Serate in musica in riva alla darsena: riparte “Un Fiume di musica”

Dodici concerti in riva al fiume per le serate cittadine del giovedì sera: la rassegna “Un Fiume di Musica” è in programma da stasera, giovedì 2 luglio a domenica 17 settembre 2020 con apertura dei cancelli dalle 20 e inizio dei concerti dalle 21 e possibilità di accogliere con ingresso gratuito fino a 180 persone nei tavoli che si possono prenotare anche online per sedersi ad ascoltare e godere la serata nel tratto di darsena di fronte Palazzo Savonuzzi (retro di via Darsena 57, Ferrara). La manifestazione è curata dalla Scuola di Musica Moderna – Associazione Musicisti di Ferrara con il patrocinio e il sostegno del Comune di Ferrara.

“Quello che presentiamo oggi è un appuntamento importante per la città perché valorizza e tiene insieme tanti aspetti: la musica e i suoi valori, i giovani con la loro passione e tutti i temi legati a Ferrara città d’Acqua che nel prossimo futuro abbiamo in progetto di valorizzare, insieme alla Regione, anche attraverso l’opera di dragaggio e il rilancio della navigazione delle acque come eccellenza insostituibile – ha spiegato il sindaco Alan Fabbri (nella foto) -. Il sostegno a questa manifestazione rientra nel programma di ‘Ferrara Rinasce’ che ha l’obiettivo di valorizzare al massimo tutte le potenzialità della nostra città in questo momento difficile puntando ad un rilancio delle attività e ad una ripresa della socialità in piena sicurezza e nel rispetto delle norme sanitarie”.

Per l’assessore alla cultura Marco Gulinelli “un fattore importante è la valorizzazione del fiume, che è un elemento di identità e di particolare suggestione, che si riallaccia con il filo conduttore della mostra che verrà aperta da venerdì al Pac di corso Porta Mare, a Ferrara, con la mostra dedicata a ‘Pittori fantastici della Valle del Po’, ma che attraverso le evocazioni della musica blues, country e jazz ci fa viaggiare anche lungo quell’altro grande fiume che è il Mississipippi”. A sua volta l’assessore al Turismo Matteo Fornasini ha espresso “soddisfazione per un altro evento che viene riconfermato e che, nonostante le difficoltà, riesce a costruire quel cartellone composito di eventi che stiamo mettendo in campo per quest’estate nell’ambito di ‘Ferrara Rinasce'”. Per prenotare i tavoli ci si può registrare ogni settimana sul sito eventibrite.it o mandare una mail a unfiumedimusica@gmail.com (minimo 3 e massimo 5 persone).
Durante ognuna delle serate musicali del giovedì verrà poi offerta la possibilità di fare un’escursione cittadina serale in battello per vedere la città dalle acque del Po di Volano a bordo della Nena con partenza alle 19 e ritorno alle 20 sulla Darsena e prenotazione obbligatoria (www.lanena.it, cell. 347 7139988).

PROGRAMMA “UN FIUME DI MUSICA 2020”
– Giovedì 2 luglio  KALENDA DO’ SOL (Afro-Mediterraneo)
Flavio Piscopo percussioni & voce, Lele Barbieri batteria, Corrado Calessi tastiere, Andrea Taravelli basso Ambra Bianchi flauto, Stefania Bindini sax

– Giovedì 9 luglio VIVIANA CORRIERI QUARTET (Pop Fusion) Viviana Corrieri voce, Julie Shepherd viola, Lorenzo Pieragnoli chitarra, Massimo Mantovani tastiere

– Giovedì 16 luglio FERRARA BARBERSHOP QUARTET (Genere Popolare Americano a Cappella) Michele Semenza lead, Domenico Urbinati basso, Leonardo Scarpante baritono, Francesco Bighi tenor

– Giovedì 23 luglio QUELLI CHE…(La Milano di Enzo Jannacci) Ricky “Doc” Scandiani voce tastiere & chitarra, Stefano Guarisco batteria, Enrico Trevisani basso, Virna Comini voce, Roberto Baiocchi chitarra, Roberto Poltronieri chitarra, Stefania Bindini sax, Riccardo Baldrati tromba, Maristella Magnani violino

– Giovedì 30 luglio FOUR GRASS (Country – Bluegrass) Marco Scabbia voce & chitarra, Roberto Poltronieri banjo & chitarra, Davide Zabbari basso acustico, Luca Boaretti banjo mandolino & chitarra

– Giovedì 6 agosto D’ALTRO CANTO (Canzoni d’Autore & Standard Jazz) Francesca Marchi voce, Corrado Calessi tastiere, Andrea Taravelli basso, Riccardo Baldrati tromba, Lele Barbieri batteria

– Giovedì 13 agosto GIACOMO ZATTI & QUARTET ” INSIDE” (Stili & Groove Contemporanei) Giacomo Zatti piano & voce, Lorenzo Pieragnoli chitarra, Andrea Taravelli basso, Stefano Guarisco batteria Ambra Bianchi flauto & voce

– Giovedì 20 agosto L’ERA DELL’ACQUARIO (Flower Power Rock) Ambra Bianchi flauto & voce, Ricky Scandiani voce, tastiere & chitarra, Marco Scabbia voce & chitarra Roberto Poltronieri chitarra, Enrico Trevisani basso, Stefano Guarisco batteria

– Giovedì 27 agosto AMBRA BIANCHI MEETS QUARTET (Jazzy Flute Sound) Ambra Bianchi flauto, Nicola Morali tastiere, Enrico Trevisani basso, Stefano Peretto batteria Flavio Piscopo percussioni

 – Giovedì 3 settembre ORGANIC TRIO + Special Guests (Jazz-Blues, Jimmy Smith Sound) Massimo Mantovani tastiere, Roberto Formignani chitarra, Roberto Poltronieri batteria

– Giovedì 10 settembre BLUETIME  (Smooth Jazz) Ambra Bianchi voce & flauto, Nicola Morali tastiere, Enrico Trevisani basso, Stefano Peretto batteria, Roberto Poltronieri chitarra

Giovedì 17 settembre IN JAZZ TIME (Standard Jazz)  Massimo Mantovani tastiere, Lorenzo Pieragnoli chitarra, Lele Barbieri batteria, Andrea Taravelli basso, Federico Benedetti sax

Ingresso gratuito con prenotazione tavoli obbligatoria su App EVENTBRITE ore 20,00 apertura cancelli e  assegnazione tavolo con possibilità di somministrazione bevande; ore 21,00 inizio concerto

Alessandro Zangara (anche per la fotografia)

 

La mostra di Previati al Castello estense di Ferrara

Il Castello estense di Ferrara riapre le porte ai visitatori e prolunga la mostra di Previati fino a fine anno

Dopo Palazzo Schifanoia e Palazzina Marfisa d’Este, anche il percorso museale del Castello Estense di Ferrara è aperto al pubblico. Oltre a uno dei monumenti simbolo della città, ferraresi e turisti potranno visitare anche la mostra “Gaetano Previati, tra simbolismo e futurismo”, organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte in collaborazione con il Comune di Ferrara, in occasione del centenario della morte del grande artista ferrarese.
L’esposizione, che era stata inaugurata lo scorso febbraio e avrebbe dovuto concludersi la prossima domenica, è stata infatti prorogata fino al 27 dicembre 2020, grazie alla generosa collaborazione dei prestatori. Fino a fine anno, i visitatori avranno quindi la possibilità di ammirare un centinaio di opere, tra olii, pastelli e disegni selezionati dal vasto fondo delle raccolte civiche ferraresi ed esposti assieme a un notevole nucleo di altri lavori proveniente da collezioni pubbliche e private, con il corredo di importanti documenti inediti.

