“Quel giorno a Gerusalemme. Da Paolo VI a Francesco”

In vista della canonizzazione di Paolo VI (14 ottobre), il direttore di Rai Vaticano Massimo Enrico Milone traccia in un libro il fil rouge che lega i due storici viaggi in Terra Santa di papa Montini a papa Francesco.

  1. 1964. Paolo VI decolla da Roma per la Terra Santa. Torna dove tutto ha avuto inizio duemila anni fa, facendo entrare il pontificato nella  modernità. Da allora cambia la comunicazione dei Papi. Mille giornalisti al seguito del Pontefice. Paolo VI,  scrisse, in Terra Santa, la prima pagina di quella primavera dell’ecumenismo che arriverà fino a Papa Francesco. Da grande timoniere condurrà in porto il Concilio Vaticano II.
  2. 2014. Il volo papale porta in Terra Santa Papa Bergoglio, Francesco. Il Papa Social, guida spirituale, ma anche indiscusso leader mondiale. Il Pontefice argentino su Facebook raggiunge tre milioni di followers e un account privato Twitter supera i quaranta milioni di utenti. È comunicazione globale del Pontificato.

Quel giorno a Gerusalemme. Da Paolo VI a Papa Francesco (Paoline 2018 – pp. 144 – € 15), a firma di Massimo Enrico Milone, responsabile di Rai Vaticano, ripropone e analizza i due storici viaggi. Con una testimonianza di Francesco Patton OFM, Custode di Terra Santa. Il volume ci immette in un’epoca “eccezionale”. La Chiesa del Vaticano II s’indirizza alle “sorgenti della fede”, si muove verso le nazioni e le loro periferie. Paolo VI, novello santo, vanta alcuni primati, fra cui l’essere stato il primo Papa a viaggiare su un aereo internazionale, il primo a lasciare il Vaticano per recarsi in Terra Santa e, dopo novecento anni di scisma d’Oriente, il primo a incontrare Atenagora I, patriarca di Costantinopoli. In clima conciliare, “quel pellegrinaggio” aprì in modo irreversibile la Chiesa al dialogo ecumenico e interreligioso.

Sui suoi passi, cinquant’anni dopo, Papa Francesco, che a Gerusalemme abbraccerà Bartolomeo I, va verso tutte le periferie umane del mondo. Con i suoi piedi nel Vangelo dirige mente e cuore a imbattersi in Gesù Cristo, facendone conoscere il volto più veritiero, che è Amore, Perdono e Misericordia.

Massimo Enrico Milone dirige Rai Vaticano, la Struttura per la Santa Sede dell’Amministratore delegato RAI. E’ fra l’altro Autore del programma “Viaggio nella Chiesa di Francesco”, in onda su Raiuno. Napoletano, laureato in giurisprudenza, è stato capo della redazione Rai per la Campania dal 2003 al 2013. Dal 2002 al 2008 è stato Presidente nazionale dell’Unione Cattolica Stampa Italiana. Per otre trent’anni ha scritto per il quotidiano cattolico Avvenire. Fra gli ultimi libri pubblicati: Pronto sono Francesco! (2014); Lettera a Francesco (2015); The American Pope (2016); A Sud per l’Italia (2017).  Due volte insignito del Premio Capri San Michele, è stato Premio Dorso per il Giornalismo e Premio San Gennaio – Città di Napoli.

Il libro sarà presentato a ottobre a Napoli, Roma e Pordenone:

Lunedì 8 ottobre, ore 17.30, a Napoli, sede del Commissariato di Terra Santa, presso l’Arciconfraternita dei Pellegrini, con il Commissario Generale di Terra Santa Fra Sergio Galdi d’Aragona;

Mercoledì 10 ottobre, ore 17,30, a Roma, all’Ambasciata Italiana presso la Santa Sede, con la testimonianza, tra gli altri, del Cardinale Giovanni Angelo Becciu, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi.

Sabato 27 ottobre, ore 11, a Pordenone, nell’ambito della rassegna di editoria religiosa “Ascoltare Leggere Crescere”.

 

Romano Cappelletto

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.