Al via il Festival Verdi

La nuova edizione del Festival coinvolge161tra cantanti, musicisti, assistenti, attori, mimi, ballerini, maestri collaboratori e 37 bambini, insieme ai 190 dipendenti del Teatro Regio (76 dei quali under35), tra elettricisti, fonici, attrezzisti, falegnami, macchinisti, scenografi realizzatori, sarti, truccatori, parrucchieri, personale amministrativo, di sala e di portineria, provenienti da19 Paesi (Italia, Spagna, Austria, Francia, Regno Unito, Macedonia, Bulgaria, Romania, Moldavia, Lituania, Georgia, Russia, Iran, Kazakistan, Cina, Egitto, Uganda, Messico, Corea).

In occasione del Festival Verdi, il Teatro ospita 30 giovani tirocinanti provenienti dall’Università di Parma, dall’Accademia di Brera, dall’Accademia del Teatro alla Scala, dalla Verona Opera Accademy ed al Progetto alternanza scuola lavoro di Parma; un’occasione di formazione preziosa per i giovani che si affacciano al mondo del lavoro e un’opportunità anche per il Teatro che su questi giovani ha deciso di investire:18 dei dipendenti della Fondazione Teatro Regio di Parma sono infatti stati assunti, negli ultimi anni, dopo un analogo periodo di tirocinio. Per la prima volta, inoltre, il Teatro ospita tirocinanti appartenenti a categorie protette, alcuni dei quali provenienti dagli Istituti Penitenziari di Parma in attuazione del protocollo d’intesa siglato nel 2016.

Oltre 300 lavoratori animano dunque gli spazi del Teatro Giuseppe Verdi di Busseto, del Teatro Farnese e del Teatro Regio, ove, oltre al palcoscenico, sono impegnate simultaneamente per le prove anche le sale del Ridotto, la Sala Gandolfi, la Sala di Scenografia e lesaledel Centro di Produzione Musicale dell’Auditorium Paganini.

Nel mese di agosto il sito del Teatro Regio è stato visitato da 97 Paesi diversi, con ben 7 pagine visitate per ogni utente e una frequenza di rimbalzo al di sotto dello 0,1%.

Sui profili social del Teatro Regio, la campagna dedicata al pubblico internazionale ha raggiunto un target selezionato di appassionati d’opera nel mondo con attitudine al viaggio di circa 15.000 persone, delle quali oltre 2.000 hanno poi cercato informazioni su biglietti e sulla programmazione sul sito del Teatro Regio. Attualmente, degli oltre 42.000 utenti che seguono la pagina Facebook del Teatro Regio, sono ben 35.000 quelli extraterritoriali.

Il 23 settembre scorso le prove aperte di Macbeth hanno il via al fitto calendario di appuntamenti festivalieri che si concluderà il 21 ottobre 2018. 4 opere, 3 nuovi allestimenti in 3 teatri diversi, 6 commissioni in prima assoluta, 25 eventi per 70 appuntamenti in 25 giorni.

Molte e da non perdere sono le novità del programma di Verdi Off, la rassegna di appuntamenti collaterali al Festival Verdi, realizzata dal Teatro Regio di Parma in collaborazione con il Comune di Parma e con l’Associazione “Parma, io ci sto!”, che giunge quest’anno alla sua terza edizione. Oltre 130 appuntamenti a ingresso libero, per più di 50 eventi in 40 luoghi diversi in Città e in provincia, che coinvolgeranno più di 980 tra artisti e tecnici.

 

Paolo Maier

 

“Si può viaggiare nell’infinito”. Festival Verdi 2015

Si può viaggiare nell’infinito…” S’ispira a questo verso shakespeariano l’edizione 2015 del Festival Verdi, a Parma e Busseto dal 1 al 31 ottobre, che trova in Shakespeare e nel tema del viaggio le sue direttrici.

