Con il “Carnevale degli Este” Ferrara rivive le magie del Rinascimento

Dopo più di cinquecento anni torna in vita il Carnevale Estense nella raffinata cornice della città di Ferrara, una delle più importanti capitali della cultura nel Rinascimento. La rievocazione storica del Carnevale che gli Estensi usavano celebrare nel XV e XVI secolo costituisce l’occasione per immergersi nell’atmosfera rinascimentale della Corte di Ferrara, conosciuta nel mondo come la più elevata espressione di bellezza nel campo delle arti figurative, architettoniche e letterarie.

Dal 20 al 23 febbraio Ferrara diventerà teatro di oltre cinquanta appuntamenti che prevedono coinvolgenti animazioni a tema storico, per adulti e bambini, con cortei di 500 figuranti in costumi dell’epoca, giochi d’armi e di fuoco, danze e concerti, banchetti a menù rinascimentali, 12 divertenti rappresentazioni teatrali e pantomime, conferenze sugli Estensi e le loro usanze, visite guidate a tema per le vie della città e nei palazzi storici, laboratori ludico-didattici in Castello e presso i Musei, e un mercatino rinascimentale delle erbe.

Tutto questo offrirà l’opportunità di conoscere in modo piacevole e originale l’affascinante storia della Corte Estense e l’incantevole centro storico di Ferrara, Patrimonio mondiale dell’Umanità UNESCO.

Da alcuni anni l’Amministrazione Comunale promuove e sostiene la manifestazione rievocativa del Carnevale degli Este, organizzata sapientemente dall’Ente Palio di Ferrara attraverso molteplici eventi di interesse culturale e di attrazione turistica.

Per l’occasione sabato 22 e domenica 23 febbraio i Musei civici saranno aperti gratuitamente (Casa di Ludovico Ariosto, Palazzina Marfisa d’Este, Museo di Storia Naturale, Museo della Cattedrale, Palazzo Bonacossi, Museo del Risorgimento e della Resistenza, Padiglione d’Arte Contemporanea).

– GIOVEDÌ 20 FEBBRAIO 2020

Ore 16.00 Palazzo Bonacossi, Salone d’Onore via Cisterna del Follo 5

Inaugurazione dell’edizione 2020 del Carnevale degli Este, con partecipazione del Coro Universitario diretto dal m.° Francesco Pinamonti. Per l’occasione, sarà esposta e presentata al pubblico una selezione delle nove polene lignee appartenute alle galee veneziane sequestrate durante la battaglia del 1509, a cura dei Musei Civici di Arte Antica. A seguire, Il “felicissimo successo” della Polesella, tra Ippolito e Alfonso d’Este, conferenza di Marialucia Menegatti (responsabile editoriale dell’associazione Ferrariae Decus di Ferrara). Ingresso libero.

Ore 18.15 Casa Romei via Savonarola 30

Odi le trombe? È il fragor del Carnevale! Concerto inaugurale dell’Ensemble di trombe barocche del Conservatorio Girolamo Frescobaldi di Ferrara, a cura di Michele Santi e Martina Dainelli. Seguirà brindisi.

– VENERDÌ 21FEBBRAIO 2020

Ore 16.00 Palazzo Bonacossi, Salone d’Onore via Cisterna del Follo 5

Venezia sconfitta, Ferrara trionfante: la battaglia della Polesella tra false notizie, canzoni di piazza e propaganda, conferenza a cura di Massimo Rospocher (Istituto Storico Italo-Germanico di Trento), con animazioni e intermezzi vocali a cura del De Sphaeris Ensemble e del Coro della Basilica di San Giorgio, diretti dal m.° Davide Vecchi. Ingresso libero.

Ore 17.00 Biblioteca Comunale Ariostea, Sala Agnelli via delle Scienze 17

Tra commedia e tragedia: il divertimento alla corte estense nel primo ‘500, in una selezione di scene dal film “E ridendo l’uccise” di Florestano Vancini, a cura di Carlo Magri: diretto dal celebre regista ferrarese nel 2005, il film è incentrato proprio sulle vicende storiche dei fratelli Alfonso, Ippolito, Giulio e Ferrante d’Este. Ingresso libero.

Ore 19.00 Centro di Promozione Sociale “Il Parco” via Canapa 4

Gran ballo di Carnevale, con ricco buffet, a cura della Contrada Borgo San Giovanni, in collaborazione con l’Associazione di Promozione Sociale 8cento di Bologna. Servizio navetta da Largo Castello, di fronte alla Camera di Commercio. Iniziativa a pagamento.

Ore 21.00 Sala della Musica, chiostro di San Paolo via Boccaleone 19

Gli sposi promessi, commedia a cura della Compagnia della Vipera in collaborazione con il Gruppo Armonie di Danza della Contrada Rione San Paolo. Ingresso libero.

– SABATO 22 FEBBRAIO 2020

Ore 10.00 – 19.30 Piazza Trento e Trieste

“Mercato Rinascimentale delle erbe”, nell’omonima e antica Piazza delle Erbe (dal 1919 diventata Piazza Trento e Trieste), a cura dell’Associazione Coldiretti di Ferrara, Avis Provinciale e Comunale di Ferrara e dell’Ente Palio.

Ore 10.00 – 18.00 Centro Storico

Note itineranti, a cura dei Daridel: con ghironda, liuto, cornamusa e percussioni, i cinque musicisti di Ferrara cattureranno l’occhio e l’orecchio del pubblico, regalando momenti di danze, musiche e tanta energia.

