Settant’anni della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo

All’importante anniversario, Amnesty International, che trae dalla Dichiarazione il suo mandato, ha dedicato con altre associazioni un libro intitolato “In arte DUDU”, sostanzialmente la Dichiarazione Universale dei Diritti umani illustrata da giovani artisti italiani, un’illustrazione per ognuno dei 30 articoli che compongono l’importante documento, nato dopo la tragica e sanguinosa seconda guerra mondiale.

Gli artisti sono Alessio-B, Alessio Bolognesi, Tony Gallo, Psiko, Marco Mei, Federica Carioli, Giusy Guerriero, Alessandra Carloni, Brome, Zentequerente, Artax, Eliana Albertini, Phobos, Anita Barghigiani, Centocanesio, Riccardo Buonafede, Federica Manfredi, Stefano Reolon, Cristina Chiappinelli, Flavia Fanara, Giulia Quagli, Alberto Cristini, Violetta Carpino, Herschel & Svarion, Ivano Petrucci, Camilla Garofano, Miriam Serafin.

Un volume curato come un albo illustrato e particolarmente adatto a tutti, non soltanto per conoscere e studiare la Dichiarazione, quanto per comprenderla e, soprattutto, riflettervi. Ad ogni artista sono dedicate tre pagine: una per l’opera vera e propria a colori, e due in cui l’opera diventa sfondo e altro modo per vederla: sfuocata, in penombra, in dissoluzione, in nascita a seconda di come si vuole e si può interpretare quell’articolo della Dichiarazione. Le pagine si prestano per essere scritte o meditate, con un vuoto che, finalmente, crea spazio alla mente e permette di volare al di sopra dei segni scritti, al di sopra delle stesse parole, per generare vita e vitalità ad un documento che non ha 70 anni, non è lettera morta, non è finito in una rilegatura da mettere in bella linea nello scaffale. Cadiamo nel testo e diventiamo un po’ i bambini all’articolo 1, volenterosi di disegnare il mondo, ma anche la testa dalla quale, anziché i capelli, nasce un albero. Colori e dissoluzione, sfumature e tinte forti, in tratti tutti ben disegnati che offrono l’occasione di conoscere ottimi disegnatori, artisti del disegno che mai come oggi ha un’importante funzione sociale.

La Dichiarazione va fatta conoscere a tutti, dai bambini agli adulti e soprattutto agli adulti che arrivano nel nostro Paese da altri in cui non sempre i Diritti dell’Uomo vengono rispettati. Abbiamo tutti il dovere di conoscere nel profondo ogni articolo per trasmetterlo come cultura sulla quale non discutere, in nome del rispetto di ogni cultura e ideologia, perché se la cultura e l’ideologia non conosce e, soprattutto non rispetta, la Dichiarazione stessa, non bisogna porre tempo in mezzo: si deve mettere in atto ogni mezzo, coerente e democratico, per farla diventare parte della persona e parte dell’essere. Ma se non sappiamo nemmeno cos’è? E a cosa serve? E a cosa è servita? Bisogna aiutare le associazioni come Amnesty International, che operano da ben prima di tanti fatti di cronaca recenti, perché ci sia davvero una coscienza umana universale, come da DUDU vuole.

“In arte DUDU”, a cura di Melania Ruggini e Michele Lionello, un progetto dell’Associazione Voci per la Libertà, 2018

Alessia Biasiolo

 

One thought on “Settant’anni della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo

  1. Suor Emanuela ha detto:

    Grazie per questa notizia molto importante! Auguro ogni bene!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.