“Il Festival vede nella produzione di tre titoli d’opera, di cui due nuovi allestimenti, e nel denso programma di concerti, incontri, mostre, giornate di studi, spettacoli e attività di approfondimento per i giovani e le scuole, un primo decisivo momento di rilancio della manifestazione – dichiara Anna Maria Meo, Direttore generale del Teatro Regio – che intende parallelamente rafforzare la collaborazione della Fondazione Teatro Regio con tutte le Istituzioni musicali e culturali di Parma, Busseto e del territorio. Un rilancio che è stato possibile anche grazie a partners e sostenitori, alcuni dei quali hanno risposto al nostro invito incrementando significativamente il loro sostegno, altri accettando con entusiasmo di sostenerlo per la prima volta”.

“Il programma proposto si articola in tre sezioni strettamente legate, che si offrono al pubblico come occasione di scoperta e arricchimento: alle opere e ai concerti del cartellone principale si intrecciano gli appuntamenti di AroundVerdi che annoverano una prima assoluta e un brano commissionato ad hoc, con i quali il Festival intende ribadire la volontà del Teatro Regio di ampliare i confini dell’opera lirica, per dare spazio ad altri linguaggi espressivi, che stimolino nuove riflessioni intorno all’opera verdiana, valorizzando il talento dei giovani, la loro creatività e il rapporto con la contemporaneità, nel segno dell’incessante ricerca creativa di Giuseppe Verdi che il Festival fa propria. In VerdiYoung accanto a proposte spettacolari dedicate al pubblico dei più piccoli si offre un articolato programma di iniziative di approfondimento con progetti, laboratori didattici, lezioni tenute da maestri e artisti protagonisti del festival offerte gratuitamente”.

“A breve distanza dal mio insediamento, considero questa la prima traccia di un percorso che desidero sviluppare con impegno e determinazione, per favorire la crescita del Festival, consolidarne l’identitá culturale e gli auspicabili riflessi sul territorio che solo una manifestazione di successo può garantire”.

Il Festival Verdi è realizzato grazie al contributo di Comune di Parma, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo in collaborazione con Comune di Busseto, con il sostegno di Reggio Parma Festival, Ascom Confcommercio Parma, Camera di Commercio di Parma, Fondazione Monte di Parma. Major partner Fondazione Cariparma. Main partner Cariparma Crédit Agricole. Media partner Mediaset. Partner per gli eventi speciali Iren. Partner Barilla, Chiesi Farmaceutici, Opem, Dallara, Unione Parmense degli Industriali. Tour operator partner Parma incoming. Sponsor Parmalat, Mutti, Sicim, Antica Gelateria del Corso, S. Polo Lamiere, Morris, Buongiorno!, Illa, Rolex e Camparini, Fidenza Village, Poliambulatorio Dalla Rosa Prati. Sponsor tecnici Carebo Auto Hub, IGP Decaux, Macrocoop, Milosped, Grafiche Step.

Il Teatro Regio di Parma ringrazia inoltre Luca Barilla e tutti gli imprenditori che hanno voluto personalmente sostenere il Festival Verdi 2015.

IL PROGRAMMA

Otello inaugura l’edizione 2015 del Festival Verdi, in scena l’1 ottobre (recite il 4, 11, 17 ottobre 2015) al Teatro Regio di Parma nel nuovo allestimento firmato da Pier Luigi Pizzi, con le luci di Vincenzo Raponi. Daniele Callegari, sul podio della Filarmonica Arturo Toscanini, del Coro del Teatro Regio di Parma preparato da Martino Faggiani e del Coro di voci bianche e giovanili Ars Canto Giuseppe Verdi preparato da Gabriella Corsaro, guiderà il cast con protagonisti Roberto Aronica, al suo debutto nel ruolo del titolo, Aurelia Florian, Roberto Frontali, Manuel Pierattelli, Gabriella Colecchia.

