Tornano gli spettacoli dal vivo a Verona

I riflettori sono pronti a riaccendersi. Lunedì 15 giugno il mondo dello spettacolo tornerà dal vivo dopo mesi di dirette streaming. E Verona celebrerà la ripartenza insieme ai giovani, con un evento che vedrà sul palcoscenico gli allievi della Scuola Teatrale d’Eccellenza e dei cori dell’accademia Alive.

Alle ore 18.30, il chiostro di Sant’Eufemia prenderà vita. Dai sonetti di Shakespeare alla tradizione popolare veronese, dal Canto degli Italiani alle poesie di Berto Barbarani, musica e teatro insieme per festeggiare la ripartenza.
Contemporaneamente si riaccenderanno altre tre città. Nell’ambito dell’iniziativa “Il Teatro riparte”, organizzata dal Teatro Stabile del Veneto, le luci dello spettacolo torneranno ad illuminare, oltre a Verona, anche Padova, Venezia e Treviso. Tutti gli eventi verranno trasmessi in diretta streaming sul sito http://www.teatrostabileveneto.it, data la limitazione dei posti disponibili dal vivo.
L’appuntamento scaligero sarà aperto dagli allievi della Scuola Teatrale d’Eccellenza, che presenteranno una selezione dei Sonetti di Shakespeare. Seguiranno poi il coro di voci bianche e il coro giovanile di Alive, diretti dal maestro Paolo Facincani, che si esibiranno nel Canto degli Italiani e in un repertorio di canzoni che varia dalla tradizione veronese, come La bicicleta o il celebre Voria cantar Verona, in ricordo del poeta Berto Barbarani, a brani di musica moderna, rythm and blues, melodica italiana, pop contemporaneo e musical. L’accompagnamento musicale sarà dei maestri Claudio Sebastio al pianoforte e Fabio Cobelli alla batteria. Anna Pasqualini, Annamaria D’Onghia e Nicolò Bruno, allievi della Scuola di Teatro di Alive, diretti dalle docenti Silvia Masotti e Camilla Zorzi, reciteranno una scena dialogata e un monologo tratti da Re Lear e Il Mercante di Venezia di Shakespeare.
L’iniziativa è stata presentata dal sindaco Federico Sboarina, insieme all’assessore alla Cultura Francesca Briani. Erano presenti l’assessore regionale alla Cultura Cristiano Corazzari, il presidente del Teatro Stabile del Veneto Giampiero Beltotto, il direttore artistico degli spettacoli del Comune di Verona Carlo Mangolini e il direttore dell’accademia Alive Paolo Facincani.

“Il teatro, la musica e gli spettacoli dal vivo fanno parte della nostra vita – ha detto Sboarina -. E a Verona, dove l’arte e la cultura si respirano ad ogni angolo, aspettavamo con ansia questo momento. Siamo felici di poter ripartire proprio dai giovani. A loro, che sono stati un grande esempio durante il lockdown, vogliamo dedicare questa prima serata, sperando che sia l’inizio di un’estate di eventi straordinari, proprio per l’eccezionalità del periodo che stiamo vivendo. Un modo per far ripartire un settore che conta migliaia di professionisti e lavoratori. Un nastro di partenza che siamo orgogliosi di tagliare assieme alle altre città del Veneto. Come non mai in questo momento dobbiamo lavorare tutti assieme per valorizzare la nostra cultura, i nostri patrimoni artistici, ma anche i nostri territori. E incentivare il turismo di prossimità dal mare, al lago, alla montagna. Ricominciamo da noi”.

“Lo spettacolo riparte e noi vogliamo essere in prima linea, così come faremo per tutta l’estate – ha spiegato Briani -. Condividiamo questa iniziativa con altre tre città, ognuna declinerà a modo proprio la ripartenza. Verona ha deciso di ricominciare dai giovani, che forse sono stati quelli che hanno risentito maggiormente della mancanza della vita sociale. Investiamo sulle nuove generazioni, sui futuri spettatori dei nostri teatri. Riapriremo, non senza sacrifici, ospitando durante i mesi estivi anche grandi spettacoli e artisti nazionali, un dono ai veronesi, ai veneti ma anche a tutto il mondo dello spettacolo. Sarà in fatti un modo per sostenere un comparto che in questi mesi ha sofferto tantissimo”.

“Il mondo della cultura, che per natura necessita dell’interazione sociale, ha vissuto mesi di isolamento, rischiando di interrompere quel legame prezioso con il pubblico – ha affermato Corazzari -. Dopo aver promosso tante iniziative su piattaforme virtuali, è il momento di riannodare quel filo, di riprendere il rapporto con gli spettatori. Questi eventi di riapertura hanno un valore che va al di là delle manifestazione in sé. Stiamo parlando di un settore che ha una valenza imprenditoriale importante e che è un volano anche per altri comparti come turismo, commercio e vitalità dei centri cittadini. Ecco perché la cultura è un elemento di ripartenza fortissimo. E coinvolgere i giovani significa parlare e investire sul futuro”.

“Per la prima volta in Veneto quattro grandi città si mettono insieme, aprono i teatri nello stesso momento, fanno sistema – ha aggiunto Beltotto -. Ringraziamo l’amministrazione veronese per essere stata disponibile, rispondendo all’appello della Regione. Oltre ai posti disponibili per assistere agli spettacoli dal vivo, ci sarà lo streaming da tutte le città per consentire a tutti di seguire questo momento storico. Il web è diventato fondamentale. In soli due mesi, la piattaforma del Teatro Stabile ha raggiungo i 750 mila accessi, un numero straordinario per una realtà che ha cominciato a ragionare in termine di rete solo 60 giorni fa. Ci saranno, inoltre, anche delle finestre sulle televisioni locali. L’adesione di Verona valorizza tutto il lavoro fatto. Il teatro è vivo. Le città hanno bisogno dei loro teatri”.

“Dietro questa ripartenza c’è un grande lavoro e impegno da parte di tutti – ha sottolineato Mangolini -. L’amministrazione ci ha creduto fortemente, non solo aderendo a questa iniziativa, ma anche puntando sulla riapertura del Teatro Romano, una scelta importante non solo per la città di Verona ma per tutto il Veneto. Questo primo appuntamento sarà dedicato ai giovani e al loro coraggio. Abbiamo deciso di mettere insieme sia coloro che stanno studiando per fare del teatro la loro professione sia gli amatori, promuovendo attraverso la musica e la recitazione la socialità. La collaborazione con il Teatro Stabile proseguirà nel corso dell’estate con 3 coproduzioni nell’ambito dell’Estate Teatrale Veronese”.

“C’è bisogno di lavorare, di ricostruire l’energia che avevamo – ha concluso Facincani -. A fine febbraio il coro delle voci bianche era in grandissima forma, adesso, dopo mesi che non proviamo assieme, dobbiamo ricomporre la coralità. Affrontando caso per caso e superando la paura. Ecco perché abbiamo scelto canti che hanno una forte energia, compresi dei brani in dialetto veronese. Mi auguro che i cori tornino ad avere la stessa potenza di qualche mese fa”.

 

Roberto Bolis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.