Ti aspetto da Ilaria

Un romanzo adatto a tutti, quello proposto da Maria Luisa Catalano per i tipi Paoline. Intorno ad una storia di vita e ad una stanza, si inanellano aspettative, timori, un’adolescenza complicata dalla malattia, il senso dell’amicizia e della solidarietà. Tra gli attori della storia, la figura di un prete come non si raccontano spesso, tanto che si pensa non esistano più, se non nei telefilm. Un prete che si occupa di catechesi, di processioni, di un gruppo di ragazzi, di portare da mangiare ai poveri, ma anche di andare a trovare Ilaria. E di mandarci anche qualcun altro. Ilaria ha bisogno di parlare, di parlare di sé, della sua storia tanto assurda che, quando si trova in ospedale, scopre essere normale, anche di altri. Sta male, viene quasi accusata di non voler mangiare, di essere anoressica. Invece subisce il trapianto di intestino, cure e tanto dolore. In tutto questo, l’amore dei genitori, la madre che diventa la sua infermiera personale, tanto da lasciare il lavoro per questo. L’amore del padre, della sorella, di chi le diventa amico. Davanti all’indifferenza e al dolore di chi conosceva e che non si è più fatto vedere. Difficile la malattia. Perché chi va a trovare un malato lo vede per qualche minuto, per alcune ore. Mentre la malattia resta, il dolore continua, l’alimentazione forzata e l’impossibilità di camminare, costretti su una sedia a rotelle, anche. La storia di Ilaria insegna gli attimi, tutti quanti così importanti. Ilaria non giudica e vive l’attimo dell’amicizia come un dono. Racconta la sua storia per farla diventare un libro, grazie alla penna di Maria Luisa, per raccontare le ingiustizie, la scarsa assistenza domiciliare, l’indifferenza di alcuni medici e l’abnegazione di altri. Il racconto dà luce alla parola, quella determinante per noi esseri umani, che ci contraddistingue e ci determina. Ci permette di dire chi siamo. E se noi diciamo chi siamo, anche gli altri possono imparare chi sono. Sopra tutto la Fede, un dono che Ilaria accetta e arricchisce con la propria esperienza esistenziale, senza omettere la rabbia, senza omettere di ringraziare per tutto ciò, anche di piccolo e bello, ha.

Un libro che si legge in fretta, ma che sa rimanere dentro.

 

Maria Luisa Catalano: “Ti aspetto da Ilaria”, Paoline, Milano, 2018, pagg. 208, euro 14.00

 

Alessia Biasiolo

 

 

One thought on “Ti aspetto da Ilaria

  1. Maria Luisa Catalano ha detto:

    Grazie per questa bella recensione che coglie nel dettaglio la profondità del messaggio di Ilaria.
    Maria Luisa Catalano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.