Seconda opera al Teatro Regio di Parma, Il corsaro debutta il 14 ottobre (recite il 20, 25, 31 ottobre 2015) nell’allestimento creato per il Festival Verdi da Lamberto Puggelli e ripreso da Grazia Pulvirenti con le scene di Marco Capuana, i costumi di Vera Marzot, le luci di Andrea Borelli, gli assalti del maestro d’armi Renzo Musumeci Greco, originariamente coprodotto con il Teatro Carlo Felice di Genova. In scena, diretto da Alain Guingal alla testa della Filarmonica Arturo Toscanini e del Coro del Teatro Regio di Parma, un cast di giovani e affermati interpreti tutti impegnati per la prima volta in questo titolo: Diego Torre, Jessica Nuccio, Kiril Manorov, Virginia Tola.

Rigoletto debutta al Teatro Verdi di Busseto il 10 ottobre (recite il 15, 18, 21, 24, 29 ottobre 2015), in un nuovo allestimento affidato alla regia di Alessio Pizzech e realizzato in coproduzione con il Teatro Comunale di Bologna. Il direttore Fabrizio Cassi, sul podio dell’Orchestra dell’Opera Italiana e del Coro del Teatro Regio di Parma, dirigerà gli Artisti del 53° Concorso Internazionale Voci Verdiane “Città di Busseto” in collaborazione con la Scuola dell’Opera del Teatro Comunale di Bologna. L’opera è realizzata in collaborazione con Comune di Busseto, Teatro Giuseppe Verdi di Busseto, Concorso Internazionale Voci Verdiane “Città di Busseto”.

Arie d’opera e da camera nel primo dei tre recital in programma al Festival. Desirée Rancatore, accompagnata al pianoforte da Giulio Zappa, interpreterà brani di Verdi, Rossini, Donizetti, Mascagni, Gounod (3 ottobre 2015) nella Dedica a Gian Piero Rubiconi, per oltre trent’anni protagonista della vita del Teatro Regio, che artisti e amici, tra i quali Raina Kabaivanska, Michele Pertusi, Caludio Del Monte gli tributeranno nel pomeriggio della stessa giornata.

Due gli appuntamenti con la musica da camera al Ridotto del Teatro Regio, realizzati in collaborazione con la XXV Rassegna Internazionale di Musica Moderna e Contemporanea Traiettorie. Il Trio di Parma (8 ottobre 2015) con Alberto Miodini al pianoforte, Ivan Rabaglia al violino, Enrico Bronzi al violoncello, interpreterà brani di Beethoven, Kagel e Brahms. Sarà dedicato a Pierre Boulez, il concerto di Ensemble Prometeo (15 ottobre) diretto da Marco Angius, con musiche di Giovanni Damiani, Giorgio Colombo Taccani e del compositore francese che quest’anno festeggia il suo novantesimo compleanno.

Il 10 ottobre 2015, 202° compleanno del Maestro, la giornata si aprirà alle ore 11.30 al Monumento a Verdi in Piazzale della Pace a Parma per la Cerimonia con cui la Città lo festeggia affettuosamente. Parteciperanno le istituzioni cittadine, il Coro del Teatro Regio di Parma e la Corale Giuseppe Verdi di Parma, dirette dal Maestro Martino Faggiani, che intoneranno il Va’, pensiero. Quest’anno alla cerimonia si uniranno anche le voci degli studenti delle scuole che aderiranno al progetto Festeggia Verdi come vuoi tu!

Al Teatro Giuseppe Verdi di Busseto nel pomeriggio, alle ore 15.30, debutta Rigoletto. Al Ridotto del Teatro Regio alle ore 17.00 Giuseppe Martini presenta Il corsaro per Prima che si alzi il sipario, con gli allievi del Conservatorio che ne interpretano i brani più celebri. La sera, alle ore 20.00 al Teatro Regio di Parma, Gregory Kunde e Vittorio Vitelli saranno i protagonisti del recital di arie e duetti d’opera verdiani, accompagnati al pianoforte da Beatrice Benzi.

