Storie di ordinaria famiglia

Non esistono famiglie perfette. E non c’è una formula per costituirne una senza problemi. Sembra una frase fatta o un concetto fiabesco, ma in realtà è la prima regola che si deve imparare per interpretare al meglio il famoso “Finché morte non vi separi” che tanto ha di corrispondenza con il “E vissero tutti felici e contenti”. Nelle più rosee aspettative, ci immaginiamo il “per sempre”: nelle amicizie tra bambini, nelle relazioni sentimentali, nel lavoro (si inizia a lavorare in un posto e si spera di non doverne cercare altri). La vita però è fatta di cambiamenti e, giocoforza, se non vogliamo cambiare noi cambiano le circostanze esterne, tanto da indurci a modificare i nostri comportamenti, volenti o nolenti. Cosa c’è, allora, di definitivo? Ci sono le nostre convinzioni che, mi dispiace sottolinearlo, stiamo tendendo a trasmettere sempre meno ai nostri figli. Con la scusa del mondo liquido, abbiamo l’alibi per crearci la vita liquida, in cui i fatti sono ma potrebbero non essere, in cui i pareri dipendono dall’esterno, in cui “si vede” di volta in volta cosa accade e ci comportiamo nell’imminente tanto nell’immanente. Un po’ più di fiducia in noi stessi e un po’ più (talvolta tanto di più) di silenzio, riflessione, cultura (anche, se non soprattutto, filosofica) devono portare a convincimenti profondi, fino ad uscire da sé ed accettare l’altro, introiettarlo, farlo diventare diade. E da quella decidere di diventare famiglia. Poi ci sono le eventualità e le difficoltà. Il bel libro di Antonio Fatigati e Francesca Mancini ne propone alcune, tratte dalla trasmissione televisiva “Siamo noi” in onda su TV2000.

Il format prevedeva una situazione campione intorno alla quale si confrontavano varie famiglie ospiti del programma, raccontando emozioni, episodi, soluzioni al problema posto e vissuto. Lo stesso impianto del libro. Gli esempi sono il nido vuoto, cosa succede alla coppia quando, finalmente, torna ad essere tale una volta cresciuti i figli, ma che invece di essere complice è costituita da quasi due sconosciuti che, ad un certo punto e non è dato sapere quale, si sono persi senza rendersene conto. Oppure il problema della separazione per motivi lavorativi, che spesso mette a dura prova la fedeltà e la sopportazione della gelosia, destinata spesso ad ingigantirsi, anche senza motivi reali. Il caso in cui dovrebbe essere l’uomo a restare a casa ad occuparsi delle faccende casalinghe e dei figli per aiutare la moglie nella carriera, contravvenendo a comodi nascondigli nel “socialmente e tradizionalmente corretto”, oppure dei figli del partner, che a volte diventano motivo di attrito o di intralcio o di gelosia nel rapporto di coppia. E sono tante le situazioni sulle quali ragionare e riflettere, per trasmettere al lettore la considerazione che è vero, ci si innamora, ma poi l’amore va costruito su solide basi fatte di quotidiano, pratico e mentale, quella meravigliosa parte di noi che, se in sintonia con il romantico, istintivo, sentimentale, porta la persona alla pienezza di sé. Anche in coppia con l’altro. Interessante e da leggere.

Antonio Fatigati, Francesca Mancini: “Storie di ordinaria famiglia”, Paoline, Milano, 2018, pagg. 244; euro 12,00

Alessia Biasiolo

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.