Lorenzini, Il mondo a scatti di Cecilia Mangini e Paolo Pisanelli. Nella rassegna “Cinecorto” verranno invece proiettate alcune delle opere vincitrici delle precedenti edizioni del Premio Zavattini e di Suoni e Visioni UnArchive, iniziative dedicate alle pratiche del riuso cinematografico d’archivio. 

L’ultima parte della programmazione giornaliera, alle ore 23, sarà dedicata alla musica con live performance di artisti i cui progetti, sperimentali e in evoluzione, fanno dialogare suoni e immagini in forme innovative. Tra gli ospiti, MAT Trio (Marcello Allulli, Francesco Diodati, Ermanno Baron), Salvatore Insana e Silvia Cignoli, l’ET Project di Emiliano Torquati con Gabriella Aiello e Ramberto Ciammarughi, Rachele Bastreghi dei BAUSTELLE e i DOCTOR 3 (Danilo Rea, Enzo Pietropaoli e Fabrizio Sferra) che tornano con il loro California footage. A chiudere i live, domenica 18 settembre, saranno CATERINA PALAZZI e KANAKA. 

Infine, evento speciale per l’ultimo giorno di programmazione, è  “Radio Clandestina”, testo scritto e interpretato da Ascanio Celestini.

Durante l’iniziativa proseguirà inoltre la raccolta permanente della Fondazione AAMOD relativa ai film di famiglia. I materiali raccolti saranno digitalizzati, restituiti in digitale ai proprietari  e conservati nel fondo archivistico “Famiglie dell’Ostiense”. 

L’APEROSSA è un progetto promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Cultura; è vincitore dell’Avviso Pubblico “Estate Romana 2022 – Riaccendiamo la Città, Insieme” curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE e con il contributo del MiC – Direzione Cinema e Audiovisivo. Partner dell’iniziativa sono NABA, Nuova Accademia di Belle Arti, Associazione culturale Marmorata169 e Associazione Vita Romana. Sponsor Euroma 2. 

La manifestazione è ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti con prenotazione alla mail eventi@aamod.it

Per le esplorazioni urbane prenotazione alla mail: marmorata169@gmail.com 

Elisabetta Castiglioni

Sabato 3 settembre a Vicchio la Marcia per la Pace

È in programma il 3 settembre a Vicchio, in provincia di Firenze, la 21ᵃ edizione della marcia a Barbiana che quest’anno ha come tema ‘La Pace. Tra non violenza e resistenza’.

La manifestazione è organizzata dal Comune di Vicchio e dall’Istituzione Culturale Centro di Documentazione Don Lorenzo Milani e Scuola di Barbiana in collaborazione con la Fondazione Don Lorenzo Milani e l’Associazione Gruppo Don Lorenzo Milani di Calenzano e col patrocinio di Regione Toscana, Consiglio regionale toscano, Città Metropolitana di Firenze e Unione Montana dei Comuni del Mugello.

La Redazione

Al via al Bastione delle Maddalene  del Festival Grenze Arsenali Fotografici 

Scatti di autori nazionali e internazionali che indagano il tema del falso e la sua manipolazione fotografica nelle sue declinazioni. Torna, da oggi al 26 settembre, il festival di fotografia diffuso Grenze, circuito espositivo che si sviluppa tra il Bastione delle Maddalene e varie location del quartiere di Veronetta per raggiungere il Lazzaretto dove saranno esposti gli artisti emergenti.

Nel programma della quinta edizione, mostre di artisti provenienti da Giappone, Sudafrica, Serbia, Austria e Catalogna che si aggiungono alle esposizioni di fotografi italiani. La proposta è stata curata dal docente IUSVE e critico d’arte Simone Azzoni, e della fotografa e docente Francesca Marra, affiancati da un team giovane e dinamico di studenti e appassionati di fotografia. Per tutta la durata del festival vengono inoltre proposti eventi collaterali, conferenze, workshop e laboratori. 

Il festival è realizzato in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune, con il coinvolgimento del Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri e l’ufficio Conservazione e Valorizzazione Sito Unesco e Cinta muraria di Verona. È sostenuto dallo IUSVE, dalla Fondazione Zanotto, Fimauto e Coldiretti Verona. 

Tutte le informazioni sul sito del festival  www.grenzearsenalifotografici.com

“Verona si apre ancora una volta all’internazionalità e ospita una serie di mostre realizzate da autori provenienti da tutto il mondo– commenta l’assessora alla Cultura –. Un festival dislocato in diversi punti della città che offre momenti formativi e divulgativi per il piacere e la maggior comprensione del linguaggio fotografico attraverso l’intrigante tema del falso”.