Fuoco di gioia, il concerto lirico benefico realizzato dal Gruppo Appassionati Verdiani – Club dei 27, riunirà sul palcoscenico del Teatro Regio (16 ottobre) alcuni tra i maggiori interpreti del repertorio verdiano, guidati da Stefano Rabaglia sul podio della Filarmonica Arturo Toscanini e del Coro del Teatro Regio di Parma, preparato da Martino Faggiani.

Per la prima volta al Teatro Regio, Antonio Pappano guiderà l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (18 ottobre) in sinfonie di Cherubini, Verdi e Beethoven, interpretando le celebri pagine introduttive di Medea, Luisa Miller, La forza del destino, Aida e la Sinfonia n. 7 in la maggiore, op 92.

Un concerto di musiche verdiane affidato alle giovani voci degli Artisti del 53° Concorso Internazionale Voci Verdiane “Città di Busseto” vedrà sul palcoscenico del Teatro Regio l’Orchestra del Conservatorio di Musica Arrigo Boito di Parma diretta da Eliseo Castrignanò (19 ottobre).

Da Milano a Parigi fino a San Pietroburgo, attraverso le composizioni che Verdi creò per i rispettivi teatri: brani da Otello, Jérusalem, Don Carlos, Nabucco, La forza del destino, Macbeth e l’Inno delle nazioni nel concerto diretto Jader Bignamini, alla testa della Filarmonica Arturo Toscanini e del Coro del Teatro Regio di Parma, con Roberto Aronica e Michele Pertusi (27 ottobre).

Jessica Pratt sarà la protagonista dell’ultimo recital in programma al Teatro Regio (30 ottobre) ove interpreterà le più celebri arie del repertorio belcantistico, accompagnata al pianoforte da James Vaughan.

AROUNDVERDI

Lenz Fondazione porta in scena, in prima assoluta l’11 ottobre (recite 12, 13, 14 ottobre) Verdi Re Lear, che dà forma e corpo al progetto mai compiuto di Giuseppe Verdi sul dramma di Shakespeare. A partire dai brani verdiani selezionati da Carla Delfrate e con la nuova scrittura musicale di Robin Rimbaud/Scanner, Francesco Pititto firma la drammaturgia visiva e performativa dello spettacolo con le installazioni e i costumi di Maria Federica Maestri e la partecipazione degli attori Valentina Barbarini, Barbara Voghera, Giuseppe Barigazzi e dei cantanti allievi del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma preparati da Donatella Saccardi.

Enrico VIII, La Tempesta, Il mercante di Venezia, Amleto, Otello: le celebri pagine di Shakespeare, interpretate dalla voce di Giancarlo Giannini incontreranno, al Teatro Farnese, la musica di Beethoven, Chopin, Liszt, Mendelsshon Bartoldy, Rossini, Busoni, Alkan in Sogno di una notte di mezza estate. Al pianoforte Giovanni Bellucci, autore dello spettacolo dedicato al grande drammaturgo e realizzato in collaborazione con la Società dei Concerti di Parma (13 ottobre).

Si aprirà con Otello Suite, commissione del Festival Verdi 2015 in prima esecuzione assoluta, il concerto della Giovanni Falzone Contemporary Orchestra Requiem around Requiem, un omaggio a Verdi e al suo capolavoro sacro, interpretato in chiave contemporanea da Giovanni Falzone (28 ottobre).

VERDI YOUNG

Il viaggio di Milo e Maya, lo spettacolo vincitore del progetto Opera Expo, porterà i bambini da 3 a 8 anni e le loro famiglie, in un giro del mondo per scoprire tradizioni, cibi e culture di altri paesi, presi per mano da un attore e un cantante accompagnati al pianoforte, nella produzione di Opera Kids (4, 5 ottobre).

In Otello, per Il Gioco dell’opera, pupazzi, marionette, attori, cantanti e musicisti faranno vivere ai bambini da 4 a 8 anni, la storia del moro di Venezia nel segno della musica verdiana, nello spettacolo realizzato in collaborazione con il Laboratorio creativo per bambini “Zazì” e il Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma (30, 31 ottobre).

