‘Archeologia in biblioteca’: la città di Spina e la geografia storica del delta padano in età classica raccontate da Alberto Andreoli

Proporrà una panoramica aggiornata sugli studi relativi alla città di Spina e al delta padano in età classica la conferenza di Alberto Andreoli in programma martedì 18 gennaio 2022 alle 17 nella sala Agnelli della biblioteca comunale Ariostea (via Scienze 17 Ferrara) e in diretta video sul canale youtube Archibiblio web (per accedere clicca qui).

L’incontro, organizzato in collaborazione con la Società Dante Alighieri Comitato di Ferrara, è il primo dei tre appuntamenti a cadenza mensile del ciclo “Archeologia in Biblioteca” (8a edizione).

Quest’anno ricorre il centenario della scoperta del sepolcreto ‘spinetico’ di Valle Trebba, avvenuta casualmente durante operazioni di bonifica agraria nella primavera del 1922. All’epoca, dopo una preliminare, rapida e accurata ricognizione, era seguita una serie ultradecennale di scavi, con l’esplorazione di oltre 1200 tombe e il rinvenimento di una quantità eccezionale di materiali antichi. Ai fini della conservazione e valorizzazione di questi ultimi nel 1935 veniva istituito il Regio Museo di Spina (ora Museo Archeologico Nazionale) a Ferrara. La località deltizia dei rinvenimenti mise in crisi l’impianto metodologico e critico del dibattito allora in corso sul problema topografico dell’ubicazione della città di Spina, oggetto di una riflessione plurisecolare. A partire dal 1953 si svolse una seconda fase di fortunate indagini archeologiche ‘spinetiche’, che vide il recupero di oltre 2300 tombe in Valle Pega (e un altro paio di centinaia in Valle Trebba), l’esplorazione dell’area di S. Maria in Padovetere e dell’abitato principale di Spina. Più di recente, l’organizzazione di allestimenti espositivi stabili e temporanei, convegni e pubblicazioni tematiche, e la ripresa di campagne esplorative (con scavi e prospezioni geofisiche), attestano il permanere di un rilevante interesse scientifico e culturale per l’antico centro emporico etrusco-padano. Il ciclo di 3 incontri a cadenza mensile (18 gennaio – 1 febbraio – 8 marzo 2022) si propone di fornire una panoramica aggiornata dello stato degli studi e delle conoscenze storico-geografiche sulla città di Spina e il territorio deltizio, dalle origini all’epoca romana.

Alessandro Zangara

Concerto in stile Blues Brothers a Ferrara

Un concerto annunciato come occasione di divertimento coinvolgente e con finalità benefiche quello di “The Big Solidal Band” in programma per stasera, sabato 11 dicembre, alle 21.15 nella Sala Estense (piazza Municipio 14, Ferrara) tutto a favore della Fondazione Ado onlus che si occupa di assistenza domiciliare oncologica.

“Un’iniziativa che l’amministrazione comunale ha voluto sostenere anche con il patrocinio – ha sottolineato l’assessore Cristina Coletti – in segno di vicinanza all’importante azione di Ado sul nostro territorio a sostegno di coloro che soffrono di gravi malattie e dei loro familiari”.

“Ottima musica e una nobile causa – ha spiegato la presidente di Ado Gisella Rossi – con un gruppo consolidato che ci ha sostenuto fin dal debutto e che offre uno spettacolo davvero entusiasmante”.

“Il nostro gruppo – hanno quindi raccontato Carlo Merighi e Luca Sacchetti, rispettivamente voce e pianista della band – è nato nel 2009 come tributo ai Blues Brothers, ma poi si è arricchito con pezzi di rhythm and blues ed altro. In scena ci presentiamo con le due voci maschili in abito scuro e camicia bianca alla John Belushi e Dan Aykroyd, due voci femminili e altri nove componenti ai fiati, chitarre, basso, batteria, piano elettrico e organo”.
L’ingresso è a offerta libera, con un minimo di 12 euro. Per info e prenotazioni: tel. 0532 977531 e ufficio.iniziative@adohtf.it,  biglietti in vendita nelle sedi Ado (via Veneziani 54 e via Ripagrande 13, Ferrara) e la sera stessa nella biglietteria della sala Estense.
Per la partecipazione al concerto è richiesta l’esibizione del super Green Pass nel rispetto della normativa anti-Covid.

Quando la solidarietà incontra l’ottima musica, una nobile causa e lo spirito natalizio, il successo è garantito. È il caso del concerto della The Big Solidal Band che, dopo due anni di stop a causa dell’emergenza coronavirus, torna sabato 11 dicembre 2021 alle 21.15 sul palco della Sala Estense di Ferrara, a sostegno della Fondazione ADO. Un nuovo pirotecnico concerto natalizio che, con lo stop dovuto alla pandemia, si presenta arricchito di nuovi brani, in quel solco di soul e R&B che da sempre contraddistingue la band.