“E’ con grande soddisfazione  – ha sottolineato al riguardo l’assessore comunale al Turismo Matteo Fornasini – che ci accingiamo alla riapertura del luogo simbolo della nostra città, il Castello estense, dopo la riapertura di Palazzo dei Diamanti, con l’importante mostra su Banksy, e quella di Palazzo Schifanoia. Ferrara riparte, Ferrara rinasce, grazie alla straordinaria e virtuosa combinazione tra la nostra cultura, i nostri beni monumentali e la capacità di attrarre turismo; una combinazione che intendiamo continuare a  implementare e valorizzare. Per questo, per l’estate 2020 stiamo già mettendo in campo una serie di eventi e iniziative legati al Castello, al Teatro Comunale e ad altri luoghi simbolo della città, per rendere Ferrara sempre più attrattiva e alimentare l’importante indotto economico legato al turismo, necessario per contribuire a far ripartire la nostra città”.

“Con l’apertura del Castello Estense che prevede anche il prolungamento a fine anno della annessa mostra di Previati – conferma l’assessore comunale alla Cultura Marco Gulinelli – possiamo esprimere soddisfazione del lavoro di preparazione svolto su più fronti, anche durante il periodo di chiusura totale dovuto all’emergenza sanitaria. Il sistema culturale di Ferrara, tassello dopo tassello, riparte e siamo consapevoli di quanto esso sia importante anche per le attività economiche e turistiche della città. Dobbiamo ora preoccuparci di progettare l’estate e di dare un segno tangibile anche alla cultura diffusa delle associazioni e di tutte le realtà culturali che operano sul nostro territorio”.

Il Castello estense è aperto al pubblico dalle 9,30 alle 13,30 e dalle 15,30 alle 19,30, chiuso il martedì mattina.

La riapertura è stata prevista attivando tutte le misure di prevenzione per il contrasto alla diffusione del Covid-19: l’ingresso al museo sarà contingentato e consentito a un massimo di 15 visitatori ogni 20 minuti. La prenotazione è fortemente consigliata alla pagina web: https://prenotazionemusei.comune.fe.it

Non saranno visitabili in questo primo periodo di riapertura del Castello Estense le prigioni e la torre dei Leoni.

 

Alessandro Zangara

Palazzo Schifanoia: un video per l’illuminazione del Salone dei Mesi

Palazzo Schifanoia nel circuito internazionale dei musei illuminati da “iGuzzini”. Si è svolta lo scorso 15 giugno, un’apertura straordinaria della sede museale di via Scandiana per consentire la realizzazione di un video realizzato dalla “iGuzzini illuminazione S.p.A”, azienda che ha fornito i corpi illuminanti per la valorizzazione del Salone dei Mesi.

Il video girato ha coinvolto il presidente di Ferrara Arte Vittorio Sgarbi e i rappresentanti della Ditta “iGuzzini illuminazione S.p.A” e sarà presto inserito nelle pagine ufficiali del sito dell’azienda dedicate al progetto culturale Lighthinking che si articola attraverso “un online magazine, un annuale e una serie di eventi per condividere e diffondere la cultura della luce” – come riportato sul sito – all’interno del quale sono già promossi musei, mostre e strutture architettoniche di pregio, italiane e non, per le quali l’azienda ha fornito i materiali per l’allestimento degli aspetti illuminotecnici.

Sempre la ditta ‘iGuzzini” ha confermato, inoltre, una particolare attenzione e sensibilità culturale nei confronti della città di Ferrara con una donazione di lampadari al Teatro Comunale. Per la città si tratta di un’occasione di promozione e di rilancio, dopo la chiusura per COVID-19, degli spazi museali della nostra città.

Alessandro Zangara (anche per le fotografie)

Un artista di nome Banksy: 2.260 visitatori nei primi giorni della mostra

Ottimo avvio per la mostra Un artista chiamato Banksy, aperta al pubblico fino al 27 settembre presso il Palazzo dei Diamanti di Ferrara. Nei primi quattro giorni sono state 2.260 le persone che hanno visitato l’esposizione, con una presenza media giornaliera di 565 persone.

Il dato è molto vicino al “tutto esaurito” considerato che per i primi quattro giorni di apertura erano stati previsti al massimo 2.400 ingressi, in applicazione di tutte le normative di sicurezza per la prevenzione della diffusione del contagio da Coronavirus.

“E’ una grande soddisfazione per noi vedere, già in questi primi giorni di apertura, il successo di questa mostra. Le lunghe file di appassionati in attesa davanti a Palazzo Diamanti dimostrano non solo quanto questo artista sia apprezzato, ma anche la voglia e il bisogno dei cittadini di ricominciare ad apprezzare l’arte, dopo un periodo tanto difficile costato a tutti grandi sacrifici – commenta il sindaco di Ferrara, Alan Fabbri -. Abbiamo voluto aprire subito le porte della mostra proprio per lanciare un messaggio di speranza e di ripresa per la nostra città per la quale l’arte e la cultura sono centrali e lo abbiamo fatto scegliendo un artista di fama internazionale capace di attrarre un pubblico molto eterogeneo. Per le prossime settimane ci auguriamo di registrare numeri ancora importanti considerato che solo da oggi si sono riaperti i confini regionali che consentono ai cittadini di muoversi liberamente”.

I 2260 visitatori hanno potuto entrare e godere delle opere più note di Banksy: dalla bambina con il palloncino a Topolino divorato da un enorme serpente di Dismaland, attraverso un percorso rigoroso e ben definito con applicazione precisa delle prescrizioni anti-Covid. Per tutti è infatti d’obbligo la mascherina, l’utilizzo del gel igienizzante, mentre le visite sono contingentate e guidate segnaletiche di sicurezza che permettono soste distanziate e percorsi di entrata e uscita separati, in modo da non far incrociare i visitatori

Molto buono anche il dato che riguarda il bookshop. In particolare, le prime quattro giornate di apertura, hanno stato registrato un forte apprezzamento per il catalogo della mostra, che è, ad oggi il primo e unico catalogo autorizzato dall’artista Bansky.

Per i visitatori è possibile effettuare una prenotazione on-line per l’accesso agli spazi espositivi, ma anche presentarsi direttamente, acquistare il biglietto e accedere con il turno assegnato.

“Un primo traguardo raggiunto con soddisfazione dal Comune di Ferrara, dall’Assessorato alla Cultura e dalla Fondazione Ferrara Arte – sottolinea l’assessore comunale alla Cultura Marco Gulinelli – a dimostrazione del lavoro fatto nel periodo di chiusura totale in cui abbiamo cercato sia di mantenere il contatto diretto con le persone anche attraverso i social e sia di rispondere al bisogno culturale che la ripartenza avrebbe richiesto”.

