Oscar Romero e i martiri di El Salvador

L’occasione del viaggio papale in America Latina ci offre l’idea di approfondire tematiche relative alla situazione in zone del mondo considerate da tutti bellissime, eppure travagliate da profondi conflitti interni. Spesso, e per lungo tempo, patrimonio di dittature o di regimi di stampo dittatoriale, i Paesi latinoamericani ancora oggi mostrano i segni di una sofferenza che potrà essere superata soltanto con l’ausilio di tutti.

Coloro che, spesso, detengono il potere sono i bianchi, eredi degli spagnoli e delle famiglie spagnole, oppure di origine francese o inglese. Questi si ritengono superiori agli indios e a coloro che, pur vantando “maggiori” diritti, sono tuttavia “mezzosangue”.

Le grandi famiglie salvadoregne hanno appoggiato a lungo, nei decenni scorsi, militari o politici conservatori, che potessero pensare di mantenere nella zona lo status quo, legato in modo particolare al possesso della terra. Privare i grandi proprietari terrieri delle loro terre per consegnarne degli appezzamenti ai campesinos era impossibile, perché avrebbe significato spezzettare anche se di poco quel latifondo produttivo. Le coltivazioni di canna da zucchero, caffè e cotone, prevalenti nel territorio, non possono pensarsi redditizie se sparse nelle mani di piccoli proprietari, o almeno così pensavano (e in alcuni casi ancora pensano) i “ricchi”.

Così ogni elemento di rivolta alla situazione, ogni possibilità di diffusione di idee di stampo socialista, venivano bollate come comuniste o marxiste in senso dispregiativo; chiunque parlasse di diritti, di appoggio ai più deboli era un sovversivo. Anche i bambini potevano essere uccisi in esecuzioni extragiudiziali vere e proprie se si permettevano di minare la supremazia di coloro che l’avevano. E che erano direttamente legati alle multinazionali e alle grandi aziende fuori dal Paese.

Una situazione che ha accomunato, e in alcuni casi ancora accomuna, molti Paesi, dall’Argentina a Cuba, per citare gli esempi più noti.

Per lungo tempo la Chiesa cattolica, alla quale le grandi famiglie di El Salvador appartenevano, ha protetto i potenti, accusando di cattiva condotta, addirittura di blasfemia o eresia coloro che volevano solo il diritto alla vita: mangiare, studiare, avere un tetto appena dignitoso e un lavoro, la propria terra da coltivare anche solo per sfamare la famiglia.

Poi sono arrivati dei sacerdoti illuminati e poi è stato eletto papa Giovanni XXIII. Il suo Concilio Vaticano II ha posto le basi affinché a El Salvador e in altri luoghi dell’America Latina, come in altre parti del mondo, la Chiesa diventasse davvero pastore e baluardo per coloro che avevano solo la fede per capire di appartenere al genere umano. Quindi la situazione è cambiata, pian piano, attraverso il sacrificio di molti che, capendo come non si potesse servire Dio e Mammona, hanno scelto i poveri. Preti, suore, suore laiche, laici che hanno visto da vicino la crudeltà, la violenza continua e senza altro scopo e senso se non perpetuare il diritto di prevaricare il prossimo, di vessare chi era più sfortunato. Alcune voci sono diventate famose per la propria tenacia. Una di queste quella di Oscar Romero, assassinato mentre celebrava la messa nella sua chiesa. Un arcivescovo contestato dai suoi stessi vescovi, dai suoi amici, perché considerato “rosso”, perché si rifiutò ad un certo punto di portare avanti la ripetutamente tentata la strada del dialogo e non si prestò più a partecipare, ad esempio, alle cerimonie pubbliche a fianco di quei potenti ai quali cercava di aprire il cuore. Il risultato erano costanti omicidi anche di intere famiglie, la tortura, la distruzione di interi villaggi solo per dare un esempio. I martiri, con il loro sangue sparso per la terra salvadoregna hanno dato origine a consapevolizzazione, cultura, sforzi affinché si potesse cambiare quello che sembrava statico, insormontabile, inarrestabile.

I nomi, oltre a quello del ben noto Romero, sono tanti: Rutilio Grande, Marianella Garcia Villas, Ita Ford, Maura Clarke, Dorothy Kazel, Jean Donovan. L’elenco purtroppo è lungo. Oggi, per ricordarlo, a San Salvador c’è un muro di granito di settanta metri di lunghezza e tre di altezza chiamato Monumento alla Memoria e alla Verità. Sul muro sono stati incisi i nomi di circa trecentomila vittime della repressione. La situazione è cominciata a cambiare con l’elezione, nel 2009, di Mauricio Funes. Prima di andare all’Assemblea Legislativa per l’insediamento, Funes si recò in cattedrale a pregare sulla tomba di Oscar Romero, al quale dedicò l’aeroporto della capitale. Il segno era chiaro: si doveva finire con la gestione Arena, con l’amnistia generale del 1993, con l’ingiustizia dilagante. Nel 2016, la Corte Suprema di El Salvador ha dichiarato incostituzionale la legge per l’amnistia e tutti coloro che si sono macchiati di crimini durante il periodo di repressione dovranno essere processati. Tutto questo e molti altri dati, dettagli, quadri storico-politici, è stato trattato da Anselmo Palini nel libro “Oscar Romero e i martiri di El Salvador”, un testo lineare, con molti spunti di riflessione e di ricerca storica in grado di fare il punto su vicende sconosciute a molti o nei ricordi nebulosi per altri. Palini alterna la trattazione storica in forma cronachistica, con la spiegazione dei fatti di stampo giornalistico senza alterarli per edulcorarli. Il lettore è reso partecipe del percorso di cambiamento in America Latina e, anche con eventi ripetuti nel racconto per cercare di mantenere chiaro il filo che legava persone e fatti, diventa in grado di comprendere il clima del momento, le ragioni dei più, la necessità di partecipazione emotiva a situazioni altrimenti non degne di finire nel novero della memoria.

Lo scrittore ha il merito di sottolineate il processo di modifica delle proprie convinzioni maturato a contatto con la realtà, con le esigenze e le opinioni degli altri. Una lezione di vita che ci arriva ancora dai martiri dei tempi trascorsi dei quali Oscar Romero è stato l’esempio più noto.

Da leggere.

Anselmo Palini: “Oscar Romero e i martiri di El Salvador”, Paoline, Milano, 2017

Alessia Biasiolo

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.