Il Tempio di San Cristoforo alla Certosa con la guida

 

Giovanni Masi (Ferrara, 1761 . 1826)
“Beata Vergine del Rosario con i Santi Giorgio, Maurelio e fanciullo che offre la pianta della Fortezza”

(tela cm. 425×285 visibile all’interno del laboratorio di restauro)

L’affluenza alla prima visita guidata all’interno del Tempio certosino, ha confermato ancora una volta l’interesse e l’affezione del pubblico per San Cristoforo alla Certosa. Per mantenere questo legame con uno dei monumenti più importanti della città, i Musei di Arte Antica del Comune di Ferrara rinnovano l’invito agli appassionati a partecipare alle prossime visite guidate.

Un nuovo appuntamento sarà in programma nel pomeriggio di sabato 19 gennaio 2019 (la prima visita si terrà dalle 14 alle 15 e la seconda dalle 15 alle 16).

Nell’occasione Elisabetta Lopresti, attraverso una puntuale descrizione del patrimonio esposto all’interno del Tempio, farà conoscere ai visitatori le peculiarità di San Cristoforo quale testimone degli aspetti artistici ed architettonici cartusiani, in relazione alla vicenda estense e alla storia della città, dalla devoluzione alle soppressioni napoleoniche a seguito delle quali il complesso certosino viene trasformato in cimitero pubblico.

Nel laboratorio di restauro, attivo all’interno della Chiesa, per l’occasione saranno visibili monumentali tele che rappresentano due importanti momenti della cultura figurativa ferrarese, inquadrabili nell’ambito pre-devoluzione e nel successivo periodo napoleonico.

Giovanni Giannelli collaboratore del Laboratorio di Restauro “Ottorino Nonfarmale”, traccerà tecnicamente l’intervento di restauro manutentivo, illustrando nel contempo le complesse operazioni di ricollocazione delle opere.
Come consuetudine per la partecipazione alla visita è necessario prenotare al 0532.232924, nei giorni di lunedì 14, mercoledì 16 e venerdì 18 gennaio 201 dalle ore 9 alle 11.

Il terzo appuntamento con visita guidata gratuita, previa prenotazione, si terrà nel pomeriggio di sabato 2 febbraio 2019. La prima visita si terrà dalle 14 alle 15 e la seconda dalle 15 alle 16.

In questa occasione l’architetto Giuliana Marcolini, che da anni collabora con i Musei di Arte Antica, condurrà la prima parte del percorso di visita spiegando l’assetto di San Cristoforo in base ai dettami della regola certosina che, fin dal sorgere dei primi monasteri, hanno determinato le forme architettoniche degli spazi di vita e di preghiera.

Le prenotazioni saranno possibili telefonando al 0532.232924, nei giorni di lunedì 28, mercoledì 30 gennaio e venerdì 1 febbraio 2019 dalle ore 9 alle 11.

Si ricorda che l’ingresso libero e gratuito al Tempio sarà comunque possibile nelle mattinate di sabato 19 gennaio e del 2 febbraio (dalle 10 alle 13), mentre i pomeriggi saranno riservati alle visite guidate.
Nelle domeniche 20 gennaio e 3 febbraio 2019 il Tempio sarà visitabile con ingresso libero e gratuito dalle 10 alle 16.

 

Alessandro Zangara (anche per la foto)

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.