Ore 10.00 Castello Estense, Sala dei Comuni

“De mascare et comedie”: i carnevali estensi tra allegrezze e magnificenza, conferenza a cura di Domenico Giuseppe Lipani (Università degli Studi di Ferrara); a seguire, Il Lazzo della mosca e altre storie, a cura di Fabio Mangolini (direttore artistico di Cornucopia Performing Arts Labs). Ingresso libero.

Ore 10.00 – 13.00 Piazza Savonarola, accesso dal pontile

Visita in barca nel fossato del Castello Estense: durante la navigazione si può ascoltare un’esaustiva descrizione storica del monumento, in italiano e in inglese. A cura di Itinerando. Evento a pagamento, senza prenotazione.

Ore 10.15
Palazzo di Giulio d’Este 
corso Ercole I d’Este 16

Alfonso I e Ippolito d’Este. Le armi e gli amori: passeggiata dal cuore della città rinascimentale fino a palazzo Bonacossi, dove si potranno ammirare le “polene” delle navi veneziane sequestrate dal duca Alfonso nel dicembre 1509. Visita guidata a cura di NaturalMente Arte-Ferrara

Ore 10.30 Biblioteca Comunale per ragazzi “Casa Niccolini” via Romiti 13

Annone e Ganda: due star pachidermiche del primo ‘500, aneddoti e vicende su due tra i più famosi animali esotici del Rinascimento, a cura della Commissione Scuola dell’Ente Palio di Ferrara: partecipazione libera e gratuita, particolarmente indicata per bambini a partire dai 5 anni.

Ore 11.00 Museo Archeologico via XX Settembre 122

Visite guidate ai soffitti affrescati di palazzo Costabili (Sala del Tesoro e sale didattiche), attraverso letture di testi e animazione scenica con personaggi in abito storico pronti a evocare curiosità e aneddoti della Ferrara del primo Cinquecento: a cura del Gruppo Archeologico Ferrarese. Iniziativa gratuita, previo pagamento del biglietto d’ingresso, con gratuità di legge.

Ore 12.30 Centro di Promozione Sociale “Il Parco” via Canapa 4

Banchetti e danze col Messisbugo: pranzo animato con balletti rinascimentali, recite ed esibizione di armati, a cura della Contrada Borgo San Giovanni. Servizio navetta da Largo Castello, di fronte alla Camera di Commercio.

Ore 14.00 – 17.00 Piazza Savonarola, accesso dal pontile

Visita in barca nel fossato del Castello Estense: durante la navigazione si può ascoltare un’esaustiva descrizione storica del monumento, in italiano e in inglese. A cura di Itinerando. Evento a pagamento, senza prenotazione.

Ore 15.00 – 18.00 Casa Romei via Savonarola 30

I tesori nascosti: apertura straordinaria dello Studiolo delle Tramezze, a cura del Gruppo Archeologico Ferrarese. Iniziativa gratuita, previo pagamento del biglietto d’ingresso, con gratuità di legge.

Ore 15.00 Castello Estense, cortile interno, pozzo maggiore

Raccontare Ferrara: visita guidata al centro storico di Ferrara, alla scoperta delle principali peculiarità di una delle capitali del Rinascimento e patrimonio mondiale UNESCO, a cura del Consorzio Visit Ferrara. Ritrovo 15 minuti prima della partenza.

Ore 15.00 Piazza Trento e Trieste

Aspettando i trionfatori: animazione a cura degli sbandieratori delle contrade del Palio, ed esibizione del Gruppo Campanari Ferraresi con utilizzo del castello mobile di campane suonate a festa per l’arrivo del corteo. Lettura dell’editto di apertura del Carnevale dalla finestra della Torre dell’Orologio.

Ore 15.00 Piazza Savonarola

“Il Serraglio”. Torturatio Glemonensae: animazioni e intrattenimenti a cura del gruppo storico “Giochi e torture” dell’Associazione Pro Loco Glemona, Gemona del Friuli (Ud)

Ore 15.30 Castello Estense, cortile interno

A spasso per Ferrara sulle orme di Alfonso I e del cardinale Ippolito: il percorso di visita guidata inizia dal Castello Estense (visita per esterni), raggiunge le mura orientali della città con i bastioni cinquecenteschi voluti dal genio militare di Alfonso e si conclude a palazzo Bonacossi, dove saranno esposti i sorprendenti cimeli della famosa battaglia di Polesella (1509). A cura di Itinerando; iniziativa a pagamento fino a esaurimento posti.

Ore 15.30 Palazzo Muzzarelli Crema, Cortile d’Onore via Cairoli 13

“L’ora gaia”: giochi all’aperto con merenda, nel meraviglioso cortile di un palazzo rinascimentale a due passi dal Castello Estense. Laboratorio per bambini, dai 6 anni: iniziativa a pagamento, a cura della Contrada Rione Santo Spirito.

Ore 15.30 Porta Paola via Donatori di Sangue/piazza Travaglio

Partenza del Corteo Storico con 250 figuranti: dame, cavalieri, vessilliferi, armati, la duchessa Lucrezia Borgia e il giudice dei Savi Antonio Costabili accompagnano l’ingresso trionfale in città del duca Alfonso e del cardinale Ippolito d’Este, artefici della vittoriosa battaglia della Polesella: a cura dei figuranti delle contrade del Palio di Ferrara, della Compagnia Estense di San Michele-Gruppo Armati dell’Ente Palio di Ferrara, con la partecipazione della Compagnia di fanti “I Conestabili del Finale” (Finale Emilia, Modena).

