Fabrizio Sinisi vince il Premio Testori 2018 con “Guerra Santa”

 

Fabrizio Sinisi

Guerra Santa è un testo coinvolgente che non può lasciare indifferente chi legge ed ascolta”: con queste parole si chiude la motivazione per cui Fabrizio Sinisi drammaturgo residente del Centro Teatrale Bresciano per il triennio artistico 2018-2020 –vince il prestigioso Premio Giovanni Testori 2018 per la sezione “Letteratura”.

Esito di un progetto iniziato più di due anni fa che ha richiesto un approfondito lavoro di documentazione e scavo storico, il testo “Guerra Santa” è una riflessione inedita e spiazzante su terrorismo islamista e nichilismo europeo, un dramma generazionale che mette in scena uno scontro durissimo fra padri e figli.

Il testo di Fabrizio Sinisi verrà allestito dal Centro Teatrale Bresciano e vedrà il debutto nazionale sul palco del Teatro Mina Mezzadri Santa Chiara di Brescia il prossimo 5 marzo, con la regia di Gabriele Russo e l’interpretazione di Federica Rosellini e Andrea Di Casa. Il testo è in corso di traduzione per successivi allestimenti in Austria, Germania e Romania.

Sono molto felice ed emozionato per questo premio – commenta Fabrizio Sinisi –ancor più prezioso proprio per il ruolo che Testori ha avuto nella mia formazione: un autore fondamentale da cui ho appreso l’idea di teatro come rito, come offerta di sé alla comunità.

Il mio ringraziamento più sincero va al direttore del CTB Gian Mario Bandera, che ha incoraggiato e sostenuto il progetto di “Guerra Santa” fin da prima che venisse scritto”.

Motivazione del Premio Giovanni Testori 2018 – sezione “Letteratura”

Il testo è una tragedia che affonda nel contemporaneo della nostra storia e utilizza il dualismo tra due posizioni diverse, ma specchio della stessa moneta: Padre Lorenzo, un prete cristiano e Laila, una giovane convertita alla religione musulmana. Altro personaggio è Daniele, angelo dello sterminio , grande assente ma motore delle vite che animano la storia. Qui vale l’assunto biblico che gli angeli del male ( gli angeli dello sterminio ) sono fatti della stessa materia di quelli del bene. Dio c’è, ma è terribile perché si comporta come se non esistesse: giunge alle posizioni estreme del nostro vivere, sanguina ma non lo da a vedere, si ricompone infine con una grazia maledetta, di sapore testoriano. Politico e privato si intrecciano in un groviglio di ragioni e passioni che non può che finire in tragedia, individuale e collettiva. Il registro è alto, non aulico ma sostenuto da cadenze che riecheggiano la poesia.

Guerra Santa è un testo coinvolgente che non può lasciare indifferente chi legge ed ascolta.

Collegio dei giurati: Giovanni Agosti, Anna Bernardini, Mauro Bersani, Claudio Ciociola, Davide Colussi, Angelo Curti, Davide Dall’Ombra, Polo Di Stefano, Francesco Frangi, Giovanni Frangi, Maria Grazia Gregori, Silvia Isella, Sandro Lombardi, Valter Malosti, Clelia Martignoni, Remo Melloni, Renato Palazzi, Oliviero Ponte di Pino, Maurizio Porro, Francesco Porzio, Niccolò Reverdini, Alberto Rollo, Roberto Stringa, Claudio Vela, Federico Tiezzi

Fabrizio Sinisi è nato a Barletta nel 1987. Drammaturgo, poeta e scrittore, nel 2012 ha debuttato come autore teatrale con La grande passeggiata, per la regia di Federico Tiezzi. In poesia ha pubblicato La fame e il Contrasto dell’uomo e della donna, con cui ha ottenuto la menzione del Premio Carducci 2015. Nel 2017 il suo La valigia di Ravel viene inserito nel programma del Maggio Musicale Fiorentino, facendone uno tra i più giovani autori rappresentati nella storia della manifestazione toscana. I suoi testi hanno già ottenuto la segnalazione dei più importanti premi di scrittura teatrale in Italia, tra cui il Premio Riccione Tondelli, il Premio Platea e il Premio Testori. Nel 2017 pubblica Tre drammi di poesia, con cui viene selezionato tra i dieci autori italiani del progetto internazionale Fabulamundi. Dal 2010, appena ventitreenne, è dramaturg della Compagnia Lombardi-Tiezzi di Firenze e del Teatro Laboratorio della Toscana, nonché docente di Drammaturgia presso la Scuola di Scrittura Flannery O’Connor di Milano. Dal 2017 è artista residente presso il CTB – Teatro Stabile di Brescia. Nel 2018 vince il Premio Testori per la Letteratura. Da anni collabora con i maggiori registi e teatri italiani. Suoi lavori sono stati tradotti e rappresentati anche in Austria, Croazia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Romania, Svizzera e Stati Uniti.