Nel giorno del suo compleanno, il 10 ottobre, Festeggia Verdi a modo tuo! Un progetto dedicato alle scuole secondarie di primo e secondo grado che intende coinvolgere gli studenti e invitarli a festeggiare il Maestro, attraverso alcune arie verdiane, fonte di ispirazione e occasione per ritrovarsi al Monumento a Verdi in Piazzale della Pace con le istituzioni cittadine e tutti gli appassionati.

Un percorso attraverso multiformi esperienze sensoriali e interattive inerenti il tema del viaggio coinvolgerà i giovani under 30 in Barezzi Off-Senses, in collaborazione con Barezzi live: dallo scalone del foyer del Teatro Regio si snoderà un percorso costellato di videoinstallazioni, performance reali e virtuali, fino alla Sala del Ridotto che ospiterà un live set concert da ascoltare sorseggiando cocktail offerti da barman in livrea (24 settembre).

Emozioni da provare per gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado e dell’università, che potranno assistere alle ultime prove delle opere precedenti il debutto: momenti cruciali nei quali la complessità del lavoro degli artisti in scena e dei lavoratori dietro le quinte trova una magica sintesi, rendendo la finzione realtà. Un viaggio dietro e oltre le quinte con sorprendenti percorsi interattivi e live set concert (24, 28 settembre, 9, 10, 12 ottobre).

Percorsi di avvicinamento e approfondimento offriranno a insegnanti, bambini e ragazzi, dalla scuola dell’infanzia sino all’università, l’occasione per scoprire e conoscere l’opera e farsi conquistare dalla musica. I laboratori didattici su Otello, Il corsaro, Re Lear, Il viaggio di Milo e Maya vedranno la partecipazione di maestri e artisti protagonisti del Festival, che li accompagneranno in un viaggio Alla scoperta della musica (21, 22, 23, 25 settembre, 2, 5, 6, 10 ottobre).

CONCERTI, INCONTRI, MOSTRE, GIORNATE DI STUDI A INGRESSO LIBERO

In occasione del Festival Verdi 2015, il Teatro Regio di Parma rinnova il Progetto di promozione culturale al fine di coinvolgere nella vita del Teatro il pubblico delle associazioni musicali, culturali, sociali e ricreative a cui è riservata l’opportunità di assistere alle prove aperte di Otello (28 settembre 2015) e Il corsaro (12 ottobre) al prezzo speciale di € 5,00, dopo aver realizzato, in modo autonomo e con il coinvolgimento degli associati, un percorso di approfondimento sull’opera.

Il compositore, lo stile, la genesi delle opere, i capolavori letterari che ne hanno ispirato la produzione sono alcuni dei temi approfonditi in Prima che si alzi il sipario, ciclo di incontri di presentazione delle opere in programma: Otello (26 settembre) e Il corsaro (10 ottobre) saranno raccontati dallo storico della musica Giuseppe Martini con l’intervento degli artisti impegnati nella produzione prossima al debutto e con la partecipazione degli allievi del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma che ne interpreteranno i brani più celebri.

Una Conversazione Su Verdi Re Lear con la partecipazione dei protagonisti offrirà al pubblico l’occasione di approfondire il progetto di Lenz Fondazione per il Festival Verdi che trae dal Lear di Shakespeare e dagli scritti di Verdi gli elementi fondamentali per l’“invenzione” di un opera che dia corpo al desiderio, mai realizzato, del Maestro (2 ottobre).

La Fondazione Teatro Regio di Parma, unitamente a Fondazione Cariparma, con Università degli Studi di Parma e Associazione Opera Europa invita a una giornata di studi aperta al pubblico sul tema Il valore della musica con i rappresentanti di alcuni dei maggiori festival e teatri internazionali di musica e opera. Un’occasione per condividere riflessioni e proposte per una più consapevole e responsabile azione economica e sociale delle istituzioni musicali per migliorare il profilo economico del territorio sul quale agiscono e incidono (2 ottobre).