Ore 15.45 Piazza del Municipio

“Con trionfo e festa della vittoria havuta”: ingresso della corte nell’antica piazza ducale e omaggio dei cantastorie Zoppino e Bighignol ai due fratelli estensi: a cura delle contrade del Palio e del Coro Universitario di Ferrara.

Ore 16.00 Piazza del Municipio

In fabula: spettacolo a cura della Compagnia dei Folli di Ascoli Piceno, con straordinarie evoluzioni scenico-artistiche di astri, divinità e fate personificati da abili trampolieri mascherati. Evento gratuito.

Ore 16.00 Castello Estense

Carnevale in Castello: visita con laboratorio per bambini dai 5 agli 11 anni, per conoscere le vicende di alcuni dei personaggi più affascinanti della famiglia d’Este, rivivere le atmosfere festose del Carnevale e creare la propria maschera ispirata ai gusti del tempo. A cura di Senza Titolo. Iniziativa a pagamento fino a esaurimento posti.

Ore 16.00 Castello Estense

Il Castello di Alfonso I: visita guidata dagli ambienti del pian terreno e dalla prigione nella Torre dei Leoni, fino ai celebri Camerini del duca lungo la Via Coperta, a cura di Itinerando. Aperitivo finale nelle eleganti sale della caffetteria al piano nobile del Castello, a cura di Bota srl. Iniziativa a pagamento fino a esaurimento posti.

Ore 18.00 Palazzo Muzzarelli Crema via Cairoli 13

“L’ora gaia” alla Locanda del Carnevale: degustazione di cibi e bevande della tradizione gastronomica ferrarese, a cura della Contrada Rione Santo Spirito. Iniziativa a pagamento.

Ore 20.30 Centro di Promozione Sociale “Il Parco” via Canapa 4

Banchetti e danze col Messisbugo: cena animata con balletti rinascimentali, recite ed esibizione di armati, a cura della Contrada Borgo San Giovanni. Servizio navetta da Largo Castello, di fronte alla Camera di Commercio.

Ore 21.00 Sala Estense piazza del Municipio 2

L’Assiuolo, commedia di Giovan Maria Cecchi, a cura della Compagnia del Vado della Contrada Rione Santa Maria in Vado, con la partecipazione del Gruppo Danza “L’Unicorno”. Introduzione storica di Francesco Scafuri. Entrata ad offerta libera.

– DOMENICA 23 FEBBRAIO 2020

Ore 10.00 – 18.00 Centro Storico

Note itineranti, a cura dei Daridel: con ghironda, liuto, cornamusa e percussioni, i cinque musicisti di Ferrara cattureranno l’occhio e l’orecchio del pubblico, regalando momenti di danze, musiche e tanta energia.

Ore 10.00 – 19.30 Piazza Trento e Trieste

“Mercato Rinascimentale delle erbe”, nell’omonima e antica Piazza delle Erbe (dal 1919 diventata Piazza Trento e Trieste), a cura dell’Associazione Coldiretti di Ferrara, Avis Provinciale e Comunale di Ferrara e dell’Ente Palio.

Ore 10.00 Castello Estense, Sala dei Comuni

Le cacce, i falconi, i ghepardi ed altri simboli alla Corte estense, conferenza a cura di Gianluca Lodi e Francesco Scafuri, introduzione di Riccardo Modestino: iniziativa promossa e patrocinata dall’Associazione De Humanitate Sanctae Annae. Ingresso gratuito.

Ore 10.00 Casa Romei via Savonarola 30

Romei ludens: giocando con gli antichi passatempi, visita guidata al percorso museale a cura del Direttore Andrea Sardo, con animazioni storico-rievocative della Contrada Borgo San Giacomo. Iniziativa gratuita, previo pagamento del biglietto d’ingresso, con gratuità di legge.

Ore 10.00 Piazza del Municipio

Piccoli musici e sbandieratori crescono: esibizione non competitiva degli sbandieratori e musici, categoria ‘under’, delle contrade del Palio di Ferrara.

Ore 10.00 – 13.00 Casa Romei via Savonarola 30

I tesori nascosti: apertura straordinaria dello Studiolo delle Tramezze, a cura del Gruppo Archeologico Ferrarese. Iniziativa gratuita, previo pagamento del biglietto d’ingresso, con gratuità di legge.

Ore 10.00 – 13.00 Piazza Savonarola, accesso dal pontile

Visita in barca nel fossato del Castello Estense: durante la navigazione si può ascoltare un’esaustiva descrizione storica del monumento, in italiano e in inglese. A cura di Itinerando, iniziativa a pagamento, senza prenotazione.

Ore 10.30 Museo di Storia Naturale slargo Florestano Vancini 2

Animali e alchimia nel Rinascimento: la storia dell’elefante Annone, iniziativa per bambini a cura dell’Associazione Didò. Scopriamo insieme l’antico mondo dell’alchimia con un laboratorio dove impareremo come alcune parti anatomiche degli animali venivano utilizzate per realizzare pozioni e amuleti considerati magici dai principi del Rinascimento. Evento a pagamento.

