A Verona la magia del Natale con il grande albero Bauli

Dalle tradizioni che si ripetono ogni anno, nascono i momenti che rendono speciale ogni Natale. È con questo spirito che Bauli torna a illuminare Verona con i suoi alberi natalizi ricchi di luci in Porta Nuova. Bauli, l’azienda dolciaria simbolo del Natale, è un’azienda familiare nata nel 1922 a Verona dall’abilità artigianale di Ruggero Bauli, è una realtà industriale che è riuscita negli anni, grazie al proprio know how, alla passione per l’arte pasticcera e allo sviluppo tecnologico, ad affermare un elevato indice di notorietà del marchio grazie a una riconosciuta leadership nel settore dolciario nel mercato dei prodotti da ricorrenza e dei croissant. Bauli è il brand di riferimento per chi cerca soffici bontà d’ispirazione pasticcera, curate in ogni dettaglio, ideali per rendere speciali i dolci momenti quotidiani e della festa. Anche quest’anno ha rinnovato il suo profondo legame con la sua città d’origine, Verona, allestendo a Porta Nuova il tradizionale abete da 20 metri addobbato e ricco di luci che dà il benvenuto a Verona per chi arriva in centro, e che apre come da tradizione la stagione del Natale veronese con tutti i suoi eventi, contribuendo al progetto comunale “Verona si veste di Luce”.

In occasione dell’inaugurazione dei “Mercatini di Natale di Verona” è stato poi acceso un altro albero natalizio Bauli da 10 metri, pronto ad illuminare la città e chi si recherà tra le bancarelle alla ricerca di prodotti artigianali.

Lo stesso per Piazza delle Erbe e in Portoni Borsari, dove ci sono altri 2 abeti da 10 metri per offrire a tutti la possibilità di respirare l’atmosfera caratteristica dello spirito Bauli.

Gli alberi natalizi Bauli, con il loro augurio di Buone Feste, illumineranno il centro cittadino fino a inizio gennaio.

Sara Della Noce

Terminato il restauro del balcone di Giulietta a Verona

Riaperto il balcone della Casa di Giulietta a Verona, dopo i lavori di restauro iniziati il 23 ottobre scorso che hanno restituito luce e bellezza al manufatto.
I lavori, commissionati dal Comune e vagliati dalla Soprintendenza, sono stati eseguiti gratuitamente dalla ditta veronese Tecnored, specializzata nella produzione di sistemi per la deumidificazione e il consolidamento di edilizia civile monumentale. L’intervento ha avuto un costo di 40 mila euro.
Ad ammirare per primi il balcone restaurato sono stati gli assessori al Patrimonio Edi Maria Neri e ai Lavori pubblici Luca Zanotto.
“Non possiamo che rivolgere il più sincero grazie alla ditta Tecnored per questo regalo alla città – affama l’assessore Neri -. Il balcone di Giulietta è senza dubbio il nostro monumento turistico più visitato e conservarlo in tutto il suo splendore è doveroso anche nei confronti delle migliaia di turisti che ogni anno vengono ad ammirarlo. Ben vengano iniziative come questa, in cui il privato cittadino affianca l’ente pubblico mettendo a disposizione la propria professionalità”.
“Un intervento di alto livello – aggiunge Zanotto -, attento a preservare la bellezza del monumento e realizzato con una metodologia tecnica davvero all’avanguardia”.
Dopo una prima fase di indagine statica del manufatto, effettuata nei mesi estivi, i lavori sono entrati nella fase operativa, con l’analisi del materiali e l’utilizzo di specifiche tecniche di conservazione.
Nello specifico, il restauro ha riguardato la pulitura di tutto il balcone; la sigillatura delle lesioni presenti; il consolidamento delle pietre tufacee, più sensibili ad usura e inquinamento; l’applicazione di materiale protettivo impermeabile su tutta la superficie del balcone, compreso il piano di calpestio.
Roberto Bolis

Programma Teatro Camploy Stagione 2017/2018

Continuerà a Verona il programma teatrale del Teatro Camploy con la Compagnia Giorgio Totola dal 25 al 26 novembre con la commedia “Come si rapina una banca” di Samy Fayad. Brillante e a tratti surrealista, il testo narra le vicende di una povera famiglia napoletana, il cui capofamiglia, Agostino Capece, per riscattare il proprio destino che non gli ha consentito di avere successo nella vita, decide di rapinare una banca. Una storia divertente di contrasti tra la ricchezza di un mondo che corre e la miseria di chi è rimasto indietro.

Proseguirà la compagnia La Bugia, il 2 e 3 dicembre, con “Il pranzo è servito” di Elena Merlo. La vicenda è ambientata in una Nizza immersa in scoppiettanti atmosfere charleston, nel salotto bene di Madame Gigi, esperta botanica e non solo… Ci sono segreti che si possono rivelare solo la sera prima del matrimonio: segreti che passano di madre in figlia e che svelano il magico mondo dell’amore. Ma se una madre distrattamente dimentica di parlare con la figlia e quest’ultima parte serena ed ingenua per il viaggio di nozze e se in questo frangente nulla accade…

Dal 9 al 10 dicembre, la compagnia Artefatto è in scena con ”El derby de Verona” di Fabrizio Piccinato. Gino Bruseghin vive una vita sospesa tra l’amore per il calcio e quello per la propria famiglia, in un equilibrio che viene spezzato dall’arrivo a casa sua del fratello, lo sfaccendato Silvio. Da questo momento in poi la vita non sarà più la stessa in casa Bruseghin. Una divertente commedia che parla di amore in tutte le sue forme: l’amore romantico, quello per la famiglia, l’amore per il proprio lavoro e ovviamente l’amore per il calcio.

