Dalla pianta alla tavola. Il comune scende in campo per valorizzare la pesca di Verona

La coltivazione della pesca abbraccia ogni anno un’ampia fetta del territorio veronese e rappresenta l’80 per cento di tutta la produzione Veneta. Per questo il Comune di Verona, per la prima volta, ha deciso di impegnarsi nella valorizzazione di questo tipico frutto veronese, rilanciandone le vendite tra il pubblico locale ma anche quello turistico. Il risultato è il progetto di valorizzazione ‘La pesca in Tavola’ che, nella sua sesta edizione, fino al 10 settembre, proporrà a Verona e provincia iniziative diverse di promozione delle tante qualità della pesca.

Aderiscono all’iniziativa, partita nel 2014, i Comuni di Sommacampagna, Bussolengo, Castelnuovo del Garda, Sona, Valeggio sul Mincio, Pescantina, Villafranca e Verona. Tutti uniti per salvaguardare e tutelare una produzione che, negli ultimi anni, è stata penalizzata dalla crisi e dai mercati esteri aggressivi.

Per tutto il periodo estivo, nei ristoranti tipici come nei mercati rionali, nelle fiere di paese come negli eventi turistici sul lago, saranno proposti sui territori dei Comune coinvolti, eventi di degustazione e promozione dove sarà possibile assaggiare e acquistare le pesche veronesi, dalla polpa consistente e succosa, di colore giallo o bianco, che sono le caratteristiche di questo frutto estivo, buono e dissetante.

Fra i primi appuntamenti, sul suggestivo lungolago di Bardolino, il 7 e 21 luglio, amministratori comunali e aziende agricole offriranno a visitatori e turisti assaggi di pesca, presentandone caratteristiche e qualità dell’importante prodotto nostrano.

“Anche Verona aderisce per la prima volta a questo importante progetto di promozione e tutela della pèsca – ha detto il Consigliere delegato all’Agricoltura Daniele Perbellini –. Un’iniziativa che rappresenta un segno concreto di attenzione verso il comparto agricolo e l’importanza che riveste per l’economia locale, il Comune di Verona farà valere il proprio peso amministrativo per obiettivi sempre più importanti. Partendo dal presupposto che si tratta di un frutto deperibile, i Comuni del territorio hanno pensato di optare per una promozione del consumo locale e turistico, che possa offrire, dalla pianta alla tavola, un prodotto di altissima qualità”.

Informazioni e programma iniziative sul sito www.lapescaatavola.it.

 

Roberto Bolis

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.