Barock meets Baroque

Martedì 10 dicembre alle 20.30 nell’Aula Magna della Sapienza si terrà il concerto della European Community Baroque Orchestra per la stagione della IUC (Istituzione Universitaria dei Concerti).

Il titolo trilingue “Barock meets Baroque” significa che saranno messi a  confronto il barocco declinato in tedesco da Johann Sebastian Bach e quello alla francese di Jean-Philippe Rameau e Jean-Marie Leclair, riuniti sotto il segno dell’Europa, perché ad eseguirli è la European Union Baroque Orchestra, che mette insieme il meglio dei giovani musicisti dei paesi dell’unione specializzati nella musica barocca. Un ritorno molto atteso dopo il grande successo dello scorso anno. Sul podio il direttore artistico dell’orchestra, il danese Lars Ulrik Mortensen. Partecipano i solisti Bojan Čičić (violino) e Anne Freitag (flauto). Si ascolteranno dunque musiche e musicisti che provengono dai quattro angoli dell’Europa.

Sono in programma due delle quattro Suites per orchestra di Bach, precisamente la prima e la seconda. L’epoca della loro composizione è collocabile nei primi anni Venti del Settecento, cioè agli ultimi anni trascorsi dal compositore a Köthen o ai primi a Lipsia: è musica profana e galante, lontana dallo strereotipo del  Bach severo e luterano. Qui l’incontro tra Barock e Baroque è strettissimo, perché in questi lavori Bach prese come modello Jean-Baptiste Lully, che in realtà era un italiano (il suo vero nome era Giovanni Battista Lulli) emigrato in Francia e divenuto il musicista favorito di Luigi XIV.

Nella Francia del Re Sole visse anche Jen-Philippe Rameau, il più grande musicista francese del Settecento, qui rappresentato da una Suite tratta dalla “pastorale eroica” Acanthe et Céphise rappresentata Versailles nel 1751, che mette in scena  personaggi della mitologia classica, rivolgendo però l’attenzione soprattutto a un intrigo amoroso trasportato in atmosfere arcadiche.

Se Rameau fu considerato il più puro esponente dello stile francese, gli intrecci fra le diverse scuole musicali diventano intricati con Jean-Marie Leclair, la cui formazione si svolse in gran parte in Italia. Oggi si sta riscoprendo il vero valore di questo musicista, finora ricordato più che altro per la sua macabra fine: fu assassinato nella sua casa parigina, in cui viveva in completo isolamento, e ritrovato soltanto due mesi dopo, con il suo violino ancora stretto tra le mani. Di Leclair sarà eseguito il Concerto per flauto e orchestra in do maggiore op. 7 n. 3.

La European Union Baroque Orchestra (EUBO) è stata fondata nel 1985, come maggiore iniziativa dell’Anno Europeo della Musica e sostenuta generosamente dalla Commissione Europea. L’EUBO è un’orchestra di giovani, che tutti gli anni si rinnova completamente. Infatti cento giovani musicisti provenienti da tutti i paesi dell’Unione Europea sono scelti ogni anno per prendere parte alle selezioni, da cui escono i venticinque strumentisti, dell’età media di 24 anni, che trascorreranno sei mesi nell’EUBO, prima studiando e poi compiendo tournées attraverso tutta l’Europa, insieme ai maggiori specialisti della musica barocca, come Lars Ulrik Mortensen, Ton Koopman, Andrew Manze, Alfredo Bernardini, Chiara Banchini, Roy Goodman, Enrico Onofri, Paul Goodwin, Rachel Podger e Marc Minkowski. Questo progetto ha dato e continua a dare ottimi frutti e oggi non vi è famoso ensemble di musica barocca che non annoveri tra i suoi musicisti almeno un ex componente dell’EUBO. Quest’orchestra dunque non è solo una valida esperienza di formazione ma anche un prezioso serbatoio di giovani musicisti, cui attingono i migliori ensemble europei per mantenere alto il loro standard esecutivo.

Articolo di Mauro Mariani

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.