“Una collaborazione triennale avviata lo scorso anno con Grenze  – dice Napione, responsabile conservazione e valorizzazione Sito Unesco e Cinta muraria magistrale – per valorizzare il Bastione delle Maddalene, luogo emblematico con una particolare vocazione ad ospitare la fotografia. Il festival internazionale si adatta perfettamente al clima multiculturale e vivace della zona di Veronetta”.

‘La fotografia come inizio di un dubbio sulla veridicità di ciò che osserviamo è il filo conduttore del festival che vuole smascherare il falso per raggiungere una coscienza della manipolazione delle immagini – spiega il direttore artistico Azzoni –. Un tema attuale affrontato attraverso una serie di contributi che danno continuità alla vocazione internazionale e formativa del festival’. 

“Ringraziamo tutti i partner che collaborano con noi e permettono la realizzazione del festival – ha detto Marra della direzione artistica di Grenze -. Bello il coinvolgimento degli studenti, un team di giovani che aggiunge entusiasmo al progetto”.

Roberto Bolis

Estate bambini

È in programma per venerdì 2 settembre 2022 alle 17,30 al Parco Massari di Ferrara, con ritrovo all’ingresso di corso Ercole I d’Este, l‘inaugurazione dell’edizione 2022 di Estate Bambini, manifestazione promossa e organizzata da Comune di Ferrara, Consorzio Res e associazione Circi.

Alessandro Zangara

Continua il Mura Festival

Dopo la pausa di Ferragosto, il Mura Festival torna con un ricco programma nei quartieri di San Zeno, Veronetta, Borgo Trento e Torricelle, nel contesto della cinta magistrale, patrimonio dell’Unesco.

Stasera, venerdì 26, sul Freak Stage, Zambo super Pizza, che proporrà brani tratti dal repertorio ska e reggae, viaggiando tra rocksteady, dub, latin e molto altro ancora.

Sabato 27 festa in stile British con Britwall, in partner con The Factory Verona. Dopo il grande successo riscosso lo scorso anno, tornano sul palco gli Arctic Attack tribute band, band tributo dei sensazionali Arctic Monkeys, nonché i vincitori indiscussi della Brit-rock Battle che si è disputata The Factory. Ospiti anche I The Royals, band tutta in stile british che farà respirare l’atmosfera musicale che contraddistingue gli U.K. attraverso i brani inglesi più iconici. Terza band saranno i Freemode, la mitica band tributo degli intramontabili Depeche Mode.

Domenica 28 agosto si balla con la musica di Lotus Trio, un’espressione musicale formata dall’incontro tra la cantante Giulia Prandelli con il pianista Fabio Levi e Thomas Dal Cappello al contrabbasso. Una selezione dei brani più belli ed iconici che hanno caratterizzato la scena Jazz e Swing della nostra penisola e oltreoceano tra gli anni ’30 e l’immediato dopoguerra.

Nuovo appuntamento con la rassegna Bastioni in Scena, organizzata al Teatro dell’Orecchione del Bastione di San Zeno da Teatro Scientifico. Sabato 27 e domenica 28 agosto alle 21.15 in scena La Graticcia, compagnia nata da una costola della storica Barcaccia di Roberto Puliero, nella divertente commedia degli equivoci “Ma per fortuna è una notte di luna” di Ermanno Carsana.

Novità della programmazione è l’attività Danza In Fascia, corso dedicato alle neo mamme e condotto dalla ballerina veronese Scilla Cattafesta. Al lunedì, dalle 17.30, al Bastione di San Zeno, le mamme potranno ballare al tramonto con i loro piccoli portati sul cuore e concedersi un divertente momento di socializzazione e distrazione dalle attività quotidiane, riprendendo coscienza del proprio corpo, riattivandolo e tonificandolo dopo i nove mesi di gravidanza.

Sport per tutte le età e per tutti gusti al Bastione di San Bernardino: il pilates con Silvia Barbieri il lunedì sera alle 19.15 e il giovedì, alle 18.45, sempre con Barbieri attività di pilates/tone up. Il mercoledì sera alle 18.30 Odaka Yoga con Laura al Bastione di San Zeno e ritorno di Yoga Anukalana alle 19 con Eleonora a San Bernardino, in replica anche giovedì alle 18.30.