Un live show, patrocinato da Comune di Ferrara che merita senz’altro di essere visto, anche per il fine solidale: il ricavato verrà devoluto a favore delle attività di assistenza garantite dalla Fondazione ADO, che nel territorio ferrarese assiste i malati e al tempo stesso dà sollievo alle loro famiglie, sia a domicilio che in hospice.
Una serata in puro stile Blues Brothers. Una pellicola che dopo oltre quarant’anni (il film uscì nel novembre del 1980) pare non conoscere tramonto. Indubbiamente anche per merito di una strepitosa colonna sonora, che ha riportato a fasti al tempo inaspettati, brani musicali con arrangiamenti che sono stati consacrati nel Gotha non solo delle colonne sonore, ma della musica in generale. Riproponendo molti dei brani originali del film, The Big Solidal Band cerca di riportare anche il feeling della pellicola: un clima indubbiamente adrenalinico, grazie al quale il pubblico quasi stenta a rimanere fermo nella propria posizione, rispondendo al fremito positivo di una musica trascinante e coinvolgente come poche altre situazioni live. Blues Brothers e non solo: doverosa citazione anche per i brani della migliore tradizione R&B americana che completano la serata. Indimenticabili canzoni portate al successo da artisti di prim’ordine, quali Arehtha Franklin, Etta James, Sam and Dave, Otis Redding, solo per citarne alcuni.

Ed è proprio questa “reazione a catena” che porta i componenti della band a dare il meglio di sè: Marco Griguolo (batteria), Alessandro Gessi (basso), Luca Sacchetti (pianoforte e hammond), Danny Ghedini e Paolo Zangirolami (chitarre), Gabriele “Lele” Casoni (trombone), Antonello Del Sordo (tromba), Stefania Bindini (sax contralto), Paolo Santini (sax tenore e armonica) formano la colonna sonora dei concerti, coadiuvando i vocalist del gruppo, ovvero Silvia Veronesi, Anidia Villani, Cristiano “Kriss” Gentile e Carlo “Megus” Merighi. Tredici elementi, una vera e propria Big Band con una ritmica da urlo e una sezione fiati che dona un grande valore aggiunto al sound risultante. Quarant’anni del film, dodici di attività della band: numeri da non sottovalutare e che pongono la compagine come una delle migliori realtà musicali a cavallo tra Veneto ed Emilia Romagna.
Tutto questo in un connubio con l’ADO che ormai dura da oltre dieci anni, anni durante i quali ad ogni appello della Fondazione di volontariato ferrarese, The Big Solidal Band ha sempre prontamente risposto, ben consapevole degli sforzi volti a favore delle persone che si trovano nelle condizioni di doversi rivolgere all’associazione stessa.
E come dare il proprio contributo, se non nel settore in cui The Big Solidal Band opera? E quindi… su il sipario, la musica suona per solidarietà!

Alessandro Zangara

Monumenti Aperti Ferrara

Un’edizione digitale che attraverserà 14 luoghi e palazzi di Ferrara ambientandovi la narrazione dell’Orlando Furioso di Ariosto affidata a bambini e ragazzi di 24 classi delle scuole ferraresi primarie e secondarie di primo grado: è questo il filo conduttore delle visite guidate di “Monumenti Aperti Ferrara”, in programma per sabato 11 e domenica 12 dicembre 2021 alle 16. Il percorso – che è stato fatto in presenza con i ragazzi-narratori – viene offerto ai cittadini in versione digitale, e si potrà guardare dai canali YouTube e social di FerraraOff (ai link www.facebook.com/FerraraOffwww.youtube.com/user/ferraraoff).
La manifestazione, patrocinata dal Comune di Ferrara e dalla Regione Emilia-Romagna, è coordinata dall’associazione cagliaritana Imago Mundi OdV e organizzata localmente da Ferrara Off APS in collaborazione con la Fondazione Ferrara Arte, l’Assessorato alla Cultura-Settore Cultura e Turismo – e l’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Ferrara.
L’edizione 2021 è dedicata al tema Scuola di libertà: in particolare, il senso di libertà che si intende comunicare si riferisce sia al sentimento di riappropriazione creativa del proprio patrimonio collettivo, sia alle storie di donne e uomini che con la loro vita hanno dato dimostrazione di scelte orientate in tal senso. La libertà è, al contempo, condizione essenziale per una narrazione del patrimonio culturale tangibile e intangibile delle comunità locali, ma anche per immaginare il futuro a partire da una profonda conoscenza della propria storia. Ne deriva, un’educazione alla cultura che si pone di travalicare l’accumulo di conoscenze e l’istruzione formale diventando, attraverso l’esperienza diretta, la base imprescindibile per lo sviluppo di un pensiero critico, autonomo, creativo, generatore di scenari alternativi e rinnovatori.

La V edizione ferrarese di Monumenti Aperti è incentrata sulla realizzazione della narrazione digitale dell’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto. Un’opera dall’inestimabile valore, dove la città di Ferrara è protagonista, insieme al patrimonio immateriale riconducibile alla cultura letteraria e non solo. Le vicende di Orlando, sebbene note a molti, hanno offerto la possibilità di avvicinare anche i più piccoli a un poema che potrebbe sembrare loro inizialmente inaccessibile. Infatti, la materia di cui il celebre poema cavalleresco si compone e le molteplici sfumature che lo riguardano (la magia, il romanticismo, le nobili gesta, le battaglie, i viaggi sulla luna), sono state tradotte e interpretate attraverso numerose forme creative.

