Furti di guerra. Letterari

Se la polizia italiana era impegnata a contrastare la criminalità durante la prima guerra mondiale, proprio per tutelare il cosiddetto fronte interno, in Francia non andava meglio per chi inseguiva il famoso ladro Arsène Lupin, italianizzato in Arsenio Lupin. Nato dalla penna di Maurice Leblanc nel 1905, Arsène continuava a modo suo l’impresa di Robin Hood, cercando di mantenere la sua nomea di gentiluomo malgrado sapesse mettere a segno colpi sensazionali. Sono proprio degli anni di guerra: “La scheggia d’obice” (1915) e “Il triangolo d’oro” (1917) tra i molti altri romanzi che lo vedono protagonista. Arséne sembra sia nato come contraltare del famoso investigatore Sherlock Holmes di Arthur Conan Doyle, visto anche il titolo di uno dei romanzi di Leblanc “Herlock Sholmes arriva troppo tardi”. Autore di novelle di buon calibro, ma di scarso successo, Leblanc trovò spazio letterario proprio grazie al suo ladro gentiluomo, al quale dedicò tutta la sua carriera, senza stancarsene fino agli anni Trenta del Novecento. Nel 1921 ottenne anche la Legion d’Onore per la sua opera omnia. Elegantissimo, affascinante, simpatico, trasformista al punto da non farsi riconoscere impersonando svariate persone, Lupin è agile, sportivo, prestigiatore e pratico di arti marziali. Dotato di un’intelligenza superiore alla stragrande maggioranza delle persone, sfrutta la sua furbizia, lo charme, l’audacia, la grande cultura soprattutto in opere d’arte, per svolgere il suo lavoro come una missione, non solo per sé, ma anche per i bisognosi, oppure per raddrizzare situazioni ingarbugliate, o dove vige un’ingiustizia da sistemare. La sua morale è non ricorrere mai alla violenza, perché l’astuzia è quello che lo intriga maggiormente, sfidando, e battendo sistematicamente, il suo rivale, l’ispettore Garimard, e appunto l’investigatore inglese Herlock Sholmes, chiaramente un riferimento al celebre detective Holmes. Probabilmente l’ispirazione dello scrittore la si deve a un ladro vero, Marius Jacob, personaggio divenuto quasi leggendario nelle cronache francesi del tempo. Di certo il fascino del personaggio di Leblanc non ha perso il suo smalto se nel 2012 è uscito un altro romanzo postumo, scritto nel 1936, e se di Lupin abbiamo imparato le fattezze grazie ai cartoni animati. Il fumettista giapponese Mankey Punch ha creato, infatti, “Lupin III” per i suoi manga, che sono poi diventati anche una serie di cartoni animati. Anche Kaito Kid è un ladro gentiluomo creato dal giapponese Gosho Aoyama e di lui si dice che sia l’emulo di Arsène. Ma Arsenio era diventato un fumetto già nel 1948, per diverse serie. Poi è diventato un personaggio televisivo in serie di telefilm interpretato da Georges Descrières, Francois Dunoyer, Romani Duris; è diventato pièce teatrali o radiofoniche. Nel 2005 ebbe la celebrazione del centenario della sua nascita come evento soprattutto a Étretat, in Francia, Insomma, per i ladri letterari la fortuna sembra intramontabile.

Alessia Biasiolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.