Dieci giorni di film, mostre ed eventi con il Festival di Cinema Africano

Attualità, storia, donna. Sono i tre filoni attraverso i quali  il Festival del Cinema Africano di Verona racconta l’evoluzione culturale e storica del continente africano.

Fino al 17 novembre, il festival torna con i suoi 20 film in concorso tra i lungometraggi della sezione PanoramAfrica e i cortometraggi di AfricaShort, gli ospiti, i premi, le giurie, gli eventi al Museo Africano, in libreria, al Circolo del Cinema e gli spettacoli a teatro.

In città saranno proiezioni, la mattina per le scuole al Cinema Stimate e nelle aule magne di diversi istituti cittadini, e la sera con i film in concorso, proiettati per il pubblico nella sala del cinema Santa Teresa.

Dal 19 novembre al 9 dicembre, il festival lascerà la città per raggiungere in tour numerosi Comuni della provincia, dal lago alla montagna, con un calendario di eventi che coinvolgerà scuole e cittadini.

Tra le novità della 39esima edizione, la partecipazione alle proiezioni e agli eventi di numerosi ospiti tra registi, scrittori, fumettisti, artisti e rappresentanti di comunità straniere che fanno parte della nostra città. Ma anche una serie di eventi collaterali, come laboratori per adulti e bambini, incontri, biciclettate e visite guidate al Museo Africano. Proprio qui, infatti, fino all’8 dicembre sono ospitate le opere dell’artista keniota Cyrus Kabiru, che ha fatto del riciclo la sua fonte di ispirazione e della spazzatura la materia prima per i suoi progetti.

Previste 115 proiezioni cinematografiche tra Verona e provincia provenienti da 15 paesi africano differenti (Ruanda, Tunisia, Senegal, Kenya, Mauritania, Marocco, Swaziland, Madagascar, Egitto, Ciad, Sudan, Sudafrica, Burkina Faso, Algeria, Nigeria).

Per la categoria Spazio Scuole sono quasi 8.000 gli studenti e 600 i docenti coinvolti, con proposte cinematografiche che, a trent’anni dalla Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, affronterà i temi del rispetto, dell’accoglienza, delle diversità e delle amicizie.

“Il Festival del Cinema Africano è ormai una tradizione per la nostra città – ha spiegato l’assessore alla Cultura Francesca Briani –. Da marzo a giungo il Museo di Storia Naturale ha ospitato un’importante mostra sull’Etiopia, che ha rafforzato le relazioni tra i due Paesi dando avvio a nuove opportunità di crescita e sviluppo. Bene il coinvolgimento delle scuole, i giovani sono i primi ad essere interessati e incuriositi da Paesi che, all’apparenza lontani, sono in realtà molto vicini”.

Informazioni e programma completo sul sito www.cinemafricano.it

 

Roberto Bolis

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.