 

Véronica Verzeletti (anche per la fotografia)

 

 

L’anima buona del Sezuan. Il Bene esiste?

In scena al Teatro Sociale di Brescia, la nuova coproduzione del CTB che rinnova la collaborazione con Elena Bucci e Marco Sgrosso. Stavolta è in scena un non facile lavoro di Bertold Brecht che indaga ancora una volta l’animo umano e, prodotto nel 1938, si chiede se e dove il Bene esiste nell’umanità. Se almeno una persona buona esista ancora, in una provincia cinese, così come in un luogo qualsiasi nel quale la si può cercare. E se esiste, è in grado di rimanere buona malgrado tutto? Nel caso in cui dovesse essere messa alla prova dalla vita, ad esempio nel caso in cui dovesse prendere piede una dittatura, come quella nazista che l’Autore ha vissuto in prima persona? E se l’anima buona c’è, saremmo noi tutti in grado di riconoscerla? E difenderla? Si finisce di assistere alla rappresentazione teatrale con tutte queste domande addosso, portate come gli attori portano una maschera, lezione antica del teatro classico e poi della Commedia dell’Arte. Su tutto aleggiano tre dei che, venuti sulla terra per le continue lamentele per una situazione impossibile, vagano alla ricerca di un’anima che possa garantire il bene, insegnarlo, mantenerlo, malgrado tutto. Malgrado la vita e le cattiverie degli altri. Gli dei sono osservatori, non si intromettono nelle vite umane, ma ad un certo punto, adducendo una banale scusa come pagare il pernottamento in casa della protagonista, elargiscono dei soldi, indispensabili per aiutare la povera Shen-Tè, l’anima buona della provincia che si sforza di fare del bene e di essere, inconsapevolmente, il Bene, pur dovendo prostituirsi per racimolare soldi in un momento di profonda crisi economica e sociale. Quegli dei che ricordano tanto il Dio più volte interrogato dall’uomo sulla sua presenza, e apparente indifferenza, di fronte alle persecuzioni naziste, al Male che si era impossessato dell’umanità europea. La ragazza, impegnata a distribuire una ciotola di riso ai poveri quotidianamente, con i soldi ricevuti compera una tabaccheria e, quando pensa di poter stare tranquilla nella sua bontà, si rende conto di come il suo cambiamento generi una serie di cambiamenti anche nel prossimo. Gli amici che si erano dimenticati di lei, appaiono per chiederle aiuto, rimproverandole l’indifferenza ai loro mali e lei, pur comprendendo che sono solo dei parassiti, alcuni ladri, che vogliono solo vivere di rendita, li aiuta proprio perché buona. Ma bontà e affari non possono andare di pari passo. È necessario che Shen-Tè si difenda dagli altri e da se stessa, ma per farlo deve necessariamente assumere una maschera che non è lei, deve imporsi, tirare fuori il carattere capace e imprenditoriale. Diventa suo “cugino”, Shui-Ta, vestito di nero, inflessibile e giusto, che caccia gli approfittatori e mette giustizia. Le cose ancora non girano bene, Shen-Tè si innamora e, naturalmente come spesso accade per le anime buone, di una persona più attirata dalle sue conoscenze e possibilità economiche che per amore di lei come donna. Fortunatamente le nozze non vengono celebrate, ma Shen-Tè, che sta perdendo tutto, sentendosi derisa e calunniata addirittura per la sua bontà, riceve un altro aiuto inaspettato. E stavolta, chiamando ancora in causa il suo alter ego Shui-Ta, riesce ad aprire una fabbrica di produzione di sigari. Si impone a se stessa e agli altri, dirige con fermezza, offrendo a tutti i parassiti che aveva intorno un lavoro onesto e rispettabile, grazie al quale cambiare in meglio la propria situazione. E tutto si aggiusta. Shen-Tè offre ancora il riso, ma tristemente, perché si rende conto che bisogna nascondersi per essere, dimostrarsi a volte quello che non si è, vestire, insomma, una vera e propria maschera. Indubbia la riflessione di Brecht sul suo tempo: coloro che erano buoni, che avevano taciuto l’avvento della dittatura nazista, limitandosi ad essere caritatevoli, dovevano dimostrarsi capaci di vestire i panni di Shui-Ta per mettere a posto le cose. Nella vita non si può essere spettatori, anche se al Teatro Sociale di Brescia si è stati spettatori di un ottimo lavoro, ben recitato e interpretato anche a livello di copione riadattato, con eccellenti scene, luci e abiti di scena, recitazione e ideazione eccelse. Un lavoro davvero da non perdere. In cartellone anche nei prossimi giorni.