La compagnia Tabula Rasa propone dal 16 al 17 dicembre “Il servitore di due padroni” di Carlo Goldoni. Beatrice, giovane donna di Torino, parte per Venezia vestendo i panni del fratello, alla ricerca del proprio amante che ne ha causato la morte. Con lei viaggia il servo Truffaldino che, per soddisfare il suo smodato appetito, finirà per servire due padroni e ingarbugliare la vicenda fino al parossismo. Un classico ancora attuale che colpisce con la struggente umanità di personaggi ridicoli consumati da ansie e sentimenti, e ancora tanto simili a noi. Ipazia dal 6 al 7 gennaio rappresenta “Moby Dick (ritorno a Nantucket)” un adattamento di William Jean Bertozzo dal celebre romanzo di Malville. La poesia, la musica e il racconto si intrecciano nella rappresentazione teatrale della caccia alla Balena Bianca. La voce di Ishmael, unico sopravvissuto, ci accompagna in questa avventura di mare e ci porta a conoscere Achab, Starbuck, Queequeg… e soprattutto l’immenso cetaceo. Cos’è l’ignoto? Perché ciò che è sconosciuto ci inquieta e, talvolta, ci attira verso un nuovo viaggio? A volte crediamo di riconoscere alcuni segni…

Giovedì 11 e venerdì 12 gennaio la compagnia Granbadò propone il musical“Notti d’oriente” di Alberto Bronzato. Un ragazzo di strada, orfano, ladro per necessità s’imbatte in una principessa ribelle, fuggita dal palazzo reale per vivere il mondo comune e tentare di evitare un matrimonio combinato. Aladin e Jasmine si rincorreranno a lungo, ostacolati dal perfido Visir e aiutati dalla magia del frizzante Genio. Lo spettacolo conserva tutti gli elementi della storia di Aladino e la lampada magica, arricchito da vivaci musiche, canzoni e coreografie.

Prosegue la compagnia Zeropuntoit che è in scena dal 13 al 14 gennaio con “S.E.L.F. Control (mantenete la calma)” di Andrea Girardi. Una coppia di sposi si trova, inconsapevolmente e suo malgrado, coinvolta in una serie di fatti sconvenienti e segreti. A complicare l’intreccio in una travolgente sequenza da vaudeville, dalla portinaia saccente alla madre invadente, dal datore di lavoro irreprensibile al poliziotto vizioso, tutti faranno letteralmente impazzire i nostri protagonisti, mettendone a prova la lucidità, fino al colpo di scena finale. Dal 18 al 19 gennaio la compagnia Einaudi-Galilei che propone, nel centenario della Grande Guerra, due atti unici di Borislav Varga, segnati da amara ironia, raccolti sotto il titolo“Dalla giusta parte”. Nel primo un party borghese rivela, sotto la dorata crosta delle chiacchiere da salotto, un mondo di prevaricazioni e omertà. Nel secondo atto un marito e una moglie che vivono in una casa di campagna sotto le bombe di una guerra eterna vedono, a guerra finita, che il nuovo confine passa proprio in mezzo alla loro proprietà…

Dal 20 al 21 gennaio è in scena Verbavolant con “Le baruffe in famegia” di Giacinto Gallina. Momolo vive a Venezia con cinque donne in casa: la madre Rosa, la moglie Emilia, la zie Orsolina e Nene e la domestica Bettina. Tra suocera e nuora nascono i classici dissapori che scandiscono la vita di una famiglia medio borghese, descritti con molta ironia. I dispetti e i pettegolezzi si sprecano e nascono infiniti malintesi, offese e minacce che coinvolgono tutti i personaggi in una divertente e irresistibile “baruffa”.

Dal 27 al 28 gennaio La Formica propone “Aspettando Godot” di Samuel Beckett. Per interpretare questo classico, la regia colloca i personaggi in una cornice metateatrale su un polveroso palcoscenico evocatore di mondi e di ruoli, veri o falsi, vissuti e non, riflesso di una realtà non più decifrabile perché priva di punti di riferimento. Come due naufraghi, Vladimiro ed Estragone cercheranno sui loro volti truccati il segno magico del Prospero della tempesta shakespeariana, per entrare nell’incantesimo di una sublime interpretazione.

La Compagnia Dell’Arca rappresenta dal 3 al 4 febbraio “That’s not amore” di Valerio Bufacchi, Tiziana Crociani e Arianna Errico. Sullo sfondo del grande sogno americano e del boom economico, si snodano le vicende di donne e uomini alle prese con gli stereotipi dei ruoli. A New York approda nei mitici anni ’60, Barbara, una giovane di origini italiane che con il suo libro “Abbasso l’amore” offre alle donne una ricetta per l’emancipazione. Come si inserisce l’amore in tutto questo? Un fardello o la carta vincente?

Lavanteatro propone il 10 e 11 febbraio”Una moglie… spiritosa” adattamento di Gigi Filippini da Noël Coward. Sarebbe il solito triangolo se non fosse che “l’altra” è l’ex-moglie morta da tempo che riappare come fantasma e con una mal celata gelosia nei confronti della nuova moglie. Un susseguirsi di divertenti gags, colpi di scena, battute ed equivoci dovuti al fatto che solo lui vede e sente l’ex moglie morta, mentre la moglie viva è sempre più esasperata dalla situazione. Una commedia brillante che ci fa sorridere della vita e dei paradossi di un matrimonio.

Dal 17 al 18 febbraio Gli Insoliti Noti propone“Nuda proprietà” di Donato De Silvestri. A causa del dissesto economico di una banca, un’anziana signora della classe media si ritrova indebitata e “rapinata” di tutti i suoi averi. Consigliata da un amico, segretamente innamorato di lei, decide di vendere la nuda proprietà dell’appartamento gravato da un mutuo. I tentativi di vendita mettono in gioco una serie di personaggi emblematici del nostro tempo: giovani coppie, disoccupati, voucheristi… Il tutto permeato dall’atmosfera di un misterioso giallo su cui indaga un rude e astuto ispettore.