 

Alessandro Zangara

“Historical Castle Parks- HICAPS” a Ferrara

Con la riunione finale di lunedì 18 maggio si è concluso il progetto “Historical Castle Parks- HICAPS”, progetto finanziato dal programma comunitario Interreg Central Europe e dedicato all’individuazione e valorizzazione di nuovi modelli di gestione dei parchi storico naturalistici siti in varie parti d’Europa: dalla Slovenia, alla Polonia, alla Croazia e all’Italia. Dopo due anni e mezzo di lavoro i diversi partner hanno così potuto tirare le fila degli interventi transnazionali e delle azioni pilota a livello locale.

Il progetto ha permesso alla città di Ferrara di poter arricchire la propria offerta turistica proponendo a cittadini e visitatori un percorso di valorizzazione della portata storica, architettonica e naturalistica dei 9 km del parco lineare delle Mura Estensi.

Il meeting finale si è tenuto in online conference, modalità che ha sostituito il tradizionale meeting in presenza nel pieno rispetto delle prescrizioni nazionali e internazionali di contenimento dell’emergenza sanitaria Covid – 19. ll Comune di Ferrara ha presentato i risultati di progetto (installazione di nuova cartellonistica turistica, realizzazione del Piano di azione locale), già illustrati il 23 gennaio scorso agli addetti ai lavori e alla cittadinanza nel contesto del meeting regionale organizzato a Teatro OFF – stakeholder fondamentale sin dai primi passi del progetto e soggetto organizzatore dell’iniziativa di lancio del progetto pilota nell’ottobre 2019.

In quell’occasione l’architetto Roberto Meschini della società Tryeco 2.0 s.r.l ha tenuto una lezione di approfondimento storico architettonico del bene e la dottoressa Carla Corazza ha illustrato due tesi di laurea, risultato degli studi svolti all’interno del progetto, con focus sulla biodiversità del Parco.

Riuscire a concludere le attività di progetto e realizzare entro i termini previsti un piano di azione locale che metta a sistema tutti gli interventi di consolidamento e ammodernamento del parco monumentale delle Mura è motivo di grande soddisfazione per l’Amministrazione che, nonostante le difficoltà oggettive, ha continuato a lavorare sul progetto dedicando uno staff trasversale degli uffici comunali.

Il meeting ha avuto anche un significato simbolico perché si è tenuto al terzo giorno di riapertura del parco, dopo il lungo stop imposto dal lockdown.
Oggi il parco si ripopola, sempre nel rispetto del distanziamento sociale, rifiorisce e si prepara ai grandi interventi del prossimo biennio, tra cui spiccano i lavori di restauro e la nuova illuminazione architetturale. Ferrara rinasce, grazie all’impegno di tutti.

 

Alessandro Zangara

Rilancio di Ferrara come meta estiva

Gusto, Cultura, Musica: Ferrara è questo e tanto altro. A raccontare la nostra città, nella fase della ripartenza, saranno 130 poster di sei metri per tre e 100 spazi di arredo urbano allestiti con manifesti che verranno posizionati nelle città che si trovano lungo l’asse della via Emilia e, in particolare, in Romagna nei territori di Faenza, Forlì, Cesena, Ravenna e Rimini, Lugo, Imola e nei comuni di tutta la dorsale adriatica.
L’iniziativa promozionale nasce da un input dell’amministrazione per rilanciare l’immagine del territorio in vista di un ritorno alla normalità anche del richiamo turistico. L’intenzione è quella di richiamare e valorizzare fin da subito il turismo legato ai percorsi artistici, culturali ed enogastronomici che, anche a causa della situazione di emergenza, potrebbe registrare un incremento nei prossimi mesi.

“Vogliamo cominciare fin da ora le attività promozionali per la stagione estiva perché crediamo in una ripresa del turismo – spiega il sindaco Alan Fabbri – specialmente quello indirizzato verso le città italiane che sapranno offrire percorsi culturali integrati. Ferrara è una di queste: possiamo garantire ai turisti un’importante offerta culturale sempre all’avanguardia, percorsi enogastronomici ed eventi di alto livello in tema musicale e artistico. Certo dovremo farlo studiando nuovi modelli di sicurezza sanitaria, ma riusciremo ad essere all’altezza che il momento richiede.

Nel frattempo è importante ricominciare a promuovere l’immagine della nostra città a livello regionale e poi nazionale e internazionale, considerato anche che il territorio ferrarese è stato in questa gravissima emergenza uno dei meno colpiti dal contagio e anche questo potrà essere un punto di vantaggio nella percezione e nella scelta della nostra città come meta estiva”.

 

Alessandro Zangara (anche per le immagini)

Il patrimonio culturale e turistico di Ferrara è sempre ‘aperto’ a cittadini e turisti

Anche il Comune di Ferrara, città Patrimonio dell’Umanità, in collaborazione con la Fondazione Ferrara Arte, la Fondazione Teatro Comunale “Claudio Abbado”, l’Associazione Ferrara Musica e il servizio Biblioteche e Archivi, aderisce alla campagna lanciata a livello nazionale dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo “La cultura non si ferma”. L’obiettivo è quello di promuovere uno stile di vita corretto, nel pieno rispetto dell’emergenza sanitaria, proponendo modalità nuove di fruizione del patrimonio museale e culturale cittadino.

“Abbiamo voluto cogliere come Amministrazione comunale e come Assessorato al Turismo – ha affermato al proposito l’assessore Matteo Fornasini –  questa opportunità che il Mibact ha messo disposizione dei Comuni per la promozione del nostro territorio proprio per evidenziare che nonostante il momento di grande difficoltà, Ferrara e il suo patrimonio storico, artistico, culturale e turistico ci sono. È un’opportunità di visibilità, un ulteriore passo importante che mettiamo in campo e stiamo già lavorando in sinergia con tutti gli operatori turistici, economici, sociali e le associazioni, la Camera di Commercio per programmare il dopo emergenza sanitaria e per promuovere al meglio Ferrara e i suoi tesori da conoscere e promuovere sotto tutti i punti di vista.”

“Non possiamo esimerci – ha sottolineato l’assessore Marco Gulinelli – da questo utile e necessaria operazione, allineandoci con la direzione e l’iniziativa tracciata dal Ministero per i Beni culturali e il Turismo che permette di visitare a distanza la nostra città, i musei, Palazzo Schifanoia, Il Teatro Comunale, il Castello Estense e di usufruire delle nostre biblioteche on-line. Conoscenza e sapere della nostra città non sono relegate nell’angolo dei ricordi ma ben presenti e attive in attesa del desiderio più grande: quello di un ritorno alla normalità, e forse quello che abbiamo imparato oggi ci aiuterà domani”.

I materiali messi a disposizione nell’importante circuito organizzato dal Mibact, erano già elaborati e assemblati nel tempo, disponibili alla fruizione nei diversi canali informativi delle singole realtà museali e culturali. Ora il ricco patrimonio multimediale è stato riorganizzato e inserito in una lista complessiva di migliore fruibilità, un lavoro che rimarrà disponibile anche a emergenza sanitaria conclusa.