 

Alessia Biasiolo

 

 

 

 

A Elena Bucci il premio Eleonora Duse

immagine-elenaIl Centro Teatrale Bresciano è lieto di comunicare che il Premio Eleonora Duse 2016 è stato assegnato ad Elena Bucci.

Il prestigioso Premio, ideato nel 1986, è l’unico in Italia riservato all’attrice di teatro che si è distinta particolarmente nel corso della stagione di prosa in uno o più spettacoli in Italia o all’estero.

Il nome di Elena Buccisi aggiunge alle attrici premiate nelle precedenti edizioni, tra cui Mariangela Melato, Franca Valeri, Ilaria Occhini, Maddalena Crippa, Alida Valli, Anna Proclemer, Milena Vukotic, Rossella Falk, Elisabetta Pozzi, Laura Marinoni, Anna Bonaiuto, Maria Paiato, Federica Fracassi, Galatea Ranzi, Ermanna Montanari, Sonia Bergamasco ed Emma Dante.

Tale riconoscimento è motivo di particolare orgoglio per il Centro Teatrale Bresciano, che si onora di collaborare ininterrottamente con Elena Bucci dal 2005.

Nel corso di questo decennio sono stati numerosi gli spettacoli prodotti dal CTB che Elena Bucci ha ideato e interpretato, con la collaborazione artistica de Le belle bandiere.

Spettacoli che hanno sposato il rigore dell’indagine culturale con la più profonda passione per l’arte teatrale, vissuta senza risparmio di energie e con la più grande generosità umana ed artistica: qualità che da sempre contraddistinguono Elena Bucci.

Ricordiamo le produzioni CTB di cui Elena Bucci ha curato la regia e l’interpretazione: Macbeth (stagione 2006/2007), HeddaGabler (stagione 2007/2008), Juana de La Cruz o le insidie della fede (stagione 2008/2009), L’amante (stagione 2009/2010), La locandiera (stagione 2009/2010, ripresa in tournée internazionale nella Stagione 2015/2016), Antigone (stagione 2011/2012) Mythos (stagione 2012/2013), progetto giovani), Tartufo (stagione 2013/2014, progetto giovani), Svenimenti. Un vaudeville (stagione 2014/2015), La canzone di Giasone e Medea (stagione 2015/2016) e da ultimo Le relazioni pericolose, al debutto nazionale martedì 19 aprile 2017 al Teatro Santa Chiara Mina Mezzadri di Brescia.

Elena Bucci è una delle artiste più sensibili e complete della scena teatrale italiana. Inizia la sua carriera artistica nel Teatro di Leo, la Compagnia di Leo De Berardinis, partecipando alla realizzazione di spettacoli rimasti nella memoria e nella storia del Teatro italiano contemporaneo (Amleto, Il ritorno di Scaramouche, King Lear n.1, Lear Opera).

Nel 1993 fonda con Marco Sgrosso la compagnia Le belle bandiere con la quale produce, dirige e interpreta svariati spettacoli e progetti teatrali.

Tra le numerose collaborazioni si annoverano quella con Mario Martone in Edipo a Colono, Claudio Morganti in Riccardo III e Le Regine, Valter Malosti in Il Giardino dei ciliegi, Ivano Marescotti in Il migliore dei mondi possibili e Il silenzio anatomico, Vetrano e Randisi in Le smanie per la villeggiatura.

Si dedica anche alla scrittura di progetti teatrali che interpreta e di cui cura la regia. Ricordiamo gli spettacoli Non sentire il male – dedicato a Eleonora Duse, Autobiografie di ignoti – Barnum, La Paura ovvero essere pronti è tutto, Bambini – azione di teatro, pittura e luce, In canto e in veglia (premio I teatri del Sacro 2013), Bimba – inseguendo Laura Betti, Colloqui con la Cattiva Dea.

Insieme a Marco Sgrosso fonda un laboratorio teatrale permanente con sede nella città natale di lei, Russi. Qui creano rassegne e progetti per la comunicazione tra le arti (La Città del Sonno, Sonhos-Smemorantes, Smemorantide), la diffusione del teatro il recupero di spazi abbandonati attraverso azioni teatrali, contribuendo alla riapertura del Teatro Comunale, di chiese, palazzi e di luoghi di lavoro dismessi.

Si occupa anche di formazione presso scuole e accademie e cura progetti speciali di trasmissione dell’arte teatrale.

 

S.V.