Il Coro di voci bianche della Corale Giuseppe Verdi di Parma (4 ottobre), il Coro del Teatro Regio di Parma (21 ottobre), il Coro di voci bianche del Teatro Comunale di Bologna (24 ottobre), la Corale Giuseppe Verdi di Parma (28 ottobre), il Coro di voci bianche e giovanili Ars Canto (31 ottobre) sono i Cori al Festival Verdi che interpreteranno le grandi pagine verdiane, conosciute e amate per la loro capacità di esprimere i sentimenti universali in maniera profonda e immediata.

Tre appuntamenti realizzati in collaborazione con l’Istituto nazionale di studi verdiani saranno occasione di approfondimento su Verdi e le sue opere: La nuova edizione del carteggio Verdi-Boito sarà presentata dal curatore Marcello Conati con Giuseppe Martini e Rosa Necchi (6 ottobre); le tre maggiori interpretazioni moderne dell’Otello di Shakespeare saranno al centro della conversazione Otello: Gioachino Rossini, Giuseppe Verdi, Orson Welles (27 ottobre) con la partecipazione di Marco Beghelli, Susanna Pasticci, Marco Maria Tosolini; a Busseto, al Museo di Casa Barezzi la conferenza di Dino Rizzo proporrà Un viaggio in Rigoletto (29 ottobre ) per scoprire le ragioni di un capolavoro.

Gli artisti e gli allievi cresciuti al Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma saranno i protagonisti dei Concerti del Conservatorio: in Verdi in Jazz (7 ottobre), nel Concerto lirico vocale (16 ottobre) e nel concerto dell’Ensemble del Conservatorio (29 ottobre) i giovani artisti si misurano con pagine musicali da Verdi alla musica contemporanea.

Un percorso musicale intorno al tema della pace e della giustizia sarà proposto nell’appuntamento con Verdi e la musica nuova. Marcello Conati, Nicola Sani, Giuseppe Martini e Gian Paolo Minardi converseranno muovendo da alcuni spunti del libretto di Simon Boccanegra e, a seguire, il soprano Maria Teresa Camellini con il maestro Bruno Canino al pianoforte interpreteranno brani di Verdi, Beethoven, Liszt e Dallapiccola (17 ottobre).

Ricordando Mario Del Monaco: un omaggio all’artista il cui nome è indissolubilmente legato a quello di Otello, nel centenario della nascita. Protagonista di indimenticabili serate al Teatro Regio di Parma, il grande tenore rivivrà nell’ascolto di alcune sue memorabili interpretazioni e nel racconto di chi lo ha conosciuto e con lui ha condiviso la scena (30 ottobre).

In occasione del debutto dell’opera inaugurale del Festival Verdi, sarà allestita nelle sale adiacenti al Ridotto del Teatro Regio, la mostra documentaria “Chi è là?…Otello?”, realizzata in collaborazione con Istituzione Casa della Musica e Associazione Sostenitori del Teatro Regio di Parma. Un percorso tra documenti d’epoca e immagini legate dal filo dell’interpretazione storica del rapporto fra Parma e Otello in 128 anni; una storia che parte dai tormentati preparativi del 1887 fra Verdi, Ricordi e il Teatro e che ha visto sul palcoscenico del Regio anche un interprete di livello assoluto come Aureliano Pertile, a cui sarà dedicata un’apposita sezione.

Abbonamenti

Gli abbonati al Festival Verdi 2014 potranno esercitare il diritto di prelazione per l’acquisto dell’abbonamento al Festival Verdi 2015 dal 12 al 21 maggio 2015 per i posti di poltrona, palco e galleria.

Gli abbonati alla Stagione Lirica 2015 potranno acquistare in prelazione il nuovo abbonamento al Festival Verdi 2015 il 22 e 23 maggio 2015.

Nuovi abbonamenti in vendita il 26 e 27 maggio 2015 presso la biglietteria del Teatro Regio di Parma.