Sabato 27 agosto appuntamento con Music Together Babies di La chiave Magica alle 10, e Music Together mix-ages alle 11.15. Nel pomeriggio, alle 17, riparte suoniamo insieme al Bastione di San Zeno.

Infine, la domenica alle 11.30 Pilates e stretching posturale a San Bernardino, mentre alle 17 attività “Come Leonardo” con Scienza Divertente.

Tutto il calendario di appuntamenti e attività – in continuo aggiornamento – è consultabile al sito www.murafestival.it

L’ingresso all’area della manifestazione è sempre gratuito.

Roberto Bolis

Al Mura Festival Gin&Jazz e molto altro

Prosegue il ricco programma di musica, sport e tanto buon cibo alla manifestazione ideata e promossa dal Comune di Verona, nei quartieri di San Zeno, Veronetta, Borgo Trento e Torricelle, nel contesto della cinta magistrale, patrimonio dell’Unesco.

Tante saranno le novità anche in ambito culinario, con Celestino Food Truck che propone pizza fritta, parmigiana burger e arancini di riso, per un viaggio in Sicilia, e le deliziose croccanti proposte di Siamo Fritti. Ritorna Arts burger con i suoi incredibili panini alla carne e i coloratissimi burritos di Branchie. L’area food truck è attiva dal martedì alla domenica dalle 18 alle 24.

Martedì 26 luglio appuntamento con “Listen & Buy incontra Vinili su Tela”, con i dj selettori Toni Franchi e Marco Roldo, accompagnati dall’artista Stephanie Ocean Ghizzoni e le sue opere d’arte live.

Mercoledì 27, alle 21, ritorna “Gin ’n’ Jazz”, con il Trio Lorenzo Conte al basso, Joe Clemente alla chitarra e Nelide Bandello alla batteria, con un repertorio dedicato alle sonorità caratteristiche del “Guitar Trio”, riscoprendo i grandi artisti ed il repertorio che hanno segnato la storia della musica Jazz sorseggiando aromatici Gin Tonic.

Giovedì 28 luglio, alle 21, appuntamento con il format Storyteller, ospiti Timothy Cavicchini e Fabio Casarotti. Una serata all’insegna della passione per le band rock, da sempre mission del cantante veronese, in tour questa con la sua gang per tutta la penisola con uno show suddiviso in tre formazioni, duo, trio e band.

Venerdì 29 luglio, alle 21.30, sul palco del freak stage i Cactus Quillers in Tex Mex & Spaghetti western, Cristiano Mecchi, alla voce/cajon, Diego Dalkodo alla chitarra/voce/ovetto quiller, Andrea Veronesi alla chitarra/basso/guitarron/voce/fischio e Giordano Sartoretti alla tromba/flicorno/voce/effetti. Tromba, cajon e chitarre alla messicana al servizio di brani di Johnny Cash, Eddie Cochran ed Elvis. Ma anche Ennio Morricone Rolling Stones e Oliver Onions, tutto ben rinfrescato da tequila senza sale né limone.

A partire da sabato 30 luglio alle 17.30 al via il Festival Buskers con Ludica Circocon, numerose performance di artisti di strada che animeranno il pomeriggio con la loro meravigliosa arte. Alla sera, dalle 21.30, il concerto sul freak stage di Ska-J. Il Festival riprende domenica, sempre dalle 17.30, con i performer e si chiude alle 20.30 con l’appuntamento di “Aperitivi al tramonto 100 note in rosa”.

Sport per tutte le età e per tutti gusti al Bastione di San Bernardino: il pilates con Silvia Barbieri il lunedì sera alle 19.15 e il mercoledì alle 13.15. Il giovedì, alle 18.45, sempre con Barbieri attività di pilates/tone up. Lunedì e martedì alle 19, il venerdì alle 13.30 e il sabato alle 11, e martedì anche alle 7, appuntamento con yoga Vinyasa, il mercoledì sera alle 18.30 con Odaka Yoga e sempre mercoledì alle 19 con il Anukalana Yoga di Eleonora. Jumping fitness con Pierpaolo Savio la domenica alle 11, e alle 11.30 Pilates e stretching posturale.

Tutto il calendario di appuntamenti e attività – in continuo aggiornamento – è consultabile al sito www.murafestival.it

L’ingresso all’area della manifestazione è sempre gratuito.