Ore 11.00 Museo Archeologico, Salone delle Carte Geografiche via XX Settembre 122

Una Iliade alla Polesella: Orlando furioso, canto trentesimosesto, conferenza a cura di Claudio Cazzola. Al termine, visita guidata ai vasi di Spina sul tema Due amici sull’Olimpo: Efesto e Dioniso, e alla mostra Trilogia di Dioniso: il pittore di Altamura a Spina, a cura della Direttrice Paola Desantis. Iniziativa gratuita, previo pagamento del biglietto d’ingresso, con gratuità di legge.

Ore 11.00 Castello Estense, cortile interno

A spasso per Ferrara sulle orme di Alfonso I e del cardinale Ippolito: il percorso di visita guidata inizia dal Castello Estense (visita per esterni), raggiunge le mura orientali della città con i bastioni cinquecenteschi voluti dal genio militare di Alfonso e si conclude a palazzo Bonacossi, dove saranno esposti i sorprendenti cimeli della famosa battaglia di Polesella (1509). A cura di Itinerando; iniziativa a pagamento fino a esaurimento posti.

Ore 11.30 

Castello Estense

Il Castello di Alfonso I: visita guidata dagli ambienti del pian terreno e dalla prigione nella Torre dei Leoni (dove vennero reclusi Ferrante e Giulio, fratelli del duca Alfonso) fino al piano nobile, attraverso il Giardino degli Aranci e i famosi Camerini lungo la Via Coperta. A cura di Itinerando, iniziativa a pagamento fino a esaurimento posti.

Ore 12.00 Casa Romei via Savonarola 30

Romei ludens: giocando con gli antichi passatempi, visita guidata al percorso museale a cura del Direttore Andrea Sardo, con animazioni storico-rievocative della Contrada Borgo San Giacomo. Iniziativa gratuita, previo pagamento del biglietto d’ingresso, con gratuità di legge.

Ore 12.30 Centro di Promozione Sociale “Il Parco” via Canapa 4

Banchetti e danze col Messisbugo: pranzo animato con balletti rinascimentali, recite ed esibizione di armati, a cura della Contrada Borgo San Giovanni. Servizio navetta da Largo Castello, di fronte alla Camera di Commercio.

Ore 14.00 – 17.00 Piazza Savonarola, accesso dal pontile

Visita in barca nel fossato del Castello Estense: durante la navigazione si può ascoltare un’esaustiva descrizione storica del monumento, in italiano e in inglese. A cura di Itinerando, iniziativa a pagamento, senza prenotazione.

Ore 14.15 Palazzo di Giulio d’Este corso Ercole I d’Este 16

Alfonso I e Ippolito d’Este. Le armi e gli amori: passeggiata dal cuore della città rinascimentale fino a palazzo Bonacossi, dove si potranno ammirare le “polene” delle navi veneziane sequestrate dal duca Alfonso nel dicembre 1509. Visita guidata a cura di NaturalMente Arte-Ferrara.

Ore 15.00 Museo Archeologico via XX Settembre 122

Estensi in maschera: laboratorio didattico-creativo per bambini, a cura del Gruppo Archeologico Ferrarese. Al termine, Il Carnevale degli Etruschi a Bologna nel 1874, conferenza a cura della Direttrice Paola Desantis. Iniziativa gratuita, previo pagamento del biglietto d’ingresso, con gratuità di legge.

Ore 15.30 Palazzina Marfisa d’Este corso della Giovecca 170

Colpito e affondato … o quasi!: visita didattica con laboratorio per bambini dai 5 ai 10 anni, per scoprire assieme le tecniche dell’antica battaglia di Polesella e ricreare, col gioco, movimenti e scontri tra le artiglierie ferraresi e la flotta veneziana. Una battaglia navale da non perdere! A cura dell’Associazione Arte.Na. Iniziativa a pagamento.

Ore 16.30 Piazza Castello

Corteo di chiusura del Carnevale: la corte di Alfonso e Ippolito d’Este, con la duchessa Lucrezia Borgia, sfila da piazza Castello per raggiungere lo Scalone d’Onore dell’antico palazzo Ducale in piazza del Municipio, e da qui assistere alle ultime animazioni carnascialesche.

Ore 16.45 Piazza del Municipio

Polesella 1509: va in scena la battaglia, rievocazione animata dei cruenti scontri tra i soldati estensi e veneziani nel dicembre del 1509 lungo le sponde, gli argini e le golene del Po, nei pressi di Polesella: a cura della Compagnia Estense di San Michele-Gruppo Armati dell’Ente Palio di Ferrara e dei figuranti delle contrade cittadine.

Ore 17.15 Piazza del Municipio

Il Paggio dei Clerici Vagantes: giullare alchimista in viaggio fin dal 1509, intrattenimento ludico-goliardico con effetti spettacolari e sketch pirotecnici ispirati alle passioni metallurgiche e alchemiche del duca Alfonso d’Este, a cura della compagnia teatrale Atuttotondo.

Ore 17.45 Piazza del Municipio

“Contrasto” tra messer Carnovale e Madonna Quaresima: duello burlesco tra il grasso e indolente Carnevale e la smunta Quaresima: chi vincerà? A cura degli attori delle compagnie teatrali ferraresi ” I Prosivendoli” e “Il Teatro dei Stanchi”.

Ore 18.00 Piazza Trento e Trieste

Begosso a morte! Rogo del fantoccio di messer Carnevale, alias Begosso: con il falò apotropaico e la lettura dell’editto di chiusura, termina l’edizione del Carnevale degli Este. Arrivederci al 2021.