Biglietti

I biglietti per tutte le rappresentazioni saranno in vendita presso la biglietteria del Teatro Regio di Parma dal 28 maggio 2015 e presso la biglietteria on-line del Teatro Regio di Parma dal 29 maggio 2015 sul sito teatroregioparma.it. L’acquisto on-line non comporta alcuna commissione di servizio.

Promozioni

I giovani fino a 30 anni hanno diritto a una riduzione del 50% sul prezzo degli abbonamenti e dei biglietti di tutti i turni per i posti di platea e di palco per gli spettacoli al Teatro Regio di Parma. Per ciascuno degli spettacoli dei turni B, C, D, sono disponibili venti Card under 30 gratuite, che consentono di acquistare il biglietto per lo spettacolo a € 20,00 per posti di platea e palco.

Speciali promozioni sono riservate anche alle famiglie e ai lavoratori in stato di disoccupazione, cassa integrazione, mobilità

In concomitanza e in felice assonanza tematica con il Festival Verdi, il Teatro Comunale di Bologna produce un nuovo allestimento di Macbeth di Giuseppe Verdi. Agli abbonati del Festival Verdi 2015 è riconosciuta una riduzione del 50% sul prezzo dei biglietti delle recite del 7 e 17 ottobre 2015.

L’immagine esclusiva del Festival è il ritratto di Verdi realizzato a matita da Renato Guttuso negli anni ‘60, donato al Teatro Regio di Parma dall’Archivio storico Bocchi e concesso da Fabio Carapezza Guttuso ©Renato Guttuso by SIAE 2015.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Regio di Parma tel. 0521 203999 biglietteria@teatroregioparma.it http://www.teatroregioparma.it

Paolo Maier

 

Festival Verdi a Parma

L’edizione 2014 del Festival Verdi si è aperta lo scorso 10 ottobre e durerà fino al 4 novembre. Nel giorno del compleanno del Maestro, l’inaugurazione è stata affidata a La forza del destino, in scena al Teatro Regio di Parma nell’allestimento firmato da Stefano Poda. Jader Bignamini, sul podio della Filarmonica Arturo Toscanini e del Coro del Teatro Regio di Parma, preparato da Martino Faggiani, guiderà un cast con protagonisti Virginia Tola, Luca Salsi, Roberto Aronica, Chiara Amarù, Michele Pertusi, Roberto De Candia (con repliche i prossimi 16, 19, 23, 28 ottobre).

Arie d’opera e da camera verdiane sono state l’omaggio a Verdi di Mariella Devia accompagnata al pianoforte da Giulio Zappa l’11 ottobre.

Verdi e Boito nel concerto di oggi 12 ottobre: sinfonie, divertissement e preludi da I Vespri siciliani, Attila e Macbeth e il prologo di Mefistofele interpretato da Michele Pertusi, con Francesco Lanzillotta alla testa della Filarmonica Arturo Toscanini, del Coro del Teatro Regio di Parma e del Coro di voci bianche della Corale Giuseppe Verdi di Parma, preparato da Beniamina Carretta.

Fuoco di gioia, il concerto lirico realizzato dal “Gruppo Appassionati Verdiani – Club dei 27”, riunirà il 17 ottobre sul palcoscenico del Teatro Regio, alcuni tra i maggiori interpreti del repertorio verdiano guidati da Antonello Allemandi sul podio della Filarmonica Arturo Toscanini.

Un concerto di musiche verdiane affidato alle giovani voci degli Artisti del 52° Concorso Internazionale Voci Verdiane “Città di Busseto” vedrà sul palcoscenico del Teatro Regio, il 18 ottobre, l’Orchestra del Conservatorio di Musica “A. Boito” di Parma diretta da Francesco Cilluffo.