I’ Aseni del borgo dal 24 al 25 febbraio porta in scena ”No se cata chiete” di I’ Aseni del Borgo. La vicenda si svolge un giorno d’estate in una pensioncina di montagna dove il meritato relax dei villeggianti viene disturbato da un turista di passaggio. Nel tentativo di rifuggire la routine, i protagonisti fanno i conti con l’adattamento ai ritmi della vacanza e col miraggio della tranquillità tanto agognata. Tra teatro dell’assurdo e varietà, in un susseguirsi di battute e giochi di parole, emerge però che la quiete una volta raggiunta spesso non ci appaga…

Continua dal 3 al 4 marzo la compagnia La Pocostabile con “I Rusteghi” di Carlo Goldoni. In scena quattro donne accanto ai quattro fieri, ruvidi e compiaciuti protagonisti: tre mogli e una figlia da maritare, duttili e vitali, pronte ad impegnarsi per migliorare la situazione inutilmente rigida. Goldoni guarda con simpatia agli eccessi di quei “selvadeghi” e all’astuzia generosa delle donne che riusciranno a dar vita ad un armistizio durevole e a una valida intesa. La regia sottolinea le diversità dei tipi e della vicenda con ritmo, musiche originali e scenografie adeguate.

Il 10 e 11 marzo è il turno del G.A.D. Renato Simoni con“Nero come un canarino” di Aldo Nicolaj. Che in questa commedia ne accadano di tutti i colori non è un modo di dire. È un noir? Sì, se non altro per quello smog diffuso con generosità tale da far annerire perfino i canarini. Ma è per caso un giallo? Senza dubbio data la consistente quantità di cadaveri… Un tocco di rosa? Delicatissimo, con vaghe screziature argentate… Il verde? Certo, di ecologia si parla. Quanto all’indaco, nessuno sa bene di che razza di colore si tratti, mentre le sfumature di grigio le lasciamo a chi vuole osare di più…

Estravagario, dal 17 al 18 marzo, presenta Colazione da Occhiobello (anche da asporto)” di Carlo Saglia, nell’adattamento di Silvino Gonzato. La storia è ambientata in una pasticceria di un piccolo paese della provincia veneta. Lo zucchero delle paste, dopo una serie di clamorosi eventi, diventerà per molti, amaro e velenoso. Un variegato mix di battute e gags, le differenti inflessioni dialettali e il ritmo incalzante rendono lo spettacolo divertente ma non privo di spunti di riflessione su una realtà fin troppo presente nelle attuali cronache.

La Nuova Filodrammatica Partenopea porta dal 22 al 23 marzo ”Non ti pago” di Eduardo De Filippo. Lo spettacolo evoca con ironia una delle più morbose manie della gente di Napoli e non solo: il gioco del lotto. Nel testo scritto e rappresentato in piena seconda guerra mondiale, l’autore vuole scaricare la tensione del momento facendo emergere progressivamente dalla commedia la risata come un rifugio che sembra sicuro, lontano dalla tragicità del momento. Per attuarlo riprende gli eroi assurdi ma divertentissimi delle prime farse e recupera gli umori, i sapori e gli estri del teatro della sua giovinezza.

Dal 24 al 25 marzo è la volta di Armathan con“Così è se vi pare” di Luigi Pirandello. Un gruppo di grotteschi personaggi si riunisce nel salotto del Consigliere Agazzi per scoprire cosa si nasconda dietro il misterioso comportamento del signor Ponza e di sua suocera, la signora Frola, da poco giunti in paese. Un gioco al massacro in cui i due, colpevoli solo di essere vivi e di provare sentimenti, sono perseguitati da persona spietate, gelose forse di questa intensità emotiva che a loro non appartiene più. Alla fine, come dice Pirandello, riecheggia solo il suono melanconico di una risata.

Dal 7 all’8 aprile la compagnia Gino Franzi presenta “La guerra da tre soldi” di Alberto Rizzi. Lo spettacolo racconta in modo grottesco gli effetti della grande guerra nelle retrovie dove, in una sala, viene allestito uno spettacolo per i fanti che tornano dal fronte. Attraverso una carrellata di personaggi e una voce narrante, è sottolineata l’assurdità del conflitto che invece di risolvere i problemi, ne crea di ben più gravi. Accompagnamento di musiche dal vivo eseguite al pianoforte da Matteo Valerio.

Trixtragos dal 14 al 15 aprile porta in scena“Aladin e le magiche notti d’oriente” di Neil Ceschi. Liberamente tratto da “Le mille e una notte”, questo musical immerge lo spettatore nelle atmosfere incantate, e a tratti inquietanti, dell’ammaliante leggenda di Aladino e del suo spumeggiante Genio della lampada. Il teatro nel teatro contamina la storia con la tecnica delle scatole cinesi. Intramontabili musiche accompagnano “con un po’ di follia e un pizzico di magia” attraverso quel mondo incantato che è proprio dei sogni.

Dal 19 al 20 aprile la compagnia A Filo d’Arte rappresenta “Romeo e Giulietta”. In questa libera trasposizione del testo shakespeariano il sentimento, la rabbia e il dolore dei due amanti veronesi viene raccontato senza caratterizzazioni temporali. Ogni adolescente è Romeo e Giulietta. Tutto quello che i giovanissimi protagonisti chiedono al cinico e conformista mondo che li circonda è di essere compresi nella ingenuità, tenerezza e devastante follia che caratterizza la loro età. La tragedia si chiude con le parole del Principe “Tutti siamo colpevoli”.