INGRESSO GRATUITO AI MUSEI CIVICI 22 e 23 FEBBRAIO 2020

  • Casa di Ludovico Ariosto, via Ariosto 67
  • Palazzina Marfisa d’Este, corso della Giovecca 170
  • Museo di Storia Naturale, slargo Florestano Vancini 2
  • Museo della Cattedrale, Ex Chiesa di San Romano, via San Romano 1
  • Palazzo Bonacossi – Museo Riminaldi, via Cisterna del Follo 5
  • Museo del Risorgimento e della Resistenza, corso Ercole I d’Este 19
  • Padiglione d’Arte Contemporanea, corso Porta Mare 5

CHALLENGE FOTOGRAFICO #CarnevaledegliEste

Nel pomerggio di sabato 22 febbraio, si attiverà il challenge fotografico, ovvero una sfida alla foto migliore, allo scatto più rappresentativo del Carnevale che immortalerà l’istante più determinante delle diverse rievocazioni storiche. Primo tra tutti il corteo, come sempre l’evento più atteso, ma non di meno anche gli altri spettacoli in costume messi in scena dalle compagnie teatrali ospiti per l’occasione a Ferrara.

Le foto dovranno riportare l’hashtag #CarnevaledegliEste e dovranno essere pubblicate istantaneamente dai partecipanti sul loro profilo instagram pubblico, per essere votate dai propri followers. La foto vincitrice sarà resa nota al termine degli spettacoli pomeridiani in Piazza Municipale.

 

Alessandro Zangara

Kleb Academy: un progetto educativo per coinvolgere giovani e famiglie

‘Kleb Academy’: un progetto educativo che vuole coinvolgere i giovani e le loro famiglie – a partire dagli atleti delle squadre di basket – dedicato alla formazione e curato da Kleb Basket Ferrara. La volontà è quella di mettere in campo un’iniziativa al mese per affrontare temi che riguardano la corretta alimentazione, la prevenzione dalle dipendenze, un misurato e sano utilizzo delle nuove tecnologie, ma anche coscienza ambientale e ricerca del primo impiego.
Il progetto viene portato avanti con la partnership di Comune di Ferrara, Università di Ferrara e Camera di Commercio, Ascom Confcommercio e Iscom Ferrara, Museo della Storia della Comunicazione-Musti e Naturhouse.

Il progetto è stato accolto con adesione piena dall’amministrazione comunale. A questo proposito l’ass. Micol Guerrini ha rimarcato “l’importanza di affrontare temi vicini all’educazione civica, con convegni che affronteranno argomenti di assoluta attualità come il problema delle dipendenze, la necessità di fare un uso limitato dei dispositivi elettronici, ma anche la trasmissione di competenze per la ricerca del primo impiego”. Da parte sua l’ass. Dorota Kusiak ha sottolineato: “Riconosco quello che è il potere dello sport come elemento fortemente formativo in tutti i campi. Perché educa a prendersi cura di se stessi, ad avere consapevolezza del proprio corpo, a mangiare bene, a stare bene con sè e con gli altri. Per un ragazzo l’attività sportiva è maestra di disciplina ed educa a organizzare la giornata per conciliare i compiti con la pratica sportiva, i momenti dell’impegno e quelli del tempo libero”.

Gli appuntamenti – ha spiegato Paolo Alberti di Kleb Basket – avranno cadenza mensile e si comincerà lunedì 2 marzo 2020 alle 18 al Palazzetto dello sport (piazzale Atleti azzurri, Ferrara) con il convegno sulla corretta alimentazione a cura dell’Università di Ferrara e con il contributo di Naturhouse. Il calendario di appuntamenti  proseguirà con un appuntamento al mese fino a giugno per poi riprendere da settembre; le sedi cambieranno di volta in volta per andare a coinvolgere i vari partner del progetto.

Un progetto pilota a livello nazionale, che va oltre il concetto di academy sportiva, nella convinzione che lo sport non sia solo agonismo, ma un connubio uniforme di cultura, socialità, educazione civica e acquisizione di consapevolezza, specie nel percorso di crescita dei ragazzi.
Sport, cultura, educazione hanno infatti denominatori molto comuni, suddivisi nella socialità quotidiana nelle proprie singole realtà: famiglia, istituzioni, scuola, società sportive.

Kleb Academy si propone con la propria attività di abbracciare tutti questi aspetti della formazione, proponendosi come piattaforma condivisa per superare i confini, creando una rete di interscambio, confronto e dunque arricchimento tra queste realtà, in un territorio come quello di Ferrara, patrimonio UNESCO e già dunque esempio di offerta culturale a 360 gradi.
Kleb Academy: da atleti a cittadini migliori e più consapevoli.
Il punto di partenza della academy sarà dunque lo sport, anche grazie ai gemellaggi interdisciplinari intrapresi da Kleb Basket con le realtà di vertice estensi: Pallamano Ariosto, Ferrara United, ads Vigarano, Pattinatori Estensi e Aquile.

L’offerta didattica di Kleb Academy sarà però molteplice e si rivolgerà ai bambini, agli adolescenti e alle loro famiglie.