Monumenti Aperti 2021 coinvolge 24 classi (circa 600 tra alunni e alunne) dei seguenti Istituti Comprensivi ferraresi: ‘Dante Alighieri’, ‘Alda Costa’, ‘Filippo De Pisis’, ‘G. Perlasca’, ‘Alberto Manzi’, ‘Cosmè Tura’ e la Scuola Internazionale Smiling Service.
I luoghi selezionati, protagonisti e al contempo ambientazioni privilegiate delle vicende dell’Orlando sono: il Museo Nazionale Archeologico, Palazzo Paradiso (il Teatro anatomico e la tomba di Ariosto), il Castello Estense (il cortile, l’imbarcadero, le cucine e il giardino degli aranci), Piazza Ariostea, l’Ex Teatro Verdi, Casa Minerbi, il Museo della Cattedrale, il Teatro Comunale, Casa Romei, la Pinacoteca Nazionale di Palazzo dei Diamanti, Casa Ariosto, Il Museo di Schifanoia, la Palazzina Marfisa d’Este e il Civico Lapidario.

Il processo di creazione dei contenuti è stato realizzato grazie alla preziosa partecipazione dello scrittore Luigi Dal Cin, che ha apportato il proprio contributo per definire 20 percorsi narrativi totali. “Ho così pensato – dice lo stesso Dal Cin – di utilizzare il nucleo narrativo più forte e più inclusivo del poema: il palazzo di mago Atlante. Lì avrà luogo l’incredibile vorticosa giostra che vedrà intrappolati tutti i principali personaggi del poema che lì si incontreranno e si passeranno così il testimone della narrazione. Un possibile monumento di riferimento per la quinta edizione di Ferrara Monumenti Aperti potrebbe quindi essere proprio il magico palazzo di Atlante: si tratta di un palazzo che non è fatto di pietra, ma di fantasia, sogno, magia, desiderio, illusione – edificato proprio a Ferrara dalla mente dell’Ariosto – che tanto influenzerà le ‘architetture fantastiche’ successive”.

Il processo organizzativo si è articolato in molteplici fasi: ad aprile scorso la convocazione delle insegnanti degli istituti scolastici coinvolti, cui ha fatto seguito, nel mese di giugno, un importante momento di formazione, a cura di Ferrara Off, rivolto al corpo docenti. Dopo la pausa estiva, a settembre, è stato intrapreso il percorso di formazione, sempre a cura di Ferrara Off, che ha coinvolto le 24 classi aderenti al progetto. Infine, dal 3 al 18 novembre, si sono svolte, presso ciascun monumento, le riprese dei singoli episodi messi a punto dalle allieve e dagli allievi. I video realizzati grazie all’intervento di due troupe, saranno, dopo un accurato lavoro di montaggio, trasmessi in diretta streaming sui canali Facebook e YouTube di Monumenti Aperti: su quest’ultima piattaforma social, essi saranno conservati, definendo così un archivio di informazioni ed esperienze sempre accessibili, anche in futuro.

La manifestazione, nata nel 1997 a Cagliari dalla passione e l’impegno civile di un gruppo di studenti universitari, la manifestazione, organizzata da Imago Mundi OdV, coinvolge ogni anno quasi sessanta amministrazioni comunali e oltre 25mila studenti di tutte le età che per due giorni, nei fine settimana tra aprile e maggio, diventano appassionate guide dei propri territori e dei 1000 monumenti aperti al pubblico, visitati da oltre 350mila persone. Negli anni la manifestazione è sbarcata nelle Langhe piemontesi, nelle terre raccontate da Cesare Pavese e Beppe Fenoglio, in Emilia Romagna, Lombardia e Puglia e Lazio.

Alessandro Zangara

‘Distillare o essere distillati’: la storia del professor Emanuel Merdinger

Ripercorre le travagliate vicende di Emanuel Merdinger, che per alcuni anni visse e lavorò anche a Ferrara, il libro di Carlo Magri e Francesco Paparella dal titolo ‘Distillare o essere distillati’ che martedì 7 dicembre 2021 alle 17 sarà presentato nella sala Agnelli della biblioteca comunale Ariostea (via Scienze 17 Ferrara) e in diretta video sul canale youtube Archibiblio web. L’incontro è a cura del Consorzio Eventi Editoriali.

Emanuel Merdinger, nacque nel 1906 a Suceava in Bucovina, regione allora parte dell’Impero austro-ungarico, si laureò nel 1931 in farmacologia all’Università di Praga. Venne a Ferrara dove conseguì presso l’Università nel 1934 e 1935, le lauree in Farmacia e Chimica. Qui divenne anche docente, oltre che personaggio conosciutissimo in città dove strinse un rapporto fraterno con la famiglia Paparella. Di religione ebraica, costruì però ottimi rapporti con la chiesa cattolica. Il 20 maggio del 1940 venne cacciato dall’Italia e finì nei campi di concentramento delle sue zone d’origine, prima prigioniero dei tedeschi poi dei russi. Grazie alla sua furbizia, intelligenza e alla valente attività di chimico e suonatore di violino, fra cento peripezie narrate come in un film, si salvò. Tornò a Ferrara nel 1945, nella città che ormai lui considerava una seconda patria, ma nel 1947 andò negli Stati Uniti dove divenne un ottimo ricercatore universitario. Morì nel 1997 con Ferrara nel cuore ma essendo un ricordo lontano la città lo ha dimenticato.