Conclude Modus Vivendi dal 21 al 22 aprile con “Mogli e buoi” di Adriano Mazzucco. Una commedia ricca di personaggi caricaturali che racconta l’insanabile rivalità fra due borghi, uno situato in collina e l’altro in riva al lago, proponendo una riflessione sui pregiudizi e sulla possibilità di superarli. Ogni abitante è fieramente convinto della superiorità del proprio paese, ma l’amore che sboccia tra un ragazzo di Montalto e una ragazza di Borgolino porterà una ventata di aria fresca e arriverà a scalfire l’arrugginita e ottusa contrapposizione.

 

Roberto Bolis

Mercatini di Natale a Verona, dal 17 novembre al 26 dicembre

Non solo piazza dei Signori e Cortile Mercato Vecchio, ma anche piazza Indipendenza, via della Costa, lungadige San Giorgio, Castel San Pietro e San Zeno per un tour natalizio caratterizzato da una molteplicità di eventi per tutte le età.

È la principale novità della 10ª edizione dei Mercatini di Natale a Verona, promossa dall’Amministrazione comunale e dal Comitato per Verona in programma dal 17 al 26 dicembre. La manifestazione è stata presentata dal Sindaco Federico Sboarina, insieme all’assessore alle Attività economiche e produttive Francesca Toffali e al presidente del Comitato per Verona Luciano Corsi. Collaborano alla realizzazione dell’iniziativa Agsm, Funivia Malcesine Monte Baldo, Amia, Agec, Amt, Aeroporto e le associazioni di categoria Confcommercio As.co. Verona e Confesercenti.

“Un’edizione importante – ha detto il Sindaco – caratterizzata da una crescita della manifestazione, che quest’anno è realizzata in punti diversi della città. Una scelta dettata sia dalla necessità di delocalizzare i numerosi turisti che visitano i mercatini, decongestionando i tradizionali luoghi che li ospitavano in passato, che dall’intenzione di creare percorsi alternativi, ma ugualmente caratteristici, che facciano conoscere ai turisti luoghi meno noti della città. Una 10ª edizione che rappresenta in realtà il punto zero dell’iniziativa – conclude Sboarina – e che servirà da cartina tornasole per le manifestazioni future”.
“Un evento inclusivo – lo ha definito l’assessore Toffali – che, oltre alle tipicità natalizie e alle tradizionali specialità gastronomiche tedesche e veronesi, vedrà in ogni luogo un’offerta diversificata, con iniziative pensate per differenti fasce d’età, che sapranno sicuramente far divertire tutti i visitatori”.
“Visto le numerose presenze – ha aggiunto Corsi – quest’anno sarà garantita la sicurezza dei visitatori attraverso un robusto servizio di vigilanza implementato da innovativi sistemi di rilevazione dei fluissi nell’assoluto rispetto della privacy”.

Sabato 18 novembre, alle 11, si terrà l’apertura ufficiale con l’accensione dell’albero di Natale in piazza dei Signori. Seguiranno le aperture della manifestazione negli altri luoghi che la ospitano: sabato mattina in piazza Indipendenza, alle 18 in lungadige San Giorgio e a seguire a Castel San Pietro. Domenica alle 11 inaugurazione in piazza San Zeno.
Anche quest’anno l’iniziativa si svolge in partnership con il Mercatino di Natale di Norimberga. Oltre 80 le casette in legno suddivise tra le piazze storiche e lungadige San Giorgio, dove sarà presente “l’albero della felicità”: una giostra che darà la possibilità di salire sulle palle decorative con vista su Ponte Pietra e fiume Adige anche a persone con disabilità.

A Castel San Pietro, spazio dedicato all’aggregazione dei giovani, sarà presente un Igloo lounge bar illuminato da due renne alte 5 metri che domineranno il colle; mentre in piazza San Zeno troverà spazio il presepe che Flover ha allestito a Roma davanti alla Basilica di San Pietro, nel chiostro della Basilica verranno allestiti un centinaio di presepi realizzati in collaborazione con Amia con materiale riciclato (presenti anche nella Loggia Fra’ Giocondo).

Tra le altre novità dell’edizione 2017: il passaporto del Natale, con vidimazione nei punti di interesse e premio a tutti coloro che concluderanno il tour; la casa di Babbo Natale in Cortile Mercato Vecchio e la posta di Babbo Natale in lungadige San Giorgio e il posizionamento di un orso gigante luminoso di oltre 5 metri nel parcheggio Verona Centro.

Roberto Bolis

Botero a Verona

Botero e la moglie all’inaugurazione della mostra a Verona

Continuano le grandi mostre ad AMO-Palazzo Forti di Verona.

Dopo i successi di Tamara de Lempicka, di Picasso e di Toulouse Lautrec, che hanno attirato un pubblico nazionale ed internazionale nella prestigiosa sede espositiva veronese, ora è protagonista il grande Fernando Botero, un artista vivente ma già entrato nella schiera dei grandi classici.

Fernando Botero ha scelto di concludere i festeggiamenti per il suo 85esimo compleanno e per i suoi 50 anni di carriera proprio ad AMO-Palazzo Forti, dove verranno ospitate oltre 50 opere di grandi dimensioni che ripercorrono tutta la sua carriera.

I corpi smisurati, le atmosfere fiabesche e fantastiche dell’America Latina, l’esuberanza delle forme e dei colori, l’ironia e la nostalgia, tutto questo è riassunto nell’emozionante carrellata delle opere esposte fino al 25 febbraio 2018 a Verona.

Tra i tanti capolavori in mostra Coniugi Arnolfini (2006), Fornrina, aprés Raffaello (2009) e Cristo crocifisso (2000).

