L’Alchimista

L’Autore del romanzo “l’Alchimista” è Paulo Coelho, nato a Rio de Janeiro nel 1947 da una famiglia benestante. Da sempre ha avuto rapporti un po’ bruschi con la madre che lo fa rinchiudere più volte in strutture psichiatriche per il suo comportamento ribelle. I suoi libri sono stati pubblicati in tanti Paesi, e ha ricevuto diversi premi tra cui il “Crystal Award”. Dal 2002 è membro dell’Accademia Brasiliana di Las Letros.

La città natale dell’autore, come accennato prima, è Rio de Janeiro che si trova in Brasile (America Latina). Colonia portoghese per molti secoli, il Brasile diventa indipendente dal 1822; è organizzato come una repubblica federale, divisa in 26 stati. La popolazione è molto composita, c’è una maggioranza di bianchi, ma sono presenti anche una bella quantità di neri e meticci. La lingua ufficiale è il portoghese e la religione prevalente è quella cattolica. Ci sono forti disuguaglianze sociali e forti squilibri tra le religioni; infatti, le uniche città importanti sono Brasilia e Manaus. Il Brasile è uno degli stati più grandi al mondo ed è anche una grande potenza mondiale; possiede un’agricoltura ricca e varia, importanti riserve minerali e energetiche e un’industria sviluppata.

Il racconto di Coelho “l’Alchimista” è ambientato in Spagna, ma si sentirà parlare di alcune città del Nord Africa dal quale passerà il nostro protagonista.

Il protagonista del racconto è un ragazzo, di nome Santiago, che possiede un gregge di pecore; una volta all’anno si reca in città per vendere la lana a un mercante della città. Santiago fa un sogno dove c’è lui che tiene per mano un bambino che gli dice che in Egitto, vicino a una piramide, si trova un tesoro. Il ragazzo fa più volte lo stesso sogno, quindi decide di farsi aiutare a capire il significato del sogno, ma con scarso successo. Un giorno incontra un signore anziano che dice di essere il re di Salum; inizialmente il ragazzo non crede all’anziano pensando che fosse pazzo, ma questi dimostra di conoscere tutta la sua vita fino a quel momento, così il ragazzo gli credette e gli svelò il suo sogno; l’anziano quindi lo invita a partire per raggiungere il tesoro. Santiago vende le sue pecore e con il denaro guadagnato parte per il suo viaggio. La prima tappa di Santiago è il Marocco dove fece “amicizia” con dei coetanei che alla fine lo derubano di tutto il denaro che possedeva; quindi, ritrovatosi povero, è costretto a lavorare per poter guadagnare qualcosa e riprendere il viaggio. Guadagnati abbastanza soldi, il ragazzo si rimette in viaggio verso l’Egitto. Qui incontra un uomo che è informato sull’argomento dell’Alchimia, così Santiago, incuriosito, gliene chiede il significato. Mentre la carovana si ferma per una sosta, Santiago si dirige verso un pozzo per prendere l’acqua, qui incontra una ragazza araba, Fatima, di cui si innamora. Santiago riesce a incontrare un vero Alchimista che gli racconta il vero significato dell’alchimia; il ragazzo gli racconta il suo sogno e l’uomo lo accompagna per un tratto di strada durante il quale vengono rapiti da dei briganti. Inizialmente Santiago cerca di convincerli a liberarli raccontandogli del sogno e il perché del suo viaggio e viene deriso, ma, dopo una promessa dell’uomo che lo accompagna, riescono a farsi liberare grazie al fatto che il ragazzo riesce a trasformarsi in vento. Prima di lasciare Santiago, l’Alchimista insegna al ragazzo come trasformare il metallo in oro e gliene lascia un pezzo. Arrivato alle piramidi inizia a scavare nel luogo del suo sogno e ancora una volta viene rapito dai briganti che gli domandano cosa stesse facendo, il ragazzo gli racconta del sogno e uno dei briganti gli confessa di aver fatto lo stesso sogno, ma nel quale il tesoro si trovava in una chiesa in Spagna. Santiago quindi torna in Spagna nella chiesa in cui aveva dormito prima di intraprendere il viaggio; trova il tesoro e ritorna dalla sua amata Fatima.

Il racconto in sé è bello e interessante, mi è piaciuto molto.

Confrontando “l’Alchimista” con “Siddharta”, che avevo letto in precedenza, ho trovato molte uguaglianze, anzi posso dire che i due racconti sono praticamente identici se non per alcuni dettagli. Per esempio i luoghi sono diversi, “l’Alchimista” è ambientato in Spagna e il protagonista si sposta in posti lontani come Marocco e Egitto, mentre “Siddharta” è ambientato in India e il protagonista non si sposta più di tanto. Nell’Alchimista il protagonista è spinto da un sogno a compiere un viaggio per trovare un tesoro che non trova, mentre in Siddharta il protagonista è spinto dalla sua sete di sapienza a compiere il viaggio per trovare se stesso. In entrambi i casi il protagonista dovrà affrontare diversi ostacoli, Santiago verrà derubato e rapito più volte, Siddharta dovrà abbandonare il suo migliore amico e tenterà il suicidio dopo aver scoperto che la donna del quale era innamorato era incinta, e secondo lui era una cosa negativa (sporca); in entrambi i casi il protagonista si innamora di una ragazza incontrata durante il viaggio anche se Santiago alla fine la rincontrerà e Siddharta non la vedrà più, perché la ragazza morirà per il morso di un serpente. Infine, in entrambi i romanzi il protagonista raggiunge il proprio obbiettivo, Santiago trova il tesoro e Siddharta trova la propria via.

In confronto a Siddharta, l’Alchimista mi è piaciuto molto di più perché era più facile e comprensibile da leggere, il linguaggio è simile a quello utilizzato da noi oggi; guardando anche i periodi storici in cui sono stati scritti i diversi romanzi, si capisce il perché siano diversi dal punto di vista del linguaggio; e comunque gli autori non sono gli stessi e ognuno ha il proprio modo di scrivere. Possiamo dire che l’Alchimista è un po’ più moderno. Tutto sommato sono due bei romanzi.

Bevck Mama

One thought on “L’Alchimista

  1. WILLEM ha detto:

    Ho letto prima SIDDHARTA e poi L’ALCHIMISTA, anch’io ho trovato una somiglianza dei due racconti, ma a parte i luoghi diversi, L’ALCHIMISTA, mi è piaciuto di più perchè Santiago ci mette del tempo ad inseguire un sogno, ma riesce a raggiungerlo con difficoltà, ma per la sua costanza verrà premiato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.