Il programma di Kleb Academy consisterà in una serie di eventi: dai convegni ai momenti di incontro nelle scuole, dalle aule studio e laboratori ai punti informazione durante le principali iniziative cittadine.
I temi trattati saranno molteplici e trasversali, tutti strettamente legati all’attualità che circonda i giovani, con l’intento di creare in loro consapevolezza e conoscenza del proprio quotidiano e dei propri comportamenti, nei confronti di se stessi in primis e dunque anche nei confronti dell’ambiente in cui crescono. Alcuni dei temi trattati saranno corretta alimentazione in età scolare e dello sviluppo, prevenzione dalle dipendenze, sano e misurato utilizzo delle nuove tecnologie, coscienza ambientale, ricerca del primo impiego, ecc.

I patrocini concessi a Kleb Academy dal Comune di Ferrara, da Unife e dalla Camera di Commercio di Ferrara, certificano il senso del progetto e il suo sviluppo trasversale e sociale.

Preziosi partner di Kleb Academy sono inoltre Ascom Confcommercio e Iscom Ferrara, che hanno aderito offrendo ampia disponibilità alla collaborazione, così come Musti, il Museo della Comunicazione e della Tecnologia di Ferrara, parte attiva del progetto e sede di alcuni dei percorsi formativi proposti.

La scelta di dedicare il nuovo progetto Academy a Marco Cocchi, l’avvocato commercialista vicepresidente di Kleb Basket recentemente scomparso, vuole essere doveroso omaggio e ricordo di una figura cara al Kleb, che teneva lo sport e la formazione nel proprio cuore.

Una Academy che operi negli anni per il bene delle nuove generazioni della città, è la miglior forma per onorarne la memoria.

 

Alessandro Zangara

 

 

Apertura straordinaria di musei civici di Ferrara per l’Epifania

 

Apertura straordinaria dei musei civici in occasione della Festa dell’Epifania, lunedì 6 gennaio 2020. Saranno eccezionalmente aperti al pubblico (con i consueti orari di apertura) gli spazi museali civici:

– Palazzo Bonacossi-Museo Riminaldi (aperto lunedì 9-13 e dal martedì al sabato 9-18, ingresso gratuito);
– Palazzina Marfisa d’Este (aperto dal martedì alla domenica 9-13 e 15-18, ingresso a pagamento);
– Casa Ludovico Ariosto (aperto dal martedì alla domenica 10-12.30 e 16-18, ingresso gratuito);
– Museo della Cattedrale (aperto dal martedì alla domenica 9.30-13 e 15-18, ingresso a pagamento);
– Museo del Risorgimento e della Resistenza (aperto dal martedì alla domenica 9.30-13 e 15-18, ingresso a pagamento);
– PAC-Padiglione Arte Contemporanea (aperto dal martedì alla domenica 9.30-13 e 15-18, ingresso a pagamento).

 

Alessandro Zangara (anche per la fotografia)

‘Voci dalle Pietre’: immagini e documenti degli statuti cittadini del 1173

Si trovano scolpiti sul fianco della Cattedrale di Ferrara gli statuti cittadini del 1173 che saranno protagonisti di una mostra fotografica in programma nella sala Ariosto della biblioteca comunale Ariostea (via Scienze 17, Ferrara), fino a sabato 18 gennaio 2020. L’esposizione, dal titolo “Voci dalle Pietre. La Cattedrale di Ferrara e gli statuti epigrafici del 1173”, è promossa dall’associazione Ferrariae Decus in collaborazione con l’Arcidiocesi di Ferrara e Comacchio, il Capitolo della Cattedrale di Ferrara, il Comune di Ferrara, la Biblioteca Ariostea, Archibiblio Ferrara, l’Università degli Studi di Ferrara, il Dipartimento di Architettura Ferrara, l’Università di Bologna e Framelab.

Intento della mostra, che rappresenta il frutto di un lavoro di ricerca durato due anni e condotto da un ampio team di studiosi e esperti, è quello di diffondere quanto più possibile, anche oltre i confini cittadini, la  conoscenza di queste preziose iscrizioni, incoraggiando nuovi e più approfonditi studi su di un patrimonio che rappresenta un unicum in Europa. Gli Statuti del 1173, oggetto della mostra, rappresentano infatti le prime leggi adottate per regolare la vita sociale della città di Ferrara e risalgono al periodo del libero Comune, antecedente il dominio della Signoria estense. E ad accrescerne il valore, pressoché inestimabile, è il fatto che sono stati scolpiti su lastre di marmo (tuttora visibili solo in parte) sul fianco meridionale della Cattedrale, divenuta così il “monumento parlante” della prima civiltà comunale ferrarese.

L’esposizione che, oltre alle immagini fotografiche delle iscrizioni, raccoglie antichi documenti d’archivio inediti, mira perciò a fare da volano per nuove ricerche, da condurre anche con le moderne strumentazioni a disposizione, sia per approfondire la conoscenza sulle vicende costruttive della Cattedrale sia per interpretare le leggi scritte sulle epigrafi e ampliare quindi la conoscenza della situazione sociale, politica e amministrativa della Ferrara dell’epoca comunale. Ulteriore obiettivo dell’iniziativa espositiva è quello di richiamare l’attenzione anche sul processo di degrado in corso per questo importante patrimonio della città, che richiede quindi oltre che una campagna di documentazione anche un’opera di messa in sicurezza.

La diocesi di Ferrara diventa autonoma dall’esarcato di Ravenna grazie al riconoscimento di Papa Innocenzo II con la bolla pontificia del 1133.
La costruzione della nuova Cattedrale di San Giorgio è espressione di una fase caratterizzata dall’autonomia religiosa, civica e politica del libero comune.
Gli statuti ferraresi del XII secolo, scolpiti sul fianco della Cattedrale, sono testimonianza delle prime norme che regolano la società ferrarese nel periodo del libero comune antecedente il dominio della signoria estense.