I protagonisti dei suoi dipinti sono sempre privi di stati d’animo riconoscibili, non provano né gioia, né dolore. Di fronte ai giocatori di carte, alla gente del circo, ai vescovi, ai matador, ai nudi femminili Botero non esprime alcun giudizio. Nei suoi dipinti scompare la dimensione morale e psicologica: il popolo, in tutta la sua varietà, semplicemente vive la propria quotidianità,

assurgendo a protagonista di situazioni atipiche nella loro apparente ovvietà. Per Botero dipingere è una necessità interiore, ma anche un’esplorazione continua verso il quadro ideale che non si raggiunge mai. Apolide, eppure legato alla cultura della sua terra, Botero ha anticipato di diversi decenni l’attuale visione globale di un’arte senza più steccati, né confini: lo si può leggere e apprezzare in qualsiasi luogo e in qualsiasi tempo, se ne apprezza il continuo richiamo alla classicità in una visione assolutamente contemporanea che include nella riflessione la politica e la società. La sua pittura non sta dentro un genere, pur esprimendosi attraverso la figurazione, ma inventa un genere proprio e autonomo attorno al quale il pittore colombiano ha sviluppato la propria poetica in oltre mezzo secolo di carriera.

Prima sezione – Gli Esordi

L’arte di Botero si rivela un universo più complesso di quanto può apparire ad una prima visione superficiale, concepito come risultanza di un ricercato equilibrio tra maestria esecutiva e valori espressivi. La sua pittura parte da lontano ed è tesa al conseguimento di un’immagine ricca e complessa, strutturata su più livelli. Un’immagine che porta in se tutta la storia, tutta la memoria, il peso e il sapore della terra natale.

Botero fin dagli esordi ha avuto come riferimento la grande arte precolombiana e il barocco coloniale, oltre ovviamente alla pittura muralista messicana assai nota anche in Colombia. Molti artisti come lui si sono ispirati a quest’ultimo movimento che per la prima volta prendeva assumeva la vita latino-americana come soggetto nell’arte, risvegliando un forte sentimento identitario.

I pittori messicani hanno raffigurato gli indigeni e i lavoratori da un punto di vista politico. Io mi sono interessato molto a Orozco, Rivera e Siqueiros e a tutti gli artisti che facevano un discorso simile. Il mio obiettivo era ridestare lo spirito delle mie origini, della mia storia, della storia della gente latino-americana”.

In dipinti come Apoteosi di Ramon Hoyos Botero perviene ad una grande abilità narrativa, espressa attraverso un segno vigoroso e una pennellata nervosa derivata dall’espressionismo astratto, pur senza mai venir meno alla figurazione, per quanto esasperata e convulsa.

Seconda sezione – Versioni da antichi maestri

Uno degli elementi caratterizzanti la pittura di Fernando Botero consiste nella sua capacità di coniugare mirabilmente la cultura latino-americana delle sue origini, alimentata dall’iperbole e dal gusto del fantastico, a quella occidentale. Il riferimento all’Europa va ovviamente ascritto soprattutto alla cultura pittorica incontrata e amata attraverso Giotto, Piero della Francesca,

Leonardo, Mantegna, Velázquez, Goya, importanti punti di riferimento durante i suoi viaggi in Italia e Spagna nei primi anni Cinquanta. A costoro si aggiungeranno in seguito Dürer e Rubens, Manet e Cézanne, a testimonianza della curiosità intellettuale di Botero e della sua volontà di stabilire un rapporto ideale con la grande arte europea del passato e della modernità, con i cui capolavori si è confrontato fin dai suoi esordi.

La storia dell’arte è un grande, pressoché infinito magazzino d’immagini, saccheggiabile ma non imitabile. Botero non imita mai, infatti. Egli ricrea alla sua maniera, dando vita a immagini che ambiscono a una loro autonomia.

Siamo di fronte a vere e proprie re-interpretazioni con le quali Botero vuole rendere omaggio, anche attraverso una certa benevola ironia, a dipinti celeberrimi, cercando, a secoli di distanza, di ricrearne lo spirito, attualizzato e fatto proprio attraverso la sua idea originale del volume e dello spazio, del segno e del colore.

Botero rivisita il genio dei grandi maestri per tradurlo in un’espressione tipica del suo fare, per instillare la propria idea armonica nello spirito decantato in un tempo magico. L’artista colombiano ha sempre perseguito con abilità e perspicacia la deriva poetica delle sue composizioni che, oltre a essere caratterizzate da una perizia pittorica degna dei talenti menzionati, gli ha permesso di coltivare il gusto del bello. Lo si vede, ad esempio, in Après Goya (2006) che mantiene inalterata l’atmosfera intimista, corroborata dalla sinuosa impronta boteriana; nella monumentale presenza de L’infanta Margherita Teresa (2006), doveroso omaggio a Velasquez e nel delicato reinterpretazione, sinuosa e sensuale di Raffaello nel dipinto de La Fornarina (2009).

Terza Sezione – Nature morte

Le nature morte rivestono un ruolo di primaria importanza all’interno dell’opera di Botero e, a partire dalla fine degli anni Sessanta, alimentano con regolare continuità la seduzione di un’immagine che va ben al di là della semplice composizione di frutta e oggetti su un tavolo, per rivelarsi a volte un vero e proprio mondo a sé, ricco e diversificato, governato da regole ben

precise.

Quando dipingo una mela o un’arancia, so che si potrà riconoscere che è mia e che sono io che l’ho dipinta, perché quello che io cerco è di dare a ogni elemento dipinto, anche al più semplice, una personalità che viene da una convinzione profonda”.

Ecco, per Botero il problema della forma è conferire un’immagine autentica anche agli oggetti inanimati.

Nelle sue nature morte le forme di tutti gli elementi, assimilabili talora a figure solide geometriche, propongono un impatto narrativo e spaziale che vanifica ogni possibile contestazione di tipo realistico. Le arance o le mele appaiono veramente come tali, al pari delle caraffe o dei tavoli, al di là di una dilatazione volumetrica che qui risulta necessaria per rispondere a quelle dichiarate esigenze che rendono Botero l’inimitabile artista conosciuto in tutto il mondo. In un simile contesto il colore interviene come opportuno elemento di ulteriore, raffinato equilibrio.