Questo l’elenco dettagliato del patrimonio culturale e museale della nostra città fruibile “a distanza” da cittadini e turisti, inserito nelle pagine della campagna di promozione del Mibact “#iorestoacasa” e “#laculturanonsiferma”

PALAZZO SCHIFANOIA

Via Scandiana, 23 Tel. 0532 244949

Orario: 9.30-18.00. Chiuso Lunedì.

arteantica@comune.fe.ithttp://www.ferrarainfo.com

In ottemperanza al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri relativo alle misure di contenimento e gestione dell’emergenza Coronavirus, la riapertura di Palazzo Schifanoia è rimandata a data da destinarsi.

Canali social

Facebook @schifanoiaFE

Risorse online

Il Salone dei Mesi di Palazzo Schifanoia (esposizione online) https://bit.ly/2ysJBPL

Francesco del Cossa e il restauro della parete est di Schifanoia, realizzato dal Settore Attività Culturali del Comune di Ferrara https://we.tl/t-uYtjqEotqU

L’altra Bibbia di Borso d’Este (esposizione online) https://bit.ly/2R07DrJ

I Corali della Certosa (esposizione online) https://bit.ly/2w83IBS

MUSEO DELLA CATTEDRALE

Ex Chiesa di S. Romano – Via S. Romano Tel. 0532 244949

Orario: 9.30-13.00/15.00-18.00. Chiuso Lunedì.

arteantica@comune.fe.ithttp://www.ferrarainfo.com

In ottemperanza al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri relativo alle misure di contenimento e gestione dell’emergenza Coronavirus, il Museo della Cattedrale sarà chiuso fino a data da destinarsi.

Canali social

Facebook @schifanoiaFE

Risorse online

Il restauro di un capolavoro dell’arte italiana del Quattrocento: la Madonna della melagrana di Jacopo della Quercia (video) https://bit.ly/3aytVZ7

Il Museo della Cattedrale (esposizione online) https://bit.ly/2JrxfcG

La Madonna della melagrana (esposizione online) https://bit.ly/3dL9n1B

Le ante d’organo di Cosmè Tura (esposizione online) https://bit.ly/2WWnyLn

CASTELLO ESTENSE

Largo Castello Tel. 0532 244949; 0532 299233.

Orario: 9.30-17.30 (la biglietteria chiude alle ore 16.45).

castelloestense@comune.fe.ithttp://www.castelloestense.it

In ottemperanza al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri relativo alle misure di contenimento e gestione dell’emergenza Coronavirus, il Castello Estense sarà chiuso fino a data da destinarsi

Canali social

Facebook. @CastelloEstenseFerrara

Risorse online

Il Castello Estense in Soggettiva – visita del percorso museale https://bit.ly/2yrszRZ

In barca nel fossato del Castello Estense https://bit.ly/2wTsR3A

Mostra “Tra Simbolismo e Futurismo. Gaetano Previati” https://bit.ly/2wK17yr

Mostra “Tra Simbolismo e Futurismo. Gaetano Previati” https://bit.ly/2yrsHkr

MUSEO DI STORIA NATURALE

Slargo Florestano Vancini (Già Via De Pisis, 24) Tel. 0532 203381

Orario: 9.00-18.00. Chiuso Lunedì

museo.storianaturale@comune.fe.ithttps://storianaturale.comune.fe.it/

In ottemperanza al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri relativo alle misure di contenimento e gestione dell’emergenza Coronavirus, il Museo di Storia Naturale sarà chiuso fino a data da destinarsi.

Canali social

Facebook @storianaturale.ferrara

Instagram museo_storia_naturale_ferrara

Risorse online

Visita virtuale Museo Civico di Storia Naturale di Ferrara su Google Arts & Culture https://bit.ly/33ZN4Re

Remixiamo il Museo di storia naturale di Ferrara – Museomix 2017

https://bit.ly/3bKZP55https://bit.ly/2UMYoMwhttps://bit.ly/2xDVDW0

Dietro le quinte della ricerca in Museo. Filmato amatoriale delle collezioni. Realizzato dal Servizio Civile per la notte dei ricercatori 2018 https://bit.ly/3aCzu91

MUSEO DEL RISORGIMENTO E DELLA RESISTENZA

C.so Ercole I d’Este, 19. Tel. 0532 244949

Orario: 9.30-13.00/15.00-18.00. Chiuso Lunedì

biglietteriamrr@comune.fe.ithttp://www.ferrarainfo.com

In ottemperanza al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri relativo alle misure di contenimento e gestione dell’emergenza Coronavirus, il Museo del Risorgimento e della Resistenza sarà chiuso fino a data da destinarsi.

Risorse online

Remixiamo il Museo del Risorgimento e della Resistenza di Ferrara – Museomix 2016

https://bit.ly/3dN8FRFhttps://bit.ly/3460TO7https://bit.ly/2X1UCSahttps://bit.ly/39Bfv9ghttps://bit.ly/2URP1uZhttps://bit.ly/33Z9kefhttps://bit.ly/2JuMcuvhttps://bit.ly/3dRa35R

PALAZZO DEI DIAMANTI – SPAZIO ESPOSITIVO

C.so Ercole I d’Este, 21 Tel. 0532 244949

Tutti i giorni 9.00-19.00

diamanti@comune.fe.ithttp://www.palazzodiamanti.it

In ottemperanza al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri relativo alle misure di contenimento e gestione dell’emergenza Coronavirus, lo Spazio espositivo del Palazzo dei Diamanti sarà chiuso fino a data da destinarsi.

Canali social

Facebook @PalazzoDiamanti

Instagram @palazzodiamanti

Youtube Palazzo dei Diamanti https://bit.ly/2wJZh0v

Risorse online

Mostra “De Nittis e la rivoluzione dello sguardo” 2019/2020 https://bit.ly/3aBmT5R

PADIGLIONE D’ARTE CONTEMPORANEA

C.so Porta Mare, 5 Tel. 0532 244949

Orario: 9.30-13.00; 15.00-18.00. Chiuso Lunedì.

artemoderna@comune.fe.ithttp://www.ferrarainfo.com

In ottemperanza al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri relativo alle misure di contenimento e gestione dell’emergenza Coronavirus, il Padiglione d’Arte Contemporanea sarà chiuso fino a data da destinarsi.

Canali social

Facebook @PalazzoDiamanti

Instagram @palazzodiamanti

Youtube Palazzo dei Diamanti https://bit.ly/2wJZh0v

Risorse online

Mostra “La collezione Franco Farina. Arte e Avanguardia a Ferrara 1963/1993” 2020

GALLERIE D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA

Archivio Michelangelo Antonioni

https://www.archivioantonioni.it

 

Alessandro Zangara

Con il “Carnevale degli Este” Ferrara rivive le magie del Rinascimento

Dopo più di cinquecento anni torna in vita il Carnevale Estense nella raffinata cornice della città di Ferrara, una delle più importanti capitali della cultura nel Rinascimento. La rievocazione storica del Carnevale che gli Estensi usavano celebrare nel XV e XVI secolo costituisce l’occasione per immergersi nell’atmosfera rinascimentale della Corte di Ferrara, conosciuta nel mondo come la più elevata espressione di bellezza nel campo delle arti figurative, architettoniche e letterarie.