L’accesso del pubblico alla Sala Agnelli (senza limitazioni di capienza) è consentito con Green pass e mascherina.

Alessandro Zangara

Con ‘L’ora del racconto’ un nuovo pomeriggio ferrarese

Un pomeriggio tra fiabe, filastrocche e libri illustrati aspetta i bimbi dai tre anni d’età mercoledì 3 novembre 2021 alle 16,45 alla biblioteca comunale Bassani di Barco (via Grosoli 42 – Ferrara), per un nuovo appuntamento con ‘L’ora del racconto’ nella sala Ragazzi.

La partecipazione all’iniziativa per bambini e accompagnatori è gratuita. I posti sono limitati e occorre la prenotazione da effettuare telefonando ai numeri: 0532 797477-414 o scrivendo a: info.bassani@comune.fe.it.

Per i più piccoli letture ad alta voce per ridere in compagnia anche giovedì

Tante storie divertenti lette ad alta voce da Ombretta Anna per sorridere e ridere insieme. Sono quelle che attendono i bambini dai 3 anni giovedì 4 novembre 2021 alle 17,15 alla biblioteca comunale Rodari (in viale Krasnodar 102, Ferrara), per un nuovo appuntamento con le narrazioni pomeridiane per i più piccoli.

Le ‘Belle storie alla Rodari’ continueranno ogni giovedì alle 17,15.

Accesso consentito con green pass e mascherina. Per info: 0532 904220 – bibl.rodari@comune.fe.it  

Alessandro Zangara

Torna il “Festival del Ciclista Lento”

Il “Festival del Ciclista Lento” torna a Ferrara, città delle biciclette, dove si terrà per la 5.a edizione da venerdì 29 a domenica 31 ottobre 2021. In calendario ci sono due pedalate ciclo-turistiche con partenza da Factory Grisù (via Poledrelli 21, Ferrara) sabato 30 ottobre alle 10.30 per “La pedalata più lenta del mondo” in centro storico e domenica 31 ottobre alle 9 per il “Granfondo del merendone” da Ferrara a Bondeno. La manifestazione prevede anche incontri come il “Gran galà del ciclista lento” nella sala Estense (piazza Municipio 14, Ferrara) venerdì  29 ottobre alle 21 dedicato alle imprese sportive alla rovescia e a proiezioni cinematografiche e due incontri a Factory Grisù (via Poledrelli 21, Ferrara) per fare “Due chiacchiere sulle due ruote” sabato 30 ottobre alle 16.30 e per seguire il “Record dell’ora… alla rovescia” sabato 30 ottobre alle 18.
Iscrizioni alle pedalate al link www.ciclistalento.it/acquista-biglietti. Per partecipare al Gran Galà è consigliato prenotarsi al link www.eventbrite.it/e/biglietti-cinema-a-pedali-festival-del-ciclista-lento-185894183507.
Per info e programma: sito web www.ciclistalento.it.

“Con questa manifestazione – ha commentato scherzosamente l’assessore allo Sport Andrea Maggi – a Ferrara abbiamo inventato un nuovo ossimoro, che è quella figura retorica che accosta parole che esprimono concetti opposti, come appunto la lentezza e il ciclismo che sportivamente è incarnato da atleti che sfrecciano sulle due ruote. Un approccio che attira l’attenzione e la curiosità su un’iniziativa molto bella sia dal punto di vista della promozione del territorio sia per dal punto di vista sportivo, perché evidenzia che l’attività fisica non significa solo competizione, ma anche impegno, passione, dedizione e mette l’accento sul divertimento, che è e deve restare una componente essenziale per chi pratica sport”.

“Il ‘Festival del Ciclista Lento’ – ha quindi sottolineato l’assessore al Turismo Matteo Fornasini – si inserisce tra le iniziative di valorizzazione cicloturistica del territorio, che riteniamo siano un grande volano per lo sviluppo turistico e commerciale di Ferrara. È inoltre un evento che coinvolge quasi 200 partecipanti, sostenendo e agevolando il rilancio economico e turistico della città con un respiro nazionale. Per l’occasione ci sarà anche una troupe della Rai a effettuare le riprese e a favorire così la promozione, che è un obiettivo importante per l’amministrazione comunale”.

