“Le pietre ci parlano ancora”: a Ferrara

“Le pietre ci parlano ancora” è il volume digitale realizzato per ComunEbook, promosso dal Comune di Ferrara e dal Liceo scientifico A.Roiti. “La documentazione raccolta nel volume – ha spiegato il responsabile Ufficio Ricerche Storiche Francesco Scafuri – riguarda lapidi ed epigrafi che si trovano nel centro storico, suddiviso in due zone (quella medievale, a sud fino al confine con l’asse Giovecca-Cavour, e quella rinascimentale) oltre a una ripartizione dell’immediata periferia soprattutto nella zona a sud della città. La lettura può diventare occasione per cittadini e turisti dotati di smartphone di seguire percorsi alternativi e un po’ fuori dagli schemi, a piedi o in bicicletta, osservando le lapidi e i monumenti di pregio nell’atmosfera magica di strade e piazze”. “Sulla base di questo lavoro di documentazione – dice l’assessore a Lavori Pubblici, Piano Strategico e RecoveryFund Andrea Maggi – è mia intenzione dare il via a una serie di interventi per restaurare le epigrafi, delle quali nel volume è indicato anche lo stato di conservazione e il livello leggibilità. Queste iscrizioni, fatte su marmo o su pietra, sono motivo di conoscenza di fatti storici e personaggi rilevanti per la città ma anche per tanti turisti, che attraverso questa forma di scrittura permangono e continuano a trasmettere informazioni storiche e culturali nel presente e nel futuro”. Il docente del Liceo scientifico Roiti, Mario Sileo, ha infine sottolineato come la cura di questo volume abbia offerto ai suoi allievi “un’importante occasione per realizzare a scuola i Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento (ex Alternanza scuola-lavoro), lavorando su qualcosa di monumentale, lapideo e materiale, che è molto importante per i ragazzi abituati a usare quasi esclusivamente srmartphone e computer, rivelando loro una realtà fisica sulla quale non si erano mai soffermati.  Gli studenti, inoltre, traducendo in un programma informatico il lavoro fatto dagli autori, hanno inoltre potuto mettere insieme la cultura scientifica con quella umanistica, cogliendo quindi il collegamento importante tra queste discipline”.
All’incontro con i giornalisti erano presenti inoltre le coautrici Marcella Moggi e Mihaela Zamurca con Cristina Fiorentini dei Sistemi Informativi.

Per la prima volta il Comune di Ferrara pubblica un censimento aggiornato relativo alle epigrafi della città, con particolare riferimento a quelle lapidi che si trovano sui prospetti di case e palazzi. Si tratta di un volume digitale dal titolo “Le pietre ci parlano ancora. Alla scoperta di Ferrara e dei suoi personaggi tra epigrafi e iscrizioni”, leggibile con pc, tablet o smartphone, scaricabile da http://www.comunebookferrara.it, fortemente voluto dagli assessori Andrea Maggi e Marco Gulinelli, che ne hanno curato la prefazione e l’introduzione. Gli autori sono Francesco Scafuri e Marcella Moggi dell’ufficio comunale Ricerche Storiche presso il Servizio Beni Monumentali, congiuntamente a Mihaela Zamurca, laureanda dell’Università degli Studi di Ferrara, la quale, grazie ad un tirocinio curriculare ha potuto collaborare con l’ufficio comunale, che ha coordinato le attività di ricerca e realizzato la pubblicazione. Particolarmente efficace la produzione digitale di questo nuovo e-book, curata dal prof. Mario Sileo, docente del Liceo Scientifico ‘A. Roiti’ di Ferrara, assieme ai suoi studenti, nell’ambito del progetto editoriale nato dalla partnership fra l’Amministrazione e l’istituto scolastico, che negli ultimi anni ha diffuso altre interessantissime opere su argomenti ferraresi. Nel “libro elettronico”, attraverso la puntuale trascrizione delle epigrafi, accompagnata da una ricca documentazione fotografica, si possono cogliere tantissime notizie interessanti su fatti e personaggi legati a Ferrara, offrendo la possibilità ai lettori di conoscere l’esatta collocazione delle lapidi nel centro storico e il loro contenuto grazie a schede digitali efficaci e di facile lettura. L’opera rappresenta, altresì, un’ulteriore occasione per cittadini e turisti dotati di smartphone che vogliano vivere la città seguendo percorsi alternativi e un po’ fuori dagli schemi, a piedi o in bicicletta, osservando le lapidi e i monumenti di pregio nell’atmosfera magica di strade e piazze.
Naturalmente questo e-book offre la possibilità di seguire molteplici percorsi di ricerca, digitando ad esempio il nome di un personaggio, la denominazione di un edificio, un fatto, un evento, piuttosto che una data. Lo studio, poi, si è spinto anche sul versante patrimoniale, indicando sia le proprietà degli edifici, sia gli enti o le associazioni che hanno apposto materialmente le lapidi. La rilevazione di ciascun manufatto, effettuata da settembre a novembre 2020, ha consentito di riportare altresì alcuni dati essenziali in ciascuna scheda, come quelli riguardanti lo stato di conservazione delle lapidi o il grado di leggibilità delle epigrafi. Le targhe lapidee che si trovano sui prospetti di chiese, conventi, ed ex edifici di culto non sono state analizzate in questo studio, se non quelle che ad avviso degli autori sono significative per la città o soltanto curiose. Pertanto, l’e-book è stato pensato come uno strumento che può essere facilmente aggiornato e implementato, non solo dal Comune di Ferrara ma anche da altri enti, istituzioni e associazioni cui competono la manutenzione e il restauro delle lapidi. Un altro elemento di novità rispetto alla bibliografia sull’argomento, pur puntuale e interessante, è rappresentato dalla trascrizione di diverse iscrizioni latine, alcune delle quali tradotte in italiano allo scopo di offrire al lettore nuove occasioni di approfondimento.

Alessandro Zangara (anche per l’immagine)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.