Dal 20 al 23 febbraio Ferrara diventerà teatro di oltre cinquanta appuntamenti che prevedono coinvolgenti animazioni a tema storico, per adulti e bambini, con cortei di 500 figuranti in costumi dell’epoca, giochi d’armi e di fuoco, danze e concerti, banchetti a menù rinascimentali, 12 divertenti rappresentazioni teatrali e pantomime, conferenze sugli Estensi e le loro usanze, visite guidate a tema per le vie della città e nei palazzi storici, laboratori ludico-didattici in Castello e presso i Musei, e un mercatino rinascimentale delle erbe.

Tutto questo offrirà l’opportunità di conoscere in modo piacevole e originale l’affascinante storia della Corte Estense e l’incantevole centro storico di Ferrara, Patrimonio mondiale dell’Umanità UNESCO.

Da alcuni anni l’Amministrazione Comunale promuove e sostiene la manifestazione rievocativa del Carnevale degli Este, organizzata sapientemente dall’Ente Palio di Ferrara attraverso molteplici eventi di interesse culturale e di attrazione turistica.

Per l’occasione sabato 22 e domenica 23 febbraio i Musei civici saranno aperti gratuitamente (Casa di Ludovico Ariosto, Palazzina Marfisa d’Este, Museo di Storia Naturale, Museo della Cattedrale, Palazzo Bonacossi, Museo del Risorgimento e della Resistenza, Padiglione d’Arte Contemporanea).

– GIOVEDÌ 20 FEBBRAIO 2020

Ore 16.00 Palazzo Bonacossi, Salone d’Onore via Cisterna del Follo 5

Inaugurazione dell’edizione 2020 del Carnevale degli Este, con partecipazione del Coro Universitario diretto dal m.° Francesco Pinamonti. Per l’occasione, sarà esposta e presentata al pubblico una selezione delle nove polene lignee appartenute alle galee veneziane sequestrate durante la battaglia del 1509, a cura dei Musei Civici di Arte Antica. A seguire, Il “felicissimo successo” della Polesella, tra Ippolito e Alfonso d’Este, conferenza di Marialucia Menegatti (responsabile editoriale dell’associazione Ferrariae Decus di Ferrara). Ingresso libero.

Ore 18.15 Casa Romei via Savonarola 30

Odi le trombe? È il fragor del Carnevale! Concerto inaugurale dell’Ensemble di trombe barocche del Conservatorio Girolamo Frescobaldi di Ferrara, a cura di Michele Santi e Martina Dainelli. Seguirà brindisi.

– VENERDÌ 21FEBBRAIO 2020

Ore 16.00 Palazzo Bonacossi, Salone d’Onore via Cisterna del Follo 5

Venezia sconfitta, Ferrara trionfante: la battaglia della Polesella tra false notizie, canzoni di piazza e propaganda, conferenza a cura di Massimo Rospocher (Istituto Storico Italo-Germanico di Trento), con animazioni e intermezzi vocali a cura del De Sphaeris Ensemble e del Coro della Basilica di San Giorgio, diretti dal m.° Davide Vecchi. Ingresso libero.

Ore 17.00 Biblioteca Comunale Ariostea, Sala Agnelli via delle Scienze 17

Tra commedia e tragedia: il divertimento alla corte estense nel primo ‘500, in una selezione di scene dal film “E ridendo l’uccise” di Florestano Vancini, a cura di Carlo Magri: diretto dal celebre regista ferrarese nel 2005, il film è incentrato proprio sulle vicende storiche dei fratelli Alfonso, Ippolito, Giulio e Ferrante d’Este. Ingresso libero.

Ore 19.00 Centro di Promozione Sociale “Il Parco” via Canapa 4

Gran ballo di Carnevale, con ricco buffet, a cura della Contrada Borgo San Giovanni, in collaborazione con l’Associazione di Promozione Sociale 8cento di Bologna. Servizio navetta da Largo Castello, di fronte alla Camera di Commercio. Iniziativa a pagamento.

Ore 21.00 Sala della Musica, chiostro di San Paolo via Boccaleone 19

Gli sposi promessi, commedia a cura della Compagnia della Vipera in collaborazione con il Gruppo Armonie di Danza della Contrada Rione San Paolo. Ingresso libero.

– SABATO 22 FEBBRAIO 2020

Ore 10.00 – 19.30 Piazza Trento e Trieste

“Mercato Rinascimentale delle erbe”, nell’omonima e antica Piazza delle Erbe (dal 1919 diventata Piazza Trento e Trieste), a cura dell’Associazione Coldiretti di Ferrara, Avis Provinciale e Comunale di Ferrara e dell’Ente Palio.

Ore 10.00 – 18.00 Centro Storico

Note itineranti, a cura dei Daridel: con ghironda, liuto, cornamusa e percussioni, i cinque musicisti di Ferrara cattureranno l’occhio e l’orecchio del pubblico, regalando momenti di danze, musiche e tanta energia.

Ore 10.00 Castello Estense, Sala dei Comuni

“De mascare et comedie”: i carnevali estensi tra allegrezze e magnificenza, conferenza a cura di Domenico Giuseppe Lipani (Università degli Studi di Ferrara); a seguire, Il Lazzo della mosca e altre storie, a cura di Fabio Mangolini (direttore artistico di Cornucopia Performing Arts Labs). Ingresso libero.

Ore 10.00 – 13.00 Piazza Savonarola, accesso dal pontile

Visita in barca nel fossato del Castello Estense: durante la navigazione si può ascoltare un’esaustiva descrizione storica del monumento, in italiano e in inglese. A cura di Itinerando. Evento a pagamento, senza prenotazione.

Ore 10.15
Palazzo di Giulio d’Este 
corso Ercole I d’Este 16

Alfonso I e Ippolito d’Este. Le armi e gli amori: passeggiata dal cuore della città rinascimentale fino a palazzo Bonacossi, dove si potranno ammirare le “polene” delle navi veneziane sequestrate dal duca Alfonso nel dicembre 1509. Visita guidata a cura di NaturalMente Arte-Ferrara

Ore 10.30 Biblioteca Comunale per ragazzi “Casa Niccolini” via Romiti 13

Annone e Ganda: due star pachidermiche del primo ‘500, aneddoti e vicende su due tra i più famosi animali esotici del Rinascimento, a cura della Commissione Scuola dell’Ente Palio di Ferrara: partecipazione libera e gratuita, particolarmente indicata per bambini a partire dai 5 anni.

Ore 11.00 Museo Archeologico via XX Settembre 122

Visite guidate ai soffitti affrescati di palazzo Costabili (Sala del Tesoro e sale didattiche), attraverso letture di testi e animazione scenica con personaggi in abito storico pronti a evocare curiosità e aneddoti della Ferrara del primo Cinquecento: a cura del Gruppo Archeologico Ferrarese. Iniziativa gratuita, previo pagamento del biglietto d’ingresso, con gratuità di legge.

Ore 12.30 Centro di Promozione Sociale “Il Parco” via Canapa 4

Banchetti e danze col Messisbugo: pranzo animato con balletti rinascimentali, recite ed esibizione di armati, a cura della Contrada Borgo San Giovanni. Servizio navetta da Largo Castello, di fronte alla Camera di Commercio.