In programma: la Pedalata più lenta del mondo “5 km in 5 ore”, il Record dell’Ora alla Rovescia, la Granfondo del Merendone, il Gran Galà del Ciclista Lento, il Cinema a Pedali e la tavola rotonda “Due chiacchiere sulle due ruote”. C’è chi sceglie la bicicletta per il piacere stesso del pedalare e muoversi in scioltezza, senza per questo rincorrere performance, watt e contachilometri. Chi si gode le due ruote senza l’ansia di arrivare primo, chi vive il piacere del viaggio più che del traguardo, apprezzando paesaggi e curiosità incontrati lungo il percorso… è questa la filosofia, assieme al motto “beati gli ultimi che la vita sanno goder” che da cinque anni caratterizza la manifestazione ferrarese dedicata al ciclismo-slow, per festeggiare chi utilizza le strade e le ciclabili per pedalare piano, senza talento per lo sport, senza tempi da rispettare o primati da stabilire…
Ma che succederà quest’anno dal 29 al 31 ottobre, nella tre giorni dedicata ai lenti a due ruote?
Così lo racconta Guido Foddis, ideatore e patron della manifestazione:
“Per il Festival del Ciclista Lento non è un ritorno, siamo stati tra i pochi a riuscire a programmare anche l’edizione 2020, zigzagando tra i tanti rami che la pandemia continua a lasciare sul nostro sentiero. È però un ritorno alla “quasi normalità”, ovvero al piacere di trovarsi assieme a campioni della bicicletta ed a ciclisti di tutte le risme. Nel nostro Festival i veri protagonisti sono i pedalatori esclusi dalle lunghe percorrenze, dalle competizioni, dagli allenamenti agonistici. Abbiamo già un’iscritta di 95 anni che coccoleremo come una principessa, perché rappresenta al meglio la nostra missione: mettere tutti su un mezzo a pedali! Attorno a lei, campioni olimpici e paralimpici, protagonisti della società civile, artisti, giornalisti e scrittori accorsi da tutte le parti d’Italia a festeggiare la capitale della Repubblica delle Biciclette, ovvero Ferrara. La novità di questa edizione sarà l’apertura al cinema indipendente, ovviamente legato alle due ruote. Proietteremo opere inedite, cortometraggi e documentari prodotti in questo difficile anno di pandemia, per dare nuovi significati alla bicicletta. Daremo spazio anche alle istanze dei giovani, impegnati per realizzare il cambiamento culturale che la crisi climatica impone. Anche in quest’ottica la bicicletta è una delle soluzioni giudicate migliori sotto ogni punto di vista. Metteremo attorno a una tavolata imbandita di torta tenerina Sara Segantin, scrittrice, alpinista e attivista dei Fridays for Future, rappresentanti del Ministero della Transizione Ecologica (anche se preferivamo chiamarlo “Ministero dell’Ambiente”) e di ISPRA. Oltre a loro, scrittori e musicisti, troppo spesso considerati solo come intrattenitori e non come pensatori.
Un aspetto che davvero ci sta a cuore è la promozione di azioni concrete di solidarietà che partono da un semplice gesto: pedalare! Verrà infatti a trovarci Alessandra Cappellotto, che non solo è stata la prima italiana a vestire la maglia iridata di Campionessa del Mondo. Ma che rappresenta oggi il sindacato delle cicliste professioniste e che, in questo ambito, ha lavorato notte e giorno per evacuare dall’Afghanistan nove atlete della Nazionale altrimenti destinate a un futuro orribile. Alessandra ci arricchirà raccontandoci il “mondo migliore” che cerca di realizzare a cavallo della sua bicicletta.
Il Ciclismo Lento non è solo una forma di orgoglio di chi non ha nulla da vincere. È la medicina che serve a tutti coloro che sono troppo impegnati a correre per accorgersi di essere fermi.”

Questi gli appuntamenti in programma:

Venerdì 29 ottobre – Teatro Sala Estense, Piazza del Municipio 14 – ore 21
GRAN GALÀ DEL CICLISTA LENTO
(ingressi contingentati – prenotazione richiesta)
Celebrazione dei campioni del ciclismo con gli awards delle “imprese sportive alla rovescia” dell’anno trascorso e la novità dell’edizione 2021, il Cinema a Pedali: opere inedite, cortometraggi e documentari legati alle due ruote prodotti dal cinema indipendente.
Presentano Guido Foddis e Marco Pastonesi. Intervengono sportivi, giornalisti, autori e registi
Proiezione integrale del docu-film:
– “L’ultima ruota”, un road documentary di Claudia Cipriani, 2021, 97′
Sabato 30 ottobre – Centro storico di Ferrara – ore 10.30
(partenza presso Factory Grisù, via Poledrelli 21 – ritrovo dalle ore 9.30)
LA PEDALATA PIÙ LENTA DEL MONDO: 5 KM IN 5 ORE
Tour speciale della città di Ferrara con la “Pedalata più lenta del mondo”: una lentissima pedalata che si snoda nel centro storico di Ferrara, con soste per conoscere i monumenti della città (accompagnati da una guida turistica), le storie della città estense, i racconti degli scrittori in bicicletta, ristori con degustazioni di prelibatezze ferraresi.
Gli scrittori:
– Marco Pastonesi, Elogio del gregario, Battaglia 2021
– Sara Segantin, Non siamo eroi, Fabbri 2021
– Tullio Berlenghi, Alle colonne d’Ercole. Diario di un viaggio con l’orizzonte come confine,
Dei Merangoli Editrice, 2017
– Simona Malabrocca presenta Roberto Lauciello, Malabrocca. Un uomo solo… al fondo
(vol. a fumetti), Renoir Comics 2019
Le biciclette saranno noleggiate da Officine Ricicletta, progetto sociale della Coop. Il Germoglio Ferrara per il reinserimento lavorativo di persone svantaggiate e il recupero e restauro di cicli di-smessi.
DUE CHIACCHIERE SULLE DUE RUOTE
Spazio Factory Grisù – ore 16.30
Speciale Tavola Rotonda:
La bicicletta come modello di turismo moderno, per valorizzare il territorio e recuperare la funzione sociale dei piccoli centri abitati. La bicicletta come mobilità sostenibile, modello scelto da tutte le grandi metropoli per regolare il traffico urbano. La bicicletta come strumento per divulgare la cultura e la ricerca ambientale. La bicicletta come mezzo per ripartire dai lunghi mesi di inattività fisica imposti dalla pandemia.
Intervengono esperti del mondo del cicloturismo e dell’ecologia, dello sport e della ricerca
– Tullio Berlenghi, MiTE
– Francesca Romana Lugeri, ISPRA
– Antonio Dalla Venezia, Bicitalia – FIAB – CIAB
– Massimo Tocci, FIAB – Ciclismo quotidiano e Bimbimbici
– Sara Segantin, Fridays For Future Italia
– Alessandra Cappellotto, CPA Women – ACCPI – Road To Equality
(in collaborazione con Consorzio Factory Grisù e Web Radio Giardino)
RECORD DELL’ORA… ALLA ROVESCIA!
Spazio Factory Grisù – a seguire
Su maxischermo allo spazio Grisù e in collegamento streaming sui canali social del Ciclista Lento e sulle piattaforme dei nostri media partner
Con i ciclisti professionisti Davide Formolo e Maruia Vittoria Sperotta si portrà seguire chi sfiderà il record “al contrario”, 1,070 km in un’ora, registrato da Bruno Zanoni (storica “ma-glia nera” al Giro d’Italia 1979) nel corso dell’edizione 2019.
Nei festival precedenti non ci sono riusciti campioni e performer del calibro di Gilberto Simoni, Gibì Baronchelli (titolare del primo record come da nostro Albo d’Oro), Silvio Martinello, Alan Marangoni… Chi tenterà di andare ancora più piano – se è possibile – nell’edizione 2021, provando a scendere sotto il km all’ora?
Due ciclisti Elite in attività, un uomo e una donna, sono stati infatti scelti come sfidanti 2021. La performance verrà seguita da un commento tecnico “olimpico”, in missione speciale per conto del Ciclista Lento…

