La MOENA SKI ALP 2016 a Trettel e Deflorian

podio femminileNessuna sorpresa alla terza edizione della Moena Ski Alp, competizione scialpinistica in notturna che ha illuminato per una serata davvero speciale il famoso tracciato Fiamme Oro della ski area Alpe Lusia in Val di Fassa.

Confermando quanto fatto a Ziano nella I prova del Trofeo IV Valli (circuito Dolomiti Sotto Le Stelle), anche a Moena si sono imposti Thomas Trettel dell’As Cauriol e Beatrice Deflorian dell’US Cornacci. Nulla da fare quindi per i 250 sci alpinisti presenti all’evento che, invano, si sono dati battaglia in una appassionatissima sfida al chiaro di luna.

Trettel ha preceduto Ivo Zulian e Mattia Giuliani, entrambi dei Bogn Da Nia, con lo straordinario tempo di 16’09 mentre la Deflorian ha bissato il successo dello scorso anno fermando il cronometro a 20’19, davanti a Carla Iellici (Bogn Da Nia) e Giorgia De Marco (I Piazaroi). Per quanto riguarda le classifiche junior, invece, primo posto per Manuela De Nardi  (Dolomiti Ski Alp) in campo femminile e  Luca Ventura (U.S. Lavazè) in campo maschile.

La classifica delle società vede attualmente in testa i Bogn Da Nia con 4.687 punti. Seguono I Piazaroi  (3.271 punti) e i Bela Ladinia (2.600 punti).

podio maschile

Un particolare  ringraziamento va a tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione: il Soccorso Alpino di Moena, la A.s. Cauriol di Ziano, la Polizia di Stato di Moena, gli impianti a fune Alpe di Lusia e lo Chalet Valbona per l’accoglienza, gli Alpini di Moena, il Cai Sat di Moena e tutti i volontari della Val di Fassa Events.

La prossima prova del Trofeo IV Valli avrà luogo mercoledì 10 febbraio 2016  a San Martino di Castrozza con il Memorial Maurizio Zagonel.

 

TrentinoInJazz tra Moena, Cles e Levico Terme

Sonata Islands-Trentinojazz 25 luglioUn eccezionale venerdì 25 luglio per il TrentinoInJazz 2014: tre proposte per la giornata numero dieci della ricca rassegna partita l’11 luglio, che si svilupperà nelle valli del Trentino e a Trento fino a dicembre. Si parte il primo pomeriggio a Moena con Everything But The Name: Sara Picone (voce), Dario Defrancesco (voce), Matteo Rossetto (chitarra) e Stefano Pisetta (tastiere), tra i migliori musicisti del panorama trentino, propongono un repertorio dedicato ai Classici del pop-rock, rivisitato in chiave funk-jazz.

Alle 21 a Levico Terme nuova tappa del Valsugana Jazz Tour con la FaRe Jazz Big Band: è un’affiatata orchestra jazz diretta da Stefano Colpi, nata nel 2004 come espressione di un laboratorio didattico iniziato all’interno del Valsugana Jazz Tour, e coinvolge musicisti trentini della Valsugana e della Valle dell’Adige in gran parte non professionisti. FaRe Jazz Big Band ha partecipato al Festival Jazz di Bolzano “Jazz & other”, al Dolomiti Ski Jazz e all’edizione 2013 del TrentinoInJazz, suonando spesso con ospiti solisti sia in concerti in Italia che in Austria.

A Cles invece, alla stessa ora, Sonata Islands in versione quartetto (Cristina Renzetti voce/Emilio Galante flauti/Michele Francesconi pianoforte/Gabriele Zanchini fisarmonica) con il suo inconfondibile avant-jazz e lo spettacolo Relendo Villa-Lobos. Si tratta di una rilettura in chiave moderna e jazzistica dell’opera del compositore brasiliano Heitor Villa-Lobos, con riarrangiamenti delle sue composizioni, brani originali dei musicisti del gruppo ispirati alle sue melodie e brani di alcuni grandi autori della musica brasiliana come Tom Jobim e Guinga, suoi diretti discepoli. Tutto ciò a cavallo tra Brasile e Europa, folklore sudamericano e musica colta.

Dopo l’edizione di svolta del 2013, che ha convogliato sotto un’unica denominazione quattro rassegne che prima operavano separatamente (Sonata Islands, NonSole Jazz, Valsugana Jazz Tour e Lagarina Jazz), quest’anno il TrentinoInJazz rafforza l’unitarietà resistendo alla crisi e offrendo un cartellone corposo e variegato, puntando sulle diverse espressioni del jazz contemporaneo, con nomi italiani e stranieri nelle consuete location di sogno della provincia di Trento. Entusiasta e positiva Chiara Biondani, presidente dell’Associazione TIJ: “Anche nel 2014 TrentinoInJazz conferma la sua vocazione a farsi rete, ribadendo l’unione di quattro festival con una storia importante e rilanciando il miglior antidoto alla crisi del settore musicale: un lungo cartellone, ingressi gratuiti e serate a “prezzo simbolico”, proposte jazz per tutti i gusti, un’attenzione speciale da parte delle istituzioni pubbliche trentine per il turismo e la cultura declinati in musica”.

Synpress44