Ore 14.00 – 17.00 Piazza Savonarola, accesso dal pontile

Visita in barca nel fossato del Castello Estense: durante la navigazione si può ascoltare un’esaustiva descrizione storica del monumento, in italiano e in inglese. A cura di Itinerando. Evento a pagamento, senza prenotazione.

Ore 15.00 – 18.00 Casa Romei via Savonarola 30

I tesori nascosti: apertura straordinaria dello Studiolo delle Tramezze, a cura del Gruppo Archeologico Ferrarese. Iniziativa gratuita, previo pagamento del biglietto d’ingresso, con gratuità di legge.

Ore 15.00 Castello Estense, cortile interno, pozzo maggiore

Raccontare Ferrara: visita guidata al centro storico di Ferrara, alla scoperta delle principali peculiarità di una delle capitali del Rinascimento e patrimonio mondiale UNESCO, a cura del Consorzio Visit Ferrara. Ritrovo 15 minuti prima della partenza.

Ore 15.00 Piazza Trento e Trieste

Aspettando i trionfatori: animazione a cura degli sbandieratori delle contrade del Palio, ed esibizione del Gruppo Campanari Ferraresi con utilizzo del castello mobile di campane suonate a festa per l’arrivo del corteo. Lettura dell’editto di apertura del Carnevale dalla finestra della Torre dell’Orologio.

Ore 15.00 Piazza Savonarola

“Il Serraglio”. Torturatio Glemonensae: animazioni e intrattenimenti a cura del gruppo storico “Giochi e torture” dell’Associazione Pro Loco Glemona, Gemona del Friuli (Ud)

Ore 15.30 Castello Estense, cortile interno

A spasso per Ferrara sulle orme di Alfonso I e del cardinale Ippolito: il percorso di visita guidata inizia dal Castello Estense (visita per esterni), raggiunge le mura orientali della città con i bastioni cinquecenteschi voluti dal genio militare di Alfonso e si conclude a palazzo Bonacossi, dove saranno esposti i sorprendenti cimeli della famosa battaglia di Polesella (1509). A cura di Itinerando; iniziativa a pagamento fino a esaurimento posti.

Ore 15.30 Palazzo Muzzarelli Crema, Cortile d’Onore via Cairoli 13

“L’ora gaia”: giochi all’aperto con merenda, nel meraviglioso cortile di un palazzo rinascimentale a due passi dal Castello Estense. Laboratorio per bambini, dai 6 anni: iniziativa a pagamento, a cura della Contrada Rione Santo Spirito.

Ore 15.30 Porta Paola via Donatori di Sangue/piazza Travaglio

Partenza del Corteo Storico con 250 figuranti: dame, cavalieri, vessilliferi, armati, la duchessa Lucrezia Borgia e il giudice dei Savi Antonio Costabili accompagnano l’ingresso trionfale in città del duca Alfonso e del cardinale Ippolito d’Este, artefici della vittoriosa battaglia della Polesella: a cura dei figuranti delle contrade del Palio di Ferrara, della Compagnia Estense di San Michele-Gruppo Armati dell’Ente Palio di Ferrara, con la partecipazione della Compagnia di fanti “I Conestabili del Finale” (Finale Emilia, Modena).

Ore 15.45 Piazza del Municipio

“Con trionfo e festa della vittoria havuta”: ingresso della corte nell’antica piazza ducale e omaggio dei cantastorie Zoppino e Bighignol ai due fratelli estensi: a cura delle contrade del Palio e del Coro Universitario di Ferrara.

Ore 16.00 Piazza del Municipio

In fabula: spettacolo a cura della Compagnia dei Folli di Ascoli Piceno, con straordinarie evoluzioni scenico-artistiche di astri, divinità e fate personificati da abili trampolieri mascherati. Evento gratuito.

Ore 16.00 Castello Estense

Carnevale in Castello: visita con laboratorio per bambini dai 5 agli 11 anni, per conoscere le vicende di alcuni dei personaggi più affascinanti della famiglia d’Este, rivivere le atmosfere festose del Carnevale e creare la propria maschera ispirata ai gusti del tempo. A cura di Senza Titolo. Iniziativa a pagamento fino a esaurimento posti.

Ore 16.00 Castello Estense

Il Castello di Alfonso I: visita guidata dagli ambienti del pian terreno e dalla prigione nella Torre dei Leoni, fino ai celebri Camerini del duca lungo la Via Coperta, a cura di Itinerando. Aperitivo finale nelle eleganti sale della caffetteria al piano nobile del Castello, a cura di Bota srl. Iniziativa a pagamento fino a esaurimento posti.

Ore 18.00 Palazzo Muzzarelli Crema via Cairoli 13

“L’ora gaia” alla Locanda del Carnevale: degustazione di cibi e bevande della tradizione gastronomica ferrarese, a cura della Contrada Rione Santo Spirito. Iniziativa a pagamento.

Ore 20.30 Centro di Promozione Sociale “Il Parco” via Canapa 4

Banchetti e danze col Messisbugo: cena animata con balletti rinascimentali, recite ed esibizione di armati, a cura della Contrada Borgo San Giovanni. Servizio navetta da Largo Castello, di fronte alla Camera di Commercio.

Ore 21.00 Sala Estense piazza del Municipio 2

L’Assiuolo, commedia di Giovan Maria Cecchi, a cura della Compagnia del Vado della Contrada Rione Santa Maria in Vado, con la partecipazione del Gruppo Danza “L’Unicorno”. Introduzione storica di Francesco Scafuri. Entrata ad offerta libera.

– DOMENICA 23 FEBBRAIO 2020

Ore 10.00 – 18.00 Centro Storico

Note itineranti, a cura dei Daridel: con ghironda, liuto, cornamusa e percussioni, i cinque musicisti di Ferrara cattureranno l’occhio e l’orecchio del pubblico, regalando momenti di danze, musiche e tanta energia.

Ore 10.00 – 19.30 Piazza Trento e Trieste

“Mercato Rinascimentale delle erbe”, nell’omonima e antica Piazza delle Erbe (dal 1919 diventata Piazza Trento e Trieste), a cura dell’Associazione Coldiretti di Ferrara, Avis Provinciale e Comunale di Ferrara e dell’Ente Palio.

Ore 10.00 Castello Estense, Sala dei Comuni

Le cacce, i falconi, i ghepardi ed altri simboli alla Corte estense, conferenza a cura di Gianluca Lodi e Francesco Scafuri, introduzione di Riccardo Modestino: iniziativa promossa e patrocinata dall’Associazione De Humanitate Sanctae Annae. Ingresso gratuito.

Ore 10.00 Casa Romei via Savonarola 30

Romei ludens: giocando con gli antichi passatempi, visita guidata al percorso museale a cura del Direttore Andrea Sardo, con animazioni storico-rievocative della Contrada Borgo San Giacomo. Iniziativa gratuita, previo pagamento del biglietto d’ingresso, con gratuità di legge.

Ore 10.00 Piazza del Municipio

Piccoli musici e sbandieratori crescono: esibizione non competitiva degli sbandieratori e musici, categoria ‘under’, delle contrade del Palio di Ferrara.