Domenica 31 ottobre
GRANFONDO DEL MERENDONE
Alla scoperta del territorio ferrarese: ciclabili che attraversano la storia!
Da Ferrara a Bondeno e ritorno con percorso ad anello, via ciclabili Burana e Destra Po – ore 9.30
Partenza da Factory Grisù (via Poledrelli 21, Ferrara), ritrovo dalle 9.
Arrivo al BiciHostel Destra Po (via Vallelunga 186, Ferrara)
Pedaleranno con noi:
– Antonio Dalla Venezia, ex presidente FIAB attualmente responsabile Bicitalia e presidente CIAB (Club delle Imprese Amiche della Bicicletta);
autore di: “Bici Italia, 20 vacanze a pedali per tutti nelle regioni italiane”, Ediciclo Editore 2021
– Marco Pastonesi, giornalista e scrittore, cantore per eccellenza degli “ultimi” del ciclismo, è la voce narrante del Festival del Ciclista Lento dalla sua prima edizione;
ultima pubblicazione: “Elogio del gregario”, Ed. Battaglia 2021
Un percorso suggestivo tra fortezze e corsi d’acqua, alla scoperta di tesori nascosti del paesaggio estense, pedalando in compagnia di due guide d’eccezione…
Per la sua quinta edizione il Festival del Ciclista Lento propone di celebrare con la sua granfondo, la più lenta d’Italia, il ventennale della più famosa ciclabile del ferrarese, la Destra Po: attraverso un facile percorso di ca. 50 km verrà raggiunto su piste ciclabili il centro di Bondeno, e a seguire la Rocca Possente di Stellata, passando per fortificazioni e opere di ingegneria idraulica risalenti al periodo napoleonico. Ritorno per la mitica ciclabile che costeggia la riva destra fiume Po, fino all’arrivo presso l’omonimo BiciHostel “Destra Po”.
Ristori con degustazioni di specialità dell’alto ferrarese a Bondeno e Stellata, “Merendone” finale al Destra Po.
L’ultimo a tagliare il traguardo della Granfondo scrive il suo nome nel prestigioso Albo d’Oro del Ciclismo Lento!

Sicurezza anti-Covid: Il Festival si svolgerà in ottemperanza alle vigenti normative anti-Covid.
È richiesto il Green Pass per gli eventi in spazi chiusi (ingressi limitati ai posti disponibili); il distanziamento durante le pedalate all’aperto e mascherina durante le fasi di registrazione delle pedalate, in partenza e all’arrivo (possibili momenti di assembramento).
In caso di impossibilità di svolgimento dal vivo, le iniziative del Festival si sposteranno online – così come avvenuto per l’edizione 2020: sul sito ciclistalento.it e sui social collegati tutti gli aggiorna-menti.