I canoni della sua “classicità”, da assommarsi al profumo ineguagliabile di una memoria nostalgica che dilata certe emozioni e atmosfere, si possono assaporare in Natura morta con frutta e bottiglia (2000), il cui particolare clima di complicità discende dalle equivalenti composizioni concepite nel Seicento dallo spagnolo Francisco de Zurbarán per toccare quindi Paul Cézanne, capace di infondere una spiccata personalità, se così si può dire, anche a una mela che conquista la scena.

Lo stesso ragionamento vale per il violino e per il trombone, proiettati decisamente verso l’osservatore in Natura morta con strumenti musicali (2004). Di contro il paesaggio che si spalanca in Natura morta davanti al balcone (2000) tende ad assorbire compiutamente il tavolo con le arance creando un amalgama di desideri in fuga consentiti solo allo sguardo.

Quarta Sezione – Circo

Botero si è innamorato del circo in Messico, dove spesso trascorre i mesi invernali, rimanendo attratto dai suoi personaggi, dai colori, dal movimento, dalla vita e dalle molteplici storie legate a uno spettacolo antico e moderno al tempo stesso, già immortalato da artisti come Picasso, Léger, Chagall e tanti altri.

“Un soggetto bellissimo e senza tempo” ha dichiarato in più di un’occasione l’artista. Egli mette in scena, racconta e illustra la vita del circo nella sua pienezza, soffermandosi sul lavoro degli addetti impegnati nei preparativi e indugiando sui momenti di pausa prima o dopo lo spettacolo, nei quali i membri di questa grande famiglia si ritrovano per condividere la loro quotidianità, per riposarsi dalle fatiche e per godere di occasioni conviviali. Ma soprattutto Botero ci consegna una carrellata di ritratti di grande bellezza, da Pierrot ad Arlecchino, dalla cavallerizza impegnata nel suo numero ai clown sui loro improbabili trampoli, dall’elefante ai cavalli: un universo variopinto e un caleidoscopio di colori che innalzano la meraviglia a principio essenziale di comprensione. Infatti se il circo è il luogo fisico e mentale in cui lo stupore è la regola indispensabile al funzionamento del suo articolato meccanismo, il particolare atteggiamento creativo di Botero con le sue invenzioni ne favorisce il conseguente approdo sulla tela.

Basta soffermarsi su alcune opere per rendersi conto della validità di tale constatazione. In Gente del circo con elefante (2007) gli interpreti si comportano secondo la consuetudine del loro ambiente: il saltimbanco compie i ricorrenti esercizi ginnici, il clown si propone in maschera inforcando lunghi trampoli, la donna dalle grandi forme si mette in posa tenendo sulle ginocchia una scimmia vestita da bambino sotto il placido ingombro del pachiderma. Questo è il quotidiano che attira il gesto di Botero perché appartiene di diritto al suo modo di ricostruire l’universo e di riconsegnarlo alla nostra ammirata attenzione.

Quinta sezione – Vita latino-americana

Si ritrova nella mia pittura un mondo che ho conosciuto quando ero molto giovane, nella mia terra.

Si tratta di una specie di nostalgia e io ne ho fatto l’aspetto centrale del mio lavoro. […] Io ho vissuto quindici anni a New York e molti anni in Europa, ma questo non ha cambiato nulla nella mia disposizione, nella mia natura e nel mio spirito latino-americano. La comunione con il mio paese è totale”.

Per il giovane Botero i punti di riferimento non potevano che essere le tavole e le sculture policrome dell’arte coloniale, il linguaggio diretto ed essenziale dell’arte popolare e, per quanto concerne la purezza della forma, l’arte precolombiana. Elementi presenti ancor oggi nella sua pittura e che caratterizzano una poetica raffinatasi col passare dei decenni, ma che di quel

retaggio culturale porta in sé la stessa immediatezza e la stessa forza narrativa.

Il tessuto narrativo di Botero proviene dai racconti e dai climi della terra natale in cui egli continua a specchiarsi e da cui trae alimento.

Nelle scene di vita quotidiana ricondotte sulla tela le persone raffigurate sono profondamente comprese nel loro ruolo di dispensatrici di immagini così lontane dal nostro vivere attuale: ci osservano dal loro paesaggio incantato esibendo una compunta impassibilità. Le azioni godono di una lenta armonia e di una espansione osmotica capace di coinvolgere gesti, atteggiamenti,

ambientazioni e oggetti.

In tal modo si può assaporare Famiglia con animali (1998) percorsa da un morbido equilibrio di incontri e di situazioni private di ogni urgenza: i movimenti rimangono sospesi nell’aria. Parimenti Atelier di Sartoria (2000) propone interpreti da inserirsi nel grande gioco della memoria e depositari

di una soavità comportamentale e contemplativa che coinvolge per empatia anche Le sorelle (1969-2005) in pingue e compunta posa fotografica, senza dimenticare i gaudenti partecipi che si ritrovano ne La casa di Marta Pintuco (2001) dove ogni malizia appare bandita come si conviene a un mondo dove tutto è concesso e possibile in nome di un estatico sogno a occhi aperti.