I primi Decreti Statutari del 13 maggio 1173, proposti dal Consiglio dei Sapienti ed approvati dal popolo in assemblea plenaria, attestano il ruolo religioso e civico della maggiore e più importante costruzione della Ferrara medievale. Questa conclude la fase del libero comune e della storia urbanistica della Ferrara alto medievale.

La Cattedrale, la cui costruzione è datata al 1135, segna lo spostamento del centro generatore urbano. Dal sistema perifluviale lineare, parallelo al vecchio corso del Po, compreso tra il Castello dei Cortesi, punto di guado del Po, ad est ed il Castel Tedaldo ad ovest, si passa ad un sistema monocentrico che fa della Cattedrale il suo fulcro.

Gli Statuti del 1173 sono le prime leggi a regolare la vita sociale della città e sono scolpite su lastre di marmo addossate al fianco meridionale della Cattedrale che diventa così il monumento “parlante” della prima civiltà comunale ferrarese.

Mirna Bonazza in “ManuStatuta. I Codici della Biblioteca Comunale Ariostea” (Ferrara, Centro Stampa 2008), afferma che “…l’iscrizione rappresenta una fonte preziosa per ricostruire storicamente sul piano istituzionale l’articolazione dell’apparato amministrativo, politico e sociale degli organismi comunali medievali della città di Ferrara. ….L’importanza di  questo documento epigrafico è data dal fatto che emerge lo status di evidente affermazione dell’autonomia e del ruolo preponderante  del Comune nella sua piena attività legiferante….”

Si devono a Girolamo Baruffaldi le prime notizie (1696) sull’esistenza di questa epigrafe marmorea.

Soltanto negli anni ’60 del ‘900 il maestro Adriano Franceschini, durante i lavori di restauro di alcune “botteghe” addossate al fianco della cattedrale, ha potuto vedere scoperte parti delle epigrafi  e le ha fotografate, studiate e trascritte. Si deve tener conto della difficoltà di lettura delle epigrafi anche perché il piano originale della piazza era circa 1,20-1,50 ml al di sotto di quello attuale e le epigrafi formavano lo schienale di una panca, sempre marmorea, su cui sedevano i fedeli. Adriano Franceschini ha raccolto i risultati del suo meritorio ed attento lavoro nel 1969 nella pubblicazione curata dall’associazione culturale Ferrariae Decus e dalla Deputazione Provinciale Ferrarese di Storia Patria dal Titolo “I frammenti epigrafici degli statuti di Ferrara del 1173“.

La mostra fotografica alla biblioteca Ariostea prende spunto da quella pubblicazione e intende riportare l’attenzione su questo patrimonio storico, culturale e sociale documentandone la parte visibile e proponendo inedite immagini.

 

Alessandro Zangara

Eroi contro la mafia raccontati attraverso le tavole di una graphic novel

una tavola del fumetto di Nico Blunda e Giuseppe Lo Bocchiaro

“Vittime di mafia” è il tema della mostra di graphic novel visitabile alla Biblioteca Casa Niccolini (via Romiti 13, Ferrara), organizzata in occasione della Festa della Legalità a cura della casa editrice Becco Giallo. Protagonisti della mostra sono eroi del nostro tempo, che hanno sfidato e combattuto la mafia: Peppino Impastato, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Lea Garofalo, Antonio Montinaro e Rocco Dicillo e Mauro Rostagno, disegnati dalle abili ed esperte mani di Marco Rizzo, Lelio Bonaccorso, Giacomo Bendotti, Nico Blunda, Giuseppe Lo Bocchiaro, Ilaria Ferramosca, Chiara Abastanotti e Gian Marco De Francisco. Lavori poi confluiti nelle collane a fumetti dell’editore Il Beccogiallo (Padova).

Il racconto di storie e di resistenza contro l’omertà fatto attraverso un linguaggio artistico e immediato delle tavole a fumetti si potrà vedere in esposizione fino a sabato 16 novembre. Visitabile, con ingresso libero, negli orari di apertura della Biblioteca: martedì, mercoledì e giovedì ore 14.30-18.30; mercoledì, venerdì e sabato ore 9-12.30.

 

Alessandro Zangara (anche per l’immagine)

Avventure di paperi e uccelli per bambini a San Giorgio

Avventure alla scoperta dell’autonomia e dell’amicizia dei più piccoli sono al centro delle due storie scelte per l’incontro di lettura ad alta voce in programma per martedì 12 novembre 2019 alle 17 alla biblioteca comunale Dino Tebaldi di San Giorgio (via Ferrariola 12, Ferrara). L’appuntamento rientra  nel ciclo dedicato a bambini dai 3 ai 10 anni intitolato “Io leggo a te e tu leggi a me” che – per questo mese di novembre – sarà dedicato al tema “Polli e papere”.

Ecco allora il racconto scritto e illustrato Matthieu Maudet dedicato al momento in cui l’uccellino si appresta a lasciare il nido e intitolato “Io vado!” (Babalibri, 2011) e di “Papero” di Laura Wall con la storia di un’amicizia tra il pennuto e la bambina (Gribaudo, 2013).

Dopo la narrazione come consuetudine verrà data la possibilità ai bambini presenti di esprimersi a loro volta in veste di narratori in erba portando le proprie proposte, idee e suggerimenti di lettura. La partecipazione è libera e gratuita.