Per info: Festival del Ciclista Lento, sito web http://www.ciclistalento.it, ufficio stampa press@ciclistalento.it

Alessandro Zangara

‘Nella bottega dei colori’: la tecnica dell’affresco illustrata attraverso i capolavori di Schifanoia

La tecnica dell’affresco illustrata attraverso i capolavori del Salone dei Mesi di Palazzo Schifanoia. Fino al 14 novembre 2021, la Galleria del centro commerciale Le Mura di Ferrara (via Copparo 132) ospiterà un percorso espositivo aperto al pubblico, a cura dell’associazione culturale Arte.Na, con area multimediale, pannelli didattici, strumenti e materiali utilizzati dagli artisti nel Rinascimento.

Inoltre, per bambini e ragazzi dai 6 ai 12 anni, nelle giornate del 5, 6, 7, 12, 13 e 14 novembre, dalle 15,30 alle 19, sono in programma laboratori d’arte gratuiti (su prenotazione) della durata di circa 45 minuti, durante i quali sarà possibile cimentarsi nelle antiche tecniche artistiche e realizzare un piccolo affresco.

Il progetto si svolge con il Patrocinio del Comune di Ferrara, con la collaborazione del  Servizio comunale Musei d’Arte e con il sostegno del Centro Commerciale “Le Mura” di Ferrara.

La visita al percorso espositivo è libera, dal lunedì al sabato dalle 9 alle 21 e la domenica e festivi dalle 9,30 alle 20. Per partecipare ai laboratori è invece richiesta la prenotazione telefonando al n. 328 4909350 oppure mandando una mail all’indirizzo: ferrara@associazioneartena.it

Alessandro Zangara

La festa degli orti a Ferrara

Un concerto con un “repertorio ricco di emozioni” quello che la Filarmonica di Tresigallo propone per domenica 3 ottobre 2021 alle 16 al Centro sociale Il Parco (via Canapa 4, Ferrara) nel contesto della “Festa degli orti” con ingresso a offerta libera da devolvere a favore della Fondazione Ado onlus che si occupa dell’assistenza domiciliare oncologica. La storica orchestra Filarmonica di Tresigallo è composta da una quarantina di elementi e si esibirà in un repertorio vario, con arrangiamenti di musica pop, brani tipici per bande e qualche brano di disco music.

L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Ferrara, è stata presentata venerdì 1 ottobre nella residenza municipale. All’incontro con i giornalisti sono intervenuti l’assessore alle Politiche sociali Cristina Coletti, la presidente Fondazione Ado Onlus Gisella Rossi, l’operatrice e musicista della Filarmonica di Tresigallo Roberta Fogli Iseppe Cavalieri e il presidente del Centro di promozione sociale Il Parco Gian Paolo Chiodi.

“Un’iniziativa molto coinvolgente, in cui si attiva al meglio quella sinergia tra diverse realtà del territorio – ha sottolineato l’assessore Cristina Coletti – che sono tutte impegnate nell’ambito sociale e che trovano nella ‘Festa degli orti’ l’occasione per mettere in campo le migliori energie di ciascuno. La mia presenza alle iniziative di Ado è costante, perché è un punto di riferimento importante per il territorio, con un’attenzione socio-sanitaria fondamentale”.

Il concerto – come hanno spiegato la presidente Fondazione Ado Gisella Rossi, insieme con Roberta Fogli Iseppe Cavalieri della Filarmonica di Tresigallo e con il presidente del Centro di promozione sociale Il Parco Gian Paolo Chiodi – segnerà il culmine della giornata dedicata alla “Festa degli orti”, che si aprirà domenica 3 ottobre 2021 alle 12.30 con l’inaugurazione della mostra fotografica “Com’era il Centro e… com’è ora”, seguita dal buffet e quindi dal grande concerto all’aperto, sul palco del giardino di via Canapa, con la Filarmonica di Tresigallo e un repertorio pensato per coinvolgere in una chiave più leggera il pubblico con evocazioni pop, bandistiche e ritmate.

Concerto con ingresso a offerta libera e richiesta di green pass. 

La Filarmonica di Tresigallo è una realtà storica e importante: nata nel 1853, si è consolidata passo dopo e passo e vive da quasi centosettant’anni grazie all’impegno, passione e dedizione dei suoi componenti, spinti dalla grande e comune passione per la musica e per il proprio territorio. Passione sfociata, nel 1976, nell’istituzione della Scuola di Musica di Tresigallo, oggi Associazione Musicale Arianna Alberighi – Scuola di Musica Filarmonica di Tresigallo. La Scuola di Musica conta oggi circa 150 allievi distribuiti su 13 corsi musicali e può vantare la costituzione di una formazione giovanile che funge da vivaio e trampolino per la più blasonata Filarmonica.

La Filarmonica di Tresigallo, formazione dell’omonima Scuola di Musica, è un’orchestra di fiati composta da circa quaranta elementi che propone un repertorio che spazia da composizioni originali per banda da concerto alle musiche da film, dalla tradizione swing delle Big Band degli anni ’30 ad arrangiamenti per strumenti solisti e orchestra.
La grande caparbietà dei volontari che ruotano attorno all’associazione permette ad essa di essere un esempio di tradizione e motivazione. Ogni occasione è quella giusta per fare musica e concertare, nel giusto spirito comunitario che è stato motore di questa meravigliosa realtà tresigallese dal 1863 ad oggi. Anche per fare del bene e aiutare gli altri, come confermato dall’esibizione del 3 ottobre a sostegno della Fondazione ADO.