Sesta sezione – Politica

L’insopprimibile rapporto con la sua terra non fa di Botero un artista etnico, folcloristico, ma costituisce il presupposto obbligato di un transito, di una meditazione, del raggiungimento della consapevolezza di poter creare e dar vita a un’arte originale e autentica connaturata al temperamento latino-americano. Nella sua pittura c’è una radicata dimensione popolare, un profondo attaccamento alla propria cultura, alla memoria mai venuta meno della quotidianità di Medellín. Queste caratteristiche si evidenziano anche nei dipinti dedicati al potere, ai politici e ai militari. Opere nelle quali l’artista non intende esprimere giudizi di merito sui personaggi ritratti: presidenti, ministri, ambasciatori. Ad attrarlo è l’eleganza multicolore degli abiti sgargianti dei

rappresentanti del potere e delle first lady, lo sfarzo barocco degli ambienti. Questi dipinti, immersi in un clima di sospensione, inducono al sorriso, conquistano lo sguardo incuriosito, come nell’improbabile ritratto de Il Presidente e i suoi ministri (2011), coloratissima parata di generali nelle loro divise sfarzose, di alti prelati e di politici professionisti, tutti indaffarati e impegnati con importanti dossier al servizio del presidente che giganteggia al centro della scena. Il tono di Botero è quello di un narratore indipendente, di un affabulatore dall’accento libertario la cui caratteristica risiede nella saggezza temperata dal sorriso e da un innato senso dell’ironia.

Settima sezione – Corrida

Ho osato dipingere la corrida poiché conoscevo assai bene questo tema. Non si può dipingere se non esiste una forte relazione tra un soggetto e il proprio animo. Questa relazione è assolutamente necessaria in quanto ti dà una sorta di autorità morale. Io l’avevo. Il tema mi usciva dal “sangre” (sangue) e dalla mia stessa vita”.

Non poteva certo mancare all’interno dell’opera di Botero il confronto con il tema suggestivo e affascinante della corrida, profondamente connaturato alla sua cultura e alla tradizione del suo popolo.

A interessarlo non è soltanto il combattimento dell’uomo con il toro ma tutto quanto fa da cornice a questo rito laico. Dalla vestizione dei protagonisti celebrati nella fastosa eleganza dei loro costumi e visti come moderni eroi alla scesa nell’arena dei matadores a cavallo, al pubblico assiepato sugli

spalti per applaudire i propri idoli, tutto sembra far parte di una straordinaria rappresentazione popolare nella quale la violenza insita nella corrida sembra essere vissuta in modo naturale, anche nelle scene più crude. Gli abiti sontuosi di sete damascate, di ori e di fregi servono agli officianti per fornire un senso magico e sacro alla complessità dei comportamenti e dei gesti che conducono alla stoccata finale ovvero al sacrificio del toro, che nelle tele di Botero assume un atteggiamento rassegnato e consapevole come in El Arrastre. L’attenzione dell’artista è incentrata sulla spettacolarità della coreografia più che sulla tensione del momento, sul sangue che bagna l’arena.

Ottava sezione – Religione

La religione occupa un ruolo importante nell’impegno pittorico di Botero perché il clima favolistico in cui vengono immersi i vari personaggi chiamati in causa riflette perfettamente l’immagine percettiva di un mondo dove la realtà deve fare sempre i conti con lo sconfinamento in una fantasia che determina compiutamente i pensieri e i gesti della gente. In un simile contesto la religione si pone come un esempio di pratica del soprannaturale che permea la quotidianità da tradursi in sorpresa, in contemplazione estatica, in forma adattata a un pensiero pronto a plasmare uniformemente le cose e le persone.

Sotto tale profilo gli interpreti de Il seminario (2004) si comportano alla stregua di innocenti depositari di un sentimento che si dipana dal placido riposo del lettore, elegantemente sdraiato a terra in primo piano, per rimbalzare nell’accorata preghiera del prelato al suo fianco e pervadere quindi l’attonita, rapita compostezza dei restanti effigiati. D’altro canto Il Nunzio (2004) è una variegata macchia di colore che entra a far parte del paesaggio secondo la logica delle apparizioni capaci di trasformare l’evento, per noi inatteso, in rimarcata consuetudine. Tale approccio percettivo e creativo riesce quindi a rendere plausibile anche il compiaciuto interprete della Passeggiata sulla collina (1977), un monsignore che recita il rosario muovendosi nel verde con la gonfia leggerezza di una nuvola e con la maestosa compostezza che l’abito gli impone.

Nona sezione – Sante

Osservando la storia dell’arte ho mi sono reso conto che il tema dei santi era scomparso dalla pittura dopo la Rivoluzione francese, dopo essere stato un soggetto preferito tra il XIII e il XV secolo. Ho ritenuto che un tema così affascinante meritava di essere ripreso”.

Nel passato queste umili figure di sante sono state rappresentate da artisti come Rubens, Van Eyck, El Greco, Zurbaran come personaggi nobili e eleganti per rendere loro omaggio. Botero intende riallacciarsi a questa tradizione presentando le sue Sante in abiti eleganti, di “haute couture”, ma attualizzando le figure e interpretandole con una vena di ironia come donne mondane della società odierna: ingioiellate, con guanti lunghi e scollature generose, mostrando gambe e tacchi alti. Senza per questo perdere la loro aura di sacralità. L’artista ha studiato ciascuna delle sante raffigurate, la loro storia e il loro martirio per offrircene una sua versione. Santa Barbara, per esempio, molto venerata dalla Chiesa, viene ritratta con un seno nudo e lacerato, e con una Bibbia in mano: rappresentazione della sofferenza per fustigazione subita come punizione per la sua fede incrollabile.

Ogni santa ha la sua storia e il suo martirio. Quando viene dipinta con una palma in mano significa che è stata torturata, se tiene un fiore è significa che è morta vergine e se appare con una spada è che era un guerriero.

Tutto questo nel rispetto della tradizione storica, ma naturalmente usando una grande quantità di immaginazione e una notevole libertà interpretativa, sempre alla ricerca di “ciò che è diverso, ciò che nessuno dipinge”, conferendo a queste sante l’inconfondibile e variopinta impronta della cultura latinoamericana.