Roberto Bolis

“Il Palio per la pace” attorno alla comunità ucraina

“Il Palio per la pace” è in programma oggi a Ferrara, in piazza Castello, dalle 16 alle 18.

L’evento ricorda “La Ventura” che era una vicenda che nel Rinascimento vedeva il Duca e la sua Corte uscire dalla dimora del Casato in abiti più dimessi di quelli che si fosse soliti indossare nella quotidianità e percorrere le strade della nostra città, sollecitando dalle attività del commercio, delle arti e dei mestieri, la donazione di beni e quant’altro possibile che poi lo stesso Duca Estense faceva distribuire ai più poveri dei poveri.

Oggi, questa memoria si concretizza con la consegna da parte dell’Ente Palio di beni necessari alle popolazioni dell’Ucraina sconvolte dalla guerra, doni che verranno portati direttamente in quei luoghi dall’Organizzazione di Padre Vasyl Verbitskyy, con la collaborazione di Andrea Firrincieli, che è stato anche Vicepresidente dell’Ente Palio.

Sulla falsa riga dell’evento di allora, l’Ente Palio dalle 16 di oggi allestisce alcuni carretti di legno storici posizionati in Piazza Castello, che presentano quanto preparato per la donazione, con l’accompagnamento di un Corteo proveniente dal Castello Estense.

Un’esibizione di musicisti del Conservatorio cittadino “Frescobaldi” saluta il Duca circondato dalla guardia armata che assiste alla lettura dell’editto di donazione da parte dell’Araldo Ducale.

A seguire un’esibizione del Gruppo “Armati” dell’Ente Palio che rappresenta le gesta dei Cavalieri della nostra città che fu culla dell’arte della scherma rinascimentale.

Il Corteo, accompagnato dai tamburi e dalle chiarine delle Contrade, annuncia alla città l’evento che si conclude con la donazione e i balli dei gruppi di danza storica della Corte Ducale e delle Contrade.

Alessandro Zangara

“Libri e rose”, kermesse letteraria in Gran Guardia e alla Società Letteraria

Prosegue sabato e domenica la kermesse letteraria ‘Libri e rose. Scrivere, stampare, leggere’, che racconta il mondo del libro attraverso gli autori, i tipografi, gli illustratori, le case editrici e i lettori. Gli incontri sono ospitati al palazzo della Gran Guardia e alla Società Letteraria di Verona. Ecco gli eventi prossimi.

Sabato 23 aprile. Alle ore 17.15 si parla di ‘Fedeltà e dintorni’ con lo scrittore Marco Missiroli e la giornalista Alessandra Tedesco. Alle 18.30 dialogo tra Isabella Bossi Fedrigotti e il direttore de L’Arena Massimo Mamoli sulle ‘Relazioni al tempo del secondo millennio’. La giornata si concluderà alle 21 alla Società Letteraria per la presentazione del libro ‘I cani di Barrio’ di Gianni Biondillo, con Luigi Mascheroni.  

Domenica 24 aprile. Gli appuntamenti nella sala Buvette della Gran Guardia: alle 10 la giornalista e scrittrice Anna Briganti racconta il libro ‘Coco Chanel. Una donna del nostro tempo’ con Andrea Kerbaker. Alle 11.30 ‘Il caso Franco Maria Ricci’, il giornalista Stefano Salis dialoga con il curatore di mostre  Edoardo Pepino, alle 14.30 lo scrittore Pier Luigi Vercesi e Annarita Briganti raccontano il libro ‘La donna che decise il suo destino’.

Alle 16 focus sul testo ‘Cose da fare a Francoforte quando sei morto’ con lo scrittore Matteo Codignola e Stefano Salis. Chiude la kermesse l’incontro delle 17.15 sul libro ‘La ragazza che cancellava i ricordi’, con Chiara Moscardelli e Andrea Kerbaker.

L’iniziativa, promossa da Comune e Società Letteraria di Verona, in collaborazione con l’Accademia Filarmonica di Verona e l’Associazione Kasa dei LIbri di Milano, propone un programma di oltre 20 incontri articolati in cinque sezioni: Fuori Classe, tre incontri per le scuole superiori e aperti al pubblico, per approfondire alcuni dei maggiori temi proposti dai programmi scolastici; Vite che non sono la mia, il racconto di personaggi fuori dall’ordinario che hanno attraversato la loro epoca con l’inconfondibile passo dei protagonisti; Freschi di stampa, libri usciti negli ultimi due mesi, ancora poco recensiti, che vengono presentati in anteprima al pubblico veronese; Relazioni, incontri che esplorano le diverse dinamiche relazionali, dai rapporti familiari passando per i legami d’amore e d’amicizia. Infine, la sezione Dietro le quinte, per raccontare l’affascinante mondo dell’editoria e della carta. Agli incontri si accede gratuitamente con green pass rafforzato e mascherina ffp2.  Aggiornamenti ed eventuali variazioni sul programma alla pagina Facebook dell’evento: https://www.facebook.com/events/495605178709443.