Per info: Biblioteca comunale Tebaldi del quartiere di San Giorgio, via Ferrariola 12 a Ferrara, e-mail bibl.sangiorgio@comune.fe.it, tel. 0532 64215.

 

Alessandro Zangara (anche per l’immagine)

 

 

“Internazionale Kids” alla Biblioteca Casa Niccolini

un particolare del fumetto “Nuno salva la luna”

In occasione del Festival “Internazionale a Ferrara 2019” numerosi appuntamenti dedicati ai bambini saranno ospitati negli spazi della Biblioteca comunale per ragazzi di Casa Niccolini (via Romiti 13, Ferrara).

Per l’occasione la biblioteca osserverà un orario di apertura al pubblico straordinario: Sabato 9-12.30 e 15-19; Domenica   10-13 e 15-18.

Saranno attivi tutti i servizi di prestito, rientro e iscrizione normalmente offerti dalla Biblioteca; anche le raccolte di giochi da tavolo, riviste, dvd saranno a disposizione del pubblico.

Tutte le attività per i ragazzi sono gratuite e a numero chiuso, per un massimo di 15 partecipanti. Iscrizioni mezz’ora prima dell’inizio, nel luogo in cui si svolge il laboratorio.

Venerdì 4 ottobre. Ore 17.00

“Kidseconomics” (8-11 anni) – Sala Polivalente

Chi ha detto che tasse, interessi e prestiti sono termini troppo difficili da capire? Un laboratorio per scoprire che l’economia riguarda tutti noi. A cura del Consiglio nazionale delle ricerche

Ore 17.00 – Sala Ragazzi

Fammi capire: le rappresentazioni dei corpi nei libri per ragazzi. Incontro di formazione e confronto rivolto a insegnanti, bibliotecari/e per parlare di corpi, sessualità ed educazione affettiva a partire dalla mostra bibliografica “Fammi capire”, a cura di Scosse e  Ottimomassimo Librerie per ragazzi.

Sabato 5 ottobre

Ore 10,00-12,00 “Kidseconomics” (8-11 anni) Sala Polivalente

Chi ha detto che tasse, interessi e prestiti sono termini troppo difficili da capire? Un laboratorio per scoprire che l’economia riguarda tutti noi. A cura del Consiglio nazionale delle ricerche.

Ore 10,30-11,30 “Fiabe straordinarie per famiglie non ordinarie” (4-7 anni)Giardino*

Elisa Binda e Mattia Perego presentano “Fiabe straordinarie per famiglie non ordinarie“, Einaudi ragazzi 2019

Una famiglia allargata di folletti, un mostro e la sua mamma single, una principessa con i genitori separati: anche nelle fiabe tutte le famiglie sono magiche.
Ore 15,00-16,00 “Aldo & Rosa” (8-11 anni)Sala Polivalente

Susanna Mattiangeli presenta Aldo & Rosa.
Il fumetto, pubblicato a puntate su Internazionale Kids, racconta le avventure di Rosa e del suo amico immaginario Aldo, alle prese con professori bizzarri.
Ore 15,30- 17,00 “Io sono io” (5-8 anni) – Sala Ragazzi
Corpi che cambiano e si trasformano, dando vita a personaggi dalle qualità insospettabili. Un laboratorio per scoprire il gusto di scegliere chi si vuole essere e mettersi nei panni degli altri. A cura di Fammi capire.
Ore 16,30-17,30 “Nuno salva la Luna” (7-10 anni) – Sala Polivalente
Marino Neri presenta “Nuno salva la Luna”, Canicola, 2019.
Un bambino alieno ha il compito di prendersi cura della Luna. Ma cosa succede quando sul satellite arrivano i terrestri?
Ore 18,00-18,45 “Sgranate gli occhi” (dai 6 anni)Sala Polivalente
Proiezioni di fotografie da tutto il mondo. A cura delle photo editor di Internazionale.

Domenica 6 ottobre
Ore 10,30-11,30 “Questa non è una rosa”
(dai 4 anni) Sala Polivalente
Ilaria Rodella e Francesco Mapelli presentano Questa non è una rosa: Manuale di filosofia, domande ed esercizi per bambini curiosi, Corraini, 2019.
Ore 11,00-12,00 “Io sono io” (5-8 anni) – Sala Ragazzi
Corpi che cambiano e si trasformano, dando vita personaggi dalle qualità insospettabili. Un laboratorio per scoprire il gusto di scegliere chi si vuole essere e mettersi nei panni degli altri. A cura di Fammi capire.
Ore 12,00-12,45 “Sgranate gli occhi” (dai 6 anni) – Sala Polivalente
Proiezioni di fotografie da tutto il mondo. A cura delle photo editor di Internazionale.
Ore 15,00-16,00 “Jo e i tre cappottini” (5-8 anni) – Sala Polivalente
Gud presenta Jo e i tre cappottini, Tunuè, 2019
Non sopporta la scuola, gli amici e neanche i genitori, ma quando si troverà per magia dall’altra parte dello specchio, Jo capirà gli effetti di tutta la sua rabbia.
Ore 16,30-17,30 “Al timone!” (8-11 anni) – Sala Polivalente
Sfogliamo i giornali di tutto il mondo per bambine e bambini per creare un numero esclusivo di Internazionale Kids insieme alla redazione.

 

Alessandro Zangara (anche per le immagini)