Ore 10.00 – 13.00 Casa Romei via Savonarola 30

I tesori nascosti: apertura straordinaria dello Studiolo delle Tramezze, a cura del Gruppo Archeologico Ferrarese. Iniziativa gratuita, previo pagamento del biglietto d’ingresso, con gratuità di legge.

Ore 10.00 – 13.00 Piazza Savonarola, accesso dal pontile

Visita in barca nel fossato del Castello Estense: durante la navigazione si può ascoltare un’esaustiva descrizione storica del monumento, in italiano e in inglese. A cura di Itinerando, iniziativa a pagamento, senza prenotazione.

Ore 10.30 Museo di Storia Naturale slargo Florestano Vancini 2

Animali e alchimia nel Rinascimento: la storia dell’elefante Annone, iniziativa per bambini a cura dell’Associazione Didò. Scopriamo insieme l’antico mondo dell’alchimia con un laboratorio dove impareremo come alcune parti anatomiche degli animali venivano utilizzate per realizzare pozioni e amuleti considerati magici dai principi del Rinascimento. Evento a pagamento.

Ore 11.00 Museo Archeologico, Salone delle Carte Geografiche via XX Settembre 122

Una Iliade alla Polesella: Orlando furioso, canto trentesimosesto, conferenza a cura di Claudio Cazzola. Al termine, visita guidata ai vasi di Spina sul tema Due amici sull’Olimpo: Efesto e Dioniso, e alla mostra Trilogia di Dioniso: il pittore di Altamura a Spina, a cura della Direttrice Paola Desantis. Iniziativa gratuita, previo pagamento del biglietto d’ingresso, con gratuità di legge.

Ore 11.00 Castello Estense, cortile interno

A spasso per Ferrara sulle orme di Alfonso I e del cardinale Ippolito: il percorso di visita guidata inizia dal Castello Estense (visita per esterni), raggiunge le mura orientali della città con i bastioni cinquecenteschi voluti dal genio militare di Alfonso e si conclude a palazzo Bonacossi, dove saranno esposti i sorprendenti cimeli della famosa battaglia di Polesella (1509). A cura di Itinerando; iniziativa a pagamento fino a esaurimento posti.

Ore 11.30 

Castello Estense

Il Castello di Alfonso I: visita guidata dagli ambienti del pian terreno e dalla prigione nella Torre dei Leoni (dove vennero reclusi Ferrante e Giulio, fratelli del duca Alfonso) fino al piano nobile, attraverso il Giardino degli Aranci e i famosi Camerini lungo la Via Coperta. A cura di Itinerando, iniziativa a pagamento fino a esaurimento posti.

Ore 12.00 Casa Romei via Savonarola 30

Romei ludens: giocando con gli antichi passatempi, visita guidata al percorso museale a cura del Direttore Andrea Sardo, con animazioni storico-rievocative della Contrada Borgo San Giacomo. Iniziativa gratuita, previo pagamento del biglietto d’ingresso, con gratuità di legge.

Ore 12.30 Centro di Promozione Sociale “Il Parco” via Canapa 4

Banchetti e danze col Messisbugo: pranzo animato con balletti rinascimentali, recite ed esibizione di armati, a cura della Contrada Borgo San Giovanni. Servizio navetta da Largo Castello, di fronte alla Camera di Commercio.

Ore 14.00 – 17.00 Piazza Savonarola, accesso dal pontile

Visita in barca nel fossato del Castello Estense: durante la navigazione si può ascoltare un’esaustiva descrizione storica del monumento, in italiano e in inglese. A cura di Itinerando, iniziativa a pagamento, senza prenotazione.

Ore 14.15 Palazzo di Giulio d’Este corso Ercole I d’Este 16

Alfonso I e Ippolito d’Este. Le armi e gli amori: passeggiata dal cuore della città rinascimentale fino a palazzo Bonacossi, dove si potranno ammirare le “polene” delle navi veneziane sequestrate dal duca Alfonso nel dicembre 1509. Visita guidata a cura di NaturalMente Arte-Ferrara.

Ore 15.00 Museo Archeologico via XX Settembre 122

Estensi in maschera: laboratorio didattico-creativo per bambini, a cura del Gruppo Archeologico Ferrarese. Al termine, Il Carnevale degli Etruschi a Bologna nel 1874, conferenza a cura della Direttrice Paola Desantis. Iniziativa gratuita, previo pagamento del biglietto d’ingresso, con gratuità di legge.

Ore 15.30 Palazzina Marfisa d’Este corso della Giovecca 170

Colpito e affondato … o quasi!: visita didattica con laboratorio per bambini dai 5 ai 10 anni, per scoprire assieme le tecniche dell’antica battaglia di Polesella e ricreare, col gioco, movimenti e scontri tra le artiglierie ferraresi e la flotta veneziana. Una battaglia navale da non perdere! A cura dell’Associazione Arte.Na. Iniziativa a pagamento.

Ore 16.30 Piazza Castello

Corteo di chiusura del Carnevale: la corte di Alfonso e Ippolito d’Este, con la duchessa Lucrezia Borgia, sfila da piazza Castello per raggiungere lo Scalone d’Onore dell’antico palazzo Ducale in piazza del Municipio, e da qui assistere alle ultime animazioni carnascialesche.

Ore 16.45 Piazza del Municipio

Polesella 1509: va in scena la battaglia, rievocazione animata dei cruenti scontri tra i soldati estensi e veneziani nel dicembre del 1509 lungo le sponde, gli argini e le golene del Po, nei pressi di Polesella: a cura della Compagnia Estense di San Michele-Gruppo Armati dell’Ente Palio di Ferrara e dei figuranti delle contrade cittadine.

Ore 17.15 Piazza del Municipio

Il Paggio dei Clerici Vagantes: giullare alchimista in viaggio fin dal 1509, intrattenimento ludico-goliardico con effetti spettacolari e sketch pirotecnici ispirati alle passioni metallurgiche e alchemiche del duca Alfonso d’Este, a cura della compagnia teatrale Atuttotondo.

Ore 17.45 Piazza del Municipio

“Contrasto” tra messer Carnovale e Madonna Quaresima: duello burlesco tra il grasso e indolente Carnevale e la smunta Quaresima: chi vincerà? A cura degli attori delle compagnie teatrali ferraresi ” I Prosivendoli” e “Il Teatro dei Stanchi”.

Ore 18.00 Piazza Trento e Trieste

Begosso a morte! Rogo del fantoccio di messer Carnevale, alias Begosso: con il falò apotropaico e la lettura dell’editto di chiusura, termina l’edizione del Carnevale degli Este. Arrivederci al 2021.

INGRESSO GRATUITO AI MUSEI CIVICI 22 e 23 FEBBRAIO 2020

  • Casa di Ludovico Ariosto, via Ariosto 67
  • Palazzina Marfisa d’Este, corso della Giovecca 170
  • Museo di Storia Naturale, slargo Florestano Vancini 2
  • Museo della Cattedrale, Ex Chiesa di San Romano, via San Romano 1
  • Palazzo Bonacossi – Museo Riminaldi, via Cisterna del Follo 5
  • Museo del Risorgimento e della Resistenza, corso Ercole I d’Este 19
  • Padiglione d’Arte Contemporanea, corso Porta Mare 5

CHALLENGE FOTOGRAFICO #CarnevaledegliEste

Nel pomerggio di sabato 22 febbraio, si attiverà il challenge fotografico, ovvero una sfida alla foto migliore, allo scatto più rappresentativo del Carnevale che immortalerà l’istante più determinante delle diverse rievocazioni storiche. Primo tra tutti il corteo, come sempre l’evento più atteso, ma non di meno anche gli altri spettacoli in costume messi in scena dalle compagnie teatrali ospiti per l’occasione a Ferrara.