Roberto Bolis

Le soffitte tornano in piazza

Abiti vintage, vecchi utensili, libri, riviste e fumetti. Ma anche dischi, giocattoli e attrezzi sportivi, tutti rispolverati da armadi, cantine e garage. Dalla settimana prossima e fino a novembre ritorna “Soffitte in piazza”, i mercatini dell’usato nei quartieri organizzati dal Comune con il supporto delle associazioni DBA-Anemia Diamond Blackfan Italia ODV e Storie Creative.

Si parte il 30 aprile in Borgo Venezia e al Saval, rispettivamente negli spazi del mercato rionale e nella piazza del centro commerciale in via Marin Faliero.

Anche quest’anno dunque, privati e associazioni senza scopo di lucro, potranno dare nuova vita ai propri oggetti attraverso scambi, baratti o vendite. L’iniziativa infatti ha come obiettivo quello di sensibilizzare al riuso evitando lo spreco in un periodo storico nel quale è sempre più fondamentale avere una coscienza ecologica e sostenibile. Novità di questa edizione saranno i punti ristoro per visitatori e operatori, sempre presenti in tutti gli appuntamenti. Chiunque può partecipare come espositore, l’iscrizione è obbligatoria e gratuita collegandosi al sito Dba Italia Odv https://amici.fondazionedba.org/soffitte-in-piazza-2022 e StorieCreative www.soffitteinpiazza.it Per informazioni www.comune.verona.it cercando poi “Soffitte in piazza”. Le iniziative si svolgeranno nel rispetto delle norme anti-Covid e per accedere non sarà necessario il green pass.

“Questa edizione va a consolidare un’iniziativa a cui i cittadini tengono molto, per questo siamo riusciti a realizzarla anche durante la pandemia – ha detto Padovani-. Come sempre è fondamentale il supporto delle associazioni e la collaborazione delle Circoscrizioni, che in questi cinque anni di amministrazione è sempre stata proficua”.

“Soffitte in piazza è un format ormai consolidato, sviluppato e che speriamo possa continuare a regalare momenti interessanti ai nostri quartieri – ha aggiunto l’assessore Zavarise -. Abbiamo voluto ampliare l’offerta inserendo punti di ristoro come ausilio per visitatori e operatori, il tutto per dare vita ad eventi coinvolgenti e inclusivi per i veronesi e le loro famiglie”.

“Questa iniziativa è il frutto di una collaborazione che va avanti con ottimi risultati da anni – ha affermato il presidente Rigo -. I punti di ristoro sono una piccola ma importante novità perché permettono di fare ulteriormente rete tra attività commerciali e associazioni, e sarà da supporto per ogni evento realizzato nei quartieri”.

Il calendario degli appuntamenti con Soffitte in Piazza per il 2022

Circoscrizione 1^ Piazza Isolo – Centro 7 maggio – 4 giugno – 3 settembre

Circoscrizione 2^ Lungadige XXVI luglio 1944 – Parona 14 maggio – 11 giugno – 9 luglio – 10 settembre

Circoscrizione 3^ Piazza del Centro Commerciale Via Marin Faliero – Quartiere Saval 30 aprile e Pista ciclabile – San Massimo 21 maggio

Circoscrizione 4^ Percorso pedonale La Vecchia Ferrovia – Via Tevere e Via Torricelli – Golosine 24 aprile – 29 maggio

Circoscrizione 5^ Parco San Giacomo – lato piazzale ospedale – Borgo Roma 24 settembre

Circoscrizione 6^ Area del mercato rionale – Borgo Venezia 30 aprile – 28 maggio – 18 giugno – 24 settembre – 22 ottobre – 12 novembre

Circoscrizione 7^ Piazza Frugose – Parrocchia Beato Carlo Steeb – San Michele Extra 17 settembre – 8 ottobre

Circoscrizione 8^ Piazzetta Via Valpantena civ. 85c – Quinto di Valpantena 4 settembre

Roberto Bolis (anche per la fotografia)