Nell’allestimento di Henning Brockhaus, con le scene di Josef Svoboda e i costumi di Giancarlo Colis, La traviata sarà in scena al Teatro Verdi di Busseto il 24, 26, 29, 31 ottobre, 1, 2 novembre. Il direttore parmigiano Stefano Rabaglia dirigerà il Coro e l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna e gli Artisti del 52° Concorso Internazionale Voci Verdiane “Città di Busseto” nella produzione realizzata in coproduzione con Fondazione Teatro Comunale di Bologna, Fondazione Teatro Regio di Parma, Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi, in collaborazione con Comune di Busseto, Teatro Giuseppe Verdi di Busseto, Concorso Internazionale
Voci Verdiane “Città di Busseto”, Scuola dell’Opera Italiana – Fondazione ATER Formazione.

Acclamata sulle scene di tutto il mondo, Raina Kabaivanska festeggia al Festival Verdi il suo 80° compleanno. Con lei, il 25 ottobre, gli Artisti della sua Scuola di Canto: Maria Agresta, Virginia Tola, Cinzia Chiarini, Matteo Desole, Simon Lim, diretti in arie e brani d’assieme del repertorio verdiano da Nayden Todorov alla testa della Filarmonica Arturo Toscanini.

Appuntamento con la musica da camera e il Quartetto di Cremona che, il 26 ottobre, interpreterà Langsamer Satz di Anton Webern, il Quartetto in do diesis minore n.14, op. 131 di Ludwig van Beethoven e il Quartetto di mi minore di Giuseppe Verdi.

La danza torna in scena al Festival Verdi: sulle note di Pëtr Il’ič Čajkovskij, Erik Satie e Giuseppe Verdi, la Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala sarà protagonista, il 30 e 31 ottobre, di Sempreverdi, gala di danza con coreografie di George Balanchine, Roland Petit e Frédéric Olivieri.

Un recital interamente dedicato a Fryderyk Chopin vedrà sul palcoscenico del Teatro Regio, il 3 novembre, Grigory Sokolov, tra i maggiori pianisti viventi, in occasione del 120° anniversario di attività della Società dei Concerti di Parma e in collaborazione con Solares Fondazione delle Arti.

Infine il Coro e l’Orchestra del Teatro Regio di Torino, diretti da Gianandrea Noseda, chiuderanno il Festival con i Quattro pezzi sacri di Giuseppe Verdi e pagine tratte da Macbeth, Nabucco, Otello.

Il programma del Festival Verdi sarà arricchito da una rassegna cinematografica dedicata a La traviata a cura di Vittorio Giacci, concerti, incontri e manifestazioni che animeranno le sale del Ridotto e il Gran Caffè del Teatro e da due appuntamenti dedicati al pubblico delle scuole dell’infanzia e ai loro insegnanti: Il Corsaro e il Sultano, nuova produzione del Teatro Regio di Parma, il 12 e 13 novembre e Celeste Aida, produzione As.Li.co, il 26 e 27 novembre.

L’immagine esclusiva del Festival è il ritratto di Verdi realizzato a matita da Renato Guttuso negli anni ‘60, donato al Teatro Regio di Parma dall’Archivio storico Bocchi e concesso da Fabio Carapezza Guttuso.

Il Festival Verdi è realizzato grazie al contributo di Comune di Parma, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con il sostegno di Comune di Busseto, Reggio Parma Festival, Ascom Confcommercio Parma, Camera di Commercio di Parma, Fondazione Monte di Parma,. Major partner Fondazione Cariparma. Main partner Cariparma Crédit Agricole. Partner per gli eventi speciali Iren Emilia, Chiesi Farmaceutici. Partner Barilla, Unione Parmense degli Industriali. Media partner Mediaset. Tour operator partner Parma incoming. Sponsor Morris, Mutti, Overmach, Sicim, Buongiorno!, Conad, Illa, Poliambulatorio Dalla Rosa Prati, Nestlé, Antica Gelateria del Corso, Fidenza Village, S. Polo Lamiere. Sponsor tecnici Carebo Auto Hub, IGP Decaux, Milosped, Macrocoop, Blank design for living, Living divani.

Il Teatro Regio di Parma ringrazia inoltre Luca Barilla e tutti gli imprenditori che hanno voluto personalmente sostenere il Festival Verdi 2014.

 

Paolo Maier