“Outside the Ivory Tower” a Milano

È stata inaugurata ieri sera al Laboratorio Formentini per l’Editoria in via Marco Formentini a Milano (17-22 aprile) la mostra ” Outside the Ivory Tower: creativity makes a better life” organizzata in occasione del Fuorisalone 2018 dal Guangzhou National Advertising Industrial Park e dalla Guangzhou Academy of Fine Arts (GAFA), che insieme formano una delle realtà più all’avanguardia del sud della Cina nell’ambito del design e dell’industria pubblicitaria, dove si integrano perfettamente sviluppo industriale, universitario e ricerca.

Una possibilità di networking per aziende, agenzie, professionisti e università, che ha già all’attivo la nascita di numerosi brand e progetti di design su scala internazionale, e che guarda con crescente interesse all’industria culturale italiana in un’ottica di investimenti e partnership.

Curata dal designer e creativo Cao Xue, responsabile del Guangzhou National Advertising Industry Park, organizzata in collaborazione con TVN Media Group col patrocinio della Fondazione Italia Cina, la mostra/evento di Milano è il riflesso di un paese che attraverso il proprio design vuole far conoscere la propria cultura e aprirsi al mondo, e che sotto la spinta del piano “Made in China 2025”, sta puntando a un ripensamento della propria industria.

da sinistra: Cao Xue, Mario Zanone Poma, Rino Moffa

CAO XUE, curatore della mostra: “Milano è una città fantastica. Le stime dei visitatori attesi per il Salone del Mobile, oltre 400 mila, ci fa pensare che il design ha ormai raggiunto i numeri del fashion, e che fashion, design e innovazione si equivalgono. Milano mostra chiaramente che il design esprime la cultura di un Paese. Questa mostra vuole facilitare lo scambio tra due culture, quella italiana e quella cinese. La realtà di Guangzhou è unica e rara nel suo dialogo tra industria e ricerca accademica”.

FILIPPO FASULO, Coordinatore Scientifico Centro Studi per l’Impresa della Fondazione Italia-Cina: “La nuova Cina punta su qualità, innovazione e industria creativa, combinando la ricerca accademica con lo sviluppo industriale. Il piano “Made in China 2025″ lanciato nel 2015, che mira a rinnovare completamente la produzione cinese con inevitabili ripercussioni sull’economia mondiale, non dovrebbe essere ignorato da nessun imprenditore italiano”.

STEFANO PIZZI, Coordinatore del Comitato Scientifico Brera-Bicocca e Docente di Pittura dell’Accademia di Belle Arti di Brera: “Oggi si può parlare di creatività cinese. Il nuovo disegno industriale risente dell’influenza europea, milanese in particolare. Ne emerge un concetto contemporaneo di eleganza. A Brera la comunità degli studenti cinesi è rilevante, conta 850 frequentanti su un totale di quasi 1600. Inizialmente erano solo bravi artigiani; in seguito hanno sviluppato eccellenti doti concettuali e progettuali, così come le loro capacità manuali”.

MARIO ZANONE POMA, Presidente onorario della Camera di Commercio Italo Cinese e cofondatore insieme a Cesare Romiti della Fondazione Italia-Cina: “Come ha più volte ripetuto il presidente Xi Jinping, Italia e Cina sono molto più vicine di quello che si pensi. La Cina non è solo Pechino o Shanghai. Guangzhou, da noi chiamata Canton, è  una delle città più popolose (oltre 12 milioni di abitanti), nonché la capitale del Sud della Cina,  una delle regioni più ricche per commercio e industria”.

RINO MOFFA, Editore TVN Media Group: “Il valore dell’italianità in Cina è molto alto. L’impresa della comunicazione ha valore all’estero. In Italia siamo ancora lenti a cogliere le potenzialità di questo immenso mercato. A muoversi sono i privati, mentre il pubblico ancora non funziona”.

ANDREA CROCIONI, Direttore di Pubblicità Italia: “Quello che sta accadendo in Cina andrebbe seguito. Loro riescono a fare sistema, facendo incontrare business, arte e accademia. Questo aiuta moltissimo l’industria. La Cina è il secondo mercato dell’industria pubblicitaria. In continua espansione, ma soprattutto capace di cogliere il cambiamento. Noi in Italia invece siamo troppo statici, poco propensi all’innovazione. Guardare a Guangzhou significa potersi migliorare. Perché adattarsi al cambiamento non significa rinnegare la storia”.
Studio de Angelis (anche per le fotografie)

 

 

 

One thought on ““Outside the Ivory Tower” a Milano

  1. Emanuela ha detto:

    Complimenti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.