Le foto dovranno riportare l’hashtag #CarnevaledegliEste e dovranno essere pubblicate istantaneamente dai partecipanti sul loro profilo instagram pubblico, per essere votate dai propri followers. La foto vincitrice sarà resa nota al termine degli spettacoli pomeridiani in Piazza Municipale.

 

Alessandro Zangara

Kleb Academy: un progetto educativo per coinvolgere giovani e famiglie

‘Kleb Academy’: un progetto educativo che vuole coinvolgere i giovani e le loro famiglie – a partire dagli atleti delle squadre di basket – dedicato alla formazione e curato da Kleb Basket Ferrara. La volontà è quella di mettere in campo un’iniziativa al mese per affrontare temi che riguardano la corretta alimentazione, la prevenzione dalle dipendenze, un misurato e sano utilizzo delle nuove tecnologie, ma anche coscienza ambientale e ricerca del primo impiego.
Il progetto viene portato avanti con la partnership di Comune di Ferrara, Università di Ferrara e Camera di Commercio, Ascom Confcommercio e Iscom Ferrara, Museo della Storia della Comunicazione-Musti e Naturhouse.

Il progetto è stato accolto con adesione piena dall’amministrazione comunale. A questo proposito l’ass. Micol Guerrini ha rimarcato “l’importanza di affrontare temi vicini all’educazione civica, con convegni che affronteranno argomenti di assoluta attualità come il problema delle dipendenze, la necessità di fare un uso limitato dei dispositivi elettronici, ma anche la trasmissione di competenze per la ricerca del primo impiego”. Da parte sua l’ass. Dorota Kusiak ha sottolineato: “Riconosco quello che è il potere dello sport come elemento fortemente formativo in tutti i campi. Perché educa a prendersi cura di se stessi, ad avere consapevolezza del proprio corpo, a mangiare bene, a stare bene con sè e con gli altri. Per un ragazzo l’attività sportiva è maestra di disciplina ed educa a organizzare la giornata per conciliare i compiti con la pratica sportiva, i momenti dell’impegno e quelli del tempo libero”.

Gli appuntamenti – ha spiegato Paolo Alberti di Kleb Basket – avranno cadenza mensile e si comincerà lunedì 2 marzo 2020 alle 18 al Palazzetto dello sport (piazzale Atleti azzurri, Ferrara) con il convegno sulla corretta alimentazione a cura dell’Università di Ferrara e con il contributo di Naturhouse. Il calendario di appuntamenti  proseguirà con un appuntamento al mese fino a giugno per poi riprendere da settembre; le sedi cambieranno di volta in volta per andare a coinvolgere i vari partner del progetto.

Un progetto pilota a livello nazionale, che va oltre il concetto di academy sportiva, nella convinzione che lo sport non sia solo agonismo, ma un connubio uniforme di cultura, socialità, educazione civica e acquisizione di consapevolezza, specie nel percorso di crescita dei ragazzi.
Sport, cultura, educazione hanno infatti denominatori molto comuni, suddivisi nella socialità quotidiana nelle proprie singole realtà: famiglia, istituzioni, scuola, società sportive.

Kleb Academy si propone con la propria attività di abbracciare tutti questi aspetti della formazione, proponendosi come piattaforma condivisa per superare i confini, creando una rete di interscambio, confronto e dunque arricchimento tra queste realtà, in un territorio come quello di Ferrara, patrimonio UNESCO e già dunque esempio di offerta culturale a 360 gradi.
Kleb Academy: da atleti a cittadini migliori e più consapevoli.
Il punto di partenza della academy sarà dunque lo sport, anche grazie ai gemellaggi interdisciplinari intrapresi da Kleb Basket con le realtà di vertice estensi: Pallamano Ariosto, Ferrara United, ads Vigarano, Pattinatori Estensi e Aquile.

L’offerta didattica di Kleb Academy sarà però molteplice e si rivolgerà ai bambini, agli adolescenti e alle loro famiglie.

Il programma di Kleb Academy consisterà in una serie di eventi: dai convegni ai momenti di incontro nelle scuole, dalle aule studio e laboratori ai punti informazione durante le principali iniziative cittadine.
I temi trattati saranno molteplici e trasversali, tutti strettamente legati all’attualità che circonda i giovani, con l’intento di creare in loro consapevolezza e conoscenza del proprio quotidiano e dei propri comportamenti, nei confronti di se stessi in primis e dunque anche nei confronti dell’ambiente in cui crescono. Alcuni dei temi trattati saranno corretta alimentazione in età scolare e dello sviluppo, prevenzione dalle dipendenze, sano e misurato utilizzo delle nuove tecnologie, coscienza ambientale, ricerca del primo impiego, ecc.

I patrocini concessi a Kleb Academy dal Comune di Ferrara, da Unife e dalla Camera di Commercio di Ferrara, certificano il senso del progetto e il suo sviluppo trasversale e sociale.

Preziosi partner di Kleb Academy sono inoltre Ascom Confcommercio e Iscom Ferrara, che hanno aderito offrendo ampia disponibilità alla collaborazione, così come Musti, il Museo della Comunicazione e della Tecnologia di Ferrara, parte attiva del progetto e sede di alcuni dei percorsi formativi proposti.

La scelta di dedicare il nuovo progetto Academy a Marco Cocchi, l’avvocato commercialista vicepresidente di Kleb Basket recentemente scomparso, vuole essere doveroso omaggio e ricordo di una figura cara al Kleb, che teneva lo sport e la formazione nel proprio cuore.

Una Academy che operi negli anni per il bene delle nuove generazioni della città, è la miglior forma per onorarne la memoria.

 

Alessandro Zangara

 

 

Apertura straordinaria di musei civici di Ferrara per l’Epifania

 

Apertura straordinaria dei musei civici in occasione della Festa dell’Epifania, lunedì 6 gennaio 2020. Saranno eccezionalmente aperti al pubblico (con i consueti orari di apertura) gli spazi museali civici:

– Palazzo Bonacossi-Museo Riminaldi (aperto lunedì 9-13 e dal martedì al sabato 9-18, ingresso gratuito);
– Palazzina Marfisa d’Este (aperto dal martedì alla domenica 9-13 e 15-18, ingresso a pagamento);
– Casa Ludovico Ariosto (aperto dal martedì alla domenica 10-12.30 e 16-18, ingresso gratuito);
– Museo della Cattedrale (aperto dal martedì alla domenica 9.30-13 e 15-18, ingresso a pagamento);
– Museo del Risorgimento e della Resistenza (aperto dal martedì alla domenica 9.30-13 e 15-18, ingresso a pagamento);
– PAC-Padiglione Arte Contemporanea (aperto dal martedì alla domenica 9.30-13 e 15-18, ingresso a pagamento).

 

Alessandro Zangara (anche per la fotografia)