Programma del concerto di domenica 3 ottobre 2021 ore 16
–  Fofxfire (Ed Huckeby)
–  Copacabana (Manilow-De Mey)
–  A tribute to Nino Rota (Arrangiamento: Lorenzo Bocci)
–  Abba on Broadway (Arr. Michael Brown)
–  Coldplay on stage (Arr. Michael Brown)
–  Clark County Celebration (James Swearingen)
–  Oye Como va (Tito Puente – Arr. Michael Brown)
-The Blues Brothers Reveue (Jay Bocook)
–  Queen in concert (Jay Bocook)
–  Happy (Pharrell Williams – Arr. Michael Brown

Ingresso a offerta libera con green pass.

Alessandro Zangara

Una Giornata di studi dedicata alla Commedia di Dante a Ferrara

In occasione delle celebrazioni per i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Ferrara dedica, martedì 28 settembre 2021 dalle 9,30, una giornata di studi al rapporto tra la città di Ferrara e il sommo poeta nella cornice della biblioteca Ariostea, che ospita, proprio in questi giorni una mostra di codici ed edizioni antiche dantesche. L’appuntamento è aperto al pubblico che potrà seguirlo in presenza nella sala Agnelli della biblioteca comunale Ariostea (via Scienze 17 Ferrara – con capienza ridotta a 36 posti) oppure online (al link: meet.google.com/tog-yjan-fxo)
L’evento si inserisce in una serie di iniziative per la pubblicazione della nuova edizione della Commedia, di cui uscirà nel 2021 l’Inferno (edizione critica e commento di L. Ferretti Cuomo) a cura del prof. Paolo Trovato (che insegna Storia della lingua e Critica testuale a Unife) e del “Gruppo di Ferrara“.
I temi affrontati spazieranno dai testimoni manoscritti della Commedia legati al territorio ferrarese, ai personaggi ferraresi che Dante incontra nell’aldilà, fino all’influenza della poesia dantesca in alcuni dei più importanti letterati ferraresi nei vari secoli: Boiardo, Ariosto, Sandeo, Varano, Bassani.

Il programma degli interventi:
– Le Commedie alla corte degli Este – Martina Pantarotto
– Ferrara e i ferraresi nella Commedia – Beatrice Saletti
– L’influenza della Commedia negli autori ferraresi Interventi di Paolo Trovato (Dante tra Boiardo e Ariosto), Valentina Gritti (Il Dante di Sandeo), Tina Matarrese (Il dantismo di Bassani), Paolo Cherchi (L’imitazione dantesca in Varano)

Al termine (15.30) i partecipanti verranno accompagnati alla mostra “Esposizione di manoscritti, antiche edizioni e opere artistiche del ‘Viaggio’ dantesco alla Biblioteca Comunale Ariostea di Ferrara”, a cura di Mirna Bonazza, responsabile U.O. Biblioteche del Comune di Ferrara, e di Sandro Bertelli, docente di Paleografia e di Codicologia all’Università di Ferrara.

Informazioni: elisabetta.tonello@uniecampus.it
In questa fase, per l’accesso del pubblico alla Sala Agnelli (con capienza ridotta a 36 posti) è richiesto il rispetto di alcune prescrizioni previste dai protocolli anti Covid. In particolare, sarà necessario: esibire il Green Pass, indossare la mascherina, sanificare le mani all’ingresso e sottoporsi alla misurazione della temperatura corporea tramite ter­mo scanner.

Alessandro Zangara

Giornate Europee del Patrimonio Culturale a Ferrara

Domenica 26 settembre 2021, dalle 15,30, il Maf – Centro di documentazione del Mondo agricolo ferrarese  di San Bartolomeo in Bosco (via Imperiale 263) proporrà un affascinante percorso culturale, nei suoi spazi aperti, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio Culturale promosse dal Consiglio d’Europa. Ospitato in una splendida cornice della ruralità ferrarese, dai colori preautunnali, l’evento si articolerà tra pittura e musica.

La proposta culturale si aprirà con la presentazione della mostra di pittura e di incisioni (e del relativo catalogo) “L’orizzonte visibile. Artisti a confronto”, in parete fino al 30 settembre, più volte illustrata anche sul canale You Tube “Mondo Agricolo Ferrarese”. I curatori, Gian Paolo Borghi e Corrado Pocaterra, avranno l’opportunità di incontrare i visitatori e si avvarranno dell’autorevole contributo di artisti-espositori: Riccardo Bottazzi, Gianni Cestari, Alberta Silvana Grilanda, famiglia Occari-Zampini, Vito Tumiati e Paolo Volta. Il pomeriggio culturale proseguirà con il gradito ritorno al Maf della Banda Musicale “Giuseppe Verdi” di Cona, diretta da Roberto Manuzzi. Particolarmente atteso dal pubblico, il concerto sarà incentrato su un repertorio fra tradizione bandistica e nuovi fermenti innovatori.

Sarà obbligatoria la presentazione del Green Pass all’ingresso al Museo.

L’iniziativa, come sempre a titolo gratuito, è promossa dal Comune di Ferrara, dal MAF e dall’Associazione omonima. In caso di maltempo, sarà rinviata a data da destinarsi.

Alessandro Zangara