Decima Sezione – Nudi

Le opere di Botero si avvalgono di un perfetto equilibrio tra le forme, i concetti e le nostalgie. Le forme devono conquistare armonicamente gli spazi; i concetti trovano l’opportuna traduzione nei risultati espressi sulla tela; la nostalgia costituisce un mirabile valore aggiunto perché trasferisce il clima favolistico delle vicende narrate nel sogno perduto dell’infanzia e perché costituisce il magico recupero di un paesaggio smarrito con il disconoscimento dell’innocenza. I nudi dell’artista colombiano sono un esempio chiarificatore di tali propositi. In primis si specchiano in volumi ammantati della straordinaria grazia muliebre nonostante l’abbondanza rubensiana dei corpi; le storie sembrano immerse in una sorta di eden primordiale che non contempla la malizia e il peccato; di conseguenza i comportamenti si giovano di una naturalezza che ci fa accogliere come ovvio il clima in cui si svolgono le scene. E questa è una delle prerogative di Botero: far sentire l’osservatore in sintonia emozionale con le immagini scaturite dalla sua immaginazione.

Si rimane pertanto colpiti dalla naturale sensualità di Donna seduta (1997) che si presente in tutta la sua elegante opulenza e dalla protagonista de Il bagno (2002) le cui matronali fattezze riempiono di luce carnale lo spazio angusto. Due modi per affrontare la narrazione con la consapevolezza dei ritmi e delle misure: un incontro di rotondi gesti e di poetica digressione nel

primo caso; un rapporto di tensioni volumetriche nel secondo.

La mostra vede come sponsor AGSM, sponsor tecnico Trenitalia, media partner L’Arena, hospitality partner Due Torri Hotel Verona.

L’evento è consigliato da Sky Arte HD.

Il catalogo è edito da Skira/Arthemisia.

AMO Arena Museo Opera, Palazzo Forti, Verona

Fino al 25 febbraio 2018. Lunedì dalle 14.30 alle 19.30. Dal martedì a domenica dalle 9.30 alle 19.30 (la biglietteria chiude un’ora prima)

Biglietti

Intero € 14,00 Audioguida inclusa

Ridotto € 12,00 Audioguida inclusa

 

Salvatore Macaluso

 

Al restauro il balcone di Giulietta a Verona

Si concluderà entro il 15 novembre, il restauro del Balcone della Casa di Giulietta, a Verona.

I lavori, commissionati dal Comune e vagliati dalla Soprintendenza, sono eseguiti gratuitamente dalla ditta veronese Tecnored, specializzata nella produzione di sistemi per la deumidificazione e il consolidamento di edilizia civile e monumentale.

Dopo una prima fese di indagine statica del manufatto, effettuata nel mesi estivi, l’intervento di restauro entra ora nella fase operativa, con l’analisi dei materiali e l’utilizzo delle più moderne tecniche.

Nello specifico, i lavori riguardano la pulitura di tutto il balcone; la stillatura delle lesioni presenti; il consolidamento delle pietre tufacee, più sensibili ad usura e inquinamento; l’applicazione di materiale protettivo impermeabile su tutta la superficie del balcone, compreso il piano di calpestio.

Durante i lavori non sarà possibile accedere al Balcone, che sarà protetto da un’area transennata per consentire le operazioni di restauro e per garantire la sicurezza del cantiere. Sarà invece consentito come di consueto visitare sia museo all’interno della Casa di Giulietta sia la statua di Giulietta nel cortile esterno.

 

Roberto Bolis (che ha fornito anche la fotografia)

I mondi di Bob Dylan a Verona

“Era il maggio1984 quando Bob Dylan aprì il suo tour europeo con due serate di concerto all’Arena di Verona, un evento straordinario per la nostra città, che coincisero anche con la prima esibizione dell’artista in Italia. Questa mostra, e gli eventi correlati, vogliono essere un omaggio al cantante e poeta, insignito del premio Nobel per la Letteratura lo scorso anno”.

Così l’assessore alla Cultura Francesca Briani ha presentato l’iniziativa “I mondi di Bob Dylan”, una serie di eventi in programma a Verona fino al 29 ottobre, per approfondire la conoscenza di un autore a tutti noto, ma forse conosciuto troppo superficialmente.

Le manifestazioni, realizzate grazie al Banco BPM in collaborazione con la Società Letteraria di Verona e con il patrocinio del Comune, sono state illustrate dal coordinatore Sergio Noto insieme al critico musicale Enrico De Angelis; presente anche Cristiano Righetti, responsabile Eventi del Banco BPM. Fino al 29 ottobre, dalle ore 15 alle 19, nelle sale della Società Letteraria in Piazzetta Scalette Rubiani, sarà possibile visitare la mostra fotografica dedicata a Bob Dylan, 22 pannelli che documentano i tratti salienti dell’esperienza artistica del cantante, cin un’appendice di immagini e musica inedite dedicate ai concerti areniani del 28 e 29 maggio 1984.

Questi gli altri appuntamenti in programma. Domenica 15 ottobre, alle ore 20.30 al Teatro Ristori, si terrà il concerto di cover e versioni italiane di canzoni di Bob Dylan; martedì 10 ottobre, alle ore 18 all’Antica Bottega del Vino, si terrà “Dylan e la canzone d’autore italiana”, una conversazione tra Massimo Bubola e Riccardo Bertoncelli; martedì 18 ottobre l’appuntamento è alla Società Letteraria, alle ore 17.30, con la presentazione del libro di Enrico De Angelis e Salvatore Esposito “L’enigma Dylan, tra arte e business”. La rassegna si concluderà con l’incontro “Un maestro di Dylan: Woody Guthrie i cantastorie degli oppressi”, mercoledì 25 ottobre alle ore 17.30 alla Società Letteraria. La mostra e tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito.

 

Roberto Bolis