Sciallare e splendere nel 2019

La capacità di Federica Storace è quella di scrivere di ragazzi, imprimendoli sulla carta e facendoli uscire edulcorati al punto da poterli moltiplicare con le facce di tutti quei giovani e giovanissimi che ci troviamo attorno. Allo stesso tempo, sono i ragazzi a potersi identificare nelle storie di cui sono protagonisti personaggi/studenti che Storace vede o immagina con le caratteristiche degli studenti che conosce. In un caso o nell’altro, interessante avere tra le mani un libro adatto alla lettura scolastica, didattica, di gruppo classe; avere un libro da regalare a Natale, da proporre ai genitori perché sappiano “leggere” i propri figli e capire che i figli sono reali, veri, qualcosa di cui occuparsi. Davvero. Riconoscendo in loro un’identità e non soltanto alcuni tratti genetici parentali. La tecnica è la solita: proporre argomenti attraverso il storytelling, per suscitare riflessioni e dibattiti. Soprattutto nel nuovo libro della nostra, “Scialla e poi splendi”, la positività è padrona e sottolinea come dai problemi si può uscire, con un’iniezione di ottimismo non inutile nella società di oggi. Ai nostri ragazzi manca sempre più una proposta alternativa all’offerta superficiale tipica del presente. Lo stesso strumento “libro” è pedagogicamente innovativo, perché pensare di risolvere tutto con l’appiattimento dello schermo e del video, con i selfie e la mancanza tridimensionale della quale abbiamo tutti bisogno quotidiano, non è una risposta.

I bisogni non si semplificano con l’economia del loro costo, così come i sogni sono ben altro di quello che si può trovare spiegato in qualsiasi buon dizionario della Lingua Italiana. Interpretare i ragazzi e comprenderli necessita di un osservatorio privilegiato, come quello della scuola, in cui approdano disperanti bisogni di affetto, di attenzione, di considerazione che, in effetti, è difficile sintetizzare o anche solo riassumere in un volumetto di poco più di cento pagine. Federica offre sempre un trampolino, in cui trovare uno spazietto di protagonismo da utilizzare per crescere e cercare, così, di capire quel panorama infinito di giovani che, anche se “razza in via di estinzione”, date le basse natalità, sono lo spavento del tempo, l’innovazione incomprensibile perché non si capisce nemmeno lei stessa, l’incognita della nascita di ciò che è nuovo e per questo tenuto alla lontana, come il salto nel vuoto che affascina e terrorizza. Ancora una volta i giovani, i ragazzini soprattutto, fanno paura ma solo perché rappresentano la società contemporanea che ha abdicato alla sua funzione, che non riesce più a programmarsi e a lasciare qualcosa di diverso dall’essere immediato, tipo il messaggio sgrammaticato senza filtri che tutti ormai scrivono. A forza di demonizzare il primo della classe, scialliamo tutti, ma speriamo anche di splendere. Almeno leggendo il bel libro di Storace.

Federica Storace: “Scialla e poi splendi”, Pedrazzi Editore, 2019

 